19°

34°

Arte-Cultura

Proust, dolce ossessione

Proust, dolce ossessione
Ricevi gratis le news
0

di Giuseppe Marchetti

Mario Lavagetto non smette di pedinare e di spiare il suo Proust. Dunque, sia detto con un sorriso d'ammirazione, «Quel Marcel!». E così si intitola il più recente lavoro di Lavagetto, edito da Einaudi, l'interessantissimo «Quel Marcel!». Che fatica e che godimento, si potrebbe e dovrebbe aggiungere. Epperò «Questo libro è tutto meno che una biografia», precisa subito il saggista, e aggiunge: «i suoi sette capitoli mi appaiono a posteriori come le tappe di un lungo, e in parte fallimentare, inseguimento iniziato alla fine dell'adolescenza e alimentato da successive letture, da provvisorie rivisitazioni, da approcci ripetuti e, più tardi, da investigazioni minuziose e settoriali compiute in anni diversi e alla presenza (e con l'aiuto) di diversi pubblici di studenti». Insomma, è una biografia, verrebbe da dire. Ma in realtà non lo è, perché semmai è una biografia del personaggio, dello scrittore, mentre quel Marcel resta sullo sfondo a far da contrasto, da suggeritore, da grande ombra che gioca con il disorientamento dei lettori e di tutti coloro che proprio nei dati biografici vorrebbero indovinare il profilo del romanziere, e conoscerlo lì e fissarlo a tutte le responsabilità che tale individuazione comporta. Ma con Proust non lo si può fare. «Marcel - dirà più tardi Lucien Daudet a Cocteau - è geniale. Ma è un insetto atroce». Così riferisce Lavagetto, e dunque «l'inseguimento» risulta in parte fallimentare, ma in altra misura anche positivo poiché ci permette di trovare e afferrare una serie infinita di «frammenti» scomposti e tuttavia evidenti che anche in questa lunga ricognizione affiorano in maniera affascinante. Ora, se è vero, come riporta Lavagetto, citando Benjamin, che «l'intera opera di Proust è una dimostrazione di certi caratteri generali, anche se molto reconditi, del sadismo»,  sarà altrettanto vero che una buona dose di sadismo letterario gliel'applicano anche i suoi lettori, i suoi critici e coloro che indagano fibra per fibra la «Recherche» cercando di inseguire «l'insetto atroce» e di prevederne i voli. Con un'immagine penetrante, Giovanni Macchia, parlando di Proust, di Halévy, di Louis de la Salle, di Fernand Gregh e di Proust che nell'estate del 1893 decisero di comporre un romanzo epistolare con il personaggio di una ragazza innamorata affidato  subito a Marcel, evocò «Pavoni e valchirie». Nulla di più esatto per quei giovani d'allora, che anche adesso tornano sotto la lente di Lavagetto assieme a Debussy, ad Hahn, a Dreyfus, a Montesquiou e a tanti loro contemporanei da Maeterlinck a Henry James, da La Rochefoucauld a Kolb, da Wagner a Freud. Torna quindi, e prepotentemente, il dato biografico qui rimescolato con il romanzo e gli altri atteggiamenti della vita: compagnie, amicizie, avversioni, trucchi, confessioni, stili, lingue, peccati e vizi: il tutto secondo «il tornaconto dello scrittore» che Lavagetto pazientemente colma di attenzioni e di possibili rivelazioni. Dico possibili perché con Proust non si è mai sicuri. Da una parte «Contre Sainte-Beuve»; dall'altra il fascino subìto sino dalla prima volta d'ascolto, il 21 febbraio dell'11, del «Pelléas et Mélisande» di Debussy, con quella felicissima intuizione di Lavagetto: «nell'esitazione che incrina la voce di Mélisande un lettore della Recherche può avvertire il timbro della voce di Albertine che, sottoposta a pressanti interrogatori, e invischiata nella bugia, è costretta a difenderla». Ma «Quel Marcel!» è veramente imprevedibile. E una volta di più se ne ritrovano i dati e i molteplici segmenti paralleli e sovrapposti nei capitoli centrali del libro, capitoli che chiudono per così dire gli anni dell'Ottocento aprendosi al XX secolo, tra l'uscita de «Les Plaisirs et les jours» (1896)  e la morte a cinquantasei anni della madre Jeanne Weil Proust, il 26 settembre 1905. «La mia vita ha ormai perso il suo solo scopo, la sua sola dolcezza, il suo solo amore, la sua sola consolazione. Ho perduto colei la cui incessante vigilanza mi portava in pace, in tenerezza, il solo miele della mia vita che a  tratti io gusto ancora con orrore, in questo silenzio che ella sapeva far regnare così profondo tutto il giorno, e che l'abitudine dei domestici da lei istruiti, fa sopravvivere ancora, per forza di inerzia alla fine delle sue attività», scriveva Marcel a Montesquiou. Però, si procede oltre e c'è un'altra natura da svelare e, possibilmente, da commentare: quella legata alla «funzione sociale» del romanzo (e dei romanzi), che Lavagetto riprende scrivendo: «C'è il ridicolo della borghesia e c'è il ridicolo degli occhi della borghesia. I Verdurin e i Guermantes offrono un osservatorio privilegiato in quanto circoli chiusi, governati da un insieme di norme di inclusione e di esclusione; tutto quanto è (o viene percepito) come altro, tutto quanto si colloca al di fuori della giurisdizione del clan, viene guardato sempre con sospetto e diventa molto spesso oggetto di riso». Del resto, è proprio compito del romanzo e dei suoi inventori, specialmente quelli di fine Ottocento e d'inizio Novecento («I Buddenbrook» apre il secolo ed è risentito davanti ad ogni effetto comico!)  disporsi verso un Io che si compiange e verso un altro tipo di Io che si celebra (D'Annunzio è molto vicino!) mentre Kafka non scriverà mai «Io sono Kafka!». Insomma «Proust e Freud - aveva tempestivamente avvertito fin dal 1925 Jacques Rivière -  inaugurano un nuovo modo di interrogare la coscienza». Lavagetto lo sa bene, come sa bene che il suo viaggio critico e conoscitivo non avrà mai fine. Una piacevole condanna.

Quel Marcel!
Einaudi ed., pag. 395, euro 25,00
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Biciclette e corsie per gli autobus: il «carosello» dei segnali stradali

la curiosità

Biciclette e corsie per gli autobus: il «carosello» dei segnali stradali

2commenti

Rinoceronte ancora in finale al Talent Show "Eccezionale veramente"

tg parma

Rino Ceronte ancora in finale al talent show "Eccezionale veramente" Video

La D’Urso in barca con Gerard Butler: è amore?

gossip

La D’Urso in barca con Gerard Butler: è amore?

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Arriva Guidolin ed è festa

SPECIALE PARMA

L'ultima B: arriva Guidolin ed è festa

di Alberto Dallatana

Lealtrenotizie

Alessio Turco guardato a vista

Dopo il suicidio del padre

Alessio Turco guardato a vista

Una ipovedente

Tombino rimosso: ferita una donna

BAZZANO

71enne morì a Villa Matilde: infermiere rinviato a giudizio

FURTO

Gettano le monete e le rubano la borsa

La storia

Chiara, volontaria nell'orfanotrofio che la accolse

ALBARETO

Montegroppo, tre battesimi in un giorno. Come 90 anni fa

Nuove tendenze

Chef a domicilio: la cena è servita

Animali

Con Fido a fare la spesa: ecco come comportarsi

IL CONCORSO

Ecco Lorena, Miss Parma 2017 Foto-cronaca

24enne, barista, viene da Borgotaro

Ospedale

Bimba di 8 mesi inala pezzo di peperoncino: intervento salvavita al Maggiore

La piccola, residente nel Reggiano, è stata operata da Maria Majori

1commento

parma

Schiaffi e pugni per rubare la borsetta a una 29enne: nigeriano arrestato

7commenti

baganzola

Terzo furto al Pronto Carni, in azione tre uomini dell'Est Video

1commento

pinzolo

Parma, prime indicazioni anti-Bari per D'Aversa Video

Dopo due amichevoli alcuni giocatori hanno dimostrato di essere già in forma

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma! x

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

anteprima gazzetta

Perché il caso Turco fa ancora discutere

Allarme truffe anche al supermercato

montechiarugolo

Pronti a colpire, arrivano i carabinieri: ladri in fuga nei campi

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL CASO

Samuele Turco, la tragedia e la pietà Video-editoriale

di Michele Brambilla

3commenti

EDITORIALE

Salso, l'avvenire non è dietro le spalle La risposta del sindaco

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

Autostrade

Dal 1° agosto "pedaggio light" per le moto, il -30% in meno delle auto

1commento

Monte Argentario

La comandante dei vigili spara al figlio 17enne ucidendolo e poi si toglie la vita

SPORT

nuovi acquisti

Dezi: "Per me è importante avere la fiducia del Parma" Video

mondiali nuoto

Pazzesca Pellegrini, impresa in rimonta: è oro. "Vorrei fare la velocista" Foto

SOCIETA'

Spettacoli

Angelina Jolie rompe il silenzio su Brad Pitt Video

SONDAGGIO

Da bagolón a bagolone: come cambia il dialetto dei giovani

1commento

MOTORI

anniversario

Pajero One/Hundred, Mitsubishi festeggia il secolo di vita

il video

Tutto in 44 secondi: un’intervista a 300 km/h sulla nuova Jaguar XJR575 Video