Arte-Cultura

Proust, dolce ossessione

Proust, dolce ossessione
0

di Giuseppe Marchetti

Mario Lavagetto non smette di pedinare e di spiare il suo Proust. Dunque, sia detto con un sorriso d'ammirazione, «Quel Marcel!». E così si intitola il più recente lavoro di Lavagetto, edito da Einaudi, l'interessantissimo «Quel Marcel!». Che fatica e che godimento, si potrebbe e dovrebbe aggiungere. Epperò «Questo libro è tutto meno che una biografia», precisa subito il saggista, e aggiunge: «i suoi sette capitoli mi appaiono a posteriori come le tappe di un lungo, e in parte fallimentare, inseguimento iniziato alla fine dell'adolescenza e alimentato da successive letture, da provvisorie rivisitazioni, da approcci ripetuti e, più tardi, da investigazioni minuziose e settoriali compiute in anni diversi e alla presenza (e con l'aiuto) di diversi pubblici di studenti». Insomma, è una biografia, verrebbe da dire. Ma in realtà non lo è, perché semmai è una biografia del personaggio, dello scrittore, mentre quel Marcel resta sullo sfondo a far da contrasto, da suggeritore, da grande ombra che gioca con il disorientamento dei lettori e di tutti coloro che proprio nei dati biografici vorrebbero indovinare il profilo del romanziere, e conoscerlo lì e fissarlo a tutte le responsabilità che tale individuazione comporta. Ma con Proust non lo si può fare. «Marcel - dirà più tardi Lucien Daudet a Cocteau - è geniale. Ma è un insetto atroce». Così riferisce Lavagetto, e dunque «l'inseguimento» risulta in parte fallimentare, ma in altra misura anche positivo poiché ci permette di trovare e afferrare una serie infinita di «frammenti» scomposti e tuttavia evidenti che anche in questa lunga ricognizione affiorano in maniera affascinante. Ora, se è vero, come riporta Lavagetto, citando Benjamin, che «l'intera opera di Proust è una dimostrazione di certi caratteri generali, anche se molto reconditi, del sadismo»,  sarà altrettanto vero che una buona dose di sadismo letterario gliel'applicano anche i suoi lettori, i suoi critici e coloro che indagano fibra per fibra la «Recherche» cercando di inseguire «l'insetto atroce» e di prevederne i voli. Con un'immagine penetrante, Giovanni Macchia, parlando di Proust, di Halévy, di Louis de la Salle, di Fernand Gregh e di Proust che nell'estate del 1893 decisero di comporre un romanzo epistolare con il personaggio di una ragazza innamorata affidato  subito a Marcel, evocò «Pavoni e valchirie». Nulla di più esatto per quei giovani d'allora, che anche adesso tornano sotto la lente di Lavagetto assieme a Debussy, ad Hahn, a Dreyfus, a Montesquiou e a tanti loro contemporanei da Maeterlinck a Henry James, da La Rochefoucauld a Kolb, da Wagner a Freud. Torna quindi, e prepotentemente, il dato biografico qui rimescolato con il romanzo e gli altri atteggiamenti della vita: compagnie, amicizie, avversioni, trucchi, confessioni, stili, lingue, peccati e vizi: il tutto secondo «il tornaconto dello scrittore» che Lavagetto pazientemente colma di attenzioni e di possibili rivelazioni. Dico possibili perché con Proust non si è mai sicuri. Da una parte «Contre Sainte-Beuve»; dall'altra il fascino subìto sino dalla prima volta d'ascolto, il 21 febbraio dell'11, del «Pelléas et Mélisande» di Debussy, con quella felicissima intuizione di Lavagetto: «nell'esitazione che incrina la voce di Mélisande un lettore della Recherche può avvertire il timbro della voce di Albertine che, sottoposta a pressanti interrogatori, e invischiata nella bugia, è costretta a difenderla». Ma «Quel Marcel!» è veramente imprevedibile. E una volta di più se ne ritrovano i dati e i molteplici segmenti paralleli e sovrapposti nei capitoli centrali del libro, capitoli che chiudono per così dire gli anni dell'Ottocento aprendosi al XX secolo, tra l'uscita de «Les Plaisirs et les jours» (1896)  e la morte a cinquantasei anni della madre Jeanne Weil Proust, il 26 settembre 1905. «La mia vita ha ormai perso il suo solo scopo, la sua sola dolcezza, il suo solo amore, la sua sola consolazione. Ho perduto colei la cui incessante vigilanza mi portava in pace, in tenerezza, il solo miele della mia vita che a  tratti io gusto ancora con orrore, in questo silenzio che ella sapeva far regnare così profondo tutto il giorno, e che l'abitudine dei domestici da lei istruiti, fa sopravvivere ancora, per forza di inerzia alla fine delle sue attività», scriveva Marcel a Montesquiou. Però, si procede oltre e c'è un'altra natura da svelare e, possibilmente, da commentare: quella legata alla «funzione sociale» del romanzo (e dei romanzi), che Lavagetto riprende scrivendo: «C'è il ridicolo della borghesia e c'è il ridicolo degli occhi della borghesia. I Verdurin e i Guermantes offrono un osservatorio privilegiato in quanto circoli chiusi, governati da un insieme di norme di inclusione e di esclusione; tutto quanto è (o viene percepito) come altro, tutto quanto si colloca al di fuori della giurisdizione del clan, viene guardato sempre con sospetto e diventa molto spesso oggetto di riso». Del resto, è proprio compito del romanzo e dei suoi inventori, specialmente quelli di fine Ottocento e d'inizio Novecento («I Buddenbrook» apre il secolo ed è risentito davanti ad ogni effetto comico!)  disporsi verso un Io che si compiange e verso un altro tipo di Io che si celebra (D'Annunzio è molto vicino!) mentre Kafka non scriverà mai «Io sono Kafka!». Insomma «Proust e Freud - aveva tempestivamente avvertito fin dal 1925 Jacques Rivière -  inaugurano un nuovo modo di interrogare la coscienza». Lavagetto lo sa bene, come sa bene che il suo viaggio critico e conoscitivo non avrà mai fine. Una piacevole condanna.

Quel Marcel!
Einaudi ed., pag. 395, euro 25,00
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La trollata epica del rapper di Parma sui profughi

tv

La "trollata epica" del rapper parmigiano Bello FiGo sui profughi Video

2commenti

20enne si schianta a folle velocità mentre fa diretta Fb

usa

Si schianta a velocità folle: in diretta Facebook Video

"Novemila euro alla Arcuri per accendere l'albero di Natale"

Manuela Arcuri

salerno

"Novemila euro alla Arcuri per accendere l'albero di Natale"

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Terremoto: cosa rischia Parma

TERREMOTO

Ma Parma quanto rischia?

1commento

Lealtrenotizie

Roberto D'Aversa

parma calcio

D'Aversa è il nuovo allenatore: "Diamo un'anima alla squadra" (Video) 

L'intervista: "Ora miglioriamo giorno per giorno. Ritroviamo la serenità" (Video)

3commenti

dal tardini

Il Parma va sotto, poi si rialza: 1-1 col Bassano. E finale incandescente Foto

2commenti

al mercato

Sorpreso a rubare, ferisce con un cutter i titolari di un banco in Ghiaia Foto

3commenti

sala baganza

Preso il 18enne che faceva da pusher ai ragazzini della Pedemontana

degrado

Nuove luci e marciapiedi più larghi e "vivibili": così sarà via Mazzini Foto

15commenti

via toscana

Urta due auto in sosta e poi fugge: è caccia al conducente

1commento

SAN LEONARDO

Arriva la sala scommesse, scoppia la polemica

10commenti

Solidarietà

Sisma, il cuore di Parma c'è

agenda

Un weekend di colori, musica, gusto e cultura

Salsomaggiore

Addio a Lorenzo, aveva solo 15 anni

1commento

social network

Via D'Azeglio, quando scopri che i ladri ti hanno preceduto...Foto

2commenti

via mazzini

Un altro pezzo di storia che se ne va: chiude Zuccheri

6commenti

controlli

Autovelox e autodetector: la mappa della settimana

PENSIONI

Novità sul ricongiungimento dei contributi

1commento

tg parma

Referendum costituzionale: domani urne aperte dalle 7 alle 23 Video

gazzareporter

Scia e aerei: mistero nel cielo di Parma Video

7commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Un po' più di mezzo bicchiere

EDITORIALE

Dal sexting al ricatto: pericoli on line

di Filiberto Molossi

1commento

ITALIA/MONDO

CALIFORNIA

Incendio al concerto: 9 morti

GRAN BRETAGNA

Chiude la fonderia della campana del Big Ben

WEEKEND

IL CINEFILO

I film della settimana, da Sully a Agnus Dei  Video

VERNISSAGE

90 anni di Arnaldo Pomodoro: la sua arte invade Milano

1commento

SPORT

formula uno

Mercedes: dopo il ritiro di Rosberg, Alonso tra le ipotesi

Bis Jansrud

Sci, per l'Italia un altro podio: Fill è secondo

SOCIETA'

sesso

E' italiano il primo strumento che misura l'intensità dell'orgasmo

rifiuti abbandonati

Via Anedda e la montagna di scatole (cinesi) Foto

2commenti