21°

Arte-Cultura

La tragedia di un popolo

La tragedia di un popolo
Ricevi gratis le news
0

Giuseppe Marchetti

Quanti libri gremiscono il lungo capitolo della Letteratura della Resistenza e della Repubblica di Salò! Quanti e quanti sono dav-
vero: zeppi di memorie, di pene, di sacrifici, di eroismi segreti e di giovanili impudenze. Ogni tanto l'elenco si arricchisce, ma i tempi, gli effetti e anche le memorie stesse impallidiscono, e le singole vicende si caricano di una sottile velatura, quasi di un rimpianto. Non appartiene a questa categoria, però, il nuovo libro di Lodovico Terzi «Due anni senza gloria. 1943-1945» che Einaudi ora pubblica con uno scritto di Goffredo Fofi «Una storia di tutti». Lodovico Terzi arriva a questi suoi ricordi dopo tanti anni, e vi giunge forte di una intima persuasione: che il racconto «forse giunto fuori tempo ma forse proprio per questo dotato dell'insolita grazia di accostare alle incertezze e asperità di quegli anni anche chi non li ha vissuti», scrive Fofi, stabilisca un prima e un dopo dotati di una segreta forza persuasiva, la quale non vuol essere soltanto documento di un'epoca (e che epoca!) bensì lo specchio di una storia comune fra smarrimento, disorientamento e giovanili speranze.  Lodovico Terzi di antica famiglia parmigiana, traduttore impagabile di Swift e Defoe, ma anche di Dickens, Stevenson, Johnson, autore di Einaudi che gli pubblica nel '64 «L'imperatore timido», un singolare romanzo tra saggio e  racconto ambientato in una Cina del XVII secolo, e poi nel '95 di Mondadori che pubblica «I racconti del Casino di Lettura» ristampati nel 2003 nella «Biblioteca parmigiana del Novecento» a cura di Guido Conti, è uno di quegli scrittori di grana fina che alla curiosità delle vicende e dei personaggi da loro creati associano sempre l'irritualità del sarcasmo, delle beffe e della pietas più affettuosa, consacrandosi così alla fresca e impaziente umorosità del vissuto con limpidi a-fondo di pensieri e di riflessioni morali. Ma «Due anni senza gloria» va oltre. E' un libro fortemente ancorato alla saggezza di una lunga introspezione che, se da un lato è tutta di carattere e di impegno narrativo, dall'altro affronta i problemi dell'onore, della famiglia, delle scelte morali e politiche. Un racconto, dunque che scende in profondità, dove i temi e le questioni assumono radici intime.  «E' di questo mito che dovevo tener conto, nel rapporto con i miei familiari... La questione dell'onore è rilevante: molti di quelli che nel '43 vollero continuare la guerra fascista dissero allora, o scrissero poi, di aver scelto l'onore. Io penso che si faccia molta confusione in proposito» afferma l'autore. E, del resto, proprio Terzi proseguendo la narrazione e addentrandosi quindi nei mesi tra la fine del '44 e la primavera del '45, giustamente riflette: «Osservando i miei nuovi compagni, il loro atteggiamento  aperto e disciplinato, il loro stile che era quello tradizionale degli ufficiali italiani prima del '43, mi chiedevo come questa, a suo modo serena, vita di guarnigione potesse coesistere con la ferocia della guerra civile, l'occupazione tedesca e le brigate nere - come quelle che mi avevano preso, tenuto sotto la minaccia del loro mitra e sbeffeggiato nella loro caserma sul Lago d'Iseo. Sembravano due mondi separati, e infatti lo erano». Nello spazio ristretto ma perigliosissimo '43-'45, il racconto di Lodovico Terzi rivela ancora una volta quale fu dagli anni a Parma del Collegio Maria Luigia sino all'arrivo a Torino nel '49 attraverso gli incontri con Giangiacomo Feltrinelli, i Malagugini, Lelio Basso e Luciano Foà fondatore di Adelphi, il groviglio delle esperienze umane e politiche del giovane Lodovico rimasto «affascinato dal grande affresco della sociologia marxiana» e parimenti non dimentico dell'amicizia di quel giovane Alvaro che era fuggito per raggiungere i partigiani, che gli scrisse dall'Abetone ma che non ebbe mai risposta. Ora noi la risposta l'abbiamo, ed è convincente. «La limpidezza della scrittura nella ricostruzione della complessità degli eventi, dell'incertezza dei percorsi pubblici e privati suoi e di tutti è il dono più inatteso e benvenuto di questo testo» - scrive Fofi - e concretamente una testimonianza che da storico quale essa è s'innalza oltre il perimetro degli anni a suggerirci la bellezza della «verità immedita» cui accenna Carlo Fruttero nel suo recente libro di memorie simpatico e amorosamente restituito.

Due anni senza gloria. 1943-1945
   Einaudi, pag. 92, € 12,00

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

I meravigliosi colori dell'autunno sull'Appennino parmense: 10 foto di Giovanni Garani

fotografia

I meravigliosi colori dell'autunno sull'Appennino parmense: 10 foto di Giovanni Garani

Tieni sempre allenata la tua parmigianità con i nostri nuovi quiz

GAZZAFUN

Tieni sempre allenata la tua parmigianità con i nostri nuovi quiz

Via D'Azeglio: tutti alla Mattanza

PGN FESTE

Via D'Azeglio: tutti alla Mattanza Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Da Ezio Mauro a Massimo De Luca: grandi firme in scena

VELLUTO ROSSO

Da Ezio Mauro a Massimo De Luca: grandi firme in scena

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Stop ai disel euro 4 ed altre misure emergenza per la qualità dell'aria da domani venerdì 20 fino a lunedì 23 ottobre

Smog

Stop ai diesel euro 4 da domani e fino a lunedì

Polveri sottili alle stelle, si corre ai rimedi

16commenti

PARMA

Operata una bimba del peso di 700 grammi

Nata pretermine. Coinvolti chirurghi, cardiologici e neonatologi di tre ospedali

FIDENZA

Muore a 51 anni, 11 giorni dopo l'incidente in bici

Giovanni Rapacioli era molto conosciuto: era il pizzaiolo-dj di via Berenini

BUSSETO

Tenta di investire l'ex moglie in un parcheggio: arrestato 65enne Video

L'uomo, un operaio residente a Polesine, è accusato di resistenza e stalking

1commento

Lutto

Folla al funerale di Luca Moroni

Nel Duomo di Fidenza l'addio all'ingegnere morto in un incidente stradale

UNIVERSITA'

Bici legate al montascale, ancora bloccata la ragazza disabile

4commenti

PARMA

Gestione rifiuti: bando per 15 anni di affidamento del servizio Video

Il Comune ha presentato il bando europeo sulla gestione rifiuti

1commento

Rumore

«Il Comune paghi i danni della movida»

5commenti

CARABINIERI

Controlli anti-droga in piazzale Barbieri: denunciato un minorenne

Un 17enne è stato scoperto mentre cedeva hashish a una compagna

tg parma

Prostituzione, arrestato un rumeno ricercato

Fermato in patria, indagato a Parma

COLLECCHIO

Va all'asilo, mamma derubata

SORBOLO

Un 88enne: «Un cane mi ha aggredito e morsicato in un parcheggio»

1commento

GAZZAFUN

Il gatto più bello della città: guarda le gallery dei finalisti

4commenti

salute

L'Università di Parma studia la chirurgia contro la cefalea da cervicale

In oltre il 90% dei pazienti trattati con l’intervento ha visto la completa scomparsa dei sintomi (8 su 10) o una loro netta diminuzione

PARLA L'ESPERTO

«Anziana scippata, evento traumatico»

2commenti

Parma Marathon

Raccolta fondi per la famiglia del runner morto

Un'iniziativa per i familiari di Luigi Liuzzi

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Referendum e regionali, la sfida nel centrodestra

di Luca Tentoni

NOSTRE INIZIATIVE

Da oggi le foto di tutti i remigini delle scuole di città e provincia

ITALIA/MONDO

RIMINI

Vigile si uccide: era indagato per assenteismo

MODENA

Otto anni all'aggressore del primario Tondi

SPORT

Tg Parma

Affare Parma - Desports: la Cina apre gli investimenti esteri Video

PARMA

Tra i premiati Sport Civiltà nomi noti e giovani promesse Video

SOCIETA'

musica

Elio e le Storie Tese: dopo 37 anni il "valzer" d'addio

SPAZIO

AstroPaolo fotografa nube marrone sulla Pianura Padana

MOTORI

L'ANTEPRIMA

Ecco T-Roc: 5 passi nel nuovo Suv di Volkswagen Foto

ANTEPRIMA

Arona: il nuovo Suv compatto di Seat in 5 mosse Foto