12°

Arte-Cultura

La tragedia di un popolo

La tragedia di un popolo
0

Giuseppe Marchetti

Quanti libri gremiscono il lungo capitolo della Letteratura della Resistenza e della Repubblica di Salò! Quanti e quanti sono dav-
vero: zeppi di memorie, di pene, di sacrifici, di eroismi segreti e di giovanili impudenze. Ogni tanto l'elenco si arricchisce, ma i tempi, gli effetti e anche le memorie stesse impallidiscono, e le singole vicende si caricano di una sottile velatura, quasi di un rimpianto. Non appartiene a questa categoria, però, il nuovo libro di Lodovico Terzi «Due anni senza gloria. 1943-1945» che Einaudi ora pubblica con uno scritto di Goffredo Fofi «Una storia di tutti». Lodovico Terzi arriva a questi suoi ricordi dopo tanti anni, e vi giunge forte di una intima persuasione: che il racconto «forse giunto fuori tempo ma forse proprio per questo dotato dell'insolita grazia di accostare alle incertezze e asperità di quegli anni anche chi non li ha vissuti», scrive Fofi, stabilisca un prima e un dopo dotati di una segreta forza persuasiva, la quale non vuol essere soltanto documento di un'epoca (e che epoca!) bensì lo specchio di una storia comune fra smarrimento, disorientamento e giovanili speranze.  Lodovico Terzi di antica famiglia parmigiana, traduttore impagabile di Swift e Defoe, ma anche di Dickens, Stevenson, Johnson, autore di Einaudi che gli pubblica nel '64 «L'imperatore timido», un singolare romanzo tra saggio e  racconto ambientato in una Cina del XVII secolo, e poi nel '95 di Mondadori che pubblica «I racconti del Casino di Lettura» ristampati nel 2003 nella «Biblioteca parmigiana del Novecento» a cura di Guido Conti, è uno di quegli scrittori di grana fina che alla curiosità delle vicende e dei personaggi da loro creati associano sempre l'irritualità del sarcasmo, delle beffe e della pietas più affettuosa, consacrandosi così alla fresca e impaziente umorosità del vissuto con limpidi a-fondo di pensieri e di riflessioni morali. Ma «Due anni senza gloria» va oltre. E' un libro fortemente ancorato alla saggezza di una lunga introspezione che, se da un lato è tutta di carattere e di impegno narrativo, dall'altro affronta i problemi dell'onore, della famiglia, delle scelte morali e politiche. Un racconto, dunque che scende in profondità, dove i temi e le questioni assumono radici intime.  «E' di questo mito che dovevo tener conto, nel rapporto con i miei familiari... La questione dell'onore è rilevante: molti di quelli che nel '43 vollero continuare la guerra fascista dissero allora, o scrissero poi, di aver scelto l'onore. Io penso che si faccia molta confusione in proposito» afferma l'autore. E, del resto, proprio Terzi proseguendo la narrazione e addentrandosi quindi nei mesi tra la fine del '44 e la primavera del '45, giustamente riflette: «Osservando i miei nuovi compagni, il loro atteggiamento  aperto e disciplinato, il loro stile che era quello tradizionale degli ufficiali italiani prima del '43, mi chiedevo come questa, a suo modo serena, vita di guarnigione potesse coesistere con la ferocia della guerra civile, l'occupazione tedesca e le brigate nere - come quelle che mi avevano preso, tenuto sotto la minaccia del loro mitra e sbeffeggiato nella loro caserma sul Lago d'Iseo. Sembravano due mondi separati, e infatti lo erano». Nello spazio ristretto ma perigliosissimo '43-'45, il racconto di Lodovico Terzi rivela ancora una volta quale fu dagli anni a Parma del Collegio Maria Luigia sino all'arrivo a Torino nel '49 attraverso gli incontri con Giangiacomo Feltrinelli, i Malagugini, Lelio Basso e Luciano Foà fondatore di Adelphi, il groviglio delle esperienze umane e politiche del giovane Lodovico rimasto «affascinato dal grande affresco della sociologia marxiana» e parimenti non dimentico dell'amicizia di quel giovane Alvaro che era fuggito per raggiungere i partigiani, che gli scrisse dall'Abetone ma che non ebbe mai risposta. Ora noi la risposta l'abbiamo, ed è convincente. «La limpidezza della scrittura nella ricostruzione della complessità degli eventi, dell'incertezza dei percorsi pubblici e privati suoi e di tutti è il dono più inatteso e benvenuto di questo testo» - scrive Fofi - e concretamente una testimonianza che da storico quale essa è s'innalza oltre il perimetro degli anni a suggerirci la bellezza della «verità immedita» cui accenna Carlo Fruttero nel suo recente libro di memorie simpatico e amorosamente restituito.

Due anni senza gloria. 1943-1945
   Einaudi, pag. 92, € 12,00

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Arriva il Tapiro d'oro, Renzi: "Un Tapiro cumulativo lo merito..."

Roma

Arriva il Tapiro d'oro, Renzi: "Un Tapiro cumulativo lo merito..." Foto

Jessica allena i glutei

GOSSIP

Il sexy allenamento ai glutei di Jessica Immobile fa il boom di clic Video

Aurora Ramazzotti canta la canzone di papà Eros e lo imita: «Mi ucciderà»

radio

Aurora Ramazzotti imita papà Eros: «Mi ucciderà» Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

I dieci errori da evitare in palestra

FITNESS

I dieci errori da evitare in palestra

Lealtrenotizie

Il Parma soffre ma poi vince alla grande: 4-2 sulla Sambenedettese

Stadio Tardini

Il Parma soffre ma poi vince alla grande: 4-2 sulla Sambenedettese Foto Video

I crociati tengono il passo del Venezia. Partita numero 300 per capitan Lucarelli con la maglia del Parma

1commento

Parma-Samb

D'Aversa: "Nel primo tempo non eravamo aggressivi. Importante l'atteggiamento" Video

2commenti

Polizia municipale

Autovelox e autodetector: ecco la mappa dei controlli a Parma

lega pro

La Reggiana vince 2-0 con il Lumezzane

il caso

Bocconi avvelenati al Parco Martini: e Otto muore in poche ore

7commenti

L'INCHIESTA

Telefonini in classe? A Parma per lo più spenti

8commenti

Il personaggio

Il bussetano Laurini debutterà in F3 al volante di una Dallara: «Che emozione»

Gazzareporter

La foto di un lettore: "Parco del Cinghio finito e mai aperto"

Soragna

Da sempre senza patente, maxi-multa a una 50enne

9commenti

Animali

Nasce la mutua per curare cani e gatti

Si chiama «Dottor Bau & Dottor Miao» e costerà 120 euro all'anno la nuova previdenza sanitaria privata degli amici a quattro zampe

FIDENZA

Lisca conficcata in gola: bambina all'ospedale

2commenti

Gazzareporter

Il sole "accende" i colori in Ghiaia

sert

"I minorenni? Usano la droga per calmarsi"

Parla la dirigente del Sert: "Oggi arrivano persone dalla vita apparentemente normale"

4commenti

gazzareporter

Furgone "incastrato" nel fossato tra Fugazzolo e Casaselvatica: foto

Milano

Meningite, 14enne grave: anche Signorelli dell'Università di Parma nella task force della Regione

SCUOLA

Traversetolo, in bagno solo all'intervallo

5commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La risposta che occorre per placare la rabbia

di Michele Brambilla

IL DIRETTORE RISPONDE

Le deprimenti liti dei politici

1commento

ITALIA/MONDO

auto

Addio al libretto di circolazione: il documento sarà unico

Sant'Ilario d'Enza

Mezzo nudo e in perizoma fa l'esibizionista davanti a una bimba: arrestato 

1commento

COSTUME

L'INDISCRETO

I belli delle donne

1commento

il disco

45 ANNI FA - Mu, il mito secondo Cocciante

SPORT

Parma-Samb

Il Parma tira fuori il carattere: l'analisi di Sandro Piovani Video

Parma-Samb

Lucarelli: "Partenza lenta, pericolo scampato" Video

MOTORI

SUPERCAR

Ferrari 812 Superfast,
la nuova berlinetta da 800 Cv

300 CV

Leon Cupra, la Seat più potente di sempre Gallery