10°

Arte-Cultura

Addio, poeta della "Vita in versi"

Addio, poeta della "Vita in versi"
0

Giuseppe Marchetti

Addio al vecchio e saggio poeta del Novecento europeo Giovanni Giudici, morto l'altra notte all'ospedale di La Spezia  dove era ricoverato da giorni. Addio a un uomo che aveva concepito «La vita in versi» attenendosi a questo schema d'amore e di conoscenza per sempre, da quando nel '65 stabiliva che l'epoca dell'Ermetismo era inesorabilmente tramontata e si preparava la domanda fondamentale di tutta la nostra poesia dopo quel tempo: «Dimmi e se fosse tutto sbagliato?». Domanda quanto mai insidiosa. Franco Fortini scrisse: «Giudici è l'unico che abbia avuto il coraggio di riprendere il discorso poetico, deliberatamente, dove Gozzano l'aveva lasciato».   Intuizione preziosa, dobbiamo riconoscerlo, anche oggi, oggi forse più che mai poiché il crepuscolo che il poeta della Signorina Felicita aveva immaginato era proprio quello che ancora mancava minacciando addirittura di scomparire dal teatro della nostra letteratura proprio per troppa letteratura. Nato alle Grazie, vicino a La Spezia, nel 1924 (i funerali si svolgeranno oggi alle 17 nello stesso borgo natale), Giovanni Giudici  ha vissuto a lungo a Roma dove si laureò, passando poi a Ivrea, all'Olivetti gran rifugio di nobili spiriti, di intelligenti scrittori, di fervidi costruttori culturali attorno a «Comunità». Passò poi a Torino e quindi a Milano, lavorando per la pubblicità della fabbrica di Ivrea fino al 1980 e contemporaneamente svolgendo una vasta attività di saggista, poeta e giornalista. Giudici possedeva, infatti, come pochi altri intellettuali il dono di poter passare da un genere all'altro lungo l'asse di una liricità sorvegliata a profonda sempre intrisa di ironia e di autoironia, come ci insegnò anche Caproni. Ma in Giudici il complesso poetico s'arricchiva strada facendo di una multiforme godibilità di toni, effusioni, contatti.  Aveva tradotto «Eugenio  Oniegin» di Puskin e quel poema gli rimase nel sangue per tutta la vita come una memoria e una lezione. Vengono poi «Autobiologia» (Lo Specchio, '69, Premio Viareggio) e «Il male dei creditori» ('77), «Il ristorante dei morti» ('81) e «Lume dei tuoi misteri» ('84).  Sono le raccolte del centro della vita, quando s'annuncia una saggia maturità, la stessa che filtrava dai versi di «O Beatrice» del '72, la raccolta forse più tematicamente, ideologicamente e liricamente compatta di Giudici, il suo testamento. Vi scriveva: «Comico suo malgrado è il colmo del comico / Spesso patetico fu il comico con intenzione. / Tragico suo malgrado è il solo possibile / esito imprevedibile della commedia. / Non cerco la tragedia ma ne subisco la vocazione». Eravamo nel '68, e sembrava che il prezzo del sublime andasse in frantumi e che nulla potesse più esistere e resistere aldilà del vento che faceva garrire bandiere spiegate. Feroce, Giudici scriveva: «E spararsi bisogna / Sapere perché quelli che si sparano in bocca / O alla tempia all'orecchio non immagina / come restano / con che occhi. / Il meglio per restare naturale come si è / è un colpo al cuore». Chi aveva scritto mai parole così ardite e al tempo stesso così maligne? Nessuno, o forse Pasolini in qualcuna delle sue canzoni contro i poteri forti dello Stato, o meglio degli Stati. L'arte sottile e qualche volta avvelenata di Giudici compiva, dunque, in quegli anni una lenta ricostruzione dei rapporti con il nostro passato poetico e contemporaneamente s'affacciava sul «Male dei creditori», cioè su quel territorio che Giudici definiva «alto» e teso al sublime, quasi imitando una canzone che alterna versi brutti e versi belli, quelli che cadono dentro il ritmo e quelli che ne restano fuori. Giudici lo sapeva bene quanto quest'arte fosse difficile, o addirittura disumana, lui che traduceva dal russo, dal ceco, dall'inglese, dallo spagnolo come ci testimonia il suo grande libro dell'82 «Addio, proibito piangere». Scriveva Giansiro Ferrata che «Questo sfacciato Giovanni Giudici possiede il segreto di un'ostinata provocazione», ed è vero certamente poiché il rischio della sua poesia non si limita ad una pur aggressiva intonazione memoriale, sociale, culturale e ideologica, ma salva proprio la vita in versi come un risultato puntigliosamente raggiunto e posseduto. Lo scriveva anche Zanzotto, altro sublime maestro dell'ultima addizione alla poesia e della sua luminosa sofferenza. E Giovanni aggiungeva: «Anima, mettici / Questa pezza bagnata che ti ferma / Il sangue Dio la fulmini la brutta strega dov'è / Lei e le altre puttane / A caccia di bambini sempre su e giù per le piane». Giovanni taceva da molto tempo, era molto ammalato, era ormai separato da ogni cosa, la sua vita in versi era finita come finiscono tutte le umane cose. Un suo titolo diceva «Quanto spera di campare Giovanni»: ci si rideva su, e il suo esilio ora è finito, «Salutz» per sempre poeta felice, amaramente felice.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

 Musica sotto l'albero: arrivano Ferro, Liga, Vasco, Biondi e Pausini

NATALE

Musica sotto l'albero: arrivano Ferro, Liga, Vasco, Biondi e Pausini Foto

Dal 2017 WhatsApp non funzionerà più sui vecchi telefonini

social

Dal 2017 WhatsApp non funzionerà più sui vecchi telefonini

1commento

La trollata epica del rapper di Parma sui profughi

tv

La "trollata epica" del rapper parmigiano Bello FiGo sui profughi Video

6commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Nidi di rondine di nonna Ida

GUSTO

La ricetta della Peppa- Nidi di rondine di nonna Ida

Lealtrenotizie

Parma, primo allenamento con D'Aversa e il nuovo staff Foto

calcio

Parma, primo allenamento con D'Aversa e il nuovo staff Foto Video

polfer

Teneva 17 dosi di cocaina nel reggiseno: arrestata

seggi

Referendum, alle 12 al voto il 24,46% dei parmigiani. Istruzioni per l'uso

via chiavari

Santa Barbara: i vigili del fuoco festeggiano con i bambini Foto

3737 interventi in un anno

Carabinieri

Vendono iPhone: ma è una truffa

3commenti

l'agenda

Atmosfere natalizie e sapori della tradizione: cosa fare oggi

RICERCA

Prevedere i terremoti: a che punto siamo

Salsomaggiore

«Lorenzo, un ragazzo speciale»

Il nuovo allenatore

D'Aversa: "Mi hanno chiesto di giocare a calcio". Il suo staff

L'intervista: "Ora miglioriamo giorno per giorno. Ritroviamo la serenità" (Video) - Ferrari: "Scelti non i nomi, ma gentre che avesse "fame"" (Video) - Lunedì o martedì l'annuncio del nuovo ds: è una corsa a tre

7commenti

Calcio

Brodino per il Parma. E intanto parte l'era D'Aversa

MISSIONARI

Saveriani, da sempre tra gli ultimi

PERSONAGGI

Gandini, il pistard d'oro eroe di Melbourne

di corsa

I protagonisti del 2°Cross Country Montanari & Gruzza Foto

elezione

Beltrami nuovo vicepresidente nazionale della Federazione medici sportivi

Intervista

Virginia Raffaele: «Ecco perché i miei personaggi fanno ridere»

1commento

via mazzini

Un altro pezzo di storia che se ne va: chiude Zuccheri

12commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Ci sarebbe, magari, un "grazie" da dire

di Michele Brambilla

3commenti

IL DIRETTORE RISPONDE

La verità può nascondersi ma c'è

ITALIA/MONDO

referendum

Pelù denuncia: "Ho avuto la matita cancellabile". Ma ecco perché è valida

usa

Si schianta a velocità folle: in diretta Facebook Video

WEEKEND

IL CINEFILO

I film della settimana, da Sully a Agnus Dei  Video

IL DISCO

“L'indiano” di De Andrè, 35 anni dopo

SPORT

formula uno

Mercedes, Rossi: "Io al posto di Rosberg? Bello, non potrei dire no"

Bis Jansrud

Sci, per l'Italia un altro podio: Fill è secondo

SOCIETA'

calendario

Scorci, tradizioni e personaggi. Dodici mesi di Parma illustrata

rifiuti abbandonati

Via Anedda e la montagna di scatole (cinesi) Foto

2commenti