21°

31°

Arte-Cultura

Addio, poeta della "Vita in versi"

Addio, poeta della "Vita in versi"
0

Giuseppe Marchetti

Addio al vecchio e saggio poeta del Novecento europeo Giovanni Giudici, morto l'altra notte all'ospedale di La Spezia  dove era ricoverato da giorni. Addio a un uomo che aveva concepito «La vita in versi» attenendosi a questo schema d'amore e di conoscenza per sempre, da quando nel '65 stabiliva che l'epoca dell'Ermetismo era inesorabilmente tramontata e si preparava la domanda fondamentale di tutta la nostra poesia dopo quel tempo: «Dimmi e se fosse tutto sbagliato?». Domanda quanto mai insidiosa. Franco Fortini scrisse: «Giudici è l'unico che abbia avuto il coraggio di riprendere il discorso poetico, deliberatamente, dove Gozzano l'aveva lasciato».   Intuizione preziosa, dobbiamo riconoscerlo, anche oggi, oggi forse più che mai poiché il crepuscolo che il poeta della Signorina Felicita aveva immaginato era proprio quello che ancora mancava minacciando addirittura di scomparire dal teatro della nostra letteratura proprio per troppa letteratura. Nato alle Grazie, vicino a La Spezia, nel 1924 (i funerali si svolgeranno oggi alle 17 nello stesso borgo natale), Giovanni Giudici  ha vissuto a lungo a Roma dove si laureò, passando poi a Ivrea, all'Olivetti gran rifugio di nobili spiriti, di intelligenti scrittori, di fervidi costruttori culturali attorno a «Comunità». Passò poi a Torino e quindi a Milano, lavorando per la pubblicità della fabbrica di Ivrea fino al 1980 e contemporaneamente svolgendo una vasta attività di saggista, poeta e giornalista. Giudici possedeva, infatti, come pochi altri intellettuali il dono di poter passare da un genere all'altro lungo l'asse di una liricità sorvegliata a profonda sempre intrisa di ironia e di autoironia, come ci insegnò anche Caproni. Ma in Giudici il complesso poetico s'arricchiva strada facendo di una multiforme godibilità di toni, effusioni, contatti.  Aveva tradotto «Eugenio  Oniegin» di Puskin e quel poema gli rimase nel sangue per tutta la vita come una memoria e una lezione. Vengono poi «Autobiologia» (Lo Specchio, '69, Premio Viareggio) e «Il male dei creditori» ('77), «Il ristorante dei morti» ('81) e «Lume dei tuoi misteri» ('84).  Sono le raccolte del centro della vita, quando s'annuncia una saggia maturità, la stessa che filtrava dai versi di «O Beatrice» del '72, la raccolta forse più tematicamente, ideologicamente e liricamente compatta di Giudici, il suo testamento. Vi scriveva: «Comico suo malgrado è il colmo del comico / Spesso patetico fu il comico con intenzione. / Tragico suo malgrado è il solo possibile / esito imprevedibile della commedia. / Non cerco la tragedia ma ne subisco la vocazione». Eravamo nel '68, e sembrava che il prezzo del sublime andasse in frantumi e che nulla potesse più esistere e resistere aldilà del vento che faceva garrire bandiere spiegate. Feroce, Giudici scriveva: «E spararsi bisogna / Sapere perché quelli che si sparano in bocca / O alla tempia all'orecchio non immagina / come restano / con che occhi. / Il meglio per restare naturale come si è / è un colpo al cuore». Chi aveva scritto mai parole così ardite e al tempo stesso così maligne? Nessuno, o forse Pasolini in qualcuna delle sue canzoni contro i poteri forti dello Stato, o meglio degli Stati. L'arte sottile e qualche volta avvelenata di Giudici compiva, dunque, in quegli anni una lenta ricostruzione dei rapporti con il nostro passato poetico e contemporaneamente s'affacciava sul «Male dei creditori», cioè su quel territorio che Giudici definiva «alto» e teso al sublime, quasi imitando una canzone che alterna versi brutti e versi belli, quelli che cadono dentro il ritmo e quelli che ne restano fuori. Giudici lo sapeva bene quanto quest'arte fosse difficile, o addirittura disumana, lui che traduceva dal russo, dal ceco, dall'inglese, dallo spagnolo come ci testimonia il suo grande libro dell'82 «Addio, proibito piangere». Scriveva Giansiro Ferrata che «Questo sfacciato Giovanni Giudici possiede il segreto di un'ostinata provocazione», ed è vero certamente poiché il rischio della sua poesia non si limita ad una pur aggressiva intonazione memoriale, sociale, culturale e ideologica, ma salva proprio la vita in versi come un risultato puntigliosamente raggiunto e posseduto. Lo scriveva anche Zanzotto, altro sublime maestro dell'ultima addizione alla poesia e della sua luminosa sofferenza. E Giovanni aggiungeva: «Anima, mettici / Questa pezza bagnata che ti ferma / Il sangue Dio la fulmini la brutta strega dov'è / Lei e le altre puttane / A caccia di bambini sempre su e giù per le piane». Giovanni taceva da molto tempo, era molto ammalato, era ormai separato da ogni cosa, la sua vita in versi era finita come finiscono tutte le umane cose. Un suo titolo diceva «Quanto spera di campare Giovanni»: ci si rideva su, e il suo esilio ora è finito, «Salutz» per sempre poeta felice, amaramente felice.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Scarpa italiana inguaia Ivanka,dal giudice per plagio

GOSSIP

Scarpa italiana inguaia Ivanka, dal giudice per plagio

fori imperiali

degrado

Sesso ai Fori imperiali davanti ai turisti: è polemica

Elisabetta Gregoraci al Win City fa il pieno di selfie

gossip parmigiano

Elisabetta Gregoraci al Win City fa il pieno di selfie Gallery

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Da ovest a est il meglio degli itinerari in montagna

La presentazione dei volumi in vendita in abbinamento con la Gazzetta di Parma

NOSTRE INIZIATIVE

Da ovest a est il meglio degli itinerari in montagna

Lealtrenotizie

Parma al voto: domani si decide il prossimo sindaco

ballottaggio

Parma al voto per decidere il nuovo sindaco Video: le info

Piazza Dalla Chiesa

Ancora risse davanti alla stazione

L'AGENDA

Una domenica da vivere nella nostra provincia

Noceto

Addio a Petrini, titolare dell'Aquila Romana

Presentazione

Croce rossa, un secolo e mezzo in un libro

Abitudini

Auricolari, quando il rischio si corre a piedi

Bedonia

Fontane chiuse, scoppia la polemica

DRAMMA DI TORINO

Panico collettivo: parla la psicologa

SERIE B

Mercato: Lucarelli domani annuncia il suo futuro

MAMIANO

I padroni sono alla sagra di San Giovanni, e i ladri tentano il colpo

baseball

Parma concede il bis: è doppietta contro il Novara

Finisce 3-1: lanciatore vincente Rivera, salvezza per Santana, 3 su 4 di Deotto. La corsa per i play off continua

METEO

La Protezione civile E-R: "Allerta temporali per domenica"

Previsti forti precipitazioni su pianura, fascia collinare, e rilievi occidentali

corniglio

Signatico: si ribalta con la Jeep, grave un ottantenne

calcio

Il Parma si tuffa nel mercato: Faggiano punta Bianco e Piccolo. Cassano spera Video

arresto

Taccheggiatore picchia l'addetto alla sicurezza dell'Ovs per scappare

2commenti

Meteo

Ferrara rovente: temperatura percepita 49°. Parma (da podio) non scherza, 41°

La città emiliana è la più calda d'Italia

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il Parma è l'esempio per la rinascita della città

di Michele Brambilla

2commenti

EDITORIALE

Accoglienza senza limiti. Un rischio per tutti

di Francesco Bandini

1commento

ITALIA/MONDO

Salerno

Investe una donna e la uccide: è un attore di "Don Matteo" e "1993"

Stati Uniti

Boss mafioso scarcerato per vecchiaia: ha 100 anni

SOCIETA'

il disco

“Amused to death”, ha 25 anni il disco di Roger Waters

ferrovie

Lavori sulla Bologna-Rimini, sabato 24 e domenica 25. Ripercussione sui collegamenti con la Riviera Romagnola.

SPORT

CALCIO

Gli azzurrini battono la Germania e volano in semifinale

paura

Spaventoso incidente per Baldassari in Moto2: il pilota è cosciente Video

MOTORI

anteprima

Volkswagen, la sesta Polo è diventata grande

MINI SUV

Citroën: C3 Aircross in tre mosse