-4°

Arte-Cultura

Addio, poeta della "Vita in versi"

Addio, poeta della "Vita in versi"
0

Giuseppe Marchetti

Addio al vecchio e saggio poeta del Novecento europeo Giovanni Giudici, morto l'altra notte all'ospedale di La Spezia  dove era ricoverato da giorni. Addio a un uomo che aveva concepito «La vita in versi» attenendosi a questo schema d'amore e di conoscenza per sempre, da quando nel '65 stabiliva che l'epoca dell'Ermetismo era inesorabilmente tramontata e si preparava la domanda fondamentale di tutta la nostra poesia dopo quel tempo: «Dimmi e se fosse tutto sbagliato?». Domanda quanto mai insidiosa. Franco Fortini scrisse: «Giudici è l'unico che abbia avuto il coraggio di riprendere il discorso poetico, deliberatamente, dove Gozzano l'aveva lasciato».   Intuizione preziosa, dobbiamo riconoscerlo, anche oggi, oggi forse più che mai poiché il crepuscolo che il poeta della Signorina Felicita aveva immaginato era proprio quello che ancora mancava minacciando addirittura di scomparire dal teatro della nostra letteratura proprio per troppa letteratura. Nato alle Grazie, vicino a La Spezia, nel 1924 (i funerali si svolgeranno oggi alle 17 nello stesso borgo natale), Giovanni Giudici  ha vissuto a lungo a Roma dove si laureò, passando poi a Ivrea, all'Olivetti gran rifugio di nobili spiriti, di intelligenti scrittori, di fervidi costruttori culturali attorno a «Comunità». Passò poi a Torino e quindi a Milano, lavorando per la pubblicità della fabbrica di Ivrea fino al 1980 e contemporaneamente svolgendo una vasta attività di saggista, poeta e giornalista. Giudici possedeva, infatti, come pochi altri intellettuali il dono di poter passare da un genere all'altro lungo l'asse di una liricità sorvegliata a profonda sempre intrisa di ironia e di autoironia, come ci insegnò anche Caproni. Ma in Giudici il complesso poetico s'arricchiva strada facendo di una multiforme godibilità di toni, effusioni, contatti.  Aveva tradotto «Eugenio  Oniegin» di Puskin e quel poema gli rimase nel sangue per tutta la vita come una memoria e una lezione. Vengono poi «Autobiologia» (Lo Specchio, '69, Premio Viareggio) e «Il male dei creditori» ('77), «Il ristorante dei morti» ('81) e «Lume dei tuoi misteri» ('84).  Sono le raccolte del centro della vita, quando s'annuncia una saggia maturità, la stessa che filtrava dai versi di «O Beatrice» del '72, la raccolta forse più tematicamente, ideologicamente e liricamente compatta di Giudici, il suo testamento. Vi scriveva: «Comico suo malgrado è il colmo del comico / Spesso patetico fu il comico con intenzione. / Tragico suo malgrado è il solo possibile / esito imprevedibile della commedia. / Non cerco la tragedia ma ne subisco la vocazione». Eravamo nel '68, e sembrava che il prezzo del sublime andasse in frantumi e che nulla potesse più esistere e resistere aldilà del vento che faceva garrire bandiere spiegate. Feroce, Giudici scriveva: «E spararsi bisogna / Sapere perché quelli che si sparano in bocca / O alla tempia all'orecchio non immagina / come restano / con che occhi. / Il meglio per restare naturale come si è / è un colpo al cuore». Chi aveva scritto mai parole così ardite e al tempo stesso così maligne? Nessuno, o forse Pasolini in qualcuna delle sue canzoni contro i poteri forti dello Stato, o meglio degli Stati. L'arte sottile e qualche volta avvelenata di Giudici compiva, dunque, in quegli anni una lenta ricostruzione dei rapporti con il nostro passato poetico e contemporaneamente s'affacciava sul «Male dei creditori», cioè su quel territorio che Giudici definiva «alto» e teso al sublime, quasi imitando una canzone che alterna versi brutti e versi belli, quelli che cadono dentro il ritmo e quelli che ne restano fuori. Giudici lo sapeva bene quanto quest'arte fosse difficile, o addirittura disumana, lui che traduceva dal russo, dal ceco, dall'inglese, dallo spagnolo come ci testimonia il suo grande libro dell'82 «Addio, proibito piangere». Scriveva Giansiro Ferrata che «Questo sfacciato Giovanni Giudici possiede il segreto di un'ostinata provocazione», ed è vero certamente poiché il rischio della sua poesia non si limita ad una pur aggressiva intonazione memoriale, sociale, culturale e ideologica, ma salva proprio la vita in versi come un risultato puntigliosamente raggiunto e posseduto. Lo scriveva anche Zanzotto, altro sublime maestro dell'ultima addizione alla poesia e della sua luminosa sofferenza. E Giovanni aggiungeva: «Anima, mettici / Questa pezza bagnata che ti ferma / Il sangue Dio la fulmini la brutta strega dov'è / Lei e le altre puttane / A caccia di bambini sempre su e giù per le piane». Giovanni taceva da molto tempo, era molto ammalato, era ormai separato da ogni cosa, la sua vita in versi era finita come finiscono tutte le umane cose. Un suo titolo diceva «Quanto spera di campare Giovanni»: ci si rideva su, e il suo esilio ora è finito, «Salutz» per sempre poeta felice, amaramente felice.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Hub Café: il party messicano

Pgn feste

Hub Café: il party messicano Foto

Festa d'addio di Obama, a sorpresa esibizione di Springsteen

Casa Bianca

Festa d'addio di Obama, a sorpresa esibizione di Springsteen

Addio a Loalwa Braz Vieira, regina della "lambada"

brasile

Morta carbonizzata Loalwa Braz Vieira, regina della "lambada"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO 

Prosa e Lirica, risate e emozioni a teatro: il meglio della settimana

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Incidente Cascinapiano

Incidente Cascinapiano

Filippo sarà vestito da calciatore: sabato il funerale a Langhirano Video

IL FATTO DEL GIORNO

Massese pericolosa, Brambilla: "Il rimpallo di responsabilità è inaccettabile" Video

Parma

Legionella: la causa del contagio resta sconosciuta

Esclusi l’acquedotto pubblico, la rete delle derivazioni dall’acquedotto stesso, l'irrigazione del campo sportivo e gli impianti della "Città di Parma"

SISMA E GELO

Il Soccorso Alpino di Parma salva famiglie intrappolate sotto due metri di neve Video

I tecnici di Parma operano sull'Appennino di Ascoli Piceno per raggiungere le frazioni isolate

polizia

Rapina in villa a Porporano: arrestata tutta la banda Video

polizia

Raffica di furti in viale Fratti e viale Mentana: arrestato 26enne

2commenti

tg parma

Via Marmolada: si fingono avvocato e maresciallo per truffare anziani Video

Dati Bankitalia

Le rimesse degli immigrati: 24,5 milioni inviati all'estero in 6 mesi  Video

Gli indiani superano i romeni 

14commenti

Tragedia

Morto in via Pintor: parenti rintracciati grazie a facebook

carabinieri

Borseggia anziano sul bus: arrestato un senegalese

5commenti

Mercato

Guazzo, niente Modena

sabato

Per tenere viva la Curva Nord torna la riffa dei Boys

1commento

Gazzareporter

Massimo Mari: "Parma, inverno"

1commento

Wopa

I genitori omosessuali fra difficoltà e pregiudizi

Presentato libro a Parma in un dibattito moderato da Chiara Cacciani

VALMOZZOLA

Entra in casa, raggira e deruba due anziani

1commento

Salsomaggiore

«Lasciavamo le porte aperte, ora siamo terrorizzati»

8commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Quei «no» che non sappiamo più dire ai figli

2commenti

EDITORIALE

L’America di mio padre cinquant'anni dopo

di Filiberto Molossi

ITALIA/MONDO

Rigopiano (Pescara)

Hotel sommerso da una slavina: due vittime accertate, decine di dispersi Foto

2commenti

PADOVA

Orge in canonica, con il prete c'era anche un trans

2commenti

SOCIETA'

AGENDA DELL'AUTO

Bollo auto, ecco cosa bisogna sapere

Pescara

Cantante del "Volo": "Dovevo essere all'hotel Rigopiano"

SPORT

Moto

La nuova Yamaha di Rossi: le foto

RUGBY

Grande festa per la città di Parma: Zebre contro London Wasps Video

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, ci siamo. Il Suv è già ordinabile Fotogallery

PROVA SU STRADA

Peugeot 2008, per chi non si accontenta