12°

Arte-Cultura

Giovedì sera a "La storia siamo noi" puntata su Toscanini

Giovedì sera a "La storia siamo noi" puntata su Toscanini
0

Comunicato stampa   


 “La Storia siamo noi” presenta “ARTURO TOSCANINI - IL RITMO DELLO SPIRITO” di Massimo Favia in onda giovedì  2 GIUGNO alle ore 23.30 su RaiDue

A La Storia siamo noi il genio di Toscanini, il suo carisma, il suo rigore, in una direzione che è al tempo stesso appassionata e impetuosa. Ma quella di Arturo Toscanini è una storia tutta scoprire. Le sue esecuzioni restano ancora oggi come un punto di riferimento imprescindibile: Beethoven, Mozart, Brahms, Bach, Puccini, ma soprattutto Verdi e Wagner. Una storia da raccontare con documenti e fotografie inedite, ma soprattutto attraverso le parole dei nipoti, di chi ha suonato con lui e dei grandi direttori d’orchestra: Zubin Mehta, direttore d’orchestra: “per noi e’ il più grande rivoluzionario dell’interpretazione della musica classica”; Emanuela di Castelbarco, nipote: “era un personaggio speciale con onestà morale e coraggio delle sue opinioni”; Walfredo Toscanini, nipote: “la musica che nonno eseguiva era riconoscibile per un certo ritmo, impetuosità e cuore”; Salvatore Accardo, violinista e direttore d’orchestra : “lui aveva qualcosa di soprannaturale, ne sono convinto”

Le interpretazioni di Toscanini, le sue incisioni, rimangono dei classici senza tempo. E così il suo amore per le opere di Giuseppe Verdi. Ed infatti, quando viene a sapere che a Milano sta per debuttare in prima assoluta l’Otello decide che lui deve suonare alla Scala. Walfredo Toscanini: “per Verdi aveva una vera venerazione”; Gianluigi Gelmetti, direttore d’orchestra: “Toscanini era Verdi e Verdi, come ci arriva a noi, e’ quello interpretato da Toscanini’- ed aggiunge-  Toscanini ha messo su Verdi un sigillo così forte che e’ molto difficile toccare Verdi”; Salvatore Accardo: ‘il merito maggiore di Toscanini e’ stato quello di far rivivere le partiture di Verdi come lui le pensava”
Toscanini ha iniziato la sua ascesa. A 25 anni, Milano, dirige la prima mondiale dei Pagliacci di Leoncavallo, a 29, a Torino, quella della Bohème di Puccini. Ma che cos’è, allora, lo “stile Toscanini”? Perché rimane ancora oggi un punto di riferimento?
Zubin Mehta: “era l’ interprete più onesto della sua generazione. Lui dice- io faccio quello che ha scritto il compositore”; Antonio Pappano, direttore d’orchestra : “ha creato un approccio disciplinato alla musica. La partitura e’ la Bibbia. Le sue prove erano eventi perche lui era difficile con se stesso e con l’orchestra”; Emanuela di Castelbarco: ‘diceva sempre - beate le arti che non hanno bisogno di interpreti – perché diventava pazzo che i musicisti non rendessero la musica sublime che questi grandi uomini avevano composto”

Burbero, deciso, con una volontà di ferro e uno spirito romantico, alla musica Toscanini dedica tutta la vita. Per lui, stanno per aprirsi le porte di quel teatro che più di ogni altro segnerà la sua carriera di artista e di uomo: La Scala di Milano.
Gianluigi Gelmetti, direttore d’orchestra: “ Toscanini aveva bisogno di potere assoluto, cosa che faceva alla Scala”; Antonio Pappano: “lui ha fatto della Scala un teatro importantissimo”; Emanuela di Castelbarco: “sul suo rapporto con la Scala diceva –e’ l’amante che mi ha fatto più disperare. Un rapporto di amore e odio”
Ma chi è veramente Arturo Toscanini? Un ragazzo talentuoso, un romantico mai felice, un nonno e un marito  affettuoso. Anche se il suo fascino non risparmiava altre donne:   Emanuela di Castelbarco: “Una sola patria, una sola religione, una sola moglie. E il resto sono soltanto giri di walzer”.
Dopo la Scala di Milano, Toscanini decide di lasciare l’Italia per la prova più impegnativa: il Metropolitan di New York. Grandi successi che pero’ riportano Toscanini nella sua amata Patria e nel suo amato teatro della Scala dove si è creato un’orchestra a sua immagine e somiglianza, con la quale si esibisce in tutta Europa.

Ma è un interludio di breve durata. Il suo irriducibile spirito di libertà, infatti, deve fare i conti con l’arrivo al potere di Benito Mussolini.
In questi anni, Toscanini è impegnato soprattutto per proteggere la Scala e la sua musica dall’ombra lunga del fascismo. Dopo il pestaggio di Bologna da parte di un gruppo di squadristi, dopo il “No” a Hitler, dopo aver suonato gratis con quella che diventerà la Filarmonica di Israele, Toscanini ormai è un esempio di dignità civile. Nel 1937, l’America lo chiama di nuovo e tornera’ in Italia solo con la caduta del fascismo.
Ma soprattutto, è la Scala, la sua casa adottiva, il tempio della musica, che per rinascere dalle macerie vuole lui, il suo maestro.
Gelmetti Gianluigi, direttore d’orchestra: “ha lasciato un senso etico come uomo e artista, rigore, umiltà, abnegazione, rispetto. Parole difficili oggi”

Importante, naturalmente, il capitolo parmigiano: parte del documentario è stata infatti girata all’interno del Museo Casa natale Arturo Toscanini, e molti dei documenti, delle immagini e delle fotografie in esso trasmessi sono conservati all’interno del Museo, gestito dalla Casa della Musica: tra gli intervistati, anche Gustavo Marchesi e Mauro Balestrazzi.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

CONCORSO

GAZZAREPORTER

Racconta l'inverno e vinci: le foto dei lettori Video

Video Gigi Pacifico Fidenza

fidenza

"Io non so" l'ultimo video di Gigi Pacifico

Canale 5, Ceccherini abbandona l'Isola dei Famosi

Foto Ansa

isola dei famosi

Ceccherini litiga con Raz Degan e se ne va. Televoto: sms risarciti

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO

Il rugby irrompe in scena. E arriva il "bello" Sergio Muniz

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Si sveglia e trova l'auto devastata

FelegarA

Auto distrutta dai vandali nella notte

I teppisti sapevano come agire, hanno usato una candela da automobile: rompe il vetro facilmente e fa poco rumore

viale fratti

Duc, cinque piani allagati: uffici chiusi per due giorni Video 1-2 Foto

Attivati due sportelli per le emergenze. Ed è corsa a salvare più documenti possibili

3commenti

foto dei lettori

Borgo Giacomo: cadono le decorazioni Gallery

1commento

arresti

Trafficanti seguiti da Fidenza a Parma: avevano in auto un kg di eroina

tg parma

Legionella, Comune e Ausl varano un protocollo di intervento Video

6commenti

tg parma

Parma, rinnovi per Baraye e Nocciolini. Scaglia in attacco a Salò?

Ospedale Maggiore

La nuova vita di Denis inizia a Parma

POLizia

Campagna antitruffe “Non siete soli #chiamatecisempre” I consigli

1commento

scuola

Contro le bufale dei social, educare a informarsi bene

Incontro all'Ipsia Primo Levi con gli studenti di sei medie superiori di Parma e provincia

musica

Ottima prova zero: Parma dà il la a Elio e le Storie tese Video

CRIMINALITA'

Via Venezia, pensionata scippata

4commenti

Finto tecnico

Truffa del termosifone: un'altra anziana raggirata

1commento

CARABINIERI

Sid, il cane antidroga a caccia di dosi nel greto della Parma

1commento

Salsomaggiore

Gli ambulanti protestano: «Troppo sacrificati»

Traversetolo

Cazzola, i ladri tornano per la terza volta

Parma

La Corte dei Conti contesta a Pizzarotti la nomina del Dg del Comune

Lo ha annunciato il sindaco su Facebook: "Esposto di un esponente dei Pd. Sono tranquillo"

11commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IMPRESE

Top500 Parma, ecco la classifica completa

EDITORIALE

Anche i robot dovranno fare il 730?

di Paolo Ferrandi

1commento

ITALIA/MONDO

roma

Caso Cucchi: sospesi dal servizio i tre carabinieri accusati di omicidio

uno bianca

Alberto Savi dopo 23 anni esce in permesso premio. L'amarezza dei parenti delle vittime

3commenti

SOCIETA'

EDITORIALE

L'avventura di un giorno senza telefonino

3commenti

libri

Esce in Giappone il nuovo libro di Murakami, un successo

SPORT

intervista

Arancio: "Campionato d'Eccellenza ad hoc per  il rugby a 7"

motori

Formula 1, svelata la nuova Ferrari SF70H Foto

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, il Suv del Biscione. Da 50.800 euro Video

NOVITA'

Bmw, la nuova Serie 5 ragiona da ammiraglia