22°

32°

Arte-Cultura

Giovedì sera a "La storia siamo noi" puntata su Toscanini

Giovedì sera a "La storia siamo noi" puntata su Toscanini
Ricevi gratis le news
0

Comunicato stampa   


 “La Storia siamo noi” presenta “ARTURO TOSCANINI - IL RITMO DELLO SPIRITO” di Massimo Favia in onda giovedì  2 GIUGNO alle ore 23.30 su RaiDue

A La Storia siamo noi il genio di Toscanini, il suo carisma, il suo rigore, in una direzione che è al tempo stesso appassionata e impetuosa. Ma quella di Arturo Toscanini è una storia tutta scoprire. Le sue esecuzioni restano ancora oggi come un punto di riferimento imprescindibile: Beethoven, Mozart, Brahms, Bach, Puccini, ma soprattutto Verdi e Wagner. Una storia da raccontare con documenti e fotografie inedite, ma soprattutto attraverso le parole dei nipoti, di chi ha suonato con lui e dei grandi direttori d’orchestra: Zubin Mehta, direttore d’orchestra: “per noi e’ il più grande rivoluzionario dell’interpretazione della musica classica”; Emanuela di Castelbarco, nipote: “era un personaggio speciale con onestà morale e coraggio delle sue opinioni”; Walfredo Toscanini, nipote: “la musica che nonno eseguiva era riconoscibile per un certo ritmo, impetuosità e cuore”; Salvatore Accardo, violinista e direttore d’orchestra : “lui aveva qualcosa di soprannaturale, ne sono convinto”

Le interpretazioni di Toscanini, le sue incisioni, rimangono dei classici senza tempo. E così il suo amore per le opere di Giuseppe Verdi. Ed infatti, quando viene a sapere che a Milano sta per debuttare in prima assoluta l’Otello decide che lui deve suonare alla Scala. Walfredo Toscanini: “per Verdi aveva una vera venerazione”; Gianluigi Gelmetti, direttore d’orchestra: “Toscanini era Verdi e Verdi, come ci arriva a noi, e’ quello interpretato da Toscanini’- ed aggiunge-  Toscanini ha messo su Verdi un sigillo così forte che e’ molto difficile toccare Verdi”; Salvatore Accardo: ‘il merito maggiore di Toscanini e’ stato quello di far rivivere le partiture di Verdi come lui le pensava”
Toscanini ha iniziato la sua ascesa. A 25 anni, Milano, dirige la prima mondiale dei Pagliacci di Leoncavallo, a 29, a Torino, quella della Bohème di Puccini. Ma che cos’è, allora, lo “stile Toscanini”? Perché rimane ancora oggi un punto di riferimento?
Zubin Mehta: “era l’ interprete più onesto della sua generazione. Lui dice- io faccio quello che ha scritto il compositore”; Antonio Pappano, direttore d’orchestra : “ha creato un approccio disciplinato alla musica. La partitura e’ la Bibbia. Le sue prove erano eventi perche lui era difficile con se stesso e con l’orchestra”; Emanuela di Castelbarco: ‘diceva sempre - beate le arti che non hanno bisogno di interpreti – perché diventava pazzo che i musicisti non rendessero la musica sublime che questi grandi uomini avevano composto”

Burbero, deciso, con una volontà di ferro e uno spirito romantico, alla musica Toscanini dedica tutta la vita. Per lui, stanno per aprirsi le porte di quel teatro che più di ogni altro segnerà la sua carriera di artista e di uomo: La Scala di Milano.
Gianluigi Gelmetti, direttore d’orchestra: “ Toscanini aveva bisogno di potere assoluto, cosa che faceva alla Scala”; Antonio Pappano: “lui ha fatto della Scala un teatro importantissimo”; Emanuela di Castelbarco: “sul suo rapporto con la Scala diceva –e’ l’amante che mi ha fatto più disperare. Un rapporto di amore e odio”
Ma chi è veramente Arturo Toscanini? Un ragazzo talentuoso, un romantico mai felice, un nonno e un marito  affettuoso. Anche se il suo fascino non risparmiava altre donne:   Emanuela di Castelbarco: “Una sola patria, una sola religione, una sola moglie. E il resto sono soltanto giri di walzer”.
Dopo la Scala di Milano, Toscanini decide di lasciare l’Italia per la prova più impegnativa: il Metropolitan di New York. Grandi successi che pero’ riportano Toscanini nella sua amata Patria e nel suo amato teatro della Scala dove si è creato un’orchestra a sua immagine e somiglianza, con la quale si esibisce in tutta Europa.

Ma è un interludio di breve durata. Il suo irriducibile spirito di libertà, infatti, deve fare i conti con l’arrivo al potere di Benito Mussolini.
In questi anni, Toscanini è impegnato soprattutto per proteggere la Scala e la sua musica dall’ombra lunga del fascismo. Dopo il pestaggio di Bologna da parte di un gruppo di squadristi, dopo il “No” a Hitler, dopo aver suonato gratis con quella che diventerà la Filarmonica di Israele, Toscanini ormai è un esempio di dignità civile. Nel 1937, l’America lo chiama di nuovo e tornera’ in Italia solo con la caduta del fascismo.
Ma soprattutto, è la Scala, la sua casa adottiva, il tempio della musica, che per rinascere dalle macerie vuole lui, il suo maestro.
Gelmetti Gianluigi, direttore d’orchestra: “ha lasciato un senso etico come uomo e artista, rigore, umiltà, abnegazione, rispetto. Parole difficili oggi”

Importante, naturalmente, il capitolo parmigiano: parte del documentario è stata infatti girata all’interno del Museo Casa natale Arturo Toscanini, e molti dei documenti, delle immagini e delle fotografie in esso trasmessi sono conservati all’interno del Museo, gestito dalla Casa della Musica: tra gli intervistati, anche Gustavo Marchesi e Mauro Balestrazzi.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Polvergeist, un "corto" parmigiano al Festival di Venezia

tg parma

Polvergeist, un "corto" parmigiano al Festival di Venezia Video

Nuda in giro per Bologna: individuata e super-multa

SOCIAL

Bologna, la ragazza che passeggiava nuda rivela: "E' un esperimento sociale" Video

2commenti

"Vietato annoiarsi" a Bedonia: foto dalla piscina

PISCINe 

"Vietato annoiarsi" a Bedonia Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Ferragosto di una volta: Parma deserta nel 1988

TG PARMA

Come eravamo: Parma deserta nel Ferragosto del 1988 Video

2commenti

Lealtrenotizie

«Eravamo lì 40 minuti prima dell'inferno»

PARMIGIANI A BARCELLONA

«Eravamo lì 40 minuti prima dell'inferno»

Testimonianze

Parmigiani a Barcellona: «Abbiamo visto tanta solidarietà tra la gente»

La testimonianza

«Io, molestata da un maniaco al Campus»

weekend

Un sabato tra amor, musica e... castelli di sabbia: l'agenda

CRONACA NERA

Rapina alla farmacia di via Volturno, due banditi in fuga

I dipendenti minacciati con i cutter

Escursionismo

Rifugi, quelle case dove abita la natura

Amichevole

Parma e Empoli non si fanno male

Teatro

Addio a Tania Rochetta, 50 anni di palcoscenico. E di impegno civile

Varano Melegari

La Polisportiva Varanese si tinge di Milan

Lutto

E' morto Maurizio Carra, un'istituzione dell'automobilismo

via bixio

Entra di notte al bar e fa bottino: arrestato grazie a un passante

METEO

Temporali, vento e caldo oggi in Emilia-Romagna

Le previsioni per il Parmense

carabinieri

Arrestate tre rom: così fecero bottino al Famila di Salso Il video

10commenti

Elisoccorso

Ora gli «angeli» dell'emergenza volano anche di notte

PASIMAFI

Scandalo sanità, no alla libertà per Fanelli

1commento

amichevole

Finisce uno a uno la sfida fra Parma e Empoli

Al Tardini segna Evacuo su rigore. Risponde Donnarumma

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Che cosa resta dei nostri amori

di Michele Brambilla

2commenti

CHICHIBIO

«Osteria dl’Andrea», cucina casalinga della tradizione

di Chichibio

ITALIA/MONDO

terrorismo

Barcellona, terza vittima italiana: Carmela, residente in Argentina

viabilità

E' tempo di nuove partenze: traffico rallentato in A1 e Autocisa Tempo reale

SPORT

Incidenti stradali

Ritirata patente al calciatore Kabashi

Calciomercato

Telenovela Kalinic, l'ultima puntata è incredibile

SOCIETA'

gazzareporter

Limiti di velocità... al Parco Ducale Foto

MINISTERO

Niente nido e scuola dell'infanzia per i bimbi non vaccinati

2commenti

MOTORI

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente

MERCATO

Bmw Italia, 2000 euro per la permuta di diesel Euro4 e precedenti