15°

Arte-Cultura

"Correggio, un illusionista straordinario"

0

Intervista a Lucia Fornari Schianchi (curatrice della mostra) di Katia Golini

Fare conoscere il genio di Correggio. «Portarlo fuori dai confini locali è un dovere, oltre che un grande onore. E una grande gioia». Lucia Fornari Schianchi, soprintendente al Patrimonio storico artistico ed etnoantropologico di Parma e Piacenza, ideatore e curatore della mostra, parla di Correggio con entusiasmo «perché di fronte al genio ci si entusiasma sempre».

Qual è lo scopo primario e l'importanza di questa mostra? «Fare uscire Correggio dal cono d'ombra in cui è rimasto, in un certo senso, prigioniero. Correggio è imbrigliato nell'immagine che Vasari ha dato di lui. E Vasari non lo ha propriamente esaltato. Se fosse andato a Roma avrebbe fatto grandi cose, lascia intendere Vasari. Ma dal momento che così non è stato - sostiene il biografo probabilmente sbagliandosi - viene presentato come artista incompiuto. Con questa mostra vogliamo presentare e fare conoscere al mondo la grandezza di questo autore che merita, come Parmigianino, di stare fra i più grandi».

Cosa ha significato Correggio per la storia dell'arte? «A scoprire la sua genialità sono stati per primi i pittori che hanno fatto ricorso ai suoi metodi e alle sue forme e al suo concetto di spazio. I primi sono stati i Carracci, Rubens, Bernini, Lanfranco, Pietro da Cortona: i grandi artisti del Seicento. Quelli che lo hanno considerato un varco verso il Barocco e il Naturalismo seicentesco. Correggio è stato preso a modello anche per i suoi paesaggi. E' infatti osservatore attento della natura, nei dettagli e nella sua totalità, e questo aspetto non è mai stato evidenziato abbastanza. Basta osservare gli sfondi dei suoi quadri giovanili e maturi».

Correggio pittore di paesaggi sì, ma soprattutto di grandi spazi abitati. «Correggio ha utilizzato tutti i registri espressivi. Si è misurato con spazi piccolissimi, piccoli, medi e con quelli magici delle cupole. L'occhio dello spettatore deve abituarsi a passare dal macro al micro e viceversa con lo stessa duttilità dell'artista. E la mostra darà questa opportunità».

La sua pittura cattura l'attenzione dello spettatore. In un certo senso lo ipnotizza? «L'inquadratura è uno strumento di coinvolgimento dell'osservatore. Correggio non ti lascia mai sulla soglia del quadro, ma ti attira dentro. Non ti lascia in contemplazione dall'esterno. Raffaello crea immagini perfette che segnano il distacco, Correggio crea immagini altrettanto perfette e invita a agire nello stesso spazio e tempo da lui proposti. Rende lo spettatore compartecipe della sua visione».

Tutto questo sarà accentuato dalla presenza delle impalcature in Duomo e in San Giovanni. I visitatori potranno vedere gli affreschi «dall’interno». «Certo. Questo aspetto del coinvolgimento raggiunge limiti iperbolici nelle cupole e soprattutto nelle cupole viste dalle impalcature. La sua pittura è talmente perfetta che non cambia. Certo che le figure sono fatte per essere viste dal basso, ma non c'è in Correggio un gigantismo sgraziato, che sovrasta e sgomenta. Da queste figure dalle proporzioni diverse lo spettatore resta coinvolto. Correggio affida allo spettatore il suo punto di vista e sembra dirgli «vedrai che non ti deluderò, anche se mi guardi dal mio stesso punto di vista». Tra l'altro, grazie ai ponteggi, si potranno apprezzare particolari che normalmente dal basso non si possono percepire. Basti pensare ai fumi che escono dai candelabri nel loro ondeggiare fino a diffondersi nel cielo tra gli Apostoli e gli efebi: sono di una tale varietà da restare a bocca aperta. E poi, sempre dall'alto, si potrà ammirare l'effetto meraviglioso delle nubi da cui i putti appaiono e scompaiono, escono o si immergono. Correggio crea un illusionismo assolutamente straordinario. La sua arte è questo e molto altro, come diranno i quadri in mostra attorniati da un contesto molto ricco».

Lo stesso effetto si ritrova nei quadri. «La sua è un'interpretazione piena della figura umana. Non c'è differenza tra la voluptas che immette nel sacro e la sostanza umana ed emotiva che fa affluire nell’eros. Non distingue mai totalmente i due aspetti, ma li universalizza proponendo una sua visione della sostanza spirituale e profana nell’arte.

Correggio è sempre stato più noto per la sua pittura religiosa. Ma quando ha affrontato il soggetto del profano è stato altrettanto grande. «Non divide la natura dalla spiritualità. L'universale è fatto dallo spirito e dalla materia. Le sue donne sono carnali, vive. Non sono statue. Esprime un'eroticità che non è mai volgare. E' piuttosto piena di grazia, di dolcezza. Pensiamo alla serie dedicata agli Amori di Giove. Un esempio per tutti: Leda e il Cigno, un quadro che non verrà in mostra, fatto a pezzi dal duca d'Orléans perché lo considerava troppo erotico, pornografico per i tempi e troppo forte per il suo moralismo. L'amplesso è totale, ma non disturba, non infastidisce ispirandosi alle Metamorfosi di Ovidio e al mito. E' delicato nella sua evidenza. Lo stesso discorso vale per la Danae, schiva di fronte a Giove che sotto forma di pioggia d'oro, sta per possederla. Ecco, Correggio è così in tutte le tele».

Correggio è anche il «pittore della luce». Sembra davvero che riesca a creare la luce con il colore. «Una definizione calzante. Nelle cupole sopperisce alla carenza di luce naturale con accorgimenti e tavolozze speciali. In questo modo Correggio riesce anche a rappresentare il divino empireo con grande intensità».

Cosa rappresenta per Parma questa mostra? «E’ prima di tutto un impegno morale e professionale straordinario, si potrebbe dire, irripetibile e il più completo che si possa, oggi realizzare. La scelta di dedicare una grande mostra a Correggio è dettata dalla storia artistica di questa città. Era una responsabilità delle istituzioni proporre un avvenimento di questo tipo, in allineamento a quello per Parmigianino. Era un imperativo per tutti noi fare conoscere il talento decantato dalla critica artistica di cinque secoli fa oltrechè dagli artisti del suo tempo e da quelli venuti nei secoli successivi e, inoltre, controllare puntigliosamente, lo stato conservativo delle grandi cupole e permetterne l’avvicinamento a chi già lo conosce e a chi lo incontrerà per la prima volta. Formare, informare, conservare, valorizzare, questo è fare cultura».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Angelina Jolie mangia insetti con i figli

curiosità

Angelina Jolie ai fornelli: mangia insetti coi figli Video

arsenal

inghilterra

Mangia il panino in panchina. E il Sutton lo licenzia Video

Bebe Vio minacciata di violenza sessuale su social network

denuncia

Bebe Vio minacciata di violenza sessuale sui social network

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Lavagna, la droga e il troppo amore

EDITORIALE

I figli, la droga e una mamma "condannata" per troppo amore

di Carlo Brugnoli

12commenti

Lealtrenotizie

Collecchio, ecco come sono stati incastrati i rapinatori della Cariparma

carabinieri

Collecchio, ecco come sono stati incastrati i rapinatori della Cariparma

7commenti

procura

Bryan, nato senza gambe: chiesta l'archiviazione dell'indagine per lesioni colpose

agroalimentare

Falsi prosciutti Dop: indagati, perquisizioni. Consorzio "Parma": "Noi parte lesa"

1commento

solidarietà

Parma Facciamo Squadra: un risultato (super) da 162.700 euro

Al Regio, cerimonia di consegna dei fondi

Premio "donna sport"

Un "oro" sui libri per la Folorunso: è pure strabrava a scuola

il caso

Tep, la tempesta delle reazioni è politico-sindacale

Dalla Cgil o la Uil fino a Casapound, gli interventi sull'aggiudicazione del servizio di trasporto pubblico fa discutere

4commenti

Fisco

Condomini, l'Agenzia delle Entrate proroga la scadenza al 7 marzo

giudice

Crociati a Salò senza Baraye. Parma multato per lancio di bottigliette

1commento

Fidenza

Concari, la medicina come missione

L'intervista Il direttore dell'équipe di Ortopedia a Vaio racconta la sua esperienza: nove volte in Bangladesh

tg parma

Multe dei varchi: il Comune propone una risoluzione bonaria Video

6commenti

ente

Provincia, assegnate le deleghe. Bodria è vicepresidente

3commenti

IL CASO

Finto malato e assenteista, condannato ex infermiere del Maggiore

La corte dei conti: 24.824 euro di risarcimento

5commenti

GAZZAREPORTER

Degrado in Oltretorrente Foto

Un lettore racconta con le immagini una passeggiata abortita

8commenti

Salso

Righe blu, e la mezz'ora gratis che fine ha fatto?

1commento

Sicurezza

Parma, blitz nelle cattedrali del degrado

5commenti

scuola

Marconi, il consiglio di istituto boccia il sorteggio

La Gilda: "La politica trovi una soluzione e nuove aule"

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Le deprimenti liti dei politici

5commenti

EDITORIALE

L'ottusa burocrazia che blocca l'Italia

di Gian Luca Zurlini

ITALIA/MONDO

roma

Tassisti in piazza, cariche davanti alla sede Pd Video

avetrana

Omicidio di Sarah, confermato l'ergastolo per Cosima e Sabrina. E Michele Misseri torna in carcere

2commenti

SOCIETA'

modena

Travestito da water, era alla guida completamente ubriaco

Palermo

Blitz dei carabinieri, i rom rispondono cantando Bello Figo

4commenti

SPORT

LEGA PRO

Parma-Samb 4-2:
il film del match Video

storie di ex

Adriano, l'ultimo tabellino? Compleanno, festa da 91mila euro

MOTORI

anteprima

Nuova Kia Rio. Eccola in azione Video

SUPERCAR

Ferrari 812 Superfast,
la nuova berlinetta da 800 Cv