12°

Arte-Cultura

Da tutto il mondo tele "sacre" e "profane"

0

Davide Gasparotto (storico dell'arte direttore-coordinatore Soprintendenza Beni Storici e Artistici di Parma e Piacenza)

Ambizione della mostra, allestita lungo un percorso articolato negli spazi suggestivi della Galleria Nazionale, è quella di presentare per la prima volta in maniera organica la carriera e l’opera di Correggio, che sarà poi completata dalla visita ai cicli di affreschi della Camera di San Paolo, di San Giovanni Evangelista e della Cattedrale. Nell’esposizione si potrà ripercorrere l’intera vicenda umana e creativa del pittore, ammirando le sue opere su tavola, su tela e i suoi disegni, provenienti dai maggiori musei del mondo, entro il contesto più ampio dell’arte della sua epoca.

Dalle pale alle piccole Madonne Dopo un’introduzione ai «luoghi» allegriani, vale a dire ai centri nei quali l’artista lavorò – la nativa Correggio, Mantova, Reggio Emilia, Modena e naturalmente Parma – la mostra si aprirà di fatto con una spettacolare sezione «a tema», incentrata sulle due meravigliose tele provenienti dalla Cappella Del Bono in San Giovanni, il «Martirio dei quattro santi» e il «Compianto su Cristo morto». Quest’ultimo fu oggetto dell’ammirazione di generazioni di pittori per tutto il Cinquecento e il Seicento, impressionati dalla forza sconvolgente con cui in quei dipinti erano rappresentate le passioni. Così come nel Correggio delle cupole si ammira soprattutto la straordinaria abilità nel proiettare lo spettatore nell’illusione da lui stesso creata, nel Correggio delle pale e nelle opere da cavalletto quello che colpisce di più è la capacità di coinvolgere emotivamente lo spettatore nella rappresentazione: egli riesce sempre a creare intorno alle sue figure un’aura di sospesa concentrazione, di sottile e delicata espressività, di tenero e sensuale abbandono. La mostra assumerà poi un andamento più tradizionalmente cronologico, suddivisa in tre grandi blocchi. Nelle sale dei Voltoni del Guazzatoio si potranno ammirare i dipinti giovanili: le prime pale d’altare – come quella con i «Quattro santi» oggi al Metropolitan Museum di New York, in origine eseguita per la cappella della famiglia Fassi nell’Oratorio della Misericordia a Correggio – e le sue prime, squisite Madonne col Bambino, tele o tavole di piccole dimensioni destinate alla devozione privata. In queste prime opere si coglie già lo stile personalissimo del Correggio, ma si possono ancora leggere in filigrana i debiti verso alcuni protagonisti della scena contemporanea, come i bolognesi Francia e Costa, e soprattutto verso Leonardo e i suoi allievi milanesi, che trasmisero all’Allegri l’interesse verso la raffigurazione del mobile gioco dei sentimenti.

Gli scambi artistici e la maturità Per poter meglio apprezzare questi scambi artistici, diverse opere di questi maestri saranno esposte accanto ai quadri di Correggio. Una volta salita la spettacolare «scala dei cavalli» ci si troverà immersi nel mondo della grafica correggesca, con una scelta molto ampia dei suoi disegni, esemplificativa della varietà delle tecniche da lui impiegate e con una speciale attenzione riservata ai disegni preparatori per i cicli di affreschi che sarà poi possibile ammirare nel corso delle altre visite in città.

Le perle della maturità del genio Infine, nelle Sale della Rocchetta della Pinacoteca il percorso di mostra conoscerà il suo culmine con la sfolgorante maturità artistica di Correggio: accanto alle più celebri ed inamovibili pale d’altare del maestro - la «Madonna di San Girolamo» e la «Madonna della Scodella», da sempre vanto della nostra città – troveranno posto capolavori sacri provenienti dai maggiori musei del mondo, come la tenera «Madonna del latte» del Museo di Budapest e la delicatissima «Madonna che adora il Bambino» degli Uffizi, per arrivare alle famose tele di carattere profano. Gli spettatori lasceranno la mostra avendo negli occhi la spettacolare serie degli «Amori di Giove»: Danae bagnata dalla pioggia d’oro, Ganimede rapito in cielo dall’aquila, Io abbracciata da un’impalpabile nuvola rappresentano il punto d’arrivo di un itinerario artistico capace di dare carne e sangue all’ideale umanistico della rinascita della cultura classica.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Arriva il Tapiro d'oro, Renzi: "Un Tapiro cumulativo lo merito..."

Roma

Arriva il Tapiro d'oro, Renzi: "Un Tapiro cumulativo lo merito..." Foto

Jessica allena i glutei

GOSSIP

Sexy allenamento di Jessica Immobile: boom di clic 

Aurora Ramazzotti canta la canzone di papà Eros e lo imita: «Mi ucciderà»

radio

Aurora Ramazzotti imita papà Eros: «Mi ucciderà» Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

I dieci errori da evitare in palestra

FITNESS

I dieci errori da evitare in palestra

Lealtrenotizie

Aggiudicazione provvisoria⁩

Parma

Trasporto pubblico, gara a Busitalia. Tep all'attacco: "Verificheremo se l'assegnazione è legittima"

Offerte eccessivamente al ribasso - dice la Tep - possono poi avere pesantissime ripercussioni sul servizio, sugli utenti e sui lavoratori

4commenti

Parma

Ancora animali avvelenati: un caso in zona Montanara Foto

La polizia municipale, su Twitter, invita a fare attenzione in via Torrente Manubiola

Parma

Mattinata di incidenti: quattro feriti in poche ore Foto

Via Mazzini

I commercianti: «Minacciati dalle baby gang»

5commenti

La storia

Silvia, convertita all'ebraismo: mollo tutto e mi trasferisco in Israele

Cocaina

Preso il pusher dei ragazzini

1commento

Polizia municipale

Autovelox e autodetector: ecco la mappa dei controlli a Parma

Lega Pro

Parma: splendida rimonta, Samb ko

tg parma

Il pugile Fragomeni dona 25mila euro all'Ospedale dei Bambini Video

BASSA

I truffatori arrestati risarciscono i negozianti raggirati

1commento

Gazzareporter

Parcheggio "selvaggio" in via Marchesi

Sant'Ilario d'Enza

Rissa a colpi di sedie e tavolini: quattro stranieri in manette

Due indiani e due pakistani si sono affrontati fuori da un kebab di via Roma, nel paese della Val d'Enza

5commenti

Rugby

Al Molino Grassi un super-derby Foto

Al fotofinish grazie alla mischia i gialloblù trovano la meta e superano i «cugini» dell'Amatori

Fidenza

Malore in piazza, l'esercitazione diventa soccorso reale

Salsomaggiore

Addio a Iolanda Campanini, una vita fra libri e giornali

Il personaggio

Il bussetano Laurini debutterà in F3 al volante di una Dallara: «Che emozione»

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La risposta che occorre per placare la rabbia

di Michele Brambilla

1commento

IL DIRETTORE RISPONDE

Le deprimenti liti dei politici

2commenti

ITALIA/MONDO

vercelli

Voleva salvare il cane: travolto dal trattore di papà

auto

Addio al libretto di circolazione: il documento sarà unico

1commento

COSTUME

L'INDISCRETO

I belli delle donne

1commento

LA PEPPA

La ricetta: Whoopies arlecchino per il carnevale dei piccoli

SPORT

ATLETICA

«Ayo» Folorunso campionessa italiana nei 400

Stadio Tardini

Parma-Samb 4-2: ecco il gol di Munari

MOTORI

SUPERCAR

Ferrari 812 Superfast,
la nuova berlinetta da 800 Cv

300 CV

Leon Cupra, la Seat più potente di sempre Gallery