11°

26°

Arte-Cultura

Risucchiati nel vortice delle cupole

0

di Pier Paolo Mendogni

Entrati nella solenne maestosità romanico-rinascimentale del Duomo, quando si giunge sotto la cupola si prova un senso di stordimento sentendosi risucchiati nel vortice osannante che accompagna l’Assunzione di Maria in un cono sfolgorante di luce divina mentre il figlio le scende incontro. Il sommo capolavoro del Correggio – e della pittura di tutti i tempi – dopo cinque secoli continua ancora a stupire, ad affascinare con la sua illusoria spettacolarità teatrale, con la sua trionfante spiritualità. «Le sue cupole sono di una audacia tale – ha scritto nel 1988 Charles Bouleau – che la piena marea decorativa dell’età barocca non ne vide di più sorprendenti». Due secoli prima Anton Raphael Mengs aveva affermato che la cupola del Duomo è la più bella che sia mai stata dipinta. Il Correggio ha impiegato ad affrescarla 283 giornate lavorative tra il 1526 e il 1530, realizzando pure i pennacchi coi santi patroni e tre sottarchi.

L’Assunzione di Maria, cui la Cattedrale è dedicata, avviene sotto gli occhi degli imponenti apostoli indossanti ampi mantelli, posti su un rilievo a finto marmo così ben fatto da ingannare tanti illustri visitatori: rappresenta il bordo del sepolcro di Maria aperto nella profondità terrena; gli apostoli si appoggiano a una balaustra su cui si trovano delle torce e degli incantevoli angeli efebi che bruciano rami di pino e incenso. La Vergine sale accompagnata da personaggi della Storia Sacra tra cui Eva, Giuditta e Marta sulla destra e Adamo, Abramo e Giacobbe sulla sinistra. Sotto, nei pennacchi, Correggio ha raffigurato Sant’Ilario, patrono principale della città col libro, la mitria e il pastorale; San Giovanni Battista, cui è dedicato il Battistero, con l’agnello; San Bernardo degli Uberti, patrono della diocesi e consacrato vescovo quando è stata dedicata la cattedrale da Pasquale II (1106); San Giuseppe, proclamato patrono cittadino proprio nel 1528, coi simboli della fuga in Egitto (bastone, palma e datteri).

Lo spazio architettonico il Correggio l’ha superato la prima volta nella cupola di San Giovanni (1520-21) dove ha rappresentato la morte dell’Evangelista a Efeso, seguendo il testo della «Leggenda Aurea» che riporta la tradizione, scaturita da un passo del Vangelo dello stesso Giovanni, secondo la quale al momento del trapasso Giovanni avrebbe visto Cristo scendergli incontro circondato dagli apostoli. Diversi storici dell’arte, che non hanno molta dimestichezza con la letteratura giovannea, hanno impropriamente parlato di Visione di Patmos, l’isola in cui Giovanni ha scritto l’Apocalisse, ma in tutto il libro non vi è alcun accenno a una visione di Cristo circondato dagli apostoli. Non solo, ma il passo apocalittico preso dal Burckhardt a sostegno della «visione» si riferisce chiaramente al Cristo giudice e re della Parousia: un Cristo, quindi, tutto diverso da quello rappresentato nella cupola, il quale col volto intriso di tenerezza viene ad accompagnare il passaggio dell’apostolo prediletto nel regno dei Cieli. Gli apostoli a torso nudo, disegnati con rilevante plasticità anatomica, siedono su nuvole rigonfie tra cui si incuneano putti vivacissimi; i manti che corrono tra l’uno e l’altro accennano a un leggero movimento e accentuano quel cono spaziale da cui scende verticalmente, per la prima volta, Cristo. Correggio qui ha tenuto presente quanto ha visto a Roma negli affreschi di Raffaello e di Michelangelo, ma rispetto a quest’ultimo ha saputo fondere la forza fisica con la grazia spirituale e con una gestualità misurata. Gli apostoli sono immersi in uno spazio senza definizione per cui è il loro corpo che diventa misura dello spazio stesso: un artificio che Michelangelo userà più tardi (1537-41) nel grandioso Giudizio Universale.

Nei pennacchi, più complessi di quelli della Cattedrale, Antonio ha dipinto i quattro evangelisti coi loro simboli e ognuno è accompagnato da un padre della chiesa con cui colloquia: San Matteo con San Gerolamo, San Luca con Sant’Ambrogio, San Marco con San Gregorio e San Giovanni con Sant’Agostino i quali parlano della Trinità: l’evangelista indica con le dita le tre persone e Agostino risponde unendo le dita per indicare un’unica natura. Tra le figure a monocromo dipinte nei sottarchi, la scena di Caino e Abele viene attribuita al Parmigianino. Il Correggio, oltre alla cupola, ha affrescato la lunetta col giovane San Giovanni, la crociera del presbiterio, l’abside (poi distrutta) e la fascia della navata centrale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Insinna insulta i concorrenti: "Avevamo 7 dementi, ha giocato una nana"

striscia la notizia

Insinna insulta i concorrenti di "Affari tuoi": infuria la polemica Video

1commento

Prometteva la vittoria a Miss Mondo in cambio di sesso: smascherato da "Striscia la notizia"

MISS MONDO

Chiedeva sesso in cambio della vittoria: smascherato da "Striscia la notizia" Foto

Game of thrones 7

Game of Thrones

"La grande guerra è arrivata"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Candidati: lancio Chiara

SPECIALE ELEZIONI 

Candidati sindaci, 15 risposte su Parma in 2' I video

di Chiara Cacciani

6commenti

Lealtrenotizie

Le «ronde elettroniche» funzionano. Già 260 i parmigiani coinvolti

Criminalità

Le «ronde elettroniche» funzionano. Già 260 i parmigiani coinvolti

2commenti

anteprima gazzetta

Fabi "ridisegna" l'ospedale. Ecco come cambia Video

Focus sui confronti elettorali fra i dieci candidati. Dopo molti anni due nuovi sacerdoti ordinati insieme. Inchieste sulle scuole materne di Parma. Tubercolosi, un secondo caso?

1commento

LEGA PRO

Play-off: il Parma giocherà con la Lucchese

Sondaggio: i nostri lettori speravano nei toscani o nella Reggiana. In caso di passaggio del turno, i crociati incontrerebbero la vincente di Pordenone-Cosenza

12commenti

lega pro

Paolo Grossi: "Lucchese, sorteggio favorevole" Video

Il Parma verso la Lucchese, guidata in panchina l'ex laziale Lopez, che ha sostituito Galderisi

2commenti

VERSO IL VOTO

Legalità, Alfieri lancia la sfida del certificato 335

E' il documento nel quale sono trascritti gli eventuali carichi pendenti

1commento

VERSO IL VOTO

Amministrative, i sondaggi nazionali sul «caso Parma». In testa Pizzarotti

9commenti

VIA COSTITUENTE

Colpiscono il gestore del supermercato con una catena: due donne arrestate per rapina

1commento

ENERGIA

Enel smetterà di cercare nuovi clienti via telefono

Novità dal 1° giugno

3commenti

TRAVERSETOLO

I ragazzini fanno i vandali, il sindaco: "Pagheranno le famiglie"

1commento

tg parma

Tubercolosi: migliora il 17enne malato ma c'è un altro caso "sospetto" al Rondani Video

2commenti

POLITICA

Il senatore Pagliari: "Dal 5 giugno arriveranno nuovi 15 vigili del fuoco a Parma"

2commenti

PARMA

Scontro auto-moto in via Colorno: un ferito

PARMA

Spacciava eroina in via Spadolini: condannato a 4 anni

Aveva 5,5 chili di cannabis: patteggia 36enne

Salsomaggiore

Lo struggente addio a Monia Lusignani

ESTATE

Torna "Musica in castello": 36 eventi in tutta la provincia

Alimentare

Parmacotto rilancia il brand sui canali digitali

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La balla dei soldi pubblici ai giornali

di Michele Brambilla

3commenti

EDITORIALE

Loro criminali paranoici. Noi troppo deboli e divisi

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

Nato

Trump prima delle foto spinge via il presidente del Montenegro Video

MODA

Laura Biagiotti è gravissima

SOCIETA'

MILANO

La danza dell'amore dei serpenti. In un parco pubblico

cinema

Festival di Cannes: curiosità dalla Croisette Foto

SPORT

playoff ritorno

Parma - Piacenza 2 - 0: gli highlights del match Video

CICLISMO

Giro: a Van Garderen il tappone dolomitico

MOTORI

IL TEST

Tiguan, come prima più di prima

novita'

Mazda CX-5, il Suv compatto che sfida i marchi premium