11°

Arte-Cultura

Risucchiati nel vortice delle cupole

Ricevi gratis le news
0

di Pier Paolo Mendogni

Entrati nella solenne maestosità romanico-rinascimentale del Duomo, quando si giunge sotto la cupola si prova un senso di stordimento sentendosi risucchiati nel vortice osannante che accompagna l’Assunzione di Maria in un cono sfolgorante di luce divina mentre il figlio le scende incontro. Il sommo capolavoro del Correggio – e della pittura di tutti i tempi – dopo cinque secoli continua ancora a stupire, ad affascinare con la sua illusoria spettacolarità teatrale, con la sua trionfante spiritualità. «Le sue cupole sono di una audacia tale – ha scritto nel 1988 Charles Bouleau – che la piena marea decorativa dell’età barocca non ne vide di più sorprendenti». Due secoli prima Anton Raphael Mengs aveva affermato che la cupola del Duomo è la più bella che sia mai stata dipinta. Il Correggio ha impiegato ad affrescarla 283 giornate lavorative tra il 1526 e il 1530, realizzando pure i pennacchi coi santi patroni e tre sottarchi.

L’Assunzione di Maria, cui la Cattedrale è dedicata, avviene sotto gli occhi degli imponenti apostoli indossanti ampi mantelli, posti su un rilievo a finto marmo così ben fatto da ingannare tanti illustri visitatori: rappresenta il bordo del sepolcro di Maria aperto nella profondità terrena; gli apostoli si appoggiano a una balaustra su cui si trovano delle torce e degli incantevoli angeli efebi che bruciano rami di pino e incenso. La Vergine sale accompagnata da personaggi della Storia Sacra tra cui Eva, Giuditta e Marta sulla destra e Adamo, Abramo e Giacobbe sulla sinistra. Sotto, nei pennacchi, Correggio ha raffigurato Sant’Ilario, patrono principale della città col libro, la mitria e il pastorale; San Giovanni Battista, cui è dedicato il Battistero, con l’agnello; San Bernardo degli Uberti, patrono della diocesi e consacrato vescovo quando è stata dedicata la cattedrale da Pasquale II (1106); San Giuseppe, proclamato patrono cittadino proprio nel 1528, coi simboli della fuga in Egitto (bastone, palma e datteri).

Lo spazio architettonico il Correggio l’ha superato la prima volta nella cupola di San Giovanni (1520-21) dove ha rappresentato la morte dell’Evangelista a Efeso, seguendo il testo della «Leggenda Aurea» che riporta la tradizione, scaturita da un passo del Vangelo dello stesso Giovanni, secondo la quale al momento del trapasso Giovanni avrebbe visto Cristo scendergli incontro circondato dagli apostoli. Diversi storici dell’arte, che non hanno molta dimestichezza con la letteratura giovannea, hanno impropriamente parlato di Visione di Patmos, l’isola in cui Giovanni ha scritto l’Apocalisse, ma in tutto il libro non vi è alcun accenno a una visione di Cristo circondato dagli apostoli. Non solo, ma il passo apocalittico preso dal Burckhardt a sostegno della «visione» si riferisce chiaramente al Cristo giudice e re della Parousia: un Cristo, quindi, tutto diverso da quello rappresentato nella cupola, il quale col volto intriso di tenerezza viene ad accompagnare il passaggio dell’apostolo prediletto nel regno dei Cieli. Gli apostoli a torso nudo, disegnati con rilevante plasticità anatomica, siedono su nuvole rigonfie tra cui si incuneano putti vivacissimi; i manti che corrono tra l’uno e l’altro accennano a un leggero movimento e accentuano quel cono spaziale da cui scende verticalmente, per la prima volta, Cristo. Correggio qui ha tenuto presente quanto ha visto a Roma negli affreschi di Raffaello e di Michelangelo, ma rispetto a quest’ultimo ha saputo fondere la forza fisica con la grazia spirituale e con una gestualità misurata. Gli apostoli sono immersi in uno spazio senza definizione per cui è il loro corpo che diventa misura dello spazio stesso: un artificio che Michelangelo userà più tardi (1537-41) nel grandioso Giudizio Universale.

Nei pennacchi, più complessi di quelli della Cattedrale, Antonio ha dipinto i quattro evangelisti coi loro simboli e ognuno è accompagnato da un padre della chiesa con cui colloquia: San Matteo con San Gerolamo, San Luca con Sant’Ambrogio, San Marco con San Gregorio e San Giovanni con Sant’Agostino i quali parlano della Trinità: l’evangelista indica con le dita le tre persone e Agostino risponde unendo le dita per indicare un’unica natura. Tra le figure a monocromo dipinte nei sottarchi, la scena di Caino e Abele viene attribuita al Parmigianino. Il Correggio, oltre alla cupola, ha affrescato la lunetta col giovane San Giovanni, la crociera del presbiterio, l’abside (poi distrutta) e la fascia della navata centrale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Un talento parmigiano in finale al Tour Music Fest: The European Music Contest

Palcoscenico

Un talento parmigiano in finale al "Tour Music Fest"

Shakira

Shakira

musica

Shakira sta male: "Emorragia alle corde vocali". Concerti rimandati

 Mangiamusica, gran finale  con le Sorelle Marinetti

Fidenza

Mangiamusica, gran finale con le Sorelle Marinetti Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

La casa in classe energetica A o B? Va acquistata subito

L'ESPERTO

La casa in classe energetica A o B? Meglio acquistarla subito

di Arturo Dalla Tana*

1commento

Lealtrenotizie

Straser: «Ecco perché si è risvegliata la linea sismica del Taro»

L'ESPERTO

Straser: «Ecco perché si è risvegliata la linea sismica del Taro»

TERREMOTO

A Fornovo tra la gente: «Mi tremavano le gambe»

Vicino al Regio

Ubriaco cerca di rapinare tre ragazzi

TUTTAPARMA

La storia dei carabinieri a Parma

QUARTIERI

Sport e solidarietà , i 50 anni del circolo «Frontiera '70»

Tornolo

Lisa, nonna coraggiosa. Ha detto addio a 101 anni

FIDENZA

Tangenziale Sud, oggi via a nuovi lavori

TERREMOTO

Sciame sismico in Appennino, 17 scosse. Le più forti avvertite in tutta la provincia

A Fornovo la più forte (4.4). Non segnalati danni

5commenti

ULTIM'ORA

Uno dei terremoti più profondi in Emilia Romagna

La scossa più forte su un basamento roccioso

2commenti

Le reazioni

La sindaca di Fornovo: "Tanta paura, ma niente danni"

Il sindaco Pizzarotti "La scossa è stata sentita a Parma, ma non è di particolare rilievo"

Gattatico

«Mi hanno derubato». Ma è una truffa

VIA MILANO

Bocconi avvelenati nel parco dei Vetrai, animali a rischio

La polizia municipale ha circoscritto l'area e sta effettuando rilievi

2commenti

Incidente

Scontro su strada Pilastro, un ferito

2commenti

PARMA

Riina: l'addio senza lacrime (e lite con i cronisti) della vedova e dei figli

Maria Concetta Riina se la prende con i giornalisti. L'avvocato: "Andatevene, è scandalismo". Conclusa l'autopsia sul corpo del boss (Ipotesi tecnica di "omicidio colposo" contro ignoti) : i risultati tra 60 giorni

15commenti

FUNERALE

La lettera della mamma di Mattia

IN PENSIONE

Roncoroni, chirurgo a tutto campo

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La figlia di Totò Riina e una rabbia che offende

di Georgia Azzali

4commenti

TRAFFICO

La mappa degli autovelox dal 20 al 24 novembre

ITALIA/MONDO

Ris di Parma

Scomparse due mogli di un allevatore: trovate ossa nella stalla

3commenti

Il caso

Cerca la madre naturale. Lei la gela: "Sei il simbolo della violenza subita"

2commenti

SPORT

SERIE A

Crolla la Juve, l'Inter batte l'Atalanta ed è seconda

SERIE B

Pari fra Salernitana e Cremonese: Parma sempre in testa

SOCIETA'

GENOVA

Uomo aggredito da un cinghiale nei boschi del genovese

LA PEPPA

Pollo e peperoni ripieni

1commento

MOTORI

IL NOSTRO TEST

Meglio ibrida o plug-in? La risposta è Hyundai Ioniq

LA PROVA

Hyundai Kona, il nuovo B-Suv in 5 mosse Le foto