14°

31°

Arte-Cultura

Risucchiati nel vortice delle cupole

Ricevi gratis le news
0

di Pier Paolo Mendogni

Entrati nella solenne maestosità romanico-rinascimentale del Duomo, quando si giunge sotto la cupola si prova un senso di stordimento sentendosi risucchiati nel vortice osannante che accompagna l’Assunzione di Maria in un cono sfolgorante di luce divina mentre il figlio le scende incontro. Il sommo capolavoro del Correggio – e della pittura di tutti i tempi – dopo cinque secoli continua ancora a stupire, ad affascinare con la sua illusoria spettacolarità teatrale, con la sua trionfante spiritualità. «Le sue cupole sono di una audacia tale – ha scritto nel 1988 Charles Bouleau – che la piena marea decorativa dell’età barocca non ne vide di più sorprendenti». Due secoli prima Anton Raphael Mengs aveva affermato che la cupola del Duomo è la più bella che sia mai stata dipinta. Il Correggio ha impiegato ad affrescarla 283 giornate lavorative tra il 1526 e il 1530, realizzando pure i pennacchi coi santi patroni e tre sottarchi.

L’Assunzione di Maria, cui la Cattedrale è dedicata, avviene sotto gli occhi degli imponenti apostoli indossanti ampi mantelli, posti su un rilievo a finto marmo così ben fatto da ingannare tanti illustri visitatori: rappresenta il bordo del sepolcro di Maria aperto nella profondità terrena; gli apostoli si appoggiano a una balaustra su cui si trovano delle torce e degli incantevoli angeli efebi che bruciano rami di pino e incenso. La Vergine sale accompagnata da personaggi della Storia Sacra tra cui Eva, Giuditta e Marta sulla destra e Adamo, Abramo e Giacobbe sulla sinistra. Sotto, nei pennacchi, Correggio ha raffigurato Sant’Ilario, patrono principale della città col libro, la mitria e il pastorale; San Giovanni Battista, cui è dedicato il Battistero, con l’agnello; San Bernardo degli Uberti, patrono della diocesi e consacrato vescovo quando è stata dedicata la cattedrale da Pasquale II (1106); San Giuseppe, proclamato patrono cittadino proprio nel 1528, coi simboli della fuga in Egitto (bastone, palma e datteri).

Lo spazio architettonico il Correggio l’ha superato la prima volta nella cupola di San Giovanni (1520-21) dove ha rappresentato la morte dell’Evangelista a Efeso, seguendo il testo della «Leggenda Aurea» che riporta la tradizione, scaturita da un passo del Vangelo dello stesso Giovanni, secondo la quale al momento del trapasso Giovanni avrebbe visto Cristo scendergli incontro circondato dagli apostoli. Diversi storici dell’arte, che non hanno molta dimestichezza con la letteratura giovannea, hanno impropriamente parlato di Visione di Patmos, l’isola in cui Giovanni ha scritto l’Apocalisse, ma in tutto il libro non vi è alcun accenno a una visione di Cristo circondato dagli apostoli. Non solo, ma il passo apocalittico preso dal Burckhardt a sostegno della «visione» si riferisce chiaramente al Cristo giudice e re della Parousia: un Cristo, quindi, tutto diverso da quello rappresentato nella cupola, il quale col volto intriso di tenerezza viene ad accompagnare il passaggio dell’apostolo prediletto nel regno dei Cieli. Gli apostoli a torso nudo, disegnati con rilevante plasticità anatomica, siedono su nuvole rigonfie tra cui si incuneano putti vivacissimi; i manti che corrono tra l’uno e l’altro accennano a un leggero movimento e accentuano quel cono spaziale da cui scende verticalmente, per la prima volta, Cristo. Correggio qui ha tenuto presente quanto ha visto a Roma negli affreschi di Raffaello e di Michelangelo, ma rispetto a quest’ultimo ha saputo fondere la forza fisica con la grazia spirituale e con una gestualità misurata. Gli apostoli sono immersi in uno spazio senza definizione per cui è il loro corpo che diventa misura dello spazio stesso: un artificio che Michelangelo userà più tardi (1537-41) nel grandioso Giudizio Universale.

Nei pennacchi, più complessi di quelli della Cattedrale, Antonio ha dipinto i quattro evangelisti coi loro simboli e ognuno è accompagnato da un padre della chiesa con cui colloquia: San Matteo con San Gerolamo, San Luca con Sant’Ambrogio, San Marco con San Gregorio e San Giovanni con Sant’Agostino i quali parlano della Trinità: l’evangelista indica con le dita le tre persone e Agostino risponde unendo le dita per indicare un’unica natura. Tra le figure a monocromo dipinte nei sottarchi, la scena di Caino e Abele viene attribuita al Parmigianino. Il Correggio, oltre alla cupola, ha affrescato la lunetta col giovane San Giovanni, la crociera del presbiterio, l’abside (poi distrutta) e la fascia della navata centrale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

"Dai un bacio a Chiara"  Fedez e Chiara Ferragni approdano a Capri

gossip

Fedez e Chiara Ferragni (e Rovazzi) a Capri: folla in delirio Video

Rinoceronte ancora in finale al Talent Show "Eccezionale veramente"

tg parma

Rino Ceronte ancora in finale al talent show "Eccezionale veramente" Video

La D’Urso in barca con Gerard Butler: è amore?

gossip

La D’Urso in barca con Gerard Butler: è amore?

Notiziepiùlette

Samuele Turco suicida in carcere
delitto san prospero

Samuele Turco suicida in carcere

Ultime notizie

Gazzareporter: manda le tue foto e "cartoline" e vinci

CONCORSI

Gazzareporter: manda le tue foto e "cartoline" e vinci

Lealtrenotizie

Via Anselmi, fiamme in una palazzina: intossicata e ustionata una 60enne Video

parma

Via Anselmi, fiamme in una palazzina: intossicata e ustionata una 60enne Video

delitto san prospero

Samuele Turco suicida in carcere

2commenti

droga

Arrestata l'insospettabile studentessa-pusher

7commenti

incidente

Cade dalla bici in via Repubblica: grave 74enne

L'omicidio

Fred nella casa, un silenzioso dolore

salsomaggiore

Trovati con arnesi da scasso nell'auto: quattro denunciati

3commenti

gazzareporter

"Ladri di biciclette... alla parmigiana": il racconto di una lettrice

2commenti

parma calcio

Di Gaudio in maglia crociata

via capelluti

Teneva la pianta di marijuana sul balcone. Ma sono passati i vigili....

tg parma

Messa in sicurezza del Baganza, l'Unione Pedemontana pressa la Regione

partecipate

Stu Pasubio, chiusa l'indagine preliminare. Pizzarotti: "Resto tranquillo"

gazzareporter

Parma, 2017: dormire sotto il ponte

1commento

Ateneo

Iscrizioni all'Università, alcuni corsi subito "bruciati". Con polemica

Salsomaggiore

Migranti o miss, questo è il dilemma

MONCHIO

«Montagna creativa», una start up per il territorio

1commento

lavoro

L'osteopatia entra in Barilla: trattamenti per i dipendenti

Per migliorare la resistenza allo stress e in generale la vita dei lavoratori

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL CASO

Samuele Turco, la tragedia e la pietà Video-editoriale

EDITORIALE

Pusher e prostituzione: qualcuno intervenga

di Francesco Bandini

19commenti

ITALIA/MONDO

londra

Il fratello di Diana: "Quattro tentativi di rubare la salma"

Francia

Incendi in Costa Azzurra, evacuate 10.000 persone Foto

SPORT

tormentone

Morandi: "Cassano, facciamo una canzone e giochi nella nazionale cantanti"

calcio

Serie A: si riparte il 19 agosto con il match delle 18

SOCIETA'

degrado

Pipì da Ponte Vecchio: esplode la protesta (social)

siccità

Il Po in Piemonte è sotto la media storica: portata -55%

MOTORI

TECNOLOGIA

Bosch e Daimler, il parcheggio è autonomo Gallery

il video

Tutto in 44 secondi: un’intervista a 300 km/h sulla nuova Jaguar XJR575 Video