-2°

Arte-Cultura

Il Premio Pen Club in pericolo

Il Premio Pen Club in pericolo
1

Il premio Pen Club  è uno dei più prestigiosi e importanti riconoscimenti a cui possa ambire uno scrittore italiano. Da ventuno anni la  manifestazione letteraria si tiene nel suggestivo borgo di  Compiano. Ma, proprio mentre viene votata una straordinaria cinquina per l’edizione del 2011 (in finale i narratori Sandro Veronesi, con «XY», e Simonetta Agnello Hornby, con «La monaca», i poeti Giorgio Barberi Squarotti, con «I sambuchi di San Sebastiano», e Valentino Zeichen, con«Aforismi d'autunno», e  il saggista Roberto De Mattei,  con «Il Concilio Vaticano II») «il Comune valtarese annuncia di non poter firmare la convenzione per mancanza di fondi. Si profila il trasferimento forzato della manifestazione, bloccata a due mesi dall’evento» spiega  Lucio Lami, giornalista e scrittore, presidente onorario del Pen Club Italia e fondatore del premio.
Come ogni anno, facciamo il punto della vigilia sul premio letterario. A quel che sembra, siamo in allarme rosso. Come mai?
La situazione è vergognosa ma semplice. Il Premio è finanziato dal Pen per la parte organizzativa, tramite i suoi sponsor (Unione Parmense degli Industriali e Banca Cariparma) e dal Comune di Compiano per la parte accoglienza, attraverso i finanziamenti istituzionali. Quest’anno il Comune sostiene che gli sono stati decurtati gli aiuti del 50 per cento, cosa che gli impedisce di firmare la convenzione annuale. E’ la solita insipienza di chi dovrebbe sostenere la cultura ma, al primo cenno di raffreddore sull’economia, opera i tagli maggiori sempre lì, sulla cultura, la quale, evidentemente, è per molti un optional di poco conto.
Dobbiamo dedurre che il Premio non si farà?
Il premio si farà, ma a poche settimane dalla data programmata, il 27 agosto, non sappiamo ancora dove. Col Comune la convenzione annuale è scaduta e non ci è stata rinnovata. Compiano è un luogo carico di storia che ha offerto alla Regione il più importante premio letterario dell’Emilia e uno dei tre o quattro più importanti d'Italia, ma non può essere abbandonato così. Oltretutto, quest’inverno, ha subito il crollo di trenta metri di mura storiche e a tutt’oggi non si sa se e quando il governo si degnerà di far fronte al disastro. Da parte nostra, a causa dei ponteggi per bloccare la frana, che riducono la viabilità, non siamo in grado di trasferire al castello le sedici grandi sculture di Dorino Ouvrier previste per la consueta mostra d’arte. Ci vorrebbero delle gru, il cui impiego è costosissimo.
Come mai solo ora date l’allarme?
Perché solo ora siamo stati informati che l’abituale convenzione col Comune non viene firmata... Una situazione paradossale per la quale dovrebbe esserci una vera sollevazione del mondo culturale, mentre a Compiano la caduta delle «mura di Gerico» assurge a simbolo della crisi della cultura italiana in genere ed emiliana in particolare.  Nel frattempo, il Pen ha continuato a lavorare, organizzando le votazioni per la scelta della cinquina, mettendo all’opera l’ufficio stampa, preparando la promozione e i manifesti, selezionando le sculture per la mostra dell’artista valdostano Ouvrier , ingaggiando per il concerto artiste fuoriclasse come il soprano Joo Cho (sudcoreana) e l’arpista Paola Cavedon del Conservatorio Giuseppe Verdi di Milano...
Ci parli della cinquina…
Come al solito è strepitosamente in  controtendenza.  Hanno ottenuto il massimo di voti due esponenti raffinati della narrativa: Sandro Veronesi e Simonetta Agnello Hornby, due poeti, Giorgio Barberi Squarotti e Valentino Zeichen e un saggista, Roberto De Mattei, vicepresidente del CNR e discusso storico del Concilio Vaticano II. Gli editori sono: Feltrinelli, Oedipus, Lindau, Fandango e Fazi. Mancano i grandi monopolisti dei premi commerciali, cosa che conferma la fama del Pen come «antipremio».
Come mai avete anticipato la data all’ultimo sabato di agosto?
Perché il primo sabato di settembre vedeva ormai affastellati il Campiello, Mantova e una decina di altre manifestazioni.
Se la situazione resta bloccata, dove pensate di celebrare il Premio?
Francamente non ne ho idea: è troppo tardi per scegliere una nuova sede. Probabilmente ci limiteremmo a trasferirci nella nostra sede di Milano. Abbiamo pochi giorni per decidere, dopo esserci battuti per più di vent’anni a favore di Compiano, della Provincia di Parma, della Regione Emilia-Romagna. E ora il territorio di Parma rischia di perdere un appuntamento di grande interesse nazionale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • rosanna lupi

    27 Agosto @ 10.44

    Auguro tutta la fortuna possibile: al Premio, agli organizzatori, alla giuria e al suo Presidente! Purtroppo sono momenti bui per la cultura, quella autentica, quella onesta , e in un paese civile come il nostro, in cui la cultura e la poesia sono bandiere grandi da sventolare nel mondo, dobbiamo tenere alta la testa e il bene universale che ci accomuna! Da noi, in Versilia, il Comune di Camaiore ha rinviato al 2012 il glorioso Premio Camaiore di poesia . Una tristissima battuta d'arresto a trenta anni dalla nascita 1981/2011, ma la forza del 'Camaiore' auspico che riuscirà a superarla. Grazie dell'ospitalità. Cordialità Rosanna Lupi

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La solignanese Giulia De Napoli vince 85mila euro all'«eredità»

RAI UNO

Giulia De Napoli di Solignano vince 85mila euro all'«Eredità»

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

pgn feste

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

"Natura tra le pagine": un mese di foto all'Eurotorri

MOSTRA

"Natura tra le pagine": un mese di foto all'Eurotorri

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"Officina alimentare dedicata"

CHICHIBIO

"Officina alimentare dedicata"

di Chichibio

Lealtrenotizie

Picchiata e scaraventata giù da un'auto

San Leonardo

Picchiata e scaraventata giù da un'auto in via Doberdò

8commenti

Intervista

Pizzarotti: «Noi liberi di pensare solo al bene di Parma»

11commenti

Lutto

Addio ad Angela, la fisioterapista che aiutava tutti

TERREMOTO

In elicottero salva 41 persone: "Ma non chiamatemi eroe"

Parla Gabriele Graiani, vigile del fuoco di Parma: merito di una squadra formidabile

1commento

Porporano

Incendio di canna fumaria: sono intervenuti i vigili del fuoco

FIDENZA

Memorial Concari: trionfano i padroni di casa La classifica

polizia municipale

Autovelox e autodetector: ecco dove saranno

LUTTO

Germano Storci, il «signor Procomac» che fece diventare grande il Collecchio baseball

La storia

Nila e Giovanni, quando l'arte trova casa sui monti

Lega Pro

Parma, con Evacuo si vola

INTERVISTA

Silvia Olari «londinese»

Intervista

Dossena: «Non ho mai creduto al suicidio di Tenco»

gazzareporter

Muri imbrattati, a volte ritornano... Con provocazione al sindaco Foto

14commenti

La morte di Filippo

«Eri la mia vita». Lo strazio dei familiari

TESTIMONIANZA

Prima «attacco» con i biscotti, poi calci e pugni: parla la vittima della baby gang

7commenti

Parmense

Breve blackout a Salsomaggiore

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Dedicato a Filippo e a chi gli vuol bene

di Michele Brambilla

IL DIRETTORE RISPONDE

La neve, le parole e gli Uomini

ITALIA/MONDO

Rigopiano

"E' stato come una bomba. Ci siamo salvati mangiando la neve"

PADOVA

Orge in canonica, don Cavazzana ai fedeli: "Pregate per me"

SOCIETA'

Samsung

Incendi al Galaxy Note 7: erano il design e la manifattura delle batterie

polemica

Rigopiano: Charlie Hebdo, nuova (brutta) vignetta. Con risposta

12commenti

SPORT

modena

Calcio: genitore picchia ragazzi e dirigenti

Parma Calcio

Baraye "50 volte Crociato": targa con la foto dell'esultanza col passamontagna

MOTORI

ANTEPRIMA

Rivoluzione Micra: Nissan cambia tutto

IN PILLOLE

Dacia Sandero Stepway
model year 2017