-5°

Arte-Cultura

Spagna, il colore della ricerca

Spagna, il colore della ricerca
0

di Pier Paolo Mendogni

Una mostra intrigante quella in corso a Firenze a Palazzo Strozzi (fino al 17 luglio) su «Picasso Mirò Dalì giovani e arrabbiati: la nascita della modernità» in quanto ricerca quelle sottili trame, quelle tangenze, quegli scarti che si sono intrecciati fra i tre geni spagnoli della pittura contemporanea, pur a distanza di tempo in quanto tra la nascita di Picasso e quella di Mirò corrono tredici anni e tra Mirò e Dalì dieci. Eugenio Carmona - che ha curato la rassegna comprendente una settantina di opere insieme al catalogo edito da Skira - ha scelto un percorso a rovescio partendo dal 1926, la data storica riportata da Salvador Dalì (1904 -1989) nel suo libro «La mia vita segreta», quando sarebbe stato ricevuto a Parigi da Pablo Picasso (1881 - 1975). Il condizionale è d’obbligo in quanto lo stesso artista definisce il suo scritto una concentrazione di episodi reali e di episodi inventati e che certi fatti fantasiosi vengono partecipati con tanta intensità come se fossero veramente avvenuti. Il surrealista Dalì quindi stupisce sempre da quando si è fatto espellere dalla Accademia di San Ferdinando per avere maggiore libertà ma anche come ribellione al padre (di cui ci ha lasciato uno splendido ritratto a carboncino) ed ha eseguito una serie di quadri mitologici di cui la grandiosa «Composizione con tre figure» è un esempio sorprendente per l’impostazione neocubista col richiamo ai canoni classicheggianti. «E tuttavia da questo Dalì - osserva Carmona - che adotta inaspettatamente i tratti del tardo cubismo sorsero due aspetti fondamentali della sua opera e del suo contributo all’arte moderna: le ''forme molli''  e ''l'immagine multipla''». Nello stesso periodo in cui Dalì incontra Picasso vi è pure l’incontro con Mirò (1894-1983) che non era più un giovane artista in quanto la sua fase di formazione si considera terminata a trentadue anni, mentre per Picasso viene considerata conclusa a ventisei e per Dalì a ventuno. Tuttavia fin dall’inizio Mirò ha mostrato una sintesi di linguaggio molto particolare come si nota nelle varie tele esposte che segnano il suo percorso nel secondo decennio del Novecento con un cromatismo fauvistico usato per sottolineare la psicologia della persona ed esaltare la corposità degli oggetti. All’inizio degli anni Venti, Mirò cambia strada e compone tele di un calligrafico verismo («La spiga di grano», «La lampada a carburo»). Salvador Dalì, appena diciassettenne, ci stupisce con alcuni singolari quadri eseguiti a Cadaqués descrivendo accesi tramonti sulla scia dell’impressionismo che poi abbandona alla ricerca di una maggiore concentrazione scenica e esistenziale nel «Torrente di La Jorneta» e in «Cadaqués dalla Torre di Les Creus». Le strade di Mirò e di Piacasso si sono incrociate nel 1917 a Barcellona quando nel capoluogo catalano arrivarono i «Ballets Russes» con Olga Koklova e venne rappresentato «Parade» con i costumi e le scene disegnati da Picasso in chiave cubista e neoclassicista. Questo rapporto del cubismo come classicismo è stato compreso da Mirò che l’ha tradotto in opere in cui cita la realtà ma la trasforma con la potenza di un segno che le conferisce una intensità di vita («Mont-roig: il ponte», «Fiori»). L'ultima parte della mostra è dedicata ai lavori giovanili di Pablo Picasso con alcuni celebri capolavori quali «I due saltimbanchi» del periodo blu (1901) provenienti dal Museo Puskin di Mosca. Un singolare interesse suscita il «chierichetto» dipinto a 15 anni con un realismo già attento alla psicologia del personaggio: una caratteristica che verrà accentuata nella rappresentazione di personaggi sintetizzati in una sorta di primitivismo iconico. Con la scelta tecnica del blu e la scelta tematica degli emarginati Picasso - sottolinea Carmona - aspirava «a rifondare l’esperienza dell’artisticità. Il tentativo durò anni ma ci riuscì. Il bimbo genio mantenne la promessa, anche se era una promessa inaspettata. Gli acrobati e i personaggi del circo sostituirono gli indigenti. In essi, in un modo che solo Picasso sapeva avere, l'artista scoprì il disegno e le sagome di un classicismo rinnovato ed estraneo alle determinanti della Storia. Picasso seppe allora che ciò che cercava si trovava nella riflessione sulla forma». Così quando ha visto, verso il 1907, che il segreto della forma era quello dell’arte dei popoli primitivi, allora ha aperto la strada all’arte moderna.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

pgn feste

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

Rigopiano: Charlie Hebdo, nuova (brutta) vignetta. Con risposta

polemica

Rigopiano: Charlie Hebdo, nuova (brutta) vignetta. Con risposta

6commenti

"Cold Chairs": un inno alla vita"!

musica

Bataclan, da Collecchio l'omaggio dei "The Lemon Flavour" Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"Officina alimentare dedicata"

CHICHIBIO

"Officina alimentare dedicata"

di Chichibio

Lealtrenotizie

I crociati ritrovano la vittoria grazie a Evacuo: Parma-Santarcangelo 1-0

Stadio Tardini

Parma batte Santarcangelo 1-0 e si avvicina alla vetta Foto Video

Evacuo firma il gol della vittoria. Il Parma è secondo in classifica a 42 punti

1commento

Parma-Santarcangelo

Evacuo spera di rimanere al Parma Video

Anche Mazzocchi in sala stampa

La morte di Filippo

«Eri la mia vita». Lo strazio dei familiari

TESTIMONIANZA

Prima «attacco» con i biscotti, poi calci e pugni: parla la vittima della baby gang

7commenti

polizia municipale

Autovelox e autodetector: ecco dove saranno

gazzareporter

Muri imbrattati, a volte ritornano... Con provocazione al sindaco Foto

10commenti

La storia

Rocco e Giulia, salumieri a Innsbruck

1commento

MOSTRA

"Natura tra le pagine": un mese di foto all'Eurotorri

Protezione civile

I volontari parmigiani al lavoro nelle Marche

elezioni

Pizzarotti, è ufficiale: "Mi ricandido" Video . Dall'Olio si ritira: "Sostengo Scarpa"

30commenti

graffiti

Il sottopasso dello Stradone? Galleria di street art Foto

Polemica

«Sulla legionella ci hanno preso in giro»

6commenti

IL CASO

Vigili, la Fabbri si scusa con Bonsu e lo risarcisce

Lettera al giovane ghanese, che riceverà 20mila euro

4commenti

GRANDE FIUME

Il Po in secca? Attrazione per i turisti

1commento

Rugby

Zebre-London Wasps 13-22: ribaltato il vantaggio del primo tempo Foto

A Moletolo sono arrivati 300 tifosi inglesi

bedonia

Violenze sul padre per anni, arrestato un 40enne Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Dedicato a Filippo e a chi gli vuol bene

di Michele Brambilla

IL DIRETTORE RISPONDE

La neve, le parole e gli Uomini

ITALIA/MONDO

Gran Sasso

Rigopiano, individuata la sesta vittima: è un uomo

modena

Calcio: genitore picchia ragazzi e dirigenti

SOCIETA'

Reggiolo

Rave party con 600 giovani: fra loro una minorenne scomparsa da giorni

CINEMA

Da "Arrival" a "Qua la zampa": i film della settimana Video

SPORT

Parma Calcio

Baraye "50 volte Crociato": targa con la foto dell'esultanza col passamontagna

Parma Calcio

D'Aversa: "Non è mia volontà mandare via Felice..."

MOTORI

IN PILLOLE

Dacia Sandero Stepway
model year 2017

ELETTRICHE

Entro tre anni 200 colonnine in autostrada tra l'Italia e l'Austria