-3°

Arte-Cultura

Un notaio e cinquantadue figli

Un notaio e cinquantadue figli
Ricevi gratis le news
0

Lisa Oppici
 Ci sono i profumi delle salame da sugo e i balli di provincia che non si vedono più, i robivecchi che piangono quando vendono qualcosa e le trattorie veraci dove si va per mangiare e si trova un mondo intero. E molto altro. C'è, soprattutto, un’atmosfera sui generis, inconfondibile.
È quella della letteratura padana, quella che si riempie di colori, profumi e sapori, ma anche figure, molto nostri: molto «veri». Dario Franceschini in questa tradizione (degli Zavattini e dei Guerra, tanto per citarne due, ma anche dei Delfini e dei Loria) s'inserisce senza rubar niente: vi si colloca senza scricchiolii, dimostrando anche con l’ultimo romanzo, «Daccapo», una vena narrativa interessante.
Scriverne  partendo dal «contesto» anziché dal testo sarebbe fin troppo facile, anche le notizie di questi giorni darebbero una mano: gli effettivi impegni dei parlamentari, il fatto che le ore d’aula siano inferiori a quelle di riposo eccetera eccetera.
Questa strada però è meglio abbandonarla, proprio perché è di letteratura e non di politica che si sta parlando: e lo stesso Franceschini (politico di lungo corso, capogruppo del Pd alla Camera e numero uno del partito nell’«interregno» tra Veltroni e Bersani) raccomanda di tenere ben separate le due «carriere».
Guardiamo dunque al testo: solo al testo, che tra l’altro segue altre due fortunate opere narrative («Nelle vene quell'acqua d’argento», uscito anche in Francia da Gallimard, e «La follia improvvisa di Ignazio Rando»), e al suo valore letterario. Che c'è ed è lì, nei fatti. Fin da quell'incipit così ben scritto: «Da molti anni il suo corpo aveva voglia di ammalarsi e approfittava di ogni piccolo malessere per lasciarsi andare a una spossatezza senza rimedi. Per una lunga parte il notaio Ippolito Dalla Libera lo aveva combattuto, cercando di reagire, poi gli si era arreso. Per stanchezza o, forse, perché aveva finito per capirne le ragioni». Ippolito Dalla Libera, notaio del Mantovano, è il motore di questa storia bizzarra piena di agnizioni e colpi di scena. È lui, sentendosi vicino alla fine, che convoca il figlio Iacopo e gli assegna una missione: trovare tutti i cinquantadue figli che ha diligentemente annotato su un quadernetto nero. «Qui dentro troverai scritti cinquantadue nomi. Sono i nomi dei tuoi fratelli e delle tue sorelle».
Tutti figli di Ippolito, avuti da altrettante prostitute. Un’altra vita, quindi: Ippolito, l’irreprensibile notaio, stimatissimo da tutti, apre così al figlio la porta di un altro sé, perché «vedi figliolo mio, non tutto appare. Molte cose non si vedono, eppure ci sono. Io penso di essere stato un buon notaio, un buon marito e, spero lo pensi pure tu, anche un buon padre. Ma nella mia vita c'è stata un’altra parte, bella anche quella, credimi».
E il figlio, superato lo sconcerto iniziale, in quello spiraglio decide di buttarsi, in un viaggio-quête che lo porta a contatto con il mondo in cui il padre aveva trovato così tanto (una Ferrara popolana e sanguigna) e lo spinge a rimettere in discussione anche le proprie certezze più consolidate, alla fine (ri)trovandosi, in un vero e proprio processo di liberazione. A guidarlo c'è Mila, prostituta bellissima e vitale, amante e amica, cui l’autore ferrarese assegna quasi la funzione di un Virgilio dantesco. Si è molto scritto a proposito dell’eros contenuto nel volume, della scelta del mondo delle puttane come fuoco della storia.
Ma attenzione: ciò che colpisce in profondità di questo «Daccapo» non è tanto l’eros, del quale la stampa ha fatto un caso probabilmente avendo letto poco o per niente il libro, bensì la tessitura narrativa, la padronanza della parola e del linguaggio, le minuziose descrizioni di figure e ambienti, le scelte stilistiche.
E accanto a questo la rappresentazione di un mondo bizzarro e straordinario, autentico e verace ma strampalato: in linea con la vena visionaria, surreale, di una corrente padana che di sé ha dato grandi esempi nel Novecento. A colpire, in questo romanzo di formazione sui generis, sono soprattutto il passo, il respiro della scrittura: caratteri forti, questi, che ne fanno un’opera da guardare con attenzione.
Daccapo - Bompiani, pag. 224, 16,90
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

NT

LE IENE

Nadia Toffa si commuove in tv: "Mi ha stupito l'affetto della gente" Video

Incassi esplosivi per Star Wars

CINEMA

Incassi esplosivi per Star Wars

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa

PGN

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Domani l'inserto economia: focus sull'Ape Social

GAZZETTA

L'inserto economia: focus sull'Ape Social

Lealtrenotizie

Arresti carabinieri

PARMA

Sorpreso su un'auto rubata, fa cadere un carabiniere e tenta la fuga: arrestato 41enne

A casa del pregiudicato albanese c'erano arnesi da scasso, profumi e cosmetici, probabilmente rubati

PARMA

I ladri fuggono a mani vuote: l'appartamento è già stato svaligiato 40 giorni fa

In via Orzi, una coppia sorprende un ladro in camera e lo fa fuggire

MEZZANI

Magazziniere rubava cosmetici in ditta: arrestato 28enne

Il giovane è stato condannato a un anno e sei mesi, con pena sospesa

VOLANTI

Chiede a un'anziana di custodire i suoi gioielli e la deruba

Una giovane, di corporatura robusta e con un trucco vistoso, è riuscita a entrare nell'appartamento di un'anziana in via Emilia est

BASSA

Alluvione, 5 giorni dopo: Colorno e Lentigione viste dal cielo Foto

Foto aeree di Fabrizio Perotti (Obiettivo Volare)

GUASTALLA

Si schianta al limite del coma etilico: denuncia e multa da 10mila euro per un 24enne

Il giovane aveva un tasso alcolico di oltre 4 volte superiore il limite consentito: per lui, addio a patente e auto

GUSTO

Gara degli anolini: trionfa la Rosetta La classifica

In lizza dieci gastronomie della città: la panetteria di via XXII Luglio si aggiudica la vittoria

7commenti

IL CASO

Invalida al 100%, con la pensione minima, si trova una retta Asp di 650 euro

RIQUALIFICAZIONE

Ex Star, tra passato e futuro: il progetto del giovane architetto Nicola Riccò

L'idea in una tesi di laurea

LUDOPATIA

Gioco d'azzardo, allarme a Parma: spendiamo in media 1.525 euro a testa (neonati compresi)

4commenti

Tradizioni

I «castradòr» e il Natale nelle stalle

1commento

IL FIDANZATO

«Giulia, sei stata il mio cielo stellato»

Prevenzione

Lesignano investe sulla sicurezza

Aveva 52 anni

Addio a Filippo Cavallina

Cordoglio in città e nella Valtaro per l'improvvisa scomparsa

1commento

Serie B

Il Parma alla ricerca del gol perduto

E giovedì c'è la partita con il Bari

FIDENZA

Salsesi e fidentini protagonisti al programma tv «Le Superbrain»

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le cose della vita (e quelle del palazzo)

di Michele Brambilla

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

2commenti

ITALIA/MONDO

APPENNINO

Il divano prende fuoco: muore un'anziana a Villa Minozzo

LIBANO

Diplomatica violentata e uccisa: arrestato un uomo

SPORT

FORMULA 1

Gunther Steiner: «Dallara Haas, piccoli progressi»

Cus Parma

Minibasket: la carica dei 100 al Palacampus Fotogallery

SOCIETA'

RICERCA

Matrimonio: per calabresi e siciliani è per sempre

salute

Oculistica, premiata la ricerca targata Parma

2commenti

MOTORI

IL TEST

Mazda CX-3, l'eleganza del crossover

MOTO

Bici o moto? La prova di Bultaco Albero 4.5

1commento