20°

30°

Arte-Cultura

Un notaio e cinquantadue figli

Un notaio e cinquantadue figli
0

Lisa Oppici
 Ci sono i profumi delle salame da sugo e i balli di provincia che non si vedono più, i robivecchi che piangono quando vendono qualcosa e le trattorie veraci dove si va per mangiare e si trova un mondo intero. E molto altro. C'è, soprattutto, un’atmosfera sui generis, inconfondibile.
È quella della letteratura padana, quella che si riempie di colori, profumi e sapori, ma anche figure, molto nostri: molto «veri». Dario Franceschini in questa tradizione (degli Zavattini e dei Guerra, tanto per citarne due, ma anche dei Delfini e dei Loria) s'inserisce senza rubar niente: vi si colloca senza scricchiolii, dimostrando anche con l’ultimo romanzo, «Daccapo», una vena narrativa interessante.
Scriverne  partendo dal «contesto» anziché dal testo sarebbe fin troppo facile, anche le notizie di questi giorni darebbero una mano: gli effettivi impegni dei parlamentari, il fatto che le ore d’aula siano inferiori a quelle di riposo eccetera eccetera.
Questa strada però è meglio abbandonarla, proprio perché è di letteratura e non di politica che si sta parlando: e lo stesso Franceschini (politico di lungo corso, capogruppo del Pd alla Camera e numero uno del partito nell’«interregno» tra Veltroni e Bersani) raccomanda di tenere ben separate le due «carriere».
Guardiamo dunque al testo: solo al testo, che tra l’altro segue altre due fortunate opere narrative («Nelle vene quell'acqua d’argento», uscito anche in Francia da Gallimard, e «La follia improvvisa di Ignazio Rando»), e al suo valore letterario. Che c'è ed è lì, nei fatti. Fin da quell'incipit così ben scritto: «Da molti anni il suo corpo aveva voglia di ammalarsi e approfittava di ogni piccolo malessere per lasciarsi andare a una spossatezza senza rimedi. Per una lunga parte il notaio Ippolito Dalla Libera lo aveva combattuto, cercando di reagire, poi gli si era arreso. Per stanchezza o, forse, perché aveva finito per capirne le ragioni». Ippolito Dalla Libera, notaio del Mantovano, è il motore di questa storia bizzarra piena di agnizioni e colpi di scena. È lui, sentendosi vicino alla fine, che convoca il figlio Iacopo e gli assegna una missione: trovare tutti i cinquantadue figli che ha diligentemente annotato su un quadernetto nero. «Qui dentro troverai scritti cinquantadue nomi. Sono i nomi dei tuoi fratelli e delle tue sorelle».
Tutti figli di Ippolito, avuti da altrettante prostitute. Un’altra vita, quindi: Ippolito, l’irreprensibile notaio, stimatissimo da tutti, apre così al figlio la porta di un altro sé, perché «vedi figliolo mio, non tutto appare. Molte cose non si vedono, eppure ci sono. Io penso di essere stato un buon notaio, un buon marito e, spero lo pensi pure tu, anche un buon padre. Ma nella mia vita c'è stata un’altra parte, bella anche quella, credimi».
E il figlio, superato lo sconcerto iniziale, in quello spiraglio decide di buttarsi, in un viaggio-quête che lo porta a contatto con il mondo in cui il padre aveva trovato così tanto (una Ferrara popolana e sanguigna) e lo spinge a rimettere in discussione anche le proprie certezze più consolidate, alla fine (ri)trovandosi, in un vero e proprio processo di liberazione. A guidarlo c'è Mila, prostituta bellissima e vitale, amante e amica, cui l’autore ferrarese assegna quasi la funzione di un Virgilio dantesco. Si è molto scritto a proposito dell’eros contenuto nel volume, della scelta del mondo delle puttane come fuoco della storia.
Ma attenzione: ciò che colpisce in profondità di questo «Daccapo» non è tanto l’eros, del quale la stampa ha fatto un caso probabilmente avendo letto poco o per niente il libro, bensì la tessitura narrativa, la padronanza della parola e del linguaggio, le minuziose descrizioni di figure e ambienti, le scelte stilistiche.
E accanto a questo la rappresentazione di un mondo bizzarro e straordinario, autentico e verace ma strampalato: in linea con la vena visionaria, surreale, di una corrente padana che di sé ha dato grandi esempi nel Novecento. A colpire, in questo romanzo di formazione sui generis, sono soprattutto il passo, il respiro della scrittura: caratteri forti, questi, che ne fanno un’opera da guardare con attenzione.
Daccapo - Bompiani, pag. 224, 16,90
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Serena Williams incinta e senza veli su Vanity Fair

Serena Williams sulla copertina di Vanity (Ed. Usa)

Il caso

Serena Williams incinta e senza veli su Vanity Fair

"Bidonata" alle nozze porta gli invitati al ristorante. Risarcimento in arrivo?

sassari

"Bidonata" alle nozze porta gli invitati al ristorante. Risarcimento in arrivo?

«Io, pastore di giorno e pole dancer di sera»

PERSONAGGI

«Io, pastore di giorno e pole dancer di sera» Foto

Notiziepiùlette

Nabila: «Io, al servizio di Parma»
Consigliera marocchina

Nabila: «Io, al servizio di Parma»

Ultime notizie

Autovelox e autodetector: la mappa dei controlli

Autovelox (foto d'archivio)

CONTROLLI

Autovelox e autodetector: la mappa della settimana 

Lealtrenotizie

Incidente alle porte di Basilicagoiano

Incidente

Ciclista investito alle porte di Basilicagoiano (Video)

E' ricoverato in Rianimazione

1commento

furto

Folle notte al Barino, video 1: i ladri se ne vanno con la cassa, video 2  il secondo "visitatore" con 2 bottigliette d'acqua

13commenti

EMERGENZA

Siccità: in pianura la falda ha autonomia solo per altri 70-90 giorni Video

2commenti

Il fatto del giorno

Le parole di Bonaccini riaprono le ferite del Pd parmigiano Video

Crisi pd?

Bonaccini: "Parma poteva essere laboratorio nazionale". Franceschini: "Nati per unire, non dividere"

9commenti

GIUSTIZIA

Via Burla, l'allarme del sindacato: "Il carcere scoppia" Video

Il Sappe dichiara lo stato d'agitazione

1commento

musica

Silvia Olari ci racconta "Fuori di Testa" Videointervista

Consigliera marocchina

Nabila: «Io, al servizio di Parma»

33commenti

Il personaggio

Spadi, il maturando che dirigerà il Consiglio

20commenti

l'attimo

Ballando sotto la pioggia La foto fa boom di clic

1commento

tg parma

Miss Italia a Salso, l'accordo è sul punto di sfumare Video

L'INTERVISTA

Pizzarotti: «Bocciata la politica che sa solo criticare»

14commenti

Lutto

Di Camillo, il sorriso sopra il camice

1commento

Via Venezia

Devastati gli orti sociali

4commenti

FIDENZA

Bagno notturno alla Guatelli: giovani multati

2commenti

IL CASO

Omicidio di Alessia, nessun accordo per l'estradizione: Jella processato in Tunisia

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il Parma è l'esempio per la rinascita della città

di Michele Brambilla

3commenti

EDITORIALE

Pd, quanti errori dietro l'ennesima batosta

di Stefano Pileri

4commenti

ITALIA/MONDO

follia

Marina di Massa, lite in famiglia: ferisce tre persone col machete

MANTOVA

Il "re dei ristoranti" finisce ai domiciliari per truffa

SOCIETA'

INFORMATICA

Maxi attacco hacker in Russia e Ucraina

Gallery sport

Lo spettacolo del beach volley Gallery

SPORT

SEMIFINALE

Gli azzurrini in dieci: la Spagna dilaga

vela

Coppa America, trionfo New Zealand. Primo sfidante Luna Rossa. Azzurra? Forse torna

MOTORI

LA PROVA

Nissan, 10 anni di Qashqai. Ecco come va il nuovo Foto Dati tecnici

ANTEPRIMA

Arona, ecco il Suv compatto secondo Seat