12°

Arte-Cultura

L'Agusta è partita da Parma

L'Agusta è partita da Parma
0

 Italia 1911. Giolitti dichiara la guerra della «quarta sponda» e Gea della Garisenda scandalizza i teatri cantando «Tripoli bel suol d’amor» avvolta soltanto del tricolore nazionale. Libia 1911. Nel cielo sopra al deserto prima gli aerostati compiono lenti giri di avvistamento poi l’Etrich Taube vola basso scaricando le prime bombe. I natali all’aereonautica italiana, il record del primo sganciamento dal cielo, con le Cipelli. Un chilo e mezzo di picrato di potassio decollato tra le ginocchia del pilota. Quel Gavotti che staccava la spoletta con i denti e mirava l’obbiettivo guidando la cloche con una mano sola. La medaglia al valor militare e i versi di D’Annunzio magnificarono l’«avvoltoio pallido» dopo il bombardamento dell’oasi di Tripoli. «Di su l’ala tu scagli la tua bomba, alla subita strage; e par che t'arda Il cuor vivo nel filo della romba». Italia e Libia che si inseguono ancora in un tragico gioco di date in questo 2011. «Tripoli terra incantata divenne italiana al rombo del cannon». E dopo la guerra la colonizzazione.

 Tra i primi a dirigere un’attività in Libia fu Giovanni Agusta. La madre, Maria Bolzoni, era della contrada di San Pancrazio, sposata con il sottotenente siciliano Marcoantonio Agusta, contabile del 69° Reggimento Fanteria.
 Nel 1879 darà alla luce, Giovanni, qui a Parma. Il primo di cinque figli. Alloggio in Pilotta, al numero 4. Giovanni Agusta è il fondatore di quell'impresa, leader mondiale, nella costruzione di elicotteri che oggi si chiama Agusta Westland e che negli anni '60 e '70 diversificò l’attività nella produzione di motociclette. Motociclette con cui l’Italia vinse numerosi premi. Ma bisogna tornare in Libia per trovare l’inizio dell’Agusta motori. 
Le prime officine aprirono i battenti a Tripoli, poi si trasferirono a Bengasi tra il 1920 e il 1922. Già dal novembre del 1909 il nome di Giovanni Agusta è legato a quello dei primi voli italiani. Nel «Giornale d’Italia» del 12 novembre è scritto che: «trovandosi ad Anversa nel Belgio, per il commercio di diamanti, ebbe occasione di trattare con persone competenti in materia d’aviazione, dalle quali fu invogliato ed entusiasmato a studiarne attentamente i vari modelli di dirigibili e di aeroplani. Quindi, tornato a Capua con un ricco corredo di cognizioni tecniche, e dopo aver profondamente meditato varie opere scientifiche, specialmente quella poderosa dell’illustre scienziato Alfonso Berget, ha pensato di costruire un nuovo aeroplano».
 Così è a Capua nel '10, sulla piazza d’armi, che dopo il traino con un autovettura applaude il battesimo del cielo del primo veleggiatore biplano costruito e alzatosi in volo in Italia. Agusta divenne in seguito stretto collaboratore di Gianni Caproni a Vizzola Ticino, fino a diventare durante la Prima Guerra Mondiale ispettore per la costruzione. L’esperienza accumulata in questi incarichi permise ad Agusta di creare nel 1920 una propria officina in Libia, svolgendovi attività di manutenzione e riparazione di aeroplani. (nell’Archivio della Fondazione Museo Agusta si conserva il contratto di lavoro per l’assunzione di Luigi Perego, montatore, datato 1923). 
L’attività di riparazione e manutenzione dei velivoli del Regio Esercito gli consente, nel 1924 il ritorno in Italia con le risorse per creare un’attività imprenditoriale in proprio. in forma di ditta individuale sotto il nome di Costruzioni Aeronautiche Giovanni Agusta. Si stabilisce a Cascina Costa (VA). Oggi una Fondazione Museo racconta la storia che seguì. Una raccolta di documenti, fotografie e modelli è curata e gestita dal Gruppo Lavoratori Anziani. E’ il 1927 quando Giovanni Agusta muore, giovane e improvvisamente. Ma l’Agusta non finisce con lui. L’attività passa nelle mani della vedova Giuseppina Turretta e del primogenito Domenico. Poteva spegnersi il suo sogno, con una donna imprenditrice in un settore, quello militare, che trovava per lo meno insolita la situazione. Ma Giuseppina è forte e volitiva, ha il «pugno di ferro» con le maestranze e porta avanti un’azienda che è giunta fino a noi.  L’Agusta quindi è partita da Parma, passata per il Belgio, Capua, il deserto di Libia, e poi la base di Cascina Costa, dove arriva la partecipazione degli «americani». Una storia di tenacia e passione, di motori e ali italiane che hanno fatto il giro del mondo, un romanzo con il rumore delle «eliche che garriscono al vento come una bandiera». 
CHIARA CABASSI
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Bruce Springsteen Give Teen A Guitar Lesson On Stage

australia

15enne suona sul palco con Springsteen, con tanto di lezione Video

Jessica allena i glutei

GOSSIP

Sexy allenamento di Jessica Immobile: boom di clic 

Aurora Ramazzotti canta la canzone di papà Eros e lo imita: «Mi ucciderà»

radio

Aurora Ramazzotti imita papà Eros: «Mi ucciderà» Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

I dieci errori da evitare in palestra

FITNESS

I dieci errori da evitare in palestra

Lealtrenotizie

Le baby gang fanno paura. Negozianti sotto assedio

Via Mazzini

Le baby gang fanno paura: negozianti sotto assedio

7commenti

lega pro

Piovani: "Il Parma? Un po' Fortana, un po' Malvasia" Video

Questa sera Bar Sport su Tv Parma (Ore 20.30)

Parma

Trasporto pubblico, gara a Busitalia. Tep all'attacco: "Verificheremo se l'assegnazione è legittima"

Offerte eccessivamente al ribasso - dice la Tep - possono poi avere pesantissime ripercussioni sul servizio, sugli utenti e sui lavoratori

8commenti

Parma

Mattinata di incidenti: quattro feriti in poche ore Foto

parodia

Si sorride con il prosciutto di Parma in "salsa" Occidentali's Karma Video

autobus

Via Farini, da domani modifica temporanea del percorso del 15

parma calcio

Trasferta di Salò: ecco la prevendita dei biglietti

Boys e Coordinamento organizzano i pullman (tutte le info)

La storia

Silvia, convertita all'ebraismo: mollo tutto e mi trasferisco in Israele

Cocaina

Preso il pusher dei ragazzini

2commenti

Polizia municipale

Autovelox e autodetector: ecco la mappa dei controlli a Parma

Gazzareporter

Parma e Torrechiara: scatti invernali

Foto della lettrice Simona

crocetta

Crocetta, il mistero dell'auto bruciata

tg parma

Il pugile Fragomeni dona 25mila euro all'Ospedale dei Bambini Video

BASSA

I truffatori arrestati risarciscono i negozianti raggirati

1commento

berceto

La bandiera dei Lakota sventola in municipio

Sant'Ilario d'Enza

Rissa a colpi di sedie e tavolini: quattro stranieri in manette

Due indiani e due pakistani si sono affrontati fuori da un kebab di via Roma, nel paese della Val d'Enza

7commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Le deprimenti liti dei politici

3commenti

EDITORIALE

I figli, la droga e una mamma "condannata" per troppo amore

di Carlo Brugnoli

ITALIA/MONDO

arte

Mega furto in un Museo a Parigi, 8 anni di carcere a "Spider-Man"

Cremona

Napalm artigianale per incendiare la discoteca "rivale": denunciati due giovani

SOCIETA'

auto

Addio al libretto di circolazione: il documento sarà unico

1commento

IL CINEFILO

Ecco due film "Molto belli" Video

SPORT

presidente samb

Fedeli: "Parma più simpatico, proveremo a fermare il Venezia"

ATLETICA

"Ayo" Folorunso vince i 400: guarda la straordinaria rimonta Video

MOTORI

SUPERCAR

Ferrari 812 Superfast,
la nuova berlinetta da 800 Cv

LA PROVA

Countryman: anche Mini ha il suo Suv