Arte-Cultura

L'Agusta è partita da Parma

L'Agusta è partita da Parma
0

 Italia 1911. Giolitti dichiara la guerra della «quarta sponda» e Gea della Garisenda scandalizza i teatri cantando «Tripoli bel suol d’amor» avvolta soltanto del tricolore nazionale. Libia 1911. Nel cielo sopra al deserto prima gli aerostati compiono lenti giri di avvistamento poi l’Etrich Taube vola basso scaricando le prime bombe. I natali all’aereonautica italiana, il record del primo sganciamento dal cielo, con le Cipelli. Un chilo e mezzo di picrato di potassio decollato tra le ginocchia del pilota. Quel Gavotti che staccava la spoletta con i denti e mirava l’obbiettivo guidando la cloche con una mano sola. La medaglia al valor militare e i versi di D’Annunzio magnificarono l’«avvoltoio pallido» dopo il bombardamento dell’oasi di Tripoli. «Di su l’ala tu scagli la tua bomba, alla subita strage; e par che t'arda Il cuor vivo nel filo della romba». Italia e Libia che si inseguono ancora in un tragico gioco di date in questo 2011. «Tripoli terra incantata divenne italiana al rombo del cannon». E dopo la guerra la colonizzazione.

 Tra i primi a dirigere un’attività in Libia fu Giovanni Agusta. La madre, Maria Bolzoni, era della contrada di San Pancrazio, sposata con il sottotenente siciliano Marcoantonio Agusta, contabile del 69° Reggimento Fanteria.
 Nel 1879 darà alla luce, Giovanni, qui a Parma. Il primo di cinque figli. Alloggio in Pilotta, al numero 4. Giovanni Agusta è il fondatore di quell'impresa, leader mondiale, nella costruzione di elicotteri che oggi si chiama Agusta Westland e che negli anni '60 e '70 diversificò l’attività nella produzione di motociclette. Motociclette con cui l’Italia vinse numerosi premi. Ma bisogna tornare in Libia per trovare l’inizio dell’Agusta motori. 
Le prime officine aprirono i battenti a Tripoli, poi si trasferirono a Bengasi tra il 1920 e il 1922. Già dal novembre del 1909 il nome di Giovanni Agusta è legato a quello dei primi voli italiani. Nel «Giornale d’Italia» del 12 novembre è scritto che: «trovandosi ad Anversa nel Belgio, per il commercio di diamanti, ebbe occasione di trattare con persone competenti in materia d’aviazione, dalle quali fu invogliato ed entusiasmato a studiarne attentamente i vari modelli di dirigibili e di aeroplani. Quindi, tornato a Capua con un ricco corredo di cognizioni tecniche, e dopo aver profondamente meditato varie opere scientifiche, specialmente quella poderosa dell’illustre scienziato Alfonso Berget, ha pensato di costruire un nuovo aeroplano».
 Così è a Capua nel '10, sulla piazza d’armi, che dopo il traino con un autovettura applaude il battesimo del cielo del primo veleggiatore biplano costruito e alzatosi in volo in Italia. Agusta divenne in seguito stretto collaboratore di Gianni Caproni a Vizzola Ticino, fino a diventare durante la Prima Guerra Mondiale ispettore per la costruzione. L’esperienza accumulata in questi incarichi permise ad Agusta di creare nel 1920 una propria officina in Libia, svolgendovi attività di manutenzione e riparazione di aeroplani. (nell’Archivio della Fondazione Museo Agusta si conserva il contratto di lavoro per l’assunzione di Luigi Perego, montatore, datato 1923). 
L’attività di riparazione e manutenzione dei velivoli del Regio Esercito gli consente, nel 1924 il ritorno in Italia con le risorse per creare un’attività imprenditoriale in proprio. in forma di ditta individuale sotto il nome di Costruzioni Aeronautiche Giovanni Agusta. Si stabilisce a Cascina Costa (VA). Oggi una Fondazione Museo racconta la storia che seguì. Una raccolta di documenti, fotografie e modelli è curata e gestita dal Gruppo Lavoratori Anziani. E’ il 1927 quando Giovanni Agusta muore, giovane e improvvisamente. Ma l’Agusta non finisce con lui. L’attività passa nelle mani della vedova Giuseppina Turretta e del primogenito Domenico. Poteva spegnersi il suo sogno, con una donna imprenditrice in un settore, quello militare, che trovava per lo meno insolita la situazione. Ma Giuseppina è forte e volitiva, ha il «pugno di ferro» con le maestranze e porta avanti un’azienda che è giunta fino a noi.  L’Agusta quindi è partita da Parma, passata per il Belgio, Capua, il deserto di Libia, e poi la base di Cascina Costa, dove arriva la partecipazione degli «americani». Una storia di tenacia e passione, di motori e ali italiane che hanno fatto il giro del mondo, un romanzo con il rumore delle «eliche che garriscono al vento come una bandiera». 
CHIARA CABASSI
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Dal 2017 WhatsApp non funzionerà più sui vecchi telefonini

social

Dal 2017 WhatsApp non funzionerà più sui vecchi telefonini

La trollata epica del rapper di Parma sui profughi

tv

La "trollata epica" del rapper parmigiano Bello FiGo sui profughi Video

3commenti

20enne si schianta a folle velocità mentre fa diretta Fb

usa

Si schianta a velocità folle: in diretta Facebook Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Terremoto: cosa rischia Parma

TERREMOTO

Ma Parma quanto rischia?

1commento

Lealtrenotizie

Roberto D'Aversa

Il nuovo allenatore

D'Aversa: "Mi hanno chiesto di giocare a calcio". Il suo staff

L'intervista: "Ora miglioriamo giorno per giorno. Ritroviamo la serenità" (Video) - Ferrari: "Scelti non i nomi, ma gentre che avesse "fame"" (Video) - Lunedì o martedì l'annuncio del nuovo ds: è una corsa a tre

4commenti

dal tardini

Il Parma va sotto, poi si rialza: 1-1 col Bassano. E finale incandescente Foto

Anche al Tardini un minuto di raccoglimento per la Chapecoense (Video

2commenti

al mercato

Sorpreso a rubare, ferisce con un cutter i titolari di un banco in Ghiaia Foto

6commenti

sala baganza

Preso il 18enne che faceva da pusher ai ragazzini della Pedemontana

degrado

Nuove luci e marciapiedi più larghi e "vivibili": così sarà via Mazzini Foto

17commenti

via toscana

Urta due auto in sosta e poi fugge: è caccia al conducente

1commento

SAN LEONARDO

Arriva la sala scommesse, scoppia la polemica

14commenti

Solidarietà

Sisma, il cuore di Parma c'è

agenda

Un weekend di colori, musica, gusto e cultura

Salsomaggiore

Addio a Lorenzo, aveva solo 15 anni

1commento

Anga Parma

l calendario dei giovani imprenditori agricoli

Per raccogliere fondi a favore delle aziende agricole colpite dal terremoto nel Centro Italia

social network

Via D'Azeglio, quando scopri che i ladri ti hanno preceduto...Foto

2commenti

via mazzini

Un altro pezzo di storia che se ne va: chiude Zuccheri

10commenti

controlli

Autovelox e autodetector: la mappa della settimana

PENSIONI

Novità sul ricongiungimento dei contributi

1commento

gazzareporter

Scia e aerei: mistero nel cielo di Parma Video

7commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Un po' più di mezzo bicchiere

EDITORIALE

Dal sexting al ricatto: pericoli on line

di Filiberto Molossi

1commento

ITALIA/MONDO

alessandria

Ruba fidanzatino a figlia, condannata per violenza sessuale

CALIFORNIA

Incendio al concerto: si temono 40 vittime

WEEKEND

IL CINEFILO

I film della settimana, da Sully a Agnus Dei  Video

VERNISSAGE

90 anni di Arnaldo Pomodoro: la sua arte invade Milano

1commento

SPORT

SERIE A

La Juve domina: battuta l'Atalanta (3-1)

formula uno

Mercedes: dopo il ritiro di Rosberg, Alonso tra le ipotesi

SOCIETA'

salerno

"Novemila euro alla Arcuri per accendere l'albero di Natale"

1commento

rifiuti abbandonati

Via Anedda e la montagna di scatole (cinesi) Foto

2commenti