13°

31°

Arte-Cultura

Quando eravamo visti con disprezzo

Quando eravamo visti con disprezzo
0

 di Maria Pia Forte

 

Nel Cinquecento erano chiamati «pidocchi, nell’Ottocento «bédouins», «zoulous», «boers», nel Novecento «ritals» e «macaronis». Epiteti coniati in Francia per gli emigranti italiani, che se dal Trecento al Cinquecento in tutta l’Europa disturbavano perché appartenenti per lo più alle classi alte, dall’Ottocento agli anni Settanta del secolo scorso, ridotti ormai al gradino più basso della società - sterratori, operai, minatori, muratori, cavapietre -, di qua e di là dell’Atlantico erano odiati perché accettavano paghe da fame e provenivano da una terra di miseria anche morale, ignara di igiene: brutti, sporchi e cattivi. Questo ci rivela il saggio «Faccia da italiano» di Matteo Sanfilippo (Salerno Editrice, 146 pagine, 12 euro): la xenofobia diffusa in tutta l’Europa fin dal tardo Medio Evo (nel 1584 Giordano Bruno denunciava lo «sdegno naturale» degli inglesi per il «forastiero») ha sempre avuto negli italiani uno dei bersagli preferiti. Un odio continuato fino a ieri, con aggressioni spesso mortali (pensiamo ad Aigues-Mortes e alle impiccagioni anche per semplici sospetti negli Stati Uniti nel tardo Ottocento, o ai pestaggi di nostri operai in Svizzera negli anni Sessanta del Novecento). A Matteo Sanfilippo, professore di Storia moderna all’Università della Tuscia e condirettore dell’Archivio storico dell’emigrazione italiana, chiedo perché già nel Trecento gli italiani fossero ovunque guardati male.  

 «Gli italiani espatriati erano molto numerosi, data la propensione dei peninsulari a cercare fortuna altrove e ad impiantare commerci su scala europea. Il controllo di compagnie commerciali e bancarie toscane sulla zecca e lo scambio monetario in Inghilterra dalla metà del Duecento ai primi del Quattrocento provocava molte tensioni: nel 1345 Edoardo III si rifiutò di saldare i debiti contratti con i banchieri toscani per la Guerra dei Cent'anni. Per il Parlamento inglese i fiorentini erano parassiti e traditori; un disprezzo rafforzato dal coevo uso francese di mercenari provenienti dalla Penisola. Gli italiani erano considerati pericolosi. D’altra parte la nostra letteratura di quel tempo, da Boccaccio a Machiavelli, mette in risalto l’inclinazione del mercante o finanziere italiano a imbrogliare. I peninsulari, inoltre, non si mostravano disposti a naturalizzarsi. Ciò valeva in particolare in Francia, che sin dall’XI secolo, per la sua vicinanza, la sua ricchezza e le sue piazze commerciali di prim'ordine come Parigi e Lione aveva sempre attirato flussi consistenti di italiani. Era un’immigrazione per lo più a breve termine, se non addirittura stagionale, e dunque l’integrazione era limitata: gli italiani apparivano interessati a prendere il più possibile dalla Francia senza trasferirvisi».   

Perché Machiavelli, fustigatore dei suoi connazionali, divenne paradossalmente l’incarnazione dell’italiano doppio, traditore, un infame senza fede né onore?   

Machiavelli esortava il Principe a impadronirsi del potere e a mantenerlo con ogni mezzo. Nel contesto delle violentissime guerre di religione francesi fu visto come il maestro della conterranea Caterina dè Medici, regina madre di più sovrani francesi. Il giurista ugonotto Innocent Gentillet nel suo «Discours contre Machiavel», del 1576, accusò il fiorentino di aver istruito i toscani che circondavano la regina su come impadronirsi della Corte parigina e soprattutto come sterminare i protestanti, scatenando il massacro della notte di San Bartolomeo nell’agosto 1572. Dall’Inghilterra all’Olanda e alla Germania ci si convinse che «Il Principe» fosse un libro demoniaco, cui tutti gli italiani si ispiravano. Anche per Shakespeare, che presenta l’Italia come terra di divisioni e faide (basti pensare a «Romeo e Giulietta»), Machiavelli è un concentrato di malvagità: il Duca di Gloucester, futuro Riccardo III, si vanta di poter essere maestro di perfida astuzia per lo stesso Machiavelli.

Allorché l’emigrazione dalla Penisola cambiò fisionomia, aumentarono le violenze contro gli italiani?   

Le violenze c'erano state anche contro gli italiani benestanti. Ma dal Seicento in poi dalla Penisola impoverita partono sempre più disperati. In Spagna, per esempio, si passa dai nobili impiegati a Corte e dai grandi mercanti del Cinquecento ai tavernieri del Seicento e agli scaricatori di porto del Settecento. Divengono dunque più violenti gli scontri in ambito lavorativo, sino ai pogrom otto-novecenteschi in Francia, Svizzera, Argentina e Stati Uniti.

L’anti-italianismo raggiunse il suo acme nell’Ottocento, quando persino i nostri patrioti in esilio furono malvisti, e nel Novecento fino agli anni Settanta, sia in Europa sia Oltre Atlantico. Che cosa non si perdonava agli italiani?   

Tutti gli emigranti erano mal sopportati. In più, noi venivamo accomunati ai nordafricani per l’aspetto fisico: l’italiano è il meridionale basso, bruno e riccio. Ha inoltre la tendenza a formare nuclei familiari compatti che vengono visti come cellule cancerogene in società altrimenti sane. In aree protestanti, poi, dalla Svizzera agli Stati Uniti, o tendenzialmente laiche come la Francia, il suo cattolicesimo con relativi riti provoca sospettosità.

Oggi le cose sono cambiate?   

Non siamo più considerati veri e propri emigranti. Inoltre gli stranieri hanno scoperto i pregi della nostra cucina e del nostro patrimonio artistico e naturale. Non vedono più la Penisola come patria di Machiavelli, ma come un luogo culturalmente un po'arretrato e governato da partiti inadatti alla modernità ma con un suo fascino vecchiotto. Non ci percepiscono più come un pericolo. 

________________

Faccia da italiano - Salerno, pag. 14612,00

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Insinna social network

tv e polemiche

Insinna si vendica: «Il Tapiro censurato da Striscia»

1commento

Il rock piange anche Gregg Allman

Gregg Allman

musica

Il rock piange anche Gregg Allman

Superbike: bellezze a bordo pista a Donington

Sport

Superbike: bellezze a bordo pista a Donington Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Les Caves

CHICHIBIO

«Les Caves», qualità tra tradizione e innovazione

Lealtrenotizie

Auto fuori strada a Porporano: un ferito grave

Parma

Auto fuori strada a Porporano: un ferito grave Foto

CASALTONE

Auto esce di strada e si ribalta: ferita una ragazza

San Leonardo

Al matrimonio arrivano i carabinieri

2commenti

Parma

Una lettrice: "Un uomo nudo nel piazzale della stazione"

Sorbolo

Cassaforte smurata, ladri a colpo sicuro

Furti

Vicofertile, gli abitanti vogliono i vigilantes

Criminalità

Salso, anziana rapinata: le rubano catenina e orologio d'oro

Lega Pro

Lucca? Parla Longobardi

Personaggio

Il pilota Leonardi: «Il rally mi ha salvato dal tumore»

INCIDENTE

Scooter contro auto nel Piacentino: morto 29enne portato al Maggiore

L'EVENTO

Cantine aperte: il vino di Parma protagonista

Satira

Elezioni: i candidati nel mirino

COLLECCHIO

Furti e auto forzate nel parcheggio dell'EgoVillage: abitanti esasperati

PIETRA DI BISMANTOVA

Scivola sulla ferrata e resta appeso al cavo di sicurezza: ferito 25enne di Parma

MILANO

Al via l'assemblea di Parmalat, Chersicla rinuncia a presiedere

PARMA

A fuoco deposito di carta e campana del vetro: due incendi in viale Fratti e via Trieste

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La balla dei soldi pubblici ai giornali

di Michele Brambilla

5commenti

EDITORIALE

Miss Italia, Salso saprà ricominciare?

di Leonardo Sozzi

ITALIA/MONDO

ROMA

L'addio di Totti, il capitano in lacrime abbraccia i figli: "Starei qui altri 25 anni" Foto

URBINO

Bimbo morto di otite: indagati il medico e i genitori, donati gli organi

SOCIETA'

LA PEPPA

La ricetta - Verdure farcite per l’estate

il disco 

Ha un'anima il Robot di Alan Parsons

SPORT

FORMULA UNO

Doppietta Ferrari dopo 16 anni a Montecarlo. Gelo tra Vettel e Raikkonen

Montecarlo

La doppietta Ferrari è di quelle pesanti. Hamilton è il vero sconfitto (ma anche Raikkonen...)

MOTORI

motori

BMW Serie 8, a Villa d'Este il concept della futura generazione

il test

Nuovo Discovery, in missione per conto di Land Rover