Arte-Cultura

Storia d'emarginazione

Storia d'emarginazione
0

Francesco Mannoni

E' un libro duro, «La vita accanto» (Einaudi, pag. 170, euro 16), romanzo d’esordio dell’insegnante vicentina Mariapia Veladiano che, dopo aver vinto il Premio Calvino per l’inedito, è entrato nella cinquina dei finalisti al Premio Strega. Un boom inaspettato e per certi aspetti inspiegabile - a parte la scrittura perfetta sotto ogni punto di vista - perché la protagonista, Rebecca, è una ragazza tutt'altro che bella, e in un mondo che, stupidamente, esalta la bellezza fisica anziché quella morale, incentrare una storia su un simile personaggio è prima di tutto un’azione coraggiosa e una sfida letteraria. L'audacia è stata premiata, e Mariapia Veladiano con questo romanzo che sembra richiamare «La bruttina stagionata di Carmen Covito» (Bompiani 1992), la cui protagonista difettava di sex appeal e aveva qualche problema con gli uomini, ha  saputo ridare grinta a tantissime donne  considerate «brutte». Scartiamo subito l’ipotesi che possa trattarsi di una storia autobiografica, perché la neoscrittrice Mariapia Veladiano è una signora dall’aspetto molto piacevole e dotata di una simpatia contagiosa,  per cui le chiediamo come nasce questo romanzo. «Non c'è una storia cui mi sono riferita - precisa -. Penso che sia venuto fuori dal di dentro di storie di emarginazione e di dolore viste frequentemente, a scuola soprattutto. Può sembrare spietato, ma il mio è un libro sul dolore di non essere amati. La scelta è caduta sulla bruttezza che ritengo una crudeltà assoluta perché esclude, ed essere esclusi perché non belli, equivale a non esistere. Molte ragazze, non solo per il fatto d’essere brutte, ma anche per colpa di una povertà culturale, hanno maggiori difficoltà e sono come spinte in un angolo. E di queste storie d’angolo ce ne sono parecchie».
La scuola come un laboratorio di caratteri per lei?
La scuola la guardo come la guardava Don Milani: da lui ho imparato a vedere come - se non è ben condotta, se non sa bene quali siano i suoi compiti - la scuola possa esaltare le differenze invece che rendere più omogenee le opportunità. Preciso però che non è un romanzo sulla scuola, anche se ci sono delle figure come la maestra buona, o delle insegnanti che non sanno fare il mestiere e non sanno tenere, non tanto la disciplina, quanto l’ordine etico intorno a loro.
Tra gli omologati giovani d’oggi, per una ragazza brutta quanto è difficile far parte di una simile tribù?
C'è un canone strettissimo di bellezza che comprende ogni cosa: il modo di tenere i capelli, le marche, i tipi dei vestiti e gli accessori. E’ una condizione assurda per certi aspetti perché mette tutti all’inseguimento di cose che spesso non si possono neanche avere. Però c'è la possibilità secondo me, un pochino ventilata nel libro, che qualcuno accolga queste diversità. Rebecca è stata abbastanza bene alle elementari perché la scuola può essere un formidabile serbatoio di integrazione e se funziona, può fare da ammortizzatore a tante esclusioni sociali. Ma non basta perché oggi la scuola sta remando contro corrente in modo drammatico, perché tutto, ma proprio tutto, intorno non aiuta ad accogliere le diversità nel senso più ampio del termine. Dobbiamo insegnare che l’aggressività e la prepotenza non sono virtù.
Perché ha fatto Rebecca  così brutta?
Perché ho accentuato l’aspetto della bruttezza, senza entrare nella logica del brutto anatroccolo, attorno a una metafora di condizioni che non hanno una soluzione necessariamente consolatoria o positiva. Non tutti gli anatroccoli diventano cigni perché ci sono delle condizioni esistenziali in cui l’essere brutte può essere una disabilità o una malattia che non si cura. Ma in queste condizioni, la vita va vissuta ugualmente, anche se si tratta di vite marginali o di dolore. Questa è la nostra unica vita ed è ingiusto che sia vissuta male qualunque sia la motivazione.
Rebecca vive la sua bruttezza, quasi come una colpa. Perché tanto avvilimento?
Vive male perché non c'è nulla di esplicito attorno a lei. Non è vista per quello che è, e le si addossa la colpa di non incarnare il sogno dei genitori. Ma se carichiamo i nostri figli di troppi sogni li chiamiamo a delle attese che non sono le loro, quindi ci vuole una risorsa insperata, un compito che spetta a molti. Lei rampolla di una bella famiglia, soffre perché è brutta e oggetto di una situazione ambigua: dovrebbe rappresentare anche la salute della madre malata, invece così non è, e da ciò il dolore.
Rebecca ha paura anche dello specchio. Un rigetto della sua stessa immagine?
Lei si guarda con disagio nello specchio, ma tutto sommato è uno sguardo di verità. Si guarda per vedere la corrispondenza a un desiderio o a un sogno. Si guarda per capire come si è, si guarda fino in fondo, si vede, si rigetta, ma alla fine vive.
Rebecca è diversa dalle altre ragazze, ma perché non fa niente per assomigliare a loro?
Rebecca non fa niente perché lei è esclusa anche dal sogno e le altre ragazze le vede come esseri che non sono alla portata dei suoi desideri. Le ragazze del nostro tempo a volte non sono consapevoli di far parte di un’omologazione, perché è considerato normale essere come gli altri. Ma cambiano quando trovano una responsabilità nella scuola, o quando cercano una dimensione di spiritualità che dia loro un ruolo.
Cosa suggerisce alle persone brutte o che hanno problemi a relazionarsi con gli altri?
Avere delle passioni e non essere preoccupate. Credo che ci sia qualcosa che ha a che vedere con il valore di sé e quindi abitare il mondo per questo valore. Diventare cigni non deve essere così importante. La vita è bella, anche se si resta anatroccoli.
La vita accanto - Einaudi, pag. 170,  euro 16,00

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Bertolucci: "In Ultimo tango la Schneider non era consenziente"

Maria Schneider e Marlon Brando in "Ultimo tango a Parigi"

Cinema

Bertolucci: "In Ultimo tango la Schneider non era consenziente" Video

1commento

Dal 2017 WhatsApp non funzionerà più sui vecchi telefonini

social

Dal 2017 WhatsApp non funzionerà più sui vecchi telefonini

1commento

Scompare frase parodia, per il web è censura

televisione

Heather Parisi e quell'elogio delle rughe che ha conquistato il web Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

In vigore il dl Fisco; Equitalia, 1 milione di accessi

ECONOMIA

In vigore il dl Fisco; Equitalia, 1 milione di accessi

Lealtrenotizie

Palazzo Chigi: Renzi parlerà a mezzanotte

referendum

Renzi si dimette: "La sconfitta è mia. L'esperienza del mio governo finisce qui"

Stravincono i No (leggi) a quasi il 60% - Euro ai minimi da 20 mesi: peggio che dopo la Brexit - Grillo: "Subito al voto con l'Italicum" - Shock nella Ue 

2commenti

referendum PARMA

In provincia vince (di poco) il No. In città il Sì Risultati comune per comune

463 sezioni su 470: 52.54 il No. In città Si al 50.33%. No, record a Albareto, il Si bene a Bore

2commenti

Torrile

Incidente a Bezze: auto finisce fuori strada, un ferito grave

lega pro

La Reggiana (con Pordenone e Venezia) prende il largo. Parma a 7 punti dalla vetta

Granata, friulani e veneti: successi importanti

4commenti

calcio

Parma, primo allenamento con D'Aversa e il nuovo staff Foto Video

youtube

"Esplora Parma", il nuovo video di Giulio Cantadori

RICERCA

I terremoti si possono prevedere? Ecco a che punto siamo

Parla l'esperto. La nuova frontiera? Imparare a leggere i segnali prima delle scosse

polfer

Nel reggiseno 17 dosi di cocaina: arrestata

7commenti

Amatori Rugby Parma

Beppe Carra: "Non ci basta: vogliamo altre vittorie" Intervista

II capitano commenta l'importante successo, il primo casalingo, contro Livorno - Esplode la festa in campo e negli spogliatoi (guarda le foto)

Carabinieri

Quando la vendita dell'iPhone è una truffa

3commenti

Salsomaggiore

"Lorenzo, un ragazzo speciale"

Domani alle 15 il funerale

controlli

Autovelox e autodetector: la mappa della settimana

Il nuovo allenatore

D'Aversa: "Mi hanno chiesto di giocare a calcio". Il suo staff

L'intervista: "Ora miglioriamo giorno per giorno. Ritroviamo la serenità" (Video) - Ferrari: "Scelti non i nomi, ma gentre che avesse "fame"" (Video) - Lunedì o martedì l'annuncio del nuovo ds: è una corsa a tre

7commenti

via chiavari

Santa Barbara: i vigili del fuoco festeggiano con i bambini Foto

3737 interventi in un anno

via mazzini

Un altro pezzo di storia che se ne va: chiude Zuccheri

13commenti

Calcio

Brodino per il Parma. E intanto parte l'era D'Aversa

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Ci sarebbe, magari, un "grazie" da dire

di Michele Brambilla

7commenti

IL DIRETTORE RISPONDE

La verità può nascondersi ma c'è

ITALIA/MONDO

USA

Sente un tonfo e va in soffitta: c'è il cadavere del nipote scomparso da 2 anni

referendum

Pelù denuncia: "Ho avuto la matita cancellabile". Ma ecco perché è valida

4commenti

SOCIETA'

tv

La "trollata epica" del rapper parmigiano Bello FiGo sui profughi Video

10commenti

IL DISCO

“L'indiano” di De Andrè, 35 anni dopo

SPORT

rally

Monza, quinto successo di Rossi!

Basket

Basket, serie A: Brindisi schianta Sassari, ok Caserta

MOTORI

BOLOGNA

Esplora il Motor Show in meno di un minuto Video

NOVITA'

Q2, l'Audi che farà strage di cuori (femminili)