11°

22°

Arte-Cultura

Hemingway, febbre di vita

Hemingway, febbre di vita
Ricevi gratis le news
0

di Giuseppe Marchetti
Il due di luglio 1961, quando Ernest Hemingway si uccide sparandosi un colpo di fucile in bocca, ha sessantadue anni e alle spalle una vita talmente avventurosa da far ricordare il famoso aggettivo che D'Annunzio applicava alla propria: «inimitabile». Ma il vivere inimitabile era logorato dall'infelicità, da un non sapersi adattare alla solitudine, alla malattia e al pensiero della morte. Una vita cariata, dunque, come la descrive in un suo seggio del 1987 Vargas Llosa: «La sua biografia? Quella di un uomo d'azione: viaggi, violenze, avventure, e, a tratti, fra una sbronza e un safari, la letteratura. L'avrebbe praticata come la boxe o la caccia, in maniera brillante, sporadica: per lui si trattava innanzitutto di vivere. Emanazioni quasi involontarie di questa vita azzardata, i suoi racconti e i suoi romanzi gli sarebbero debitori quanto al loro realismo, alla loro autenticità... Chi ci avrebbe creduto? Questo giramondo simpatico, bonaccione, si china al termine della vita sul suo passato e, fra mille peripezie - guerre, drammi, imprese - che ha vissuto sceglie con una certa nostalgica malinconia l'immagine di un giovane arso da una passione interiore: scrivere».
Il ritratto tracciato da Vargas Llosa è impietoso, ma in buona parte vero. E la tragica fine di una siffatta vita lo conferma. Eppure, Ernest Hemingway era stato felice. Senza nessuna disciplina, la sua narrativa era dilagata, dalla fine degli Anni Venti in poi, verso una popolarità e un successo che nemmeno lui avrebbe mai potuto immaginare, nemmeno quando a venticinque anni, a Parigi, tira di boxe e gioca a tennis con Harold Loeb, William Carlos William e Dos Passos. Eppure nel suo eterno peregrinare, lo scrittore inventa e vive proprio quella «inimitabilità» che, alla fine, lo travolgerà senza scampo. Ernest è una creatura curiosa, succhia avidamente il fascino delle emozioni dei contatti, dei rischi, soffre la solitudine ma sa anche come vincerla e superarla: combatte e si nutre  di un disperato vitalismo che fa curiosamente rima con giornalismo sino dai tempi del «Kansas City Star» dove chiede d'essere assunto a diciassette anni, per poi infilarsi - sempre mentendo - tra le fila della Croce Rossa per arrivare in Europa a combattere nel '18, quando a Fossalta di Piave rimane ferito. Finita la guerra, e tornato in patria da eroe, Ernst non si ferma. La sua mira è Parigi, dove già abitano Gertrude Stein ed Ezra Pound. Fiorisce il suo primo vero romanzo, «Il sole sorge ancora» («Fiesta»)  seguito da «Torrenti di primavera», ed è il successo, che verrà consacrato da «Addio alle armi» nel '29. Instabile e insofferente di qualsiasi tipo di sosta, Hemingway corre in Africa, a Cuba, tra battute di caccia e di pesca d'alto mare, mentre attorno a lui si crea una leggenda che egli stesso alimenta con «Morte nel pomeriggio» ('32), «Verdi colline d'Africa» ('35) e «I 49 racconti» ('38). La penna agile e sicura del giornalista passato senza colpo ferire alla letteratura, incanta. Le sue pagine sono scorrevoli e avvincenti come una cronaca che continuamente pullula da se stessa, i personaggi vivono dentro i loro incanti strappati, con le passioni a fior di pelle, sicuri di vincere e destinati, invece, a dolorose sconfitte: sono in parte la dimensione nascosta dello scrittore e in parte la sua rivincita e il suo correre dentro la vita, il suo «Avere e non avere» del '46, che annuncia l'arrivo, dopo solo pochi mesi, di «Per chi suona la campana». Il mondo della letteratura, ma non solo, rimase affascinato dalla presenza di questo americano-italo-francese che andava incontro al proprio mestiere di vivere con la sicurezza del soldato, e senza umiltà ma con un'ombra ineliminabile di nostalgia, un pensiero, una memoria e una segreta lotta interiore che ora diventava aggressione, ora invece si capovolgeva in un sentire elementare e quasi pudico, innocente. «Il vecchio e il mare» ('52) è in questo senso un capolavoro assoluto, una sosta memorabile, come «Festa nobile» del '64, dal quale il fotografo parmigiano Franco Furoncoli trarrà nel '98 un memorabile volume di immagini in bianco e nero «Parigi senza tempo» (Idea Libri editrice) con prefazione di Fernanda Pivano, un volume di poesia palpitante legata alla Parigi degli Anni Venti che Furoncoli descrive con straordinaria passione visiva. Anche di queste audacie dobbiamo dar merito ad Hemingway, alla sua ricerca di felicità. Aveva scritto in «Di là dal fiume e tra gli alberi» proprio così: «La felicità, come sai, è una festa mobile», restando fedele, nonostante tutto, a questa sua convinzione che matura anche nei luoghi più inospitali, in guerra, in pace, a Toronto come a Cortina, in Spagna sotto le bombe e a Parigi culla di ogni seduzione e immaginazione. Eppure, qualcosa rimase in fondo al suo cuore di generoso testimone del nostro secolo; qualcosa che aveva un solo nome: paura della morte, della vecchiaia, del fallimento. Prima di mettere fine ai suoi giorni agitati, Hemingway aveva scritto ancora due romanzi di grande interesse: «Isole nella corrente» e «Il giardino dell'Eden», pubblicati postumi nel '70 e nell'86, che furono giudicati stranamente felici e quasi in pace con i personaggi e con l'urgenza di esprimersi, cioè la sua prosa iterativa simile a un parlare senza tregua, in gara con il rischio di perdersi o di dover rinunciare. Anche questi elementi fanno parte della sua lezione e del suo modo di vivere. Inimitabile davvero. 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Della Noce: da Zelig al dormire in auto

Il caso

Della Noce: da Zelig al dormire in auto

I meravigliosi colori dell'autunno sull'Appennino parmense: 10 foto di Giovanni Garani

fotografia

I meravigliosi colori dell'autunno sull'Appennino parmense: 10 foto di Giovanni Garani

Tieni sempre allenata la tua parmigianità con i nostri nuovi quiz

GAZZAFUN

Tieni sempre allenata la tua parmigianità con i nostri nuovi quiz

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Da Ezio Mauro a Massimo De Luca: grandi firme in scena

VELLUTO ROSSO

Da Ezio Mauro a Massimo De Luca: grandi firme in scena

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Stop ai disel euro 4 ed altre misure emergenza per la qualità dell'aria da domani venerdì 20 fino a lunedì 23 ottobre

Smog

Stop ai diesel euro 4 da domani e fino a lunedì Il servizio del Tg Parma

Polveri sottili alle stelle, si corre ai rimedi. Escluse dalla limitazioni le auto con almeno tre persone a bordo

23commenti

PARMA

Operata una bimba del peso di 700 grammi

Nata pretermine. Coinvolti chirurghi, cardiologici e neonatologi di tre ospedali

FIDENZA

Muore a 51 anni, 11 giorni dopo l'incidente in bici

Giovanni Rapacioli era molto conosciuto: era il pizzaiolo-dj di via Berenini

ANTEPRIMA GAZZETTA

Busseto, un altro odioso caso di stalking

Le anticipazioni sulla Gazzetta di domani dal direttore Michele Brambilla

tg parma

Via Lagoscuro: arrestato in Romania la mente del racket della prostituzione Video

BUSSETO

Tenta di investire l'ex moglie in un parcheggio: arrestato 65enne Video

L'uomo, un operaio residente a Polesine, è accusato di resistenza e stalking

2commenti

Lutto

Folla al funerale di Luca Moroni

Nel Duomo di Fidenza l'addio all'ingegnere morto in un incidente stradale

UNIVERSITA'

Bici legate al montascale, ancora bloccata la ragazza disabile

7commenti

PARMA

Gestione rifiuti: bando per 15 anni di affidamento del servizio Video

Il Comune ha presentato il bando europeo sulla gestione rifiuti

2commenti

Rumore

«Il Comune paghi i danni della movida»

5commenti

CARABINIERI

Controlli anti-droga in piazzale Barbieri: denunciato un minorenne

Un 17enne è stato scoperto mentre cedeva hashish a una compagna

tg parma

Prostituzione, arrestato un rumeno ricercato

Fermato in patria, indagato a Parma

COLLECCHIO

Va all'asilo, mamma derubata

SORBOLO

Un 88enne: «Un cane mi ha aggredito e morsicato in un parcheggio»

2commenti

GAZZAFUN

Il gatto più bello della città: guarda le gallery dei finalisti

4commenti

salute

L'Università di Parma studia la chirurgia contro la cefalea da cervicale

In oltre il 90% dei pazienti trattati con l’intervento ha visto la completa scomparsa dei sintomi (8 su 10) o una loro netta diminuzione

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Referendum e regionali, la sfida nel centrodestra

di Luca Tentoni

L'INCHIESTA

Bitcoin, il vero problema è la mancanza di un governo

di Giovanni Fracasso

ITALIA/MONDO

Firenze

Cade un capitello della basilica di Santa Croce: turista ucciso

RIMINI

Vigile si uccide: era indagato per assenteismo

SPORT

EUROPA LEAGUE

Vincono Lazio e Atalanta, Milan bloccato a San Siro dall'Aek

Calcio

L'exploit di Federico: esordio in Azzurro con gol

SOCIETA'

MUSICA

ParmaJazz Frontiere 2017: grandi nomi al Festival

musica

Elio e le Storie Tese: dopo 37 anni il "valzer" d'addio

MOTORI

L'ANTEPRIMA

Ecco T-Roc: in 5 punti il nuovo Suv di Volkswagen Foto

ANTEPRIMA

Arona: il nuovo Suv compatto di Seat in 5 mosse Foto