-3°

Arte-Cultura

Hemingway, febbre di vita

Hemingway, febbre di vita
Ricevi gratis le news
0

di Giuseppe Marchetti
Il due di luglio 1961, quando Ernest Hemingway si uccide sparandosi un colpo di fucile in bocca, ha sessantadue anni e alle spalle una vita talmente avventurosa da far ricordare il famoso aggettivo che D'Annunzio applicava alla propria: «inimitabile». Ma il vivere inimitabile era logorato dall'infelicità, da un non sapersi adattare alla solitudine, alla malattia e al pensiero della morte. Una vita cariata, dunque, come la descrive in un suo seggio del 1987 Vargas Llosa: «La sua biografia? Quella di un uomo d'azione: viaggi, violenze, avventure, e, a tratti, fra una sbronza e un safari, la letteratura. L'avrebbe praticata come la boxe o la caccia, in maniera brillante, sporadica: per lui si trattava innanzitutto di vivere. Emanazioni quasi involontarie di questa vita azzardata, i suoi racconti e i suoi romanzi gli sarebbero debitori quanto al loro realismo, alla loro autenticità... Chi ci avrebbe creduto? Questo giramondo simpatico, bonaccione, si china al termine della vita sul suo passato e, fra mille peripezie - guerre, drammi, imprese - che ha vissuto sceglie con una certa nostalgica malinconia l'immagine di un giovane arso da una passione interiore: scrivere».
Il ritratto tracciato da Vargas Llosa è impietoso, ma in buona parte vero. E la tragica fine di una siffatta vita lo conferma. Eppure, Ernest Hemingway era stato felice. Senza nessuna disciplina, la sua narrativa era dilagata, dalla fine degli Anni Venti in poi, verso una popolarità e un successo che nemmeno lui avrebbe mai potuto immaginare, nemmeno quando a venticinque anni, a Parigi, tira di boxe e gioca a tennis con Harold Loeb, William Carlos William e Dos Passos. Eppure nel suo eterno peregrinare, lo scrittore inventa e vive proprio quella «inimitabilità» che, alla fine, lo travolgerà senza scampo. Ernest è una creatura curiosa, succhia avidamente il fascino delle emozioni dei contatti, dei rischi, soffre la solitudine ma sa anche come vincerla e superarla: combatte e si nutre  di un disperato vitalismo che fa curiosamente rima con giornalismo sino dai tempi del «Kansas City Star» dove chiede d'essere assunto a diciassette anni, per poi infilarsi - sempre mentendo - tra le fila della Croce Rossa per arrivare in Europa a combattere nel '18, quando a Fossalta di Piave rimane ferito. Finita la guerra, e tornato in patria da eroe, Ernst non si ferma. La sua mira è Parigi, dove già abitano Gertrude Stein ed Ezra Pound. Fiorisce il suo primo vero romanzo, «Il sole sorge ancora» («Fiesta»)  seguito da «Torrenti di primavera», ed è il successo, che verrà consacrato da «Addio alle armi» nel '29. Instabile e insofferente di qualsiasi tipo di sosta, Hemingway corre in Africa, a Cuba, tra battute di caccia e di pesca d'alto mare, mentre attorno a lui si crea una leggenda che egli stesso alimenta con «Morte nel pomeriggio» ('32), «Verdi colline d'Africa» ('35) e «I 49 racconti» ('38). La penna agile e sicura del giornalista passato senza colpo ferire alla letteratura, incanta. Le sue pagine sono scorrevoli e avvincenti come una cronaca che continuamente pullula da se stessa, i personaggi vivono dentro i loro incanti strappati, con le passioni a fior di pelle, sicuri di vincere e destinati, invece, a dolorose sconfitte: sono in parte la dimensione nascosta dello scrittore e in parte la sua rivincita e il suo correre dentro la vita, il suo «Avere e non avere» del '46, che annuncia l'arrivo, dopo solo pochi mesi, di «Per chi suona la campana». Il mondo della letteratura, ma non solo, rimase affascinato dalla presenza di questo americano-italo-francese che andava incontro al proprio mestiere di vivere con la sicurezza del soldato, e senza umiltà ma con un'ombra ineliminabile di nostalgia, un pensiero, una memoria e una segreta lotta interiore che ora diventava aggressione, ora invece si capovolgeva in un sentire elementare e quasi pudico, innocente. «Il vecchio e il mare» ('52) è in questo senso un capolavoro assoluto, una sosta memorabile, come «Festa nobile» del '64, dal quale il fotografo parmigiano Franco Furoncoli trarrà nel '98 un memorabile volume di immagini in bianco e nero «Parigi senza tempo» (Idea Libri editrice) con prefazione di Fernanda Pivano, un volume di poesia palpitante legata alla Parigi degli Anni Venti che Furoncoli descrive con straordinaria passione visiva. Anche di queste audacie dobbiamo dar merito ad Hemingway, alla sua ricerca di felicità. Aveva scritto in «Di là dal fiume e tra gli alberi» proprio così: «La felicità, come sai, è una festa mobile», restando fedele, nonostante tutto, a questa sua convinzione che matura anche nei luoghi più inospitali, in guerra, in pace, a Toronto come a Cortina, in Spagna sotto le bombe e a Parigi culla di ogni seduzione e immaginazione. Eppure, qualcosa rimase in fondo al suo cuore di generoso testimone del nostro secolo; qualcosa che aveva un solo nome: paura della morte, della vecchiaia, del fallimento. Prima di mettere fine ai suoi giorni agitati, Hemingway aveva scritto ancora due romanzi di grande interesse: «Isole nella corrente» e «Il giardino dell'Eden», pubblicati postumi nel '70 e nell'86, che furono giudicati stranamente felici e quasi in pace con i personaggi e con l'urgenza di esprimersi, cioè la sua prosa iterativa simile a un parlare senza tregua, in gara con il rischio di perdersi o di dover rinunciare. Anche questi elementi fanno parte della sua lezione e del suo modo di vivere. Inimitabile davvero. 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

NT

LE IENE

Nadia Toffa si commuove in tv: "Mi ha stupito l'affetto della gente" Video

Rimettiti alla guida: fai subito i nostri quiz

GAZZAFUN

Rimettiti alla guida: fai subito i nostri quiz

La top 7 delle bellezze da cinepanettone: Belen Rodriguez

L'INDISCRETO

La top 7 delle bellezze da cinepanettone

Notiziepiùlette

Ultime notizie

La grande sfida degli anolini

GUSTO

Gara degli anolini: trionfa la Rosetta La classifica

di Chichibìo

9commenti

Lealtrenotizie

“A Parma 18 milioni di euro per i progetti del Bando Periferie”

COMUNE

A Parma 18 milioni di euro per riqualificare le periferie. Ecco i sei progetti

La firma a Roma con Gentiloni. Soddisfatti il sindaco Pizzarotti e l'assessore Alinovi

PARMENSE

Un caso di meningite a Fidenza: si tratta di un professore dell'Itis Berenini

Il 60enne ha contratto una forma non contagiosa della malattia: non è prevista quindi una profilassi a scuola

ANTEPRIMA GAZZETTA

I punti critici della Massese. La situazione una settimana dopo la morte di Giulia

REGIONE

Cassa di espansione del Baganza e Colorno: 55 milioni di euro per il Parmense

Intesa fra Regione e ministero dell'Ambiente

FIDENZA

Incendio in una casa a Siccomonte Foto

Diverse squadre dei vigili del fuoco sono intervenute nella frazione di Fidenza

PARMA

I ladri fuggono a mani vuote: l'appartamento è già stato svaligiato 40 giorni fa

In via Orzi, una coppia sorprende un ladro in camera e lo fa fuggire

1commento

PARMA

Sorpreso su un'auto rubata, fa cadere un carabiniere e tenta la fuga: arrestato 41enne

A casa del pregiudicato albanese c'erano arnesi da scasso, profumi e cosmetici, probabilmente rubati

MEZZANI

Magazziniere rubava cosmetici in ditta: arrestato 28enne

Il giovane è stato condannato a un anno e sei mesi, con pena sospesa

BRESCELLO

Si schianta al limite del coma etilico: denuncia e multa da 10mila euro per un 50enne parmense

L'uomo aveva un tasso alcolico di 5 volte superiore il limite consentito: per lui, addio a patente e auto

BASSA

Alluvione, 5 giorni dopo: Colorno e Lentigione viste dal cielo Foto

Foto aeree di Fabrizio Perotti (Obiettivo Volare)

VOLANTI

Chiede a un'anziana di custodire i suoi gioielli e la deruba

Una giovane, di corporatura robusta e con un trucco vistoso, è riuscita a entrare nell'appartamento di un'anziana in via Emilia est

parmacotto

Bimbi, tutti a "scuola di cotto" Fotogallery

IL CASO

Invalida al 100%, con la pensione minima, si trova una retta Asp di 650 euro

1commento

RIQUALIFICAZIONE

Ex Star, tra passato e futuro: il progetto del giovane architetto Nicola Riccò

L'idea in una tesi di laurea

TG PARMA

Urta un ciclista e se ne va: caccia all'auto pirata Video

1commento

Aveva 52 anni

Addio a Filippo Cavallina

Cordoglio in città e nella Valtaro per l'improvvisa scomparsa

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le cose della vita (e quelle del palazzo)

di Michele Brambilla

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

2commenti

ITALIA/MONDO

STATI UNITI

Treno deraglia e finisce sulla superstrada: almeno sei morti

BOLOGNA

Imola: 15enne muore dopo l'allenamento di calcio

SPORT

Serie B

Il Parma alla ricerca del gol perduto

CALCIO

Milan in ritiro fino a data da definirsi

SOCIETA'

Libano

L'assassino della diplomatica inglese è un autista di Uber

RICERCA

Matrimonio: per calabresi e siciliani è per sempre

MOTORI

NOVITA'

Alpine A110 Premiere Edition, risorge un marchio storico

MOTO

Bici o moto? La prova di Bultaco Albero 4.5

1commento