22°

Arte-Cultura

La mazurka del violinista cieco

La mazurka del violinista cieco
1

Egidio Bandini

Pochi certamente conoscono «il» Migliavacca, ma moltissimi conoscono «la» Migliavacca, uno dei brani musicali più eseguiti al mondo, opera di un compositore parmigiano: Augusto Migliavacca, appunto. Nato cieco a Parma il 18 gennaio 1838, il nostro dall’età di 7 anni iniziò a studiare il violino, che divenne la sua unica ragione di vita. Stante il fatto che la famiglia non si poteva definire benestante, Augusto iniziò, in compagnia di un – purtroppo - ben poco abile chitarrista, a suonare nei caffè del Piemonte, per poi tornare nella sua Parma e formare, con il violinista Giuseppe Ferrari e il violoncellista Bartolomeo Marchesi quello che sarebbe poi rimasto nella storia come il «Trio Migliavacca». Probabilmente, a parte la disfida con un analogo trio per accaparrarsi i migliori locali della città dove suonare, vinta per acclamazione da Migliavacca, Ferrari e Marchesi, nessuno si sarebbe ricordato del violinista cieco, se non fosse proprio per quella sua composizione che egli intitolò «Flora», ma che al Mondo tutti conoscono come la «Mazurka di Migliavacca»: pezzo di bravura assoluta, diventato celeberrimo nell’esecuzione per fisarmonica e che oggi, solo grazie all’amore per la musica dei maestri Eugenio Martani e Stefano Mora, si può ascoltare dalla voce del violino, come la suonava appunto Migliavacca con il suo trio. Il destino ha voluto che Augusto morisse l’11 maggio di un anno particolarissimo: il 1901. Il 27 gennaio di quell’anno, infatti, moriva a Milano Giuseppe Verdi, la cui dipartita fece passare in secondo piano, anzi in terzo o quarto piano la scomparsa del violinista cieco suo conterraneo. E la sorte si accanì contro Migliavacca anche dopo morto, dal momento che venne contestata addirittura la paternità della sua mazurka, risolta solo nel secondo dopoguerra. Una lapide dal testo altisonante ed il busto al cimitero della Villetta sono le testimonianze che Parma ha tributato, in un passato ormai lontano, al musicista che creò quella sarabanda di note, che comincia sempre e non finisce mai, diventata il cavallo di battaglia dei più virtuosi maestri di fisarmonica; nel 2001, però, mentre si celebrava il centenario della morte di Verdi, nessuno si ricordò del violinista e della sua mazurka, della storia triste di un ragazzo cieco che avrebbe potuto diventare famoso in tutto il Mondo e, invece, morì in miseria da suonatore ambulante, anch’egli cento anni prima. Per questo vogliamo ricordarlo nel 2011, non centenario, ma centodecimo della scomparsa, invitando tutti ad ascoltare la mazurka «Flora» o, come la intitolarono nella prima incisione su disco della Columbia nel 1927, «Migliavacca mazurka», confondendo il nome dell’autore con il titolo del brano. Sarà un tuffo nel passato per chi la conosce ed una scoperta entusiasmante per chi la ascolti la prima volta, immaginando di essere ai tavoli del «Caffè Marchesi» e di poter chiedere al trio Migliavacca un bis che costa solo pochi centesimi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • beppe castagna

    28 Ottobre @ 08.30

    suono la fisarmonica e conosco ed eseguo la famosa mazurca di Migliavacca. Non sapevo niente del suo autore e leggere la sua storia mi ha commosso. Il mio tributo consisterà nell'eseguire un ingrandimento a sanguigna della foto del trio Migliavacca.

    Rispondi

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO

Settimana di grandi classici. Con grandi sorprese Video

gazzarock

musica

Premio Gazzarock, la sfida comincia: vota il tuo artista preferito

Bar Refaeli  è di nuovo incinta

gossip

Bar Refaeli è di nuovo incinta

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Il pane: domani uno speciale di otto pagine

OGGI

Il pane: uno speciale di otto pagine

Lealtrenotizie

Marito e moglie trovati morti in casa a Felegara: omicidio-suicidio?

dramma

Marito e moglie trovati morti in casa a Felegara: omicidio-suicidio?

I corpi senza vita ritrovati dai figli in camera da letto

TESTIMONIANZA

Lucia Annibali: «Vi racconto la mia nuova vita»

1commento

Il caso

Telecamere in tilt non «vedono» le auto rubate

5commenti

elezioni 2017

Salvini torna a Parma: "Per sostenere la candidatura della Cavandoli"

Pronto soccorso

Cervellin: «Mancano medici per l'emergenza»

1commento

Salso

Auto a fuoco: movente passionale?

PARMA CALCIO

Faggiano e la B: «Ci proviamo»

gazzareporter

Auto ad incastro: scene da via Palermo Foto

2commenti

gastronomia etnica

La start-up che mette in tavola il talento delle donne Foto

carabinieri

Maxi-sequestro di armi da guerra nel Parmense: volevano rubare anche la salma di Enzo Ferrari

I nomi dei sette parmigiani della banda

8commenti

Luzzara

Cade per un malore: 42enne muore il giorno dopo il matrimonio

Delicato intervento al cervello al Maggiore di Parma: Barbara Cocconi, barista, ha lavorato a Montecchio, Boretto, Brescello

CALCIO

80 anni fa nasceva Bruno Mora

INTERVISTA

Musica Nuda e «Leggera»

Consiglio comunale

In arrivo riduzioni per Cosap, dehor e tassa sui rifiuti

Spaccatura Pd, Torreggiani contro Dall'Olio

10commenti

Londra

Gemellini borgotaresi salvano la vita alla mamma

1commento

salumi da re

Norcini e salumieri a raduno a Polesine. Sfida al "panino teen-ager"

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Chi ha interesse a volere la realtà percepita

5commenti

EDITORIALE

Brexit, ci siamo. E non sarà indolore

di Aldo Tagliaferro

ITALIA/MONDO

traffico

Scontro pullman-tir sul raccordo tra l'A1 e l'A14: 40 feriti

Bode

Furto del secolo a Berlino? Rubata moneta d'oro da guinness dei primati

1commento

SOCIETA'

roma

Omofobia, Shalpy: "Sputi e insulti per strada: un trauma"

nostre iniziative

«Parma 360»: uno speciale sul festival

SPORT

LEGA PRO

Gubbio-Parma 1-4 , gli highlights video

Amichevole

La Nazionale batte l'Olanda

MOTORI

restyling

Mercedes, ora la GLA è più alta e più connessa

innovazione

La Fiat 500 adesso si può noleggiare su Amazon