-4°

Arte-Cultura

Un sogno trasformato in donna

Un sogno trasformato in donna
0

di Rita Guidi

Marilyn Monroe: c'è qualcosa da aggiungere? Qualcosa che manca, alla curva morbida della sua bocca o al biondo Hollywood dei suoi capelli, per incarnare il brivido esatto della sensualità, il sogno in cinemascope di ogni sguardo maschile?  Nulla, di certo, no. Manca invece il punto d’equilibrio, tra lo splendore del mito e il mistero della donna. Un sentiero per gli occhi sorridenti di Norma Jeane, che ne spieghi bellezza e fragilità, entusiasmi e incertezze.  Come l’album di una straordinaria, difficile vita, è allora questo volume a cura di Anne Verlhac «Marilyn Monroe - L’eterno mito della bellezza» ((Edizioni White Star, da mercoledì in vendita con la Gazzetta a 9,90 euro più il prezzo del quotidiano). Ricognizione utile ed equilibrata, sull'esistenza celebre e sofferta di una diva, per una volta senza retorica e senza stereotipi. Più Norma Jeane che Marilyn, appunto. Bimbetta incuffiettata e buffa, sorridente e sola, se non fosse per lo sguardo di un’amica e della madre. «Figlia di Gladys Pearl Monroe e di Martin Edward Mortenson, un panettiere morto in un incidente di moto quando sua figlia aveva tre anni - scrive infatti David Thomson nella prefazione che ne rintraccia una rapida biografia - Nulla assicura, però, che fosse veramente il padre di Norma Jeane, la quale, probabilmente, non ha mai conosciuto l’identità del genitore». E dunque nemmeno l’affetto di un padre. Questo, allora, cercava, viene da chiedersi con Thomson obbedendo a una facile psicologia, nell’abbraccio degli uomini? Forse. Quel che è certo è che è un uomo, un ragazzo, di 21 anni, che sceglie per sfuggire al susseguirsi gelido di troppe famiglie in affido, o al ricordo di una madre troppo spesso internata in ospedali psichiatrici. Si chiama Jim Daugherty e lo sposa che ha appena 16 anni: lui ha ancora le lentiggini, lei è già una splendida pin-up che sorride al sole. Quel sorriso leggero e biondo che è la sua forza e la sua condanna.  «Il mio lavoro è il solo punto fermo a cui ho potuto fare riferimento - affermerà lei stessa, con lucida consapevolezza -. Ho l’impressione di avere una sovrastruttura completa, ma senza fondamenta. Al momento sto cercando di porvi rimedio».  Una sovrastruttura completa senza fondamenta. Un sogno da concedersi senza preoccuparsi d’altro. Questo leggono in lei i fotografi che la invitano a posare nelle prime sedute. Il risultato? Non cercatelo qui: spesso erano servizi senza pellicola: «di giovanotti eccitati, troppo timidi per farle la corte apertamente - spiega Thomson -, in ogni caso dei tipi che avevano intuito la sua vulnerabilità». Una bellezza senza fondamenta. Una femmina dal potere biondo il cui prezzo non sa usare e dosare. La foto nuda di Tom Kelly, per 50 dollari - celeberrima, candida e morbida, sul velluto rosso del calendario «proibito» Miss Golden Dreams - è già lì, dietro l’angolo. Roba piccante, per l’America del 1949. Roba da chiederle se, davvero, non indossasse nulla: «Sì. La radio...» risponderà lei con la stessa birichina ingenuità che la vedrà accennare  a quelle famose gocce di Chanel... E’ anche così che cade nella trappola degli occhi: quelli della celebrità, degli uomini, del mondo. Quelli che la vogliono emblema di una femminilità insieme facile e irraggiungibile, bellezza muta usa-e-getta, da sognare, accarezzare, possedere.  Il cinema la vede come la perfetta svampita. Angelo del desiderio al quale si possono spezzare le ali.  Hollywood la innalza e la umilia: molti lustrini e poche battute, molto stress e pochi dollari. «Fai quello che sai fare, sii sexy», grida a una Marilyn già intimidita dal grande attore, Laurence Olivier, paradossalmente per «rassicurarla».... E questo le chiedono, in quel lungo, terribile, ripugnante week-end, «poco prima della sua morte, quando - come ricorda Thomson - nella residenza di Frank Sinatra a Reno, nel Nevada, tutti gli invitati, gente di Hollywood o boss mafiosi, abusarono a turno di lei».  Eppure Norma Jeane ci aveva provato, a dire un sì diverso: alle spalle forti di Joe Di Maggio (è solo lui, solo, che vediamo piangere il suo ricordo, quel famoso 8 agosto 1962, al Westwood Memorial Park), o a quelle avvolgenti di Arthur Miller (con lei nella sabbia, in giardino, tra le mura di casa). Ma è un costruire senza fondamenta. Inseguire qualcosa che manca.  «...Possa il tramonto inondare il cielo d’oro/ E che io possa amare/ Oppure morire!», scrive in una poesia che regala, con la sua vita e un rolex d’oro (sul retro l’incisione «A Jack per sempre con amore, 29 maggio 1962»), a JFK per festeggiare il quarantacinquesimo compleanno del Presidente degli Stati Uniti.  Si firma Marilyn, ma è sempre Norma Jeane. Ha 36 anni, vive in una piccola casetta di Brentwood ed è quasi in rovina.
Nel rapporto della polizia, il documento che ne stabilisce la morte, il 5 agosto 1962, sembra appartenere più alla feccia dell’umanità che a un universo di stelle. Invece adesso è Marilyn, ed è bellissima. Non più sogno da possedere, ma mito intoccabile e biondo di bellezza. Senza più nulla che manchi davvero alla sua storia di donna.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La serata Plata alle Follie

Pgn Feste

La serata Plata alle Follie Foto

Il dolce e delicato "Equilibrio delle arti": Fabrizio Effedueotto fotografa Alexandrina Calancea

Fotografia parma

Il dolce "Equilibrio delle arti": Alexandrina sul palco Foto

Juve, nuovo logo. Scoppia l'ironia sul web

calcio e risate

Juve, nuovo logo. Scoppia l'ironia sul web Gallery

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO 

Prosa e Lirica, risate e emozioni a teatro: il meglio della settimana

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Incidente Cascinapiano

Incidente Cascinapiano

Filippo sarà vestito da calciatore: sabato il funerale a Langhirano Video

Polemica

Strisce e sicurezza: rimpallo di responsabilità

7commenti

polizia

Raffica di furti in viale Fratti e viale Mentana: arrestato 26enne

sisma e gelo

Catastrofe nel Centro Italia: Parma in prima linea nei soccorsi Video

Il Soccorso Alpino di Parma opera sull'Appennino di Ascoli Piceno per raggiungere le frazioni isolate

polizia

Rapina in villa a Porporano: arrestata tutta la banda Video

carabinieri

Borseggia anziano sul bus: arrestato un senegalese

4commenti

terzo furto

Ladri e vandali in azione a "La Bula" che chiede aiuto Video

Tragedia

Morto in via Pintor: parenti rintracciati grazie a facebook

Dati Bankitalia

Le rimesse degli immigrati: 24,5 milioni inviati all'estero in 6 mesi  Video

Gli indiani superano i romeni 

6commenti

Mercato

Guazzo, niente Modena

VALMOZZOLA

Entra in casa, raggira e deruba due anziani

QUATTRO ZAMPE

Torrile, il paese dei cani

Salsomaggiore

«Lasciavamo le porte aperte, ora siamo terrorizzati»

4commenti

Lutto

Addio a Fallica, il chimico gentile

Tragedia

Ciao Filippo, amico straordinario

Tragedia

Filippo, una classe in lacrime. E quella pagella che non vedrà mai

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Quei «no» che non sappiamo più dire ai figli

CHICHIBIO

"Officina alimentare dedicata"

di Chichibio

ITALIA/MONDO

TRAGEDIA

Le immagini terribili dell'hotel Rigopiano Gallery

INGV

Le onde sismiche della scossa 5.5 nel Centro Italia Video

SOCIETA'

futuro

L'auto volante diventa realtà, prototipo entro il 2017

AGENDA DELL'AUTO

Bollo auto, ecco cosa bisogna sapere

SPORT

lega pro

Il portiere Frattali è del Parma

Australian Open

Eugenie Bouchard fra tennis e scatti sexy Foto

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, ci siamo. Il Suv è già ordinabile Fotogallery

PROVA SU STRADA

Peugeot 2008, per chi non si accontenta