12°

22°

Arte-Cultura

Un sogno trasformato in donna

Un sogno trasformato in donna
Ricevi gratis le news
0

di Rita Guidi

Marilyn Monroe: c'è qualcosa da aggiungere? Qualcosa che manca, alla curva morbida della sua bocca o al biondo Hollywood dei suoi capelli, per incarnare il brivido esatto della sensualità, il sogno in cinemascope di ogni sguardo maschile?  Nulla, di certo, no. Manca invece il punto d’equilibrio, tra lo splendore del mito e il mistero della donna. Un sentiero per gli occhi sorridenti di Norma Jeane, che ne spieghi bellezza e fragilità, entusiasmi e incertezze.  Come l’album di una straordinaria, difficile vita, è allora questo volume a cura di Anne Verlhac «Marilyn Monroe - L’eterno mito della bellezza» ((Edizioni White Star, da mercoledì in vendita con la Gazzetta a 9,90 euro più il prezzo del quotidiano). Ricognizione utile ed equilibrata, sull'esistenza celebre e sofferta di una diva, per una volta senza retorica e senza stereotipi. Più Norma Jeane che Marilyn, appunto. Bimbetta incuffiettata e buffa, sorridente e sola, se non fosse per lo sguardo di un’amica e della madre. «Figlia di Gladys Pearl Monroe e di Martin Edward Mortenson, un panettiere morto in un incidente di moto quando sua figlia aveva tre anni - scrive infatti David Thomson nella prefazione che ne rintraccia una rapida biografia - Nulla assicura, però, che fosse veramente il padre di Norma Jeane, la quale, probabilmente, non ha mai conosciuto l’identità del genitore». E dunque nemmeno l’affetto di un padre. Questo, allora, cercava, viene da chiedersi con Thomson obbedendo a una facile psicologia, nell’abbraccio degli uomini? Forse. Quel che è certo è che è un uomo, un ragazzo, di 21 anni, che sceglie per sfuggire al susseguirsi gelido di troppe famiglie in affido, o al ricordo di una madre troppo spesso internata in ospedali psichiatrici. Si chiama Jim Daugherty e lo sposa che ha appena 16 anni: lui ha ancora le lentiggini, lei è già una splendida pin-up che sorride al sole. Quel sorriso leggero e biondo che è la sua forza e la sua condanna.  «Il mio lavoro è il solo punto fermo a cui ho potuto fare riferimento - affermerà lei stessa, con lucida consapevolezza -. Ho l’impressione di avere una sovrastruttura completa, ma senza fondamenta. Al momento sto cercando di porvi rimedio».  Una sovrastruttura completa senza fondamenta. Un sogno da concedersi senza preoccuparsi d’altro. Questo leggono in lei i fotografi che la invitano a posare nelle prime sedute. Il risultato? Non cercatelo qui: spesso erano servizi senza pellicola: «di giovanotti eccitati, troppo timidi per farle la corte apertamente - spiega Thomson -, in ogni caso dei tipi che avevano intuito la sua vulnerabilità». Una bellezza senza fondamenta. Una femmina dal potere biondo il cui prezzo non sa usare e dosare. La foto nuda di Tom Kelly, per 50 dollari - celeberrima, candida e morbida, sul velluto rosso del calendario «proibito» Miss Golden Dreams - è già lì, dietro l’angolo. Roba piccante, per l’America del 1949. Roba da chiederle se, davvero, non indossasse nulla: «Sì. La radio...» risponderà lei con la stessa birichina ingenuità che la vedrà accennare  a quelle famose gocce di Chanel... E’ anche così che cade nella trappola degli occhi: quelli della celebrità, degli uomini, del mondo. Quelli che la vogliono emblema di una femminilità insieme facile e irraggiungibile, bellezza muta usa-e-getta, da sognare, accarezzare, possedere.  Il cinema la vede come la perfetta svampita. Angelo del desiderio al quale si possono spezzare le ali.  Hollywood la innalza e la umilia: molti lustrini e poche battute, molto stress e pochi dollari. «Fai quello che sai fare, sii sexy», grida a una Marilyn già intimidita dal grande attore, Laurence Olivier, paradossalmente per «rassicurarla».... E questo le chiedono, in quel lungo, terribile, ripugnante week-end, «poco prima della sua morte, quando - come ricorda Thomson - nella residenza di Frank Sinatra a Reno, nel Nevada, tutti gli invitati, gente di Hollywood o boss mafiosi, abusarono a turno di lei».  Eppure Norma Jeane ci aveva provato, a dire un sì diverso: alle spalle forti di Joe Di Maggio (è solo lui, solo, che vediamo piangere il suo ricordo, quel famoso 8 agosto 1962, al Westwood Memorial Park), o a quelle avvolgenti di Arthur Miller (con lei nella sabbia, in giardino, tra le mura di casa). Ma è un costruire senza fondamenta. Inseguire qualcosa che manca.  «...Possa il tramonto inondare il cielo d’oro/ E che io possa amare/ Oppure morire!», scrive in una poesia che regala, con la sua vita e un rolex d’oro (sul retro l’incisione «A Jack per sempre con amore, 29 maggio 1962»), a JFK per festeggiare il quarantacinquesimo compleanno del Presidente degli Stati Uniti.  Si firma Marilyn, ma è sempre Norma Jeane. Ha 36 anni, vive in una piccola casetta di Brentwood ed è quasi in rovina.
Nel rapporto della polizia, il documento che ne stabilisce la morte, il 5 agosto 1962, sembra appartenere più alla feccia dell’umanità che a un universo di stelle. Invece adesso è Marilyn, ed è bellissima. Non più sogno da possedere, ma mito intoccabile e biondo di bellezza. Senza più nulla che manchi davvero alla sua storia di donna.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

2commenti

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Platinette, rovinosa caduta giù dalle scale

tv

Platinette, rovinosa caduta dalle scale al "Tale quale Show" Video

Claudia Schiffer festeggia 30 anni di carriera con un libro  Foto

MODA

Claudia Schiffer festeggia 30 anni di carriera con un libro Foto

Federica Pellegrini sfila in "paint-kini" a Milano

MODA

Federica Pellegrini sfila in "paint-kini" a Milano

Notiziepiùlette

Ultime notizie

La parola all'esperto

ECONOMIA

Torna "La parola all'esperto". Inviate i vostri quesiti

Lealtrenotizie

Pizzarotti: «Parma insicura? Non è colpa degli immigrati ma dei criminali»

Stranieri

Pizzarotti: «Parma insicura? Non è colpa degli immigrati ma dei criminali»

16commenti

Attacco dell'opposizione

«La sindaca di Felino si dimetta»

1commento

l'agenda

Funghi e non solo: una domenica di sagre e tesori segreti da scoprire

Laguna gialloblù

L'«Imperatore» di Venezia

SALSO

Ladri cercano di entrare in una villetta

CERIMONIA

Due nuovi diaconi, vite nel nome del Signore

CONCERTO

Nada incanta al Colombofili

NEVIANO

Palestra rinnovata, scolari in festa

PARCO DUCALE

Nella serra piccola del Giardino il «posto delle viole»

calcio

Tommaso Ghirardi torna allo stadio: segue il Brescia con Cellino

L'ex presidente del Parma è tornato al Rigamonti per la prima volta dopo il crac

3commenti

serie B

Riscatto in trasferta per il Parma: Di Cesare firma la vittoria per 1-0 sul Venezia Foto Video

Vittoria preziosa per i crociati, che salgono a 9 punti. Lucarelli fra i migliori in campo. Per i padroni di casa è la prima sconfitta

8commenti

CALCIO

D'Aversa: "Un risultato importante. Abbiamo preso fiducia nel secondo tempo" Video

L'allenatore commenta la vittoria del Parma sul Venezia

1commento

incidenti

Camion perde tubo, auto schiacciata: quattro feriti Foto

Schianto in viale Villetta: in tre all'ospedale

carabinieri

Giallo a Guardasone: arsenale in un dirupo

MONTAGNA

E' stato trovato il fungaiolo disperso nel Bardigiano

Il 72enne è stanco ma in buone condizioni di salute

bambini

Giocampus Day: è qui la festa (con Paltrinieri) Foto

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La Catalogna e il ritorno delle piccole patrie

di Paolo Ferrandi

1commento

CONTROLLI

Autovelox, autodetector, speedcheck: la mappa della settimana

ITALIA/MONDO

AEREI

Ryanair, video dell'amministratore ai dipendenti: "Scusate, ho fatto un pasticcio"

APPENNINO REGGIANO

Scalatore precipita dalla Pietra di Bismantova: 24enne a Parma in gravi condizioni

SPORT

VENEZIA-PARMA

"Una vittoria meritata sul piano del carattere": il video-commento di Grossi

3commenti

VENEZIA-PARMA

Di Cesare, l'uomo-gol: "Il Venezia, squadra ostica. Abbiamo sfruttato l'occasione" Video

1commento

SOCIETA'

IL DISCO

"Days of future passed", il capolavoro dei Moody Blues che ispirò anche i Nomadi

PARMA

"Musica nera" degli States e lirica: una serata con Brunetto e i fratelli Campanini Video

MOTORI

LA NOVITA'

Al volante della nuova Volvo XC60. Ecco come va

auto&moda

Jaguar E-Pace, Debutto con Palm Angels Fotogallery