Arte-Cultura

Amore, sangue e dialetto nel romanzo di Longo "Lu campo di girasoli"

0

Passione, violenza, miserie e prevaricazioni. «Lu campo di girasoli», l’ultimo incantevole romanzo di Andrej Longo, contiene tutti gli elementi classici della narrativa di stampo verista. L’amore tra Caterina e Lorenzo, contrastato da Rancio Fellone, figlio dell’uomo più ricco del paese, ricorda quello raccontato nei «Promessi Sposi». Non mancano nemmeno i bravi, Cicciariello e Capa di Ciuccio, due compari violenti e brutali come quelli di manzoniana memoria. E a incombere su Caterina e Lorenzo c’è lo stesso senso di ingiustizia che impediva il matrimonio di Renzo e Lucia. La storia è semplice e la lingua è un dialetto meridionale  semplificato e reso comprensibile: Caterina, «cu chilli denti bianchi ca splendevano, uguali a lu bianco de li case appicciate da lu sole» è bellissima e piace a Rancio Fellone. Ma lei ama invece Lorenzo, il nipote dello scarpaio che non ha un soldo ma, quando suona la tammorra, è bello come un angelo. Rancio non si rassegna, vuole Caterina per forza, e mentre tutto il paese è radunato nella piazza per la festa di Santo Vito Liberatore, lui è deciso a farla sua anche con la forza. Nell’intreccio entrano quasi per caso due poveri diavoli, Dumminco e lu professore, rapinatori per necessità ma a loro modo onesti e generosi, che proprio nel momento più tragico, entrano nella vicenda come due angeli salvatori. Lo scioglimento della storia fa parte della suggestione di questo romanzo che ha il fascino di una favola oscura e crudele. Ma al di là della storia è la lingua, con la sua viscerale potenza espressiva, la vera protagonista di «Lu campo di girasoli». Per scriverlo, Andrej Longo ha scelta una lingua «inventata» (o meglio sognata, come racconta nelle sue interviste). In queste pagine lo scrittore ischitano ricorre a una riuscitissima commistione di dialetto napoletano, pugliese e siciliano, che in un impasto di termini di provenienza diversa, ci trasmette i profumi e i sapori di una terra mediterranea sanguigna e assolata dove la natura ha ancora il sopravvento sulle miserie degli uomini: «E li girasoli, ca erano a migliara pì dintu lu campo – scrive Longo - tutti assime voltaino la capa, comu si pì la vergogna non vulessero chiù vederi chello ca steva capitanno».
Lu campo di girasoli - Adelphi, pag. 18616,00

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Dal 2017 WhatsApp non funzionerà più sui vecchi telefonini

social

Dal 2017 WhatsApp non funzionerà più sui vecchi telefonini

1commento

La trollata epica del rapper di Parma sui profughi

tv

La "trollata epica" del rapper parmigiano Bello FiGo sui profughi Video

6commenti

20enne si schianta a folle velocità mentre fa diretta Fb

usa

Si schianta a velocità folle: in diretta Facebook Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Nidi di rondine di nonna Ida

GUSTO

La ricetta della Peppa- Nidi di rondine di nonna Ida

Lealtrenotizie

Parma, primo allenamento con D'Aversa e il nuovo staff Foto

calcio

Parma, primo allenamento con D'Aversa e il nuovo staff Foto Video

seggi

Referendum, alle 12 al voto il 24,46% dei parmigiani. Istruzioni per l'uso

referendum

File infinite al Duc per la tessera. Un lettore: "Racagni, ascensore guasto: e i disabili?"

3commenti

Carabinieri

Vendono iPhone: ma è una truffa

3commenti

l'agenda

Atmosfere natalizie e sapori della tradizione: cosa fare oggi

RICERCA

Prevedere i terremoti: a che punto siamo

Salsomaggiore

«Lorenzo, un ragazzo speciale»

Il nuovo allenatore

D'Aversa: "Mi hanno chiesto di giocare a calcio". Il suo staff

L'intervista: "Ora miglioriamo giorno per giorno. Ritroviamo la serenità" (Video) - Ferrari: "Scelti non i nomi, ma gentre che avesse "fame"" (Video) - Lunedì o martedì l'annuncio del nuovo ds: è una corsa a tre

7commenti

Calcio

Brodino per il Parma. E intanto parte l'era D'Aversa

MISSIONARI

Saveriani, da sempre tra gli ultimi

PERSONAGGI

Gandini, il pistard d'oro eroe di Melbourne

di corsa

I protagonisti del 2°Cross Country Montanari & Gruzza Foto

elezione

Beltrami nuovo vicepresidente nazionale della Federazione medici sportivi

Intervista

Virginia Raffaele: «Ecco perché i miei personaggi fanno ridere»

1commento

via mazzini

Un altro pezzo di storia che se ne va: chiude Zuccheri

12commenti

al mercato

Sorpreso a rubare, ferisce con un cutter i titolari di un banco in Ghiaia Foto

9commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Ci sarebbe, magari, un "grazie" da dire

di Michele Brambilla

2commenti

IL DIRETTORE RISPONDE

La verità può nascondersi ma c'è

ITALIA/MONDO

modena

Parte il progetto dello chef Bottura: ogni lunedì a cena 60 persone in difficoltà

alessandria

Ruba fidanzatino a figlia, condannata per violenza sessuale

1commento

WEEKEND

IL CINEFILO

I film della settimana, da Sully a Agnus Dei  Video

VERNISSAGE

90 anni di Arnaldo Pomodoro: la sua arte invade Milano

1commento

SPORT

formula uno

Mercedes, Rossi: "Io al posto di Rosberg? Bello, non potrei dire no"

SERIE A

La Juve domina: battuta l'Atalanta (3-1)

SOCIETA'

salerno

"Novemila euro alla Arcuri per accendere l'albero di Natale"

1commento

rifiuti abbandonati

Via Anedda e la montagna di scatole (cinesi) Foto

2commenti