17°

Arte-Cultura

Oro nero e implacabile

Oro nero e implacabile
0

di Christian Stocchi

 

L a geopolitica è uno strumento fondamentale per comprendere rapporti tra Stati, assetti economici locali e globali, prospettive di medio e di lungo termine a livello internazionale. Giancarlo Elia Valori, manager di lungo corso, docente universitario, esperto di relazioni internazionali, da tempo è uno dei più attenti osservatori di queste dinamiche. Dopo una serie di pubblicazioni dedicate a diversi temi (dal Mediterraneo alla Cina fino a Israele) ma legate sempre da un metodo coerente e da uno sguardo unitario sui nuovi fenomeni che stanno caratterizzando il mondo, offre ora al pubblico un saggio su una delle questioni decisive del nostro presente e del nostro futuro: «Petrolio. La nuova geopolitica del potere» (Excelsior 1881, collana «Demarcazioni»).

La scelta dell’argomento è certamente ponderata, soprattutto in una fase di svolta come è quella che stiamo vivendo: dal petrolio (ma anche dal gas) dipendono gli equilibri dell’intero pianeta. Nella prefazione, Antonio Maccanico, a fronte dell’analisi dell’autore che coglie i problemi di oggi in tutta la loro urgenza, sottolinea come prioritario «uno sforzo di collaborazione multilaterale, di governance globale». Unendo profondità storica e analisi delle prospettive, Valori intraprende così un percorso ricco di numeri, di dati e di considerazioni puntuali, che tengono doverosamente conto di uno scenario nel quale crescono i costi per le fonti energetiche e si assiste a un certo disordine nel cosiddetto «mercato dei consumatori», senza contare manipolazioni valutarie e altre questioni cruciali, spesso di portata globale. L’autore tocca vari temi, proponendo fin dall’inizio una precisazione di metodo relativa alla geopolitica, intesa come «l’insieme delle relazioni che esistono tra la condotta di una politica di potenza sviluppata sul piano internazionale e il quadro geografico, e appunto geopolitica, in cui essa si esercita». Numerosi gli approfondimenti: innanzitutto, la lente di Valori si concentra su alcune fondamentali dinamiche economiche, relative all’euro e soprattutto al dollaro nell’ambito della geofinanza del petrolio. Quindi, un’ampia riflessione è dedicata a una questione delicata: il jihad economico, elemento essenziale nella visione strategica e ideologia, oltre che nella prassi, di Al Qaeda e della sua rete. 

Un’analisi minuziosa riguarda la questione delle pipelines, a partire dai Paesi strategici nel trasporto del petrolio: la Cina, che da tempo, in considerazione del suo sviluppo economico, ha aumentato vertiginosamente i consumi e ha diversificato l’importazione, ma anche la Federazione Russa, la Turchia, le Repubbliche centroasiatiche. Interessante, a proposito di Mosca, il fatto che la sua logica geopolitica «nelle sue proiezioni petrolifere e gaziere verso l’Ue» è quella di «egemonizzare la penisola eurasiatica fino all’Atlantico, e collegare il surplus economico e tecnologico dell’Unione Europea ai cicli di sviluppo della Russia»: quello che, insomma, non riuscì, pur in un contesto ben differente, a Stalin nell’ambito della Guerra civile spagnola. Specifici approfondimenti sono, quindi, dedicati ad alcune regioni decisive sul piano energetico: oltre a Russia e Asia centrale, zona strategica per gli equilibri globali (notevole l’espansione della stessa Russia e della Cina al centro dello Hearthland), anche lo Stato di Israele, le cui priorità sono ovviamente diverse da quelle dei Paesi produttori dell’Opec e da quelli consumatori dell’Occidente; e l’Iran, dove il sistema petrolifero incide pesantemente, più che altrove, sui processi decisionali a livello politico e militare. 

L’analisi di Valori chiarisce al grande pubblico dinamiche articolate e complesse, ma può essere un utile strumento di riflessione anche per quei decisori che hanno nelle loro mani le sorti del pianeta. Soprattutto alla luce del mutamento dello scenario mondiale, dopo il disastro nucleare giapponese e le rivoluzioni che hanno segnato i Paesi arabi. 

Petrolio - Excelsior, pag. 25024,50

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Lo "Zoo" di  105,  è morto Leone Di Lernia

spettacoli

Lo "Zoo" di 105, è morto Leone Di Lernia - VIDEO

Halle Berry si libera del vestito degli Oscar: così il Versace finisce per terra e lei si butta in piscina

come in un film

Halle Berry si libera del vestito degli Oscar e si tuffa Video

Montalbano torna, supera i 10 milioni e fa il 40%

televisione

Montalbano, ritorno record: supera i 10 milioni

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"Top500": la classifica

IMPRESE

Top500 Parma, ecco la classifica completa

Lealtrenotizie

Arrestate due cittadine rumene

cittadella

Scippavano anziani: rom arrestate da un poliziotto fuori servizio

INCHIESTA

Alberi, sigilli a una casa famiglia per anziani. Tre indagati

da mantova a parma

Furto a un distributore, un moldavo in manette

autostrada

Incidente tra due camion a Fiorenzuola: code verso Fidenza

Consiglio comunale

Rifiuti e sicurezza: oggi Consiglio comunale Diretta dalle 15

opportunita'

Venti nuovi annunci per chi cerca un lavoro

Welcome day

Studenti Erasmus, benvenuti a Parma Fotogallery

L'ALLARME

Droga, a Parma ogni anno 400 segnalati alla Prefettura

3commenti

La traversata

Quei velisti con Parma nella cambusa

Mercati esteri

Sicim, tris di commesse per 200 milioni di dollari

Amarcord

Prati Bocchi, 67 anni di amicizia

meteo

Tornano pioggia, vento e neve sulle alpi

Langhirano

E' morto Pierino Barbieri

1commento

Scomparso

«Benito, come un padre per tanti di noi»

FOCUS

Monticelli? Mancano spazi per i giovani

LEGA PRO

Parma, Frattali out: in porta arriva Davide Bassi. Il Pordenone travolge il Bassano

L'estremo difensore era svincolato dall'Atalanta, nel suo passato anche Empoli e Torino

2commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Le multe facili e quelle difficili

13commenti

EDITORIALE

Quei politici allergici alla libertà di stampa

di Filiberto Molossi

ITALIA/MONDO

il CASO

Dj Fabo ha morso il pulsante per il suicidio assistito

2commenti

TREVISO

Il Comune licenzia dipendente assenteista

SOCIETA'

caffè

A Milano lo Starbucks più grande d'Europa

comune

2200 anni della fondazione di Parma: ecco il logo di Franco Maria Ricci

SPORT

inghilterra

Ranieri: il tributo (mascherato) dei tifosi del Leicester Gallery

Ciclismo

Grave caduta per la giovane promessa Marco Landi

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, la nostra pagella

NOVITA'

Bmw, la nuova Serie 5 ragiona da ammiraglia