10°

Arte-Cultura

Il fresco "fai da te" dei nostri antenati

Il fresco "fai da te" dei nostri antenati
0

Lorenzo Sartorio
 Ma ci pensate,  solo per un momento,  i nostri nonni  armeggiare con un impianto di aria condizionata ? Sarebbero impazziti. L'essere costretti a chiudere le finestre in piena estate con quell'aria gelida che sibila da «boffoni» sistemati  nelle parti più impensate delle stanze e tali da scatenare certi dolori artritici da urlo..... no, decisamente, non era certo roba per loro. E non è che le estati, un tempo, fossero meno calde. Anzi !  Le estati moderne, in fatto di caldo non scherzano, ma sono altalenanti, capricciose, matte. Un po' come la gente.   
Ed allora, come facevano i nostri nonni a difendere le loro case dall’offensiva  del caldo ? A questo punto entrava di scena la «rezdora»,  non solo vestale del camino e dei fornelli, ma angelo della casa a tempo pieno, la quale,  coniugando antichi muliebri saperi tramandati  dalle sue vecchie, sapeva miscelare l’aria con un gioco di correnti facendo rimanere sempre le stanze fresche. Innanzitutto, parliamo di case vere con muri robusti e non di alveari come le moderne abitazioni che, saranno anche antisismiche e razionali, ma sono dotate di muri che, senza essere invadenti o curiosi, ci consentono di conoscere tutte le mosse discrete e indiscrete  del vicino. Figuriamoci se non fanno passare il caldo!
 Appena alzata, la «rezdora»  (la sveglia era  solitamente alle cinque),  apriva tutte le finestre per fare entrare la brezza sottile del mattino e poi, quando il sole cominciava a spuntare, aveva cura di socchiudere o addirittura chiudere quegli scuri martoriati dai raggi solari,  magari tirando anche le tende in modo che  diventasse una camera oscura e tenesse ben immagazzinato il fresco incamerato nel primo mattino. Le altre finestre all’ombra venivano spalancate  fino ad una certa ora e,  alla fine della mattina,  venivano socchiuse in modo tale che il cado non entrasse,  ma regnasse sempre  quella penombra in grado, anche nel pomeriggio, di portare un po' di refrigerio.
 Ad esempio, le vecchie canoniche vegliate dalle premurose «perpetue»,  nei mesi estivi,  non erano mai calde.  E, siccome il prevosto, solitamente  non magro, soffriva tanto l'afa,  la stanza da pranzo e la camera da letto erano sapientemente  refrigerate dalla «perpetua» attraverso questi equilibrismi  di luce e di aria per mantenere sempre una temperatura  accettabile. Alla sera,  quando il sole stava calando e cominciava  ad alzarsi quella rinfrescante brezza vespertina, specie in campagna, la «rezdora» apriva tutte le finestre per arieggiare e per fare entrare un po' di ristoro  anche se le insidie non mancavano  causa  lo sgradito ingresso, nelle varie stanze, di zanzare o, peggio ancora, di pipistrelli.
Anche il pollaio, patrimonio delle «rezdore», nei mesi caldi doveva  essere arieggiato,  altrimenti quelle povere bestie, specie di notte, avrebbero patito le pene dell’inferno. A parte il fatto che ogni pollaio che si rispettava era riparato da una pianta di  fico, da un gelso e da un noce che con loro foglie lo proteggevano  dai raggi solari, la «rezdora»,  proprio quando il cado faceva sul serio, apriva quelle finestrelle sgangherate di legno facendo ben attenzione che la rete protettiva tenesse, in quanto  quel minuscolo  pertugio poteva rappresentare  un comodo ingresso per la faina e anche per qualche piccola volpe.
Anche i cibi, un tempo, dovevano fare i conti col caldo e, se in città i primi frigidaire avevano sostituito,  negli anni Sessanta, le colonne di ghiaccio, in campagna,  tutto ciò che era deperibile finiva  nella «giasära»,  una sorta di bunker scavato sotto terra, completamente avvolto da gaggie o altre piante,  che in inverno veniva stipato di neve la quale,  in quell'antro buio, durava tutto l’anno. In campagna l’acqua del «sambot» era sempre fresca perché arrivava dal pozzo e, quindi,  non c'era bisogno di alcun stratagemma per rinfrescarla. In città, invece, quella dell’acquedotto, fresca non era,  ed allora la si faceva filare in modo tale che si mantenesse accettabile . E, dentro quella bacinella posta sotto il rubinetto, galleggiavano  una mezza anguria,  un pacchettino con il burro e l'immancabile bottiglia di  bianco o rosso.                                     


 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

 Musica sotto l'albero: arrivano Ferro, Liga, Vasco, Biondi e Pausini

NATALE

Musica sotto l'albero: arrivano Ferro, Liga, Vasco, Biondi e Pausini Foto

Dal 2017 WhatsApp non funzionerà più sui vecchi telefonini

social

Dal 2017 WhatsApp non funzionerà più sui vecchi telefonini

1commento

La trollata epica del rapper di Parma sui profughi

tv

La "trollata epica" del rapper parmigiano Bello FiGo sui profughi Video

8commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Nidi di rondine di nonna Ida

GUSTO

La ricetta della Peppa- Nidi di rondine di nonna Ida

Lealtrenotizie

Parma, primo allenamento con D'Aversa e il nuovo staff Foto

calcio

Parma, primo allenamento con D'Aversa e il nuovo staff Foto Video

polfer

Teneva 17 dosi di cocaina nel reggiseno: arrestata

seggi

Referendum, alle 12 al voto il 24,46% dei parmigiani. Istruzioni per l'uso

via chiavari

Santa Barbara: i vigili del fuoco festeggiano con i bambini Foto

3737 interventi in un anno

Carabinieri

Vendono iPhone: ma è una truffa

3commenti

l'agenda

Atmosfere natalizie e sapori della tradizione: cosa fare oggi

RICERCA

Prevedere i terremoti: a che punto siamo

Salsomaggiore

«Lorenzo, un ragazzo speciale»

Il nuovo allenatore

D'Aversa: "Mi hanno chiesto di giocare a calcio". Il suo staff

L'intervista: "Ora miglioriamo giorno per giorno. Ritroviamo la serenità" (Video) - Ferrari: "Scelti non i nomi, ma gentre che avesse "fame"" (Video) - Lunedì o martedì l'annuncio del nuovo ds: è una corsa a tre

7commenti

Calcio

Brodino per il Parma. E intanto parte l'era D'Aversa

MISSIONARI

Saveriani, da sempre tra gli ultimi

PERSONAGGI

Gandini, il pistard d'oro eroe di Melbourne

di corsa

I protagonisti del 2°Cross Country Montanari & Gruzza Foto

elezione

Beltrami nuovo vicepresidente nazionale della Federazione medici sportivi

Intervista

Virginia Raffaele: «Ecco perché i miei personaggi fanno ridere»

1commento

via mazzini

Un altro pezzo di storia che se ne va: chiude Zuccheri

12commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Ci sarebbe, magari, un "grazie" da dire

di Michele Brambilla

3commenti

IL DIRETTORE RISPONDE

La verità può nascondersi ma c'è

ITALIA/MONDO

referendum

Pelù denuncia: "Ho avuto la matita cancellabile". Ma ecco perché è valida

usa

Si schianta a velocità folle: in diretta Facebook Video

WEEKEND

IL CINEFILO

I film della settimana, da Sully a Agnus Dei  Video

IL DISCO

“L'indiano” di De Andrè, 35 anni dopo

SPORT

formula uno

Mercedes, Rossi: "Io al posto di Rosberg? Bello, non potrei dire no"

Bis Jansrud

Sci, per l'Italia un altro podio: Fill è secondo

SOCIETA'

calendario

Scorci, tradizioni e personaggi. Dodici mesi di Parma illustrata

rifiuti abbandonati

Via Anedda e la montagna di scatole (cinesi) Foto

2commenti