-2°

Arte-Cultura

Il racconto della domenica - Torno a prendere il cappuccio

0

Felice Modica

Ricordo bene quando la comprai, in un negozio di Milano.
Costava uno sproposito, per un articolo dedicato al tempo libero, e soprattutto per le mie finanze. Ma era bella, e aveva l’aria di essere molto comoda. Quel che si dice un indumento “tecnico”: leggero e resistente, caldo e di scarso ingombro. La comprai, senza pensarci troppo. C’ho girato il mondo. Lapponia svedese, Norvegia, Finlandia, Danimarca, Georgia, Albania, Balcani, Est Europa, Sud America: la vecchia giacca mi ha accompagnato fedele e discreta, proteggendomi dalla neve, dall’acqua, dal vento. Ogni viaggio, su di lei - come su di me - uno sbrego, un segno del tempo portato con la dignità di chi si è sempre sforzato di vivere. Ed anche quando, per forza di cose, è stata rimpiazzata da altri modelli nuovi, in un angolo della valigia, ho sempre lasciato un posto anche per lei. Un portafortuna capace – giuro! – di cambiare il corso negativo degli eventi.
La mia giacca è verde bosco ed ha un cappuccio agganciato al colletto con alcuni “bottoni automatici”. Non lo uso mai, perché porto il berretto (anche lui ne avrebbe, di storie da raccontare…). L’avrò indossato un paio di volte, in circostanze davvero eccezionali. L’ultima è stata un mese fa, nel Sud dell’Argentina, a caccia di acquatici. Nascosto in una buca scavata nel terreno, aspettavo l’alba in una fredda notte stellata, quando il termometro segnava una temperatura di – 7° C. e il pampero, il vento freddo che soffia dalla Patagonia sferzava la campagna, foriero di palmipedi e anseriformi. Forti emozioni, che per forza dovevo condividere con la vecchia cacciatora, protetto dal suo cappuccio. Che è stato straordinario. Poi, dato che quella alle anatre non è la mia caccia, ho smesso nelle prime ore del mattino. Il cane aspetta – mi sono detto – c’è ancora da inseguire le pernici. Finché il fiato e la salute resistono… E’ però accaduto un fatto increscioso, almeno per me. Ora, chi conosce la pampa argentina, sa bene che è tutta un susseguirsi di appezzamenti recintati, con paletti di legno e fil di ferro. Si tratta dell’unica interferenza umana nella pratica di allevamento del bestiame allo stato brado. I bovini sono raggruppati per sesso ed età all’interno di questi stazzi, che a volte sono elettrificati, con una semplice batteria d’auto: una scossa dolorosa, ma non letale, costituisce un valido deterrente per gli sconfinamenti. Lo apprendono prestissimo i cani che girano per la pampa; impara presto anche il cacciatore, che sta attento a scavalcare i fili abbassandoli prima con gli stivali di gomma. Ebbene, quella volta, mentre superavo una recinzione, qualcosa mi ha strattonato la giacca. Compresi che doveva trattarsi di filo spinato, una giuntura maligna e inappropriata messa lì dal Destino. Controllai, è vero, la mia vecchia giacca, e fui sorpreso di non trovarvi uno squarcio. A posteriori, dico che mi allontanai dal luogo quasi con un oscuro presentimento. Ma il sole era già tramontato, il cane si trascinava per la stanchezza e presto ci attendeva entrambi lo stress di un lungo volo intercontinentale. La vecchia cacciatora si era “difesa”, ancora una volta. All’apparenza non aggiungeva altre “ferite”, al suo carnet di “medaglie al valore”. Ma era priva del cappuccio, l’accessorio di cui solo poche ore prima avevo scoperto la straordinaria funzionalità.
Adesso, che sono veramente in trincea, ogni tanto apro l’armadio delle cose di caccia e vedo la mia giacca gloriosa, con gli attacchi dei bottoni automatici ormai inutili. Sembra “guardarmi” con espressione di muto rimprovero. Lo so, la letteratura e la vita sono piene di gente che ha detto alla moglie: “cara, vado a comprare le sigarette”, e poi magari neppure fumava…
Ma io ho scolpito nella mente il luogo in cui è rimasto il cappuccio. Ne conosco le coordinate. Forse, in questo momento, un armadillo lo sta utilizzando come caldo rifugio. Oppure è rimasto a terra, a farsi imbiancare dalla neve. Un giorno di questi, giuro, lo faccio. Dirò ai miei: “Esco. Torno a prendere il cappuccio…”.  

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Rigopiano: Charlie Hebdo, nuova (brutta) vignetta. Con risposta

polemica

Rigopiano: Charlie Hebdo, nuova (brutta) vignetta. Con risposta

"Cold Chairs": un inno alla vita"!

musica

Bataclan, da Collecchio l'omaggio dei "The Lemon Flavour" Video

Edoardo Bennato: «Sono sia Peter Pan che Capitan Uncino»

Intervista

Edoardo Bennato: «Sono sia Peter Pan che Capitan Uncino»

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO 

Prosa e Lirica, risate e emozioni a teatro: il meglio della settimana

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

«Eri la mia vita». Lo strazio dei familiari

La morte di Filippo

«Eri la mia vita». Lo strazio dei familiari

TESTIMONIANZA

«Preso a calci e pugni per divertimento»

La storia

Rocco e Giulia, salumieri a Innsbruck

PEDEMONTANA

Polizia municipale, multe in aumento

GRANDE FIUME

Il Po in secca? Attrazione per i turisti

Protezione civile

I volontari parmigiani al lavoro nelle Marche

Lega Pro

Parma tra novità e cerotti

Cinema

Caschi made in Parma per «Alien»

Langhirano

Filippo, le lacrime e il colore dei ricordi sulla bara bianca

2commenti

bedonia

Violenze sul padre per anni, arrestato un 40enne Video

commozione

Langhiranese: un minuto di silenzio per Filippo Video

commemorazione

Il liceo Bertolucci si prende per mano: "Ciao Filippo"

elezioni

Pizzarotti, è ufficiale: "Mi ricandido" Video . Dall'Olio si ritira: "Sostengo Scarpa"

13commenti

Polemica

«Sulla legionella ci hanno preso in giro»

4commenti

sanguinaro

Via Emilia, tamponamento a catena: ci sono feriti (lievi) e code

Tg Parma

Tenta di truffare un anziano e gli strappa i soldi dal portafogli: denunciato

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La neve, le parole e gli Uomini

EDITORIALE

Trump, il presidente del «Prima l'America»

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

Stati Uniti

Una marea rosa contro Trump invade le città americane Video

Libia

Tripoli: autobomba vicino all'ambasciata italiana

WEEKEND

CINEMA

Da "Arrival" a "Qua la zampa": i film della settimana Video

IL DISCO

Avalon, un sound sofisticato e una copertina leggendaria

1commento

SPORT

sport

Il Coni premia i suoi campioni parmigiani: le foto

Sport Invernali

Il cielo è azzurro a Kitzbühel: Paris fa l'impresa

MOTORI

IN PILLOLE

Dacia Sandero Stepway
model year 2017

ANTEPRIMA

Rivoluzione Micra: Nissan cambia tutto