Arte-Cultura

"Poesia è trasgressione"

"Poesia è trasgressione"
0

 di  Francesco Mannoni

 

La poesia del terzo millennio ha il volto dolce e sereno di Yves Bonnefoy, il più grande poeta francese vivente, tradotto in trentadue lingue e più volte candidato al premio Nobel. A questo placido ottantottenne, di cui la Mondadori ha da pochi mesi pubblicato un Meridiano con «L’opera poetica» - a cura e con un saggio introduttivo di Fabio Scotto -, è stato assegnato il Premio Viareggio-Versilia 2011. La consegna avverrà il 26 agosto nella nota località balneare durante una cena di Gala, in concomitanza con la premiazione dei vincitori per la narrativa, la saggistica e la poesia dell’ottantaduesima edizione del Premio Viareggio- Rèpaci,  giunta felicemente in porto nonostante le polemiche tra Comitato e Comune che hanno movimentato la competizione di quest’anno. 
Bonnefoy, all’intensa attività poetica  vissuta tra surrealismo e esistenzialismo, ha affiancato quella di saggista e traduttore e nel 1981 è stato nominato alla cattedra di studi comparati della funzione poetica al Collège de France. 

 Che cosa può dare oggi la poesia ai lettori giovani e non?
«Quello che può dare la poesia è una  ripresa di contatto con la realtà delle cose o delle persone, dalle quali siamo separati dal discorso ordinario, nel quale queste realtà, che dovrebbero essere l’accompagnamento naturale della nostra esistenza,  non appaiono più, nella nostra epoca, se non come proiezioni prodotte dal pensiero concettuale: se ne può parlare ma non si incontrano direttamente nel luogo dove siamo e durante la nostra vita. E questa ristabilita prossimità è molto importante, per consentire al lettore di sfuggire alla solitudine alla quale troppo spesso è condannato nel mondo dove ci troviamo, devastato com’è dalle astrazioni e dalle generalizzazioni». 

Per lei invece, che cos’è la poesia di cui scrive da oltre cinquant’anni?
«La poesia, per me, è non enunciare verità di natura morale o filosofica ma ricreare le presenze. E per riuscire in questo, praticare una scrittura che, con i suoi ritmi e le sue immagini, sfrondi le parole dal loro contenuto concettuale, con il risultato di far emergere  in loro non più gli intrecci dei significati ma la cosa stessa in quello che ha di “aperto”, come diceva Rilke. Questo non vuol dire che nella poesia non ci siano enunciati, elementi di racconto, ma gli uni e gli altri non si sono formati nel testo a seguito di questo riconcentramento  su un reale ritrovato nel proprio ''se stesso'', che è poi un se stesso ''per noi''. Dove sono dunque queste cose ritrovate? Non nello spazio astratto delle formulazioni generali, ma nella nostra vita più personale, quella dove sperimentiamo  i nostri affetti».

Poesia e mistica che cosa hanno in comune ?
«Hanno in comune il momento originario:  tutte e due si allontanano dal discorso ordinario, che conosce soltanto rappresentazioni, per andare direttamente alla cosa, alla realtà stessa nel suo profondo, là dove è ancora al di qua della frammentazione operata dal pensiero concettuale: vale a dire ancora una parte dell’unità fondamentale del tutto. Ma su questa via mistica e poesia si separano. La mistica vuole impegnarsi sempre di più in questa unità, perde di vista il linguaggio, sceglie il silenzio. E il poeta ricorda che se  è proprio il linguaggio  quello che frammenta la realtà e ci priva della sua presenza, lo stesso linguaggio è quello che ci mette in relazione con gli altri esseri in un modo che è la nostra stessa realtà, la quale non può essere dimenticata se non a prezzo di perdere ogni spirito critico». 

Lei ha spesso sostenuto che fra scienza e poesia c’è molta affinità? In che cosa consiste il loro rapporto?
«Un’affinità dentro la differenza! La poesia è la trasgressione del piano dei concetti, diciamo del concettuale in quanto tale. Ma questo evidentemente non è volere fare a meno del pensiero concettuale,  è chiedergli piuttosto di non erigersi ad unico luogo della verità, in altre parole di riconoscere i propri limiti. Ora, questo è precisamente quello che fa la vera scienza, concetto per concetto. Quello che la poesia combatte non è la scienza ma l’ideologia, l’assolutizzazione fraudolenta d’un sistema particolare di nozioni e d’idee».

Lei ha dedicato vari libri al nostro paese. Che cosa le piace dell’Italia?
«Sì, davvero parecchi libri ! Oltre a queste opere, tra cui una è Roma, 1630, ho scritto a proposito di numerosi pittori italiani, da Masaccio fino a Morandi, e su alcuni poeti, tra cui Dante, L’Ariosto e Leopardi. Quello che mi piace dell’Italia è impossibile dirlo in  poche parole. Diciamo che la civiltà italiana è quella che ha meglio capito l’importanza, e nello stesso momento il pericolo, delle grandi immagini che costituiscono la nostra esperienza del mondo. I pittori, gli architetti, i musicisti, i poeti d’Italia hanno raddoppiato la bellezza dei luoghi con quella delle magnifiche immagini ricche di proposizioni metafisiche, con quelle differenze tra Roma e Venezia, Firenze o Napoli, che sono la vita stessa dello spirito».

Lei ha tradotto benissimo le poesie di Giacomo Leopardi. Che cosa lo avvicina a questa nostra gloria poetica? 
«Quello che mi piace in Leopardi è  il fatto che egli è a un tempo l’essere radicalmente lucido che ha percepito la solitudine della persona umana nell’universo e colui che oppone, a quello che potrebbe così divenire un pessimismo assoluto, una parola di poesia che ricrea l’essere attraverso la relazione con le altre persone, con un amore  che rende alle parole tutto il loro peso, tutta la  loro serietà, tutta la gravità. Le parole, le grandi parole semplici della lingua ordinaria diventano in lui le componenti di un luogo umano la cui preservazione deve essere il principale dei nostri impegni». 

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Bertolucci: "In Ultimo tango la Schneider non era consenziente"

Maria Schneider e Marlon Brando in "Ultimo tango a Parigi"

Cinema

Bertolucci: "In Ultimo tango la Schneider non era consenziente" Video

1commento

Dal 2017 WhatsApp non funzionerà più sui vecchi telefonini

social

Dal 2017 WhatsApp non funzionerà più sui vecchi telefonini

1commento

Belen e Cuccarini, il sexy tango infiamma la tv

televisione

Belen e Cuccarini, il sexy tango infiamma la tv

Notiziepiùlette

Ultime notizie

In vigore il dl Fisco; Equitalia, 1 milione di accessi

ECONOMIA

In vigore il dl Fisco; Equitalia, 1 milione di accessi

Lealtrenotizie

incidente

Collecchio

Pedone investito nella notte a Lemignano: è in Rianimazione

Sorbolo

Strazio e pianto: Ilaria muore a 30 anni

POLFER

Bimba smarrita, poliziotta le fa da mamma

referendum PARMA

In provincia vince (di poco) il No. In città il Sì Risultati comune per comune

463 sezioni su 470: 52.54 il No. In città Si al 50.33%. No, record a Albareto, il Si bene a Bore

3commenti

Omicidio Della Pia

La madre di Alessia: «Mia figlia? E' stata dimenticata»

Lega Pro

Come sarà il primo Parma di D'Aversa

PERSONAGGIO

Suor Assunta, una vocazione nata sulla spiaggia

Pellegrino

E' morto Fortini, il presidente della corale

Lutto

Addio a Ronchini, al «pisonär»

Collecchio

Il parcheggio del cimitero è una discarica

lega pro

La Reggiana (con Pordenone e Venezia) prende il largo. Parma a 7 punti dalla vetta

Granata, friulani e veneti: successi importanti

4commenti

RICERCA

I terremoti si possono prevedere? Ecco a che punto siamo

Parla l'esperto. La nuova frontiera? Imparare a leggere i segnali prima delle scosse

Torrile

Incidente a Bezze: auto finisce fuori strada, un ferito grave

calcio

Parma, primo allenamento con D'Aversa e il nuovo staff Foto Video

youtube

"Esplora Parma", il nuovo video di Giulio Cantadori

referendum

Renzi si dimette: "La sconfitta è mia. L'esperienza del mio governo finisce qui"

Stravincono i No (leggi) a quasi il 60% - Euro ai minimi da 20 mesi: peggio che dopo la Brexit - Grillo: "Subito al voto con l'Italicum" - Shock nella Ue 

3commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Ci sarebbe, magari, un "grazie" da dire

di Michele Brambilla

8commenti

IL DIRETTORE RISPONDE

La verità può nascondersi ma c'è

ITALIA/MONDO

Referendum

Anziano vota e muore al seggio a Marina di Carrara

referendum

Pelù denuncia: "Ho avuto la matita cancellabile". Ma ecco perché è valida

4commenti

SOCIETA'

tv

La "trollata epica" del rapper parmigiano Bello FiGo sui profughi Video

10commenti

IL DISCO

“L'indiano” di De Andrè, 35 anni dopo

SPORT

rally

Monza, quinto successo di Rossi!

Basket

Basket, serie A: Brindisi schianta Sassari, ok Caserta

MOTORI

BOLOGNA

Esplora il Motor Show in meno di un minuto Video

NOVITA'

Q2, l'Audi che farà strage di cuori (femminili)