10°

22°

Arte-Cultura

Il Vescovo che voleva istruire i montanari

Il Vescovo che voleva istruire i montanari
Ricevi gratis le news
0

di Enrico Dall'Olio

Ripercorrendo i momenti salienti che caratterizzarono la vita del vescovo di Parma (1528-1614) Papirio Picedi ritroviamo la sua appartenenza ad una nobile famiglia originaria di Luni; il padre conte Picedo facoltoso possidente, dimorò nel  1525 ad Arcola e la madre Clementina degli Ottaviani era oriunda di Vezzano dove i Picedi costruirono un palazzo sontuoso. A 21 anni conseguì la laurea in legge; dopo una tappa a Roma entrò al servizio del cardinale Gian Francesco Gambara, vescovo di Viterbo, che lo inviò a Parma per risolvere una vertenza in corso tra lui e il card. Sforza Pallavicino, per negoziare la quale era stato scelto dalle parti il duca Ottavio Farnese. Il Picedi passò col benestare del card. Gambara alla propria Corte, servendosi di lui in importanti missioni tra cui il governo di Parma, città che Carlo V aveva scorporato dallo stato di Milano per cederla a Pier Luigi Farnese. Dopo la morte della seconda moglie, nel 1596, ricevette la sacra ordinazione. Il 12 febbraio 1601, Borgo San Donnino fu elevata con Bolla di Clemente VIII a sede vescovile e il Picedi divenne il primo vescovo della nuova Diocesi. Il 30 agosto 1606 fu traslato dal papa Paolo V alla sede vescovile  parmense, per farne l'ingresso il 30 novembre dello stesso anno. Compose qualche Orazione, tra le quali viene ricordata quella che recitò  per i funerali di Maria di Portogallo, consorte del duca  Alessandro Farnese. Morì all'età di 86 anni e fu sepolto in cattedrale nella cappella di Sant'Agata.
In questi tempi in cui è di attualità l'argomento scuola statale e scuola privata, può tornare interessante portare alla ribalta una singolare iniziativa del 1609, che ha precorso i tempi, cioé l'istituzione, da parte del vescovo di Parma Papirio Picedi, di un «Gimnasium» in quel di Vaestano (Palanzano) per l'istruzione della gente di montagna. Dell'iniziativa culturale accolta con entusiasmo dai vaestanesi è che fa meraviglia ancora oggi ne è garante un documento inedito, in Archivio Vescovile di Parma con la «Licenza», conferita dal canonico e protonotario apostolico mons. Francesco Stirpius vicario e segretario generale del vescovo Picedi, a don Andrea de Barberiis di Vaestano.
Vaestano è un minuscolo paese del'appennino parmense; a quei dì, contava poco meno di trecento abitanti con sei sacerdoti e tre chierici, situazione ben diversa da quella odierna con poco più di cento abitanti e nessun prete residente.
C'era allora un'intensa vita comunitaria che si esplicava specialmente nelle feste patronali e durante la Quaresima, quando sul pulpito ogni anno saliva un predicatore di grido, nominato dal «Principe», approvato dal vescovo, ospite durante la sua permanenza, alternativamente, dei parrocchiani e pagato dal Comune. Non meno solenni e partecipati erano gli uffici da requiem a suffragio dei fondatori del beneficio con la presenza di ben venti celebranti.  Uno di questi   benefici era appunto quello di S. Ambrogio, fondato dalla famiglia Barbieri con rogito del notaio Vincenzo Cortesi, il 6 dicembre 1604, di cui era titolare il «Ludi Magister» don Andrea Barbieri.
Iniziative come il  «Gimnasium» di Vaestano, istituite in altri luoghi della provincia, dimostrano  l'impegno della chiesa nella diffusione della cultura e della civiltà tra la gente, dei paesi più sperduti dell'Appennino. Emerge così un'attività benemerita, esercitata dai preti in quei lontani dì, unitamente al loro ministero sacerdotale. Essi esercitavano l'insegnamento e svolgevano spesso anche il ruolo di notai, ricevendo il testamento di quanti lo desideravano.
Il «Gimnasium» era una vera scuola, nella quale s'impartiva l'insegnamento della grammatica e di altre discipline ed arti, ma era anche un luogo di ritrovo culturale per rappresentazioni teatrali ed altro. L'abilitazione all'insegnamento veniva rilasciata dal vescovo o da chi per esso, come nel caso di don Andrea Barbieri, premessa la professione di fede «iuxta formam a Pio X traditam». A conferma di tale prassi, già in uso al tempo della Visita Castelli (1578), è lo stesso documento a lamentare che qualche «ludi magister» non era in regola non avendo provveduto, come d'uso, alla «fidei professio». Per quanto riguarda il comportamento da tenere nella scuola dall'insegnante, detta norme ben precise il Sinodo Parmense Mozanega (1602) con riferimento al Concilio Lateranense, cioè il maestro doveva comporre armonicamente la disciplina con la pazienza, la diligenza con la carità e i buoni costumi con le scienze scolastiche. Gli insegnanti dovevano essere autentici maestri, ispirandosi ai principi cristiani come si addice ad un paese cattolico.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Weinstein: Lory del Santo, osceno denunciare dopo vent'anni

Hollywood

Lory del Santo: "Weinstein, osceno denunciarlo dopo vent'anni"

Paolo Schianchi a Tu si que vales

Tú sí que vales

Le mani e le 49 corde di Paolo Schianchi incantano su Canale 5 Video

La Coppa Cobram è arrivata anche a San Polo

COME FANTOZZI

La Coppa Cobram è arrivata anche a San Polo Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

55 offerte di lavoro

LAVORO

55 nuove offerte

Lealtrenotizie

Via libera della Giunta al progetto esecutivo di valorizzazione e recupero del limite Nord-Est del Parco Ducale. Sarà demolito il muro su viale Piacenza. Stanziati 1.281.000 euro

Giardino

Parco Ducale: giù il muro su viale Piacenza

Stanziati 1.281.000 euro

2commenti

Regione

Bagarre sulla chiusura dei punti nascita

1commento

Anteprima Gazzetta

Intervista all'avvocato parmigiano che sparò ai ladri

carabinieri

Colpo in villa sventato a Langhirano grazie ad un vicino: ladri in fuga

SONDAGGIO

Parma, "nebbia" in campionato, i tifosi: "Tattica da rivedere"

Nel mirino soprattutto lo staff tecnico (da rivedere per il 66% dei tifosi che hanno risposto al sondaggio)

1commento

trasporto pubblico

Il Tar annulla gara vinta da Busitalia. Rizzi: "Ricorso, investimenti bloccati" Video

ricoverato al Maggiore

Montecchio: malore mentre fa ginnastica, grave 15enne Video

DUPLICE OMICIDIO

Solomon lascia il carcere. Il consulente del pm: «Folle e socialmente pericoloso»

6commenti

SALUTE

Dire addio ai malanni di stagione seguendo semplici suggerimenti

Blitz

Controlli affitti: arrestato un 41enne

1commento

tg parma

Cassa di espansione sul Baganza: il progetto Video

Via Trento

La rivolta dei residenti contro l'open shop

10commenti

inquinamento

Bollino rosso al nord, 24 città "fuorilegge" per smog. Anche Parma

Legambiente, Torino maglia nera. E a Milano prime misure traffico

4commenti

Monticelli

Obbligo di firma, ma scappa con scooter rubato

1commento

La storia

«I miei 41 anni da medico tra i monti del Nevianese»

3commenti

CONCORSO

Il gatto più bello di Parma: è Willy l'ottavo finalista

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Austria, il populismo alla prova del governo

di Paolo Ferrandi

SCUOLA

Aimi: «Non usare i voti come punizioni»

ITALIA/MONDO

LAMPEDUSA

Donna denuncia: tentata violenza da parte di 5 migranti

2commenti

giallo

Ritrovata Dafne Di Scipio, la ventenne scomparsa a Varese

SPORT

serie b

Parma-Pescara: le pagelle dei crociati in dialetto

Calcio

Spareggi Mondiali: Italia con la Svezia

SOCIETA'

USA

California, cane-eroe resta col gregge, lo salva dal fuoco

1commento

Ateneo

Dall'Università di Parma arriva l'auto elettrica da competizione

MOTORI

ANTEPRIMA

Seat Arona: il nuovo Suv compatto in 5 mosse Fotogallery

LA NOVITA'

Kia Stonic, debutta il nuovo «urban crossover»