23°

32°

Arte-Cultura

Il Vescovo che voleva istruire i montanari

Il Vescovo che voleva istruire i montanari
Ricevi gratis le news
0

di Enrico Dall'Olio

Ripercorrendo i momenti salienti che caratterizzarono la vita del vescovo di Parma (1528-1614) Papirio Picedi ritroviamo la sua appartenenza ad una nobile famiglia originaria di Luni; il padre conte Picedo facoltoso possidente, dimorò nel  1525 ad Arcola e la madre Clementina degli Ottaviani era oriunda di Vezzano dove i Picedi costruirono un palazzo sontuoso. A 21 anni conseguì la laurea in legge; dopo una tappa a Roma entrò al servizio del cardinale Gian Francesco Gambara, vescovo di Viterbo, che lo inviò a Parma per risolvere una vertenza in corso tra lui e il card. Sforza Pallavicino, per negoziare la quale era stato scelto dalle parti il duca Ottavio Farnese. Il Picedi passò col benestare del card. Gambara alla propria Corte, servendosi di lui in importanti missioni tra cui il governo di Parma, città che Carlo V aveva scorporato dallo stato di Milano per cederla a Pier Luigi Farnese. Dopo la morte della seconda moglie, nel 1596, ricevette la sacra ordinazione. Il 12 febbraio 1601, Borgo San Donnino fu elevata con Bolla di Clemente VIII a sede vescovile e il Picedi divenne il primo vescovo della nuova Diocesi. Il 30 agosto 1606 fu traslato dal papa Paolo V alla sede vescovile  parmense, per farne l'ingresso il 30 novembre dello stesso anno. Compose qualche Orazione, tra le quali viene ricordata quella che recitò  per i funerali di Maria di Portogallo, consorte del duca  Alessandro Farnese. Morì all'età di 86 anni e fu sepolto in cattedrale nella cappella di Sant'Agata.
In questi tempi in cui è di attualità l'argomento scuola statale e scuola privata, può tornare interessante portare alla ribalta una singolare iniziativa del 1609, che ha precorso i tempi, cioé l'istituzione, da parte del vescovo di Parma Papirio Picedi, di un «Gimnasium» in quel di Vaestano (Palanzano) per l'istruzione della gente di montagna. Dell'iniziativa culturale accolta con entusiasmo dai vaestanesi è che fa meraviglia ancora oggi ne è garante un documento inedito, in Archivio Vescovile di Parma con la «Licenza», conferita dal canonico e protonotario apostolico mons. Francesco Stirpius vicario e segretario generale del vescovo Picedi, a don Andrea de Barberiis di Vaestano.
Vaestano è un minuscolo paese del'appennino parmense; a quei dì, contava poco meno di trecento abitanti con sei sacerdoti e tre chierici, situazione ben diversa da quella odierna con poco più di cento abitanti e nessun prete residente.
C'era allora un'intensa vita comunitaria che si esplicava specialmente nelle feste patronali e durante la Quaresima, quando sul pulpito ogni anno saliva un predicatore di grido, nominato dal «Principe», approvato dal vescovo, ospite durante la sua permanenza, alternativamente, dei parrocchiani e pagato dal Comune. Non meno solenni e partecipati erano gli uffici da requiem a suffragio dei fondatori del beneficio con la presenza di ben venti celebranti.  Uno di questi   benefici era appunto quello di S. Ambrogio, fondato dalla famiglia Barbieri con rogito del notaio Vincenzo Cortesi, il 6 dicembre 1604, di cui era titolare il «Ludi Magister» don Andrea Barbieri.
Iniziative come il  «Gimnasium» di Vaestano, istituite in altri luoghi della provincia, dimostrano  l'impegno della chiesa nella diffusione della cultura e della civiltà tra la gente, dei paesi più sperduti dell'Appennino. Emerge così un'attività benemerita, esercitata dai preti in quei lontani dì, unitamente al loro ministero sacerdotale. Essi esercitavano l'insegnamento e svolgevano spesso anche il ruolo di notai, ricevendo il testamento di quanti lo desideravano.
Il «Gimnasium» era una vera scuola, nella quale s'impartiva l'insegnamento della grammatica e di altre discipline ed arti, ma era anche un luogo di ritrovo culturale per rappresentazioni teatrali ed altro. L'abilitazione all'insegnamento veniva rilasciata dal vescovo o da chi per esso, come nel caso di don Andrea Barbieri, premessa la professione di fede «iuxta formam a Pio X traditam». A conferma di tale prassi, già in uso al tempo della Visita Castelli (1578), è lo stesso documento a lamentare che qualche «ludi magister» non era in regola non avendo provveduto, come d'uso, alla «fidei professio». Per quanto riguarda il comportamento da tenere nella scuola dall'insegnante, detta norme ben precise il Sinodo Parmense Mozanega (1602) con riferimento al Concilio Lateranense, cioè il maestro doveva comporre armonicamente la disciplina con la pazienza, la diligenza con la carità e i buoni costumi con le scienze scolastiche. Gli insegnanti dovevano essere autentici maestri, ispirandosi ai principi cristiani come si addice ad un paese cattolico.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Grey's Anatomy 14 stupisce ancora, parla italiano

Stefania Spampinato

Tv

Grey's Anatomy 14: il cast parla sempre più italiano

Polvergeist, un "corto" parmigiano al Festival di Venezia

tg parma

Polvergeist, un "corto" parmigiano al Festival di Venezia Video

Nuda in giro per Bologna: individuata e super-multa

SOCIAL

Bologna, la ragazza che passeggiava nuda rivela: "E' un esperimento sociale" Video

2commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Programmazione dal 21/08/2017 al 25/08/2017 delle postazioni di accertamenti strumentali di velocità e irregolarità alla circolazione

VIABILITA'

Autovelox, speedcheck e autodetector: la mappa della settimana

Lealtrenotizie

Scivola per 50 metri in un calanco: i vigili del fuoco arrivano dall'alto Foto

varano

Scivola per 50 metri in un calanco: i vigili del fuoco arrivano dall'alto Foto

La testimonianza

«Io, molestata da un maniaco al Campus»

4commenti

Testimonianze

Parmigiani a Barcellona: «Abbiamo visto tanta solidarietà tra la gente»

PARMIGIANI A BARCELLONA

«Eravamo lì 40 minuti prima dell'inferno»

weekend

Tra sagre e... castelli di sabbia: l'agenda. Rimandata la festa degli amor

brescia

Cellino riabilita Ghirardi: "A Parma ha fatto tanto". La rabbia del web

1commento

FIDENZA

Addio all'ostetrica Mara Maini: ha fatto nascere migliaia di bambini

CRONACA NERA

Rapina alla farmacia di via Volturno, due banditi in fuga

I dipendenti minacciati con i cutter

1commento

neviano

Attenzione, attraversamento cinghiali. Riuscite a contarli tutti? Video

2commenti

Escursionismo

Rifugi, quelle case dove abita la natura

Amichevole

Parma e Empoli non si fanno male

Teatro

Addio a Tania Rocchetta, 50 anni di palcoscenico. E di impegno civile

Varano Melegari

La Polisportiva Varanese si tinge di Milan

Lutto

E' morto Maurizio Carra, un'istituzione dell'automobilismo

via bixio

Entra di notte al bar e fa bottino: arrestato grazie a un passante

1commento

COLLECCHIO

Talignano invasa da cinghiali e nutrie: la protesta dei residenti

Lamentele anche a Pontescodogna: «Troppe strade sconnesse»

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Che cosa resta dei nostri amori

di Michele Brambilla

2commenti

EDITORIALE

Colpito il simbolo della gioia di vivere

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

barcellona

Ritrovato il piccolo Julian: è in ospedale tra i feriti

Terrorismo

L'Isis sui social: "Il prossimo obiettivo è l'Italia"

SPORT

SERIE A

La Juve travolge il Cagliari, Il Napoli passa a Verona

Incidenti stradali

Ritirata patente al calciatore Kabashi

SOCIETA'

viabilità

Ritorni e partenze, traffico in intensificazione sulle autostrade Tempo reale

calestano

Mai dire Baganzai: la sfida (anche) dei video

MOTORI

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente

MERCATO

Bmw Italia, 2000 euro per la permuta di diesel Euro4 e precedenti