15°

29°

Arte-Cultura

Il racconto - Vigne superstiti tra auto e cemento

Il racconto - Vigne superstiti tra auto e cemento
Ricevi gratis le news
0

 

 

 

 

 

di Francesca Avanzini

Quante vigne sono rimaste in città? Quanti alberi da frutto? Chi non ha del tutto reciso il vincolo con la terra e raccoglie pomodori e patate cresciuti nel fazzoletto intorno a casa? In via Buffolara colpisce come un’incongruenza una vigna, addossata da una parte al terrapieno della ferrovia e dall’altra al traffico stradale e alle fitte palazzine.
Un reperto di campagna in città, l’inclusione nell’ambra di un insetto antico o la bizzarria di un amante del vino?  «Lambrusco e Trebbiano. L’ho piantata 40 anni fa, è nata insieme alla casa», spiega il signor Eliseo dagli intensi occhi azzurri e il viso segnato da una vita all’aria aperta:  «Più che altro per non avere erbacce». Si capisce cosa intende: precede la vigna un folto inestricabile di rovi: «L'anno scorso abbiamo avuto un buon raccolto, ma quest’anno è piovuto troppo poco». I grappoli appaiono infatti magri, le foglie rinsecchite.

«E se non piove non ci fidiamo neanche a mangiarla -  aggiunge la moglie -. Ha sopra una specie di pellicola unta che non viene via neanche a lavarla». I gas delle macchine, forse, o le fabbriche che scaricano di là dalla ferrovia. «Lo scriva, lo scriva, che ci siamo ammalati in tre. Chissà se è per quello..».  Eppure la vigna appare bella, ordinata: «Divento vecchio, sono stato malato, non ho più molta voglia di curarla. Bisogna diserbare, dare il verderame: c'è troppo lavoro».
Da tutt'altra parte della città, ai confini, da un lato, con un’autofficina e villette di cemento, c'è il podere della signora Massimina. Si oltrepassa un cancello di ferro ed è come in quei film dove i protagonisti aprono la porta su un altro mondo. Persino la luce è diversa, più larga, dorata.
Per l’erba secca passeggia un branco di tacchini dalle geometrie grigio-nere e i bargigli rossi. «Sa briga ammazzarli dopo che li si è visti crescere. Come si fa?».

Gli occhi dorati scintillano dolci e intelligenti sotto il cappello di paglia. La signora cura anche il vecchio cane Bill dalla faccia buona e una mezza dozzina di gatti. È sempre più Walt Disney, nel senso migliore del termine. «Vede quei gelsi? - indica gli alberi che delimitano i cinque filari di Fortana e Lambrusco - Erano già grossi quando c'era mia madre. Avranno duecento anni. E da cento la mia famiglia è qui. Curo la vigna personalmente, è il mio mestiere, poi porto l’uva all’Enopolio perché non si può più fare il vino in casa. Quest’anno è tutto secco, però. Una volta si prendeva l’acqua dalla Botte del Marlo, un condotto che veniva da Vicofertile. Adesso hanno costruito qui e là e l’acqua è scomparsa». Certo fa impressione pensare che il podere confina a ovest con un’agenzia per gli scavi petroliferi, oltre la quale si intravedono la Polizia e i Vigili del Fuoco, e a sud con l’ala nuova del cimitero. «È grazie al cimitero che il podere è rimasto, perché occorrono almeno 160 metri tra le tombe e le costruzioni».
E chissà se i morti saranno contenti o invidiosi di vegliare su qualcosa di tanto vitale come il vino.
Stessa sensazione di aprire una porta su un mondo di favola in via San Bruno, periferia est, dove i cancelli di una casa cittadina si spalancano su un immenso orto coltivato in questa stagione a pomodori, finocchi, erbette, radicchi. Il signor Villani - che non è il proprietario del terreno - lo coltiva per passione della terra e perché non riesce a stare in ozio, dopo 38 anni passati nel suo negozio di frutta e verdura: «Sono più le spese che le entrate, e tantissimi gli amici e i conoscenti sommersi di prodotti.

Qui tutto è naturale, usiamo concime di cavallo e un po' di stallatico. Il segreto è l’irrigazione goccia a goccia che penetra nelle radici e non brucia le foglie. Una volta c'era il canale Quarta, che passava dove c'è l’Esselunga. Ma noi per fortuna abbiamo il pozzo».
 Occhi azzurri intensi anche per il signor Villani; tutte queste persone che coltivano la terra sembrano sciamani depositari di residui segreti: «È la rugiada che tira su la roba...» rivela. Altre vigne, bersò di osterie o di vecchi circoli e ritrovi, sono scomparsi. Ne sopravvivono alcune nei giardini d’Oltretorrente e delle prime periferie insieme a meli, susini, ciliegi o cachi. Molti i nespoli giapponesi e i fichi. A indicare un tenue legame con le fonti dell’alimentazione. A far sì che i bambini non credano che i frutti vengano da chissà dove già incellofanati e in confezioni da sei.

(L'articolo è stato pubblicato dalla Gazzetta di Parma domenica 28 settembre 2008)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Belen fuma in aereo privato, scalo emergenza a Lamezia

gossip

Belen fuma in aereo privato, scalo emergenza a Lamezia

Tutti al Begio day a Berceto

Era qui la festa

Tutti al Begio day a Berceto Foto

Ultimi giorni per votare la bella Anna Maria

MISS ITALIA

Ultimi giorni per votare la bella Anna Maria

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Programmazione dal 21/08/2017 al 25/08/2017 delle postazioni di accertamenti strumentali di velocità e irregolarità alla circolazione

VIABILITA'

Autovelox, speedcheck e autodetector: la mappa della settimana

Lealtrenotizie

Olio davanti ai negozi, lo sfogo dei commercianti: "Baby gang sempre in azione"

Fidenza

Olio davanti ai negozi, lo sfogo dei commercianti: "Baby gang sempre in azione"

ONESTA'

Perde la borsa da fotografo nel parcheggio: immigrato la porta ai carabinieri

1commento

incendio

Doppio focolaio a Panocchia: notte di fiamme e lavoro

IN CORSIVO

Ghirardi, il crac Parma e il "negazionista" Cellino

Doppio intervento

Escursionisti in difficoltà in Appennino

varano

Così i vigili del fuoco hanno recuperato l'uomo scivolato nel calanco Video

Furto

Maternità, rubate le due preziose sonde di un ecografo

7commenti

Protesta

«Cittadella abbandonata»

weekend

In barca e sui sentieri, tra amor e trota: l'agenda della domenica

LA STORIA

Angelo e Simba, quei due cani che hanno commosso tutti

SERIE B

Nuovi crociati crescono

Salsomaggiore

Pubblica in lutto: è morto Spalti

Personaggio

Ettore, cinquant'anni a tu per tu con la pietra

varano

Scivola per 50 metri in un calanco: i vigili del fuoco arrivano dall'alto Foto

FIDENZA

Addio all'ostetrica Mara Maini: ha fatto nascere migliaia di bambini

brescia

Cellino riabilita Ghirardi: "A Parma ha fatto tanto". La rabbia del web

8commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I terroristi di ieri e quelli di oggi

di Michele Brambilla

EDITORIALE

Colpito il simbolo della gioia di vivere

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

VIABILITA'

Domenica di controesodo. Code a tratti tra Parma e Fiorenzuola Tempo reale

appennino

Cade lungo un sentiero sul Ventasso, soccorsa 59enne

SPORT

SERIE A

Partenza sprint per Inter e Milan, la Roma vince a Bergamo

Moto

Paolo Simoncelli: "Marco sarebbe campione del mondo"

SOCIETA'

cinema

E' morto Jerry Lewis, aveva 91 anni

Marina di pietrasanta

Rapina all'alba al Twiga di Briatore, banditi armati

MOTORI

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente

MERCATO

Bmw Italia, 2000 euro per la permuta di diesel Euro4 e precedenti