21°

32°

Arte-Cultura

Il racconto - Vigne superstiti tra auto e cemento

Il racconto - Vigne superstiti tra auto e cemento
0

 

 

 

 

 

di Francesca Avanzini

Quante vigne sono rimaste in città? Quanti alberi da frutto? Chi non ha del tutto reciso il vincolo con la terra e raccoglie pomodori e patate cresciuti nel fazzoletto intorno a casa? In via Buffolara colpisce come un’incongruenza una vigna, addossata da una parte al terrapieno della ferrovia e dall’altra al traffico stradale e alle fitte palazzine.
Un reperto di campagna in città, l’inclusione nell’ambra di un insetto antico o la bizzarria di un amante del vino?  «Lambrusco e Trebbiano. L’ho piantata 40 anni fa, è nata insieme alla casa», spiega il signor Eliseo dagli intensi occhi azzurri e il viso segnato da una vita all’aria aperta:  «Più che altro per non avere erbacce». Si capisce cosa intende: precede la vigna un folto inestricabile di rovi: «L'anno scorso abbiamo avuto un buon raccolto, ma quest’anno è piovuto troppo poco». I grappoli appaiono infatti magri, le foglie rinsecchite.

«E se non piove non ci fidiamo neanche a mangiarla -  aggiunge la moglie -. Ha sopra una specie di pellicola unta che non viene via neanche a lavarla». I gas delle macchine, forse, o le fabbriche che scaricano di là dalla ferrovia. «Lo scriva, lo scriva, che ci siamo ammalati in tre. Chissà se è per quello..».  Eppure la vigna appare bella, ordinata: «Divento vecchio, sono stato malato, non ho più molta voglia di curarla. Bisogna diserbare, dare il verderame: c'è troppo lavoro».
Da tutt'altra parte della città, ai confini, da un lato, con un’autofficina e villette di cemento, c'è il podere della signora Massimina. Si oltrepassa un cancello di ferro ed è come in quei film dove i protagonisti aprono la porta su un altro mondo. Persino la luce è diversa, più larga, dorata.
Per l’erba secca passeggia un branco di tacchini dalle geometrie grigio-nere e i bargigli rossi. «Sa briga ammazzarli dopo che li si è visti crescere. Come si fa?».

Gli occhi dorati scintillano dolci e intelligenti sotto il cappello di paglia. La signora cura anche il vecchio cane Bill dalla faccia buona e una mezza dozzina di gatti. È sempre più Walt Disney, nel senso migliore del termine. «Vede quei gelsi? - indica gli alberi che delimitano i cinque filari di Fortana e Lambrusco - Erano già grossi quando c'era mia madre. Avranno duecento anni. E da cento la mia famiglia è qui. Curo la vigna personalmente, è il mio mestiere, poi porto l’uva all’Enopolio perché non si può più fare il vino in casa. Quest’anno è tutto secco, però. Una volta si prendeva l’acqua dalla Botte del Marlo, un condotto che veniva da Vicofertile. Adesso hanno costruito qui e là e l’acqua è scomparsa». Certo fa impressione pensare che il podere confina a ovest con un’agenzia per gli scavi petroliferi, oltre la quale si intravedono la Polizia e i Vigili del Fuoco, e a sud con l’ala nuova del cimitero. «È grazie al cimitero che il podere è rimasto, perché occorrono almeno 160 metri tra le tombe e le costruzioni».
E chissà se i morti saranno contenti o invidiosi di vegliare su qualcosa di tanto vitale come il vino.
Stessa sensazione di aprire una porta su un mondo di favola in via San Bruno, periferia est, dove i cancelli di una casa cittadina si spalancano su un immenso orto coltivato in questa stagione a pomodori, finocchi, erbette, radicchi. Il signor Villani - che non è il proprietario del terreno - lo coltiva per passione della terra e perché non riesce a stare in ozio, dopo 38 anni passati nel suo negozio di frutta e verdura: «Sono più le spese che le entrate, e tantissimi gli amici e i conoscenti sommersi di prodotti.

Qui tutto è naturale, usiamo concime di cavallo e un po' di stallatico. Il segreto è l’irrigazione goccia a goccia che penetra nelle radici e non brucia le foglie. Una volta c'era il canale Quarta, che passava dove c'è l’Esselunga. Ma noi per fortuna abbiamo il pozzo».
 Occhi azzurri intensi anche per il signor Villani; tutte queste persone che coltivano la terra sembrano sciamani depositari di residui segreti: «È la rugiada che tira su la roba...» rivela. Altre vigne, bersò di osterie o di vecchi circoli e ritrovi, sono scomparsi. Ne sopravvivono alcune nei giardini d’Oltretorrente e delle prime periferie insieme a meli, susini, ciliegi o cachi. Molti i nespoli giapponesi e i fichi. A indicare un tenue legame con le fonti dell’alimentazione. A far sì che i bambini non credano che i frutti vengano da chissà dove già incellofanati e in confezioni da sei.

(L'articolo è stato pubblicato dalla Gazzetta di Parma domenica 28 settembre 2008)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

fori imperiali

degrado

Sesso ai Fori imperiali davanti ai turisti: è polemica

Elisabetta Gregoraci al Win City fa il pieno di selfie

gossip parmigiano

Elisabetta Gregoraci al Win City fa il pieno di selfie Gallery

Scarpa italiana inguaia Ivanka,dal giudice per plagio

GOSSIP

Scarpa italiana inguaia Ivanka, dal giudice per plagio

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Salisburgo la dolce: assolo barocco tra le Alpi

VIAGGI

Salisburgo la dolce: assolo barocco tra le Alpi

di Roberto Longoni

Lealtrenotizie

Affluenza a Parma: 30,94% alle 19

elezioni 2017

Affluenza a Parma: 30,94% alle 19  Video

Calo in tutti i Comuni dell'Emilia-Romagna che vanno al ballottaggio

2commenti

Felino

Tenta una strage in famiglia: la figlia è gravemente ustionata. Arrestato

Nella notte a Poggio di Sant'Ilario Baganza

sanità

Caso di chikungunya: disinfestazione in due vie Video - I consigli

degrado

Maxi raid vandalico in via Toscana con il catrame: vetrine e auto imbrattate, gomme tagliate anche alle bici

4commenti

polizia

Torna all'Esselunga per un altro furto (di supercalcolici): denunciato un 22enne

3commenti

VIOLENZA

Ancora risse davanti alla stazione

9commenti

gazzareporter

San Pancrazio, il degrado continua Gallery

CHIESA

Montecchio, cambia il parroco: arriva don Orlandini da Reggio

Don Romano Vescovi, originario di Neviano, lascia Bibbiano per l'eremo di Salvarano (Quattro Castella)

tg parma

Al Regio l'assemblea dell'Upi con il ministro Graziano Delrio Video

polizia

Furto al Bar Squisjto ad Alberi di Vigatto

Noceto

Addio a Petrini, titolare dell'Aquila Romana

MAMIANO

I padroni sono alla sagra di San Giovanni, e i ladri tentano il colpo

CRIMINALITA

Monticelli, automobilista insegue gli scippatori in viale Marconi

2commenti

Sant'Ilario d’Enza

Ladro aveva in auto del parmigiano rubato, sarà donato alla Caritas

Notato dai Cc vicino a supermarket, aveva precedente specifico

1commento

SERIE B

Mercato: Lucarelli domani annuncia il suo futuro

Abitudini

Auricolari, quando il rischio si corre a piedi

3commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il Parma è l'esempio per la rinascita della città

di Michele Brambilla

2commenti

EDITORIALE

Il partito dell'astensione e del disinteresse

di Filiberto Molossi

1commento

ITALIA/MONDO

Boretto

La villetta va a fuoco, famiglia salvata dal gatto

MALTEMPO

Frane, smottamenti e vento forte: danni al Nord-Est Foto

SOCIETA'

elezioni 2017

Genova: elettore al seggio con cane al seguito Foto

Elezioni 2017

Votare turandosi il naso? A Piacenza qualcuno lo ha fatto davvero... Video

SPORT

formula 1

Gara pazza. Hamilton e Vettel fanno a botte. E Ricciardo brinda...

SERIE A

Donnarumma inneggia a Raiola, poi si scusa con i tifosi. Dopo l'Europeo incontro con il Milan

MOTORI

anteprima

Volkswagen, la sesta Polo è diventata grande

MINI SUV

Citroën: la C3 Aircross in tre mosse