-5°

Arte-Cultura

Il racconto della domenica - L'ultima marcia nella steppa

0

di Matteo Marchioni

Il sorgere dell'aurora sulla gelida steppa russa, accompagnato da sparsi fiocchi di neve che cadevano sulle mitraglie dei soldati tedeschi, sembrava scortare l’esercito verso la base di Stalingrado.  I reparti di fanteria, per dieci interminabili giorni, erano stati costretti a marciare, senza alcun aiuto di carri che li avessero trasportati al fronte. 
Il tenente Alfred Keitel, durante una sosta di pochi minuti che concesse ai suoi soldati, si mise a scrivere una lettera alla moglie: 
27 novembre 1943
«Cara Hingrid, moglie mia, questa sarà senza dubbio l’ultima lettera che ti scrivo. So per certo che non avrai mai occasione di leggerla, poiché tutto ciò che ti scrivo in questo momento sarà censurato dai servizi fedeli al Reich. Sento, però, la forte necessità che mi spinge a sfogare i miei pensieri più occulti. Io e i miei uomini stiamo procedendo in questa steppa gelida ed arida, senza più sapere dove andremo a finire. Avanziamo con la sola ed unica forza della disperazione senza rifornimenti, armi, munizioni, giunti sino qui solo per le ossessioni di un pazzo criminale. 
«L’ideale di una Patria ''comune'',  inculcatoci a forza da Hitler è assai giusto visto da un certo punto di vista, ma quella che ho avuto, mio malgrado, l’occasione di vedere, non è una Patria corretta. La guerra è e sarà sempre una necessità organica per l’uomo; esso non conosce la pace, quella vera. La nostra Germania si è macchiata di crimini troppo gravi, per essere perdonata: stragi di vittime innocenti, occupazione e distruzione di Paesi non belligeranti. Per i secoli a venire non si staccherà mai dalle spalle questo pesante ''fardello''. Io affermo con piena coscienza di non aver mai tradito la mia Patria e il mio credo. Io non ho tradito, Hingrid! Ma ora non posso e non devo più pensare a me stesso. Ciò che farò, quello che ti diranno di me… ricorda, non sarà per tradimento, piuttosto per il bene che voglio a uomini, che hanno sempre e solo versato il sangue per me e per questa causa amorale. Da un lato sarò visto come un traditore, dall’altro come un uomo che ha riconquistato la propria dignità. Da entrambe le vie non c’è scampo, eppure devo agire ora secondo ciò che mi dice la mia coscienza.
Ti amo, addio
tuo Keitel».
La foschia si faceva sempre più densa, più solida e fredda, gli uomini procedevano per una steppa desolata, priva di qualsiasi forma di vita; avanzavano a tentoni, con le gambe incastrate nel freddo pungente, carico di morte e sofferenza. 
Alcuni crollavano tra un passo e l’altro, altri si accasciavano a terra con i volti violacei e gelidi. Altri ancora procedevano impassibili ai dolori, per le dosi di morfina assunte al mattino. Appena arrivati a Stalingrado, il capitano Müller diede al tenente Keitel l’ordine di disporre subito nelle trincee tutti i soldati. Le trincee erano silenti, quasi sommerse dalla neve, solo le mitraglie sporgenti contrastavano con il colore bianco della steppa.
Il silenzio fu interrotto quando in alto si videro missili che, fischiando, fendevano il cielo scuro, per piombare poi sulle postazioni tedesche; erano come demoni agli occhi dei tedeschi, angeli oscuri che si infrangevano su di loro, come per rapire l’anima e poi scomparire tra la foschia della steppa.
«Capitano, i miei uomini si ritirano» disse Keitel a Müller, in modo stranamente calmo e pacato. «No! Non potete farmi questo! Io non vi ho dato simili ordini!» urlò il capitano. Keitel trattenne l’istinto di sparargli, gli lanciò uno sguardo ironico, restò immobile con gli occhi fissi sui suoi uomini, quindi uscì con le armi capovolte, senza caricatore e le braccia alte sopra la testa. I soldati russi si fermarono di colpo, nel vedere che tutta la compagnia del tenente si stava arrendendo. E mentre Keitel si consegnava di persona al nemico, il capitano Müller sfoderò la pistola dalla cinta, prese di mira la testa e sparò.
Keitel visse un momento di totale disorientamento, poi, d’improvviso una pace vera, forte… Keitel udì la voce di Hingrid, che lo chiamava per cenare, i figli già lo aspettavano a tavola, alla radio la voce leggera e languida dell’Angelo azzurro. 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

White Lion: i latini a Pilastro

Pgn Feste

White Lion: i latini a Pilastro Foto

Eugenie Bouchard fra tennis e scatti sexy

Australian Open

Eugenie Bouchard fra tennis e scatti sexy Foto

Acquisto auto nuova: le 6 soluzioni più efficaci

CONSIGLI

Acquistare un'auto nuova: le 6 soluzioni più efficaci

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO 

Prosa e Lirica, risate e emozioni a teatro: il meglio della settimana

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

30enne parmigiano aggredito e rapinato da una baby gang in centro

tg parma

Trentenne parmigiano aggredito e rapinato da una baby gang in centro

1commento

Il fatto del giorno

Legionella: la rabbia del quartiere Montebello

Polizia

Salta il furto di rame nella centrale di Vigheffio: arrestati due romeni

Sequestrato tronchese gigante

7commenti

Incidente Cascinapiano

Filippo sarà vestito da calciatore: a Langhirano il funerale 

Parma

Metano e gpl per auto: arrivano gli ecoincentivi

Parma

Rapina in villa a Marore: falsi vigili svuotano una cassaforte

2commenti

Parma

L'odissea di un giardiniere: «Con il mio Euro2 non posso lavorare»

24commenti

Parma

Fa "filotto" di auto parcheggiate in via della Salute Foto

Nei guai un extracomunitario che guidava in stato di alterazione

13commenti

Sport

Il Parma Calcio avrà la gestione dello stadio Tardini per 8 anni

1commento

Fidenza

Meningite, la 14enne è uscita dalla rianimazione: è fuori pericolo

Parla l'infettivologo sul recupero. La madre della ragazza: «Sono felice. Grazie ai medici e a tutti»

Neve e terremoto

Partiti altri mezzi e volontari da Parma per l'Italia centrale Foto

Il Soccorso Alpino è impegnato ad Arquata del Tronto

2commenti

Parma

Camion in fiamme: problemi in tangenziale nel pomeriggio

Tg Parma

Polizia Municipale: festa del patrono all'insegna della lotta al degrado Video

1commento

Parma

Legionella: la causa del contagio resta sconosciuta

Esclusi l’acquedotto pubblico, la rete delle derivazioni dall’acquedotto stesso, l'irrigazione del campo sportivo e gli impianti della "Città di Parma"

4commenti

Calcio

Presentato Frattali, nuovo portiere del Parma Video

Mercato: Faggiano promette sorprese per la settimana prossima

colorno

La messa di don Mazzi per ricordare Filippo

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Quei «no» che non sappiamo più dire ai figli

6commenti

EDITORIALE

Un morto nell'Italia dello scaricabarile

di Paola Guatelli

ITALIA/MONDO

Mondo

Trump: ''Da oggi l'America viene prima'' Video

Gran Sasso

Il salvataggio a Rigopiano: le foto

WEEKEND

CINEMA

Da "Arrival" a "Qua la zampa": i film della settimana Video

IL DISCO

Avalon, un sound sofisticato

SPORT

Sport

MotoGP: tutti i piloti Foto

MERCATO

Evacuo, trattative congelate

MOTORI

IN PILLOLE

Dacia Sandero Stepway
model year 2017

ALFA ROMEO

Stelvio, ci siamo. Il Suv è già ordinabile Fotogallery