-5°

Arte-Cultura

La seduzione dei visi e dei corpi

La seduzione dei visi e dei corpi
0

Stefania Provinciali

In tutto il mondo si conoscono le fotografie di quest’ometto deforme...». La descrizione di Toulouse-Lautrec fatta dal celebre architetto, artista e design Henry van de Velde è nota e fa riferimento all’aspetto fisico relazionato però alla forza vitale, quasi superata dallo spirito, che quel corpo sprigionava. Una descrizione che suggerisce il confronto diretto con l’arte di Henri de Toulouse-Lautrec, verso quel riporre l’attenzione ai «tipi» umani che incontra, per usare un’espressione flaubertiana, presentandoli sotto una luce distorta, ironica, tramite nuove inquadrature, nuovi tagli delle scene, nuovi colori e giustapposizioni. Uomo arguto e anticonvenzionale l’artista lavora nella Parigi della Belle Époque, in quell'atmosfera gioiosa, entusiasmante ed eccessiva che si vive a Montmartre, quartiere degli artisti per eccellenza, dove si assiste alla nascita ed alla diffusione di trasgressivi locali notturni, cafés, cabarets, destinati a rivelare il lato nascosto e torbido della rigida morale borghese dominante. L’arte di Lautrec, in questa Parigi di fine Ottocento, non si allinea con quella degli impressionisti che di pochi anni lo avevano preceduto; la sua pittura non rivela attenzione per il paesaggio e per la luce, ma per l’essere umano che su di lui esprime un fascino fortissimo, forse proprio per quella «deformità» di cui è vittima, evidenziando nuove connessioni fra l’arte e la vita quotidiana che finiscono per affermarlo come una figura centrale nella società decadente raffigurata. La tipologia dei soggetti rappresentati è la più varia: ballerine, habitués dei cafés, borghesi goderecci, il popolo notturno, ma anche prostitute e le masse di derelitti che vivono ai margini della società, un’umanità che anche Picasso, nel suo soggiorno parigino, rappresenterà proprio nel momento del commiato di Lautrec - morto trentasettenne come Raffaello, Parmigianino, Watteau, Van Gogh - da quel mondo e dalla vita. La mostra, «Toulouse-Lautrec e la Parigi della Belle Époque» che inaugura la presidenza di Giancarlo Forestieri alla Fondazione Magnani Rocca, si apre al pubblico sabato  nella sede di Mamiano di Traversetolo, e propone una originale riflessione sul celebre artista francese. Curata da Stefano Roffi - con saggi in catalogo (Edizioni Gabriele Mazzotta) di Arturo Carlo Quintavalle, Ada Masoero, Mauro Carrera e del curatore - è frutto della collaborazione della Magnani Rocca con importanti musei e collezioni italiani ed esteri. Sostengono l’iniziativa Fondazione Cariparma e Cariparma Crédit Agricole. Il percorso espositivo presenta l’intero corpus delle celebri affiches in cui è evidente l’interesse verso i temi e le «forme» del linearismo grafico giapponese in voga tra XVIII e XIX secolo, accanto ai famosi ritratti, nonché i paesaggi di Monet, Cézanne, Renoir, i manifesti di Bonnard e le vedute di Hiroshige e Hokusai. Una rassegna «costruita» sul filo del pensiero di Luigi Magnani che individuava nel raffronto di scelte espressive diverse la ragione del proprio collezionismo e la possibilità di cogliere appieno la complessità del linguaggio artistico moderno. Un raffronto che trova un importante riferimento nel rapporto di Lautrec con Picasso, tutto da riscoprire.
Nel corso dei primi due soggiorni a Parigi, Picasso conosce, infatti, l’ultimo splendore della Montmartre immortalata da Lautrec, prima che il turismo di massa prenda il sopravvento. Era stato un manifesto, la litografia pentacromatica May Milton, a catturare la sua attenzione. Lo aveva strappato di notte da un muro per appenderlo e poi includerlo nel dipinto Le Tub (Camera blu) dell’autunno 1901, pochi giorni dopo la morte di Lautrec: una sorta di omaggio e insieme una affermazione di continuità di un’atmosfera che ritrova nei locali notturni parigini dove si reca in «pellegrinaggio artistico». Picasso dipinge scene che dalla sicurezza formale e dal coraggio tematico di Lautrec traggono forte influenza; la sua tavolozza è però più colorata, la materia pastosa e granulosa, a piccoli tocchi, mentre il francese usava un colore molto fluido, filiforme e senza spessore. Non è documentato se in quel periodo Picasso avesse incontrato personalmente Lautrec, di fatto per alcuni mesi dipinge una cinquantina di tele in cui ne rappresenta i soggetti, pur in versione quasi caricaturale, volto a sottolineare il carattere intenzionalmente seduttivo dei modelli, in prevalenza prostitute e donne di teatro, che talora spinge all’estremo.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

Marche

SOCCORSO ALPINO         

Neve altissima sull'Appennino marchigiano

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Hub Café: il party messicano

Pgn feste

Hub Café: il party messicano Foto

Festa d'addio di Obama, a sorpresa esibizione di Springsteen

Casa Bianca

Festa d'addio di Obama, a sorpresa esibizione di Springsteen

1commento

Addio a Loalwa Braz Vieira, regina della "lambada"

brasile

Morta carbonizzata Loalwa Braz Vieira, regina della "lambada"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Gli stuzzichini per aperitivo della Peppa

LA PEPPA

Ricette in video: gli stuzzichini per aperitivi

Lealtrenotizie

Incidente Cascinapiano

Incidente Cascinapiano

Filippo sarà vestito da calciatore: domani il funerale a Langhirano Video

Parma

Rapina in villa a Marore: falsi vigili svuotano una cassaforte

1commento

Parma

Fa "filotto" di auto parcheggiate in via della Salute Foto

Nei guai un extracomunitario che guidava in stato di alterazione

Parma

L'odissea di un giardiniere: «Con il mio Euro2 non posso lavorare»

9commenti

Lutto

Addio a Ines Salsi, una vita piena di fede

EMERGENZA

Parma si mobilita per l'Italia centrale

Fidenza

Meningite, la 14enne è fuori pericolo

Dati Bankitalia

Le rimesse degli immigrati: 24,5 milioni inviati all'estero in 6 mesi  Video

Gli indiani superano i romeni 

15commenti

Intervista

Muti: «Con Verdi e Toscanini ho la coscienza in pace»

Il racconto

«Quando Roosevelt si insediò al Campidoglio»

Parma

Legionella: la causa del contagio resta sconosciuta

Esclusi l’acquedotto pubblico, la rete delle derivazioni dall’acquedotto stesso, l'irrigazione del campo sportivo e gli impianti della "Città di Parma"

1commento

MERCATO

Evacuo, trattative congelate

polizia

Rapina in villa a Porporano: arrestata tutta la banda Video

1commento

polizia

Raffica di furti in viale Fratti e viale Mentana: arrestato 26enne

2commenti

tg parma

Via Marmolada: si fingono avvocato e maresciallo per truffare anziani Video

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma!

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Quei «no» che non sappiamo più dire ai figli

2commenti

EDITORIALE

L’America di mio padre cinquant'anni dopo

di Filiberto Molossi

ITALIA/MONDO

rigopiano

Quello spazzaneve che non è mai arrivato

Stati Uniti

Oggi Donald Trump diventa presidente Video

SOCIETA'

CONSIGLI

Acquistare un'auto nuova: le 6 soluzioni più efficaci

PADOVA

Orge in canonica, con il prete c'era anche un trans

2commenti

SPORT

sport

Tragedia al rally di Montecarlo, morto spettatore

RUGBY

Grande festa per la città di Parma: Zebre contro London Wasps Video

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, ci siamo. Il Suv è già ordinabile Fotogallery

PROVA SU STRADA

Peugeot 2008, per chi non si accontenta