Arte-Cultura

Palatina, miniera di civiltà

Palatina, miniera di civiltà
0

C'è qualcosa di nuovo, oggi, in Palatina: anzi d'antico - potremmo dire parafrasando il famoso verso pascoliano. E, mai, forse, come in questi tempi di enormi difficoltà per la cultura vera e il bilancio dello Stato, questa constatazione è stata, per noi, così confortante. Ne parliamo con Andrea De Pasquale, nuovo direttore della Biblioteca Palatina, della sezione musicale della stessa e del Museo Bodoniano. Il dottor De Pasquale è un giovane dirigente che parla con la bocca, le mani e gli occhi contemporaneamente, dando l'impressione a chi l'ascolta d'aver trovato il suo paese di Bengodi. «A Parma ho voluto venirci, la Palatina l'ho scelta io»  afferma con orgoglio. Il suo curriculum di studi e specializzazioni dopo la laurea in Lettere classiche all'Università di Torino, è ricchissimo, e si stenta a credere che così giovane com'è abbia partecipato a tanti corsi, che abbia tenuto tante lezioni, che conosca così bene computer, biblioteche antiche e moderne, musei, «risorse digitali», protocolli informatici e workflow, archivi, libri e tecnologie. Ma è così.

E' un simpatico mostro d'attività; tutto il contrario di quanto si sa e si pensa a proposito dei dirigenti delle biblioteche, in particolare quelle statali. Ecco perché vorremmo sottolineare, citando il verso del Pascoli, quel «anzi d'antico», che il neo-direttore qualifica subito con il Museo Bodoniano, fiore all'occhiello di Parma e dell'Italia, un tesoro nascosto che non è nemmeno conosciuto dalla maggior parte dei nostri concittadini. De Pasquale esalta due grandi «parmigiani» d'adozione, il padre Paciaiudi e il Bodoni. «I fondi storico-artistici della Palatina offrono una ricchezza incredibile - osserva - una ricchezza che dobbiamo far conoscere, o, per dir meglio, mettere in rete, portare cioè a livello europeo mediante catalogazione e informazione. Da questo binomio non si esce in alcun altro modo che voglia essere davvero efficace. A duecentoquarant'anni dall'arrivo di Bodoni a Parma chiamato dal Borbone (1768) noi dobbiamo entrare con tutto il materiale che siamo in grado di gestire, nel ''Portale della cultura italiana'' che, a sua volta, è il portale d'accesso alla cultura mondiale. Proprio a proposito di Bodoni - prosegue il direttore - ristampiamo la ''Memoria ed Orazione del P. Paolo M. Paciaudi intorno la Biblioteca Parmense'', edito Co' Tipi Bodoniani nel 1815 dalla vedova Margherita Dall'Aglio. Questa ristampa, che testimonia dell'attività di bibliotecario del Paciaudi, è preceduta dal ''Memoire sur la Bibliothéque Royale de Parme'', un manoscritto presente nella letteratura ma rimasto finora inedito».

Parlando con Andrea De Pasquale, si ha l'impressione che il giovane dirigente venuto da Torino e che ha tutte le buone intenzioni di fermarsi a Parma - sta già facendo restaurare un piccolo appartamento a piano terra della biblioteca - sia ben consapevole del valore del nostro massimo istituto bibliotecario, che è poi anche uno dei maggiori e più ricchi giacimenti culturali dell'Italia settentrionale. In questo contesto, i lavori che vengono intrapresi in questi mesi (avvio catalogazione fondo Bodoni, nuove schedature, ristrutturazione degli ambienti della direzione, sito della Palatina e così via) costituiscono il segno tangibile di una continuità che, proprio partendo dall'antico, si proietta necessariamente sul mondo tecnologicamente più avanzato della cultura contemporanea, «mondo dal quale provengo - aggiunge  De Pasquale - perché prima di entrare nei ruoli del ministero per i Beni culturali ho fatto parte di una organizzazione privata che mi ha insegnato molto circa i progetti e le strategie dei dati e dei sistemi informativi, sui libri antichi, i riordini archivistici e gli archivi comunali a Torino, Genova, Milano e Roma».

Dunque: la Palatina sembra sia passata in buone, anzi ottime mani. Pur tra mille difficoltà Andrea De Pasquale coltiva progetti di ampio respiro, ma si dimostra particolarmente entusiasta dell'istituto che gli è stato affidato. Dobbiamo onestamente dire che, prima della lunga e operosa direzione di Leonardo Farinelli, la Palatina ha più volte patito la presenza di frettolosi e poco interessati dirigenti che ne hanno a malapena gestito l'ordinaria amministrazione. Se ora Andrea De Pasquale riprende la solida tradizione dei direttori culturalmente curiosi e informati, e soprattutto sicuri di possedere un prezioso ed efficace strumento di conoscenza, la magnifica avventura della biblioteca continuerà e si rafforzerà ulteriormente anche a dispetto di coloro che ad ogni spirar di modernità predicono la fine del libro, della carta, degli inchiostri e della stampa, profeti di una sventura che speriamo non capiti mai. Anche Andrea De Pasquale ne è sicuro e sorride assieme a noi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Aniston rifila un "due di picche" a Pitt

invito a cena

Aniston rifila un "due di picche" a Pitt

Marito e moglie si incontrano per caso in villa di scambisti: scoppia rissa

ARICCIA

Marito e moglie si incontrano per caso in villa di scambisti: scoppia rissa

Bertolucci, Maria sapeva tutto tranne uso del burro

giallo "Ultimo tango"

Bertolucci: "Maria sapeva tutto tranne del burro"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

autovelox

CONTROLLI

Autovelox e autodetector: la mappa della settimana

Lealtrenotizie

Truffa-furto del finto soccorso stradale: nuove segnalazioni

collecchio-noceto

Truffa-furto del finto soccorso stradale: nuove segnalazioni

il fatto del giorno

Referendum e dimissioni: "Non è la fine politica di Renzi"

parma calcio

Vagnati Ds: lo "accoglie" D'Aversa: "Felice di averlo al mio fianco"

traversetolo

Ucciso da forma di Parmigiano: condannato il produttore della "spazzolatrice"

Galà e premiazioni

Cus: parata di campioni e di sorrisi Fotogallery

BASSA

Lutto a Sorbolo per la morte di Ilaria, uccisa da una malattia a 30 anni

Analogie

Il Parma sulle orme del "miracolo" Fiorentina 2002?

Cambio d'allenatore, innesti di mercato: da metà classifica alla B. Era il 2002. E c'era Evacuo

Incidente

Scontro auto-camion in tangenziale a Collecchio: ferita un'anziana

giudice sportivo

Due giornate a Lucarelli, ci sarà per il derby

Tifosi, lancio di bottiglie: 2.500 euro di multa

1commento

paura

La bimba resta a terra, il treno parte con la mamma

La "bimba" è stata accudita da un'agente della Polfer

Referendum

Il No vince con il 59,11% in Italia, nel Parmense ottiene il 52,63%

13commenti

salso

L'ultimo, commovente, saluto al giovane Lorenzo

I funerali del 15enne prematuramente scomparso

Parma

Calci e pugni alla moglie per anni: condannato

4commenti

Strajè

"Costretta" a fare ricerca all'estero. Il sogno di Maria Chiara: tornare a Parma Video

Duri esami in inglese e tedesco e tecniche innovative in Svizzera: ecco l'esperienza di una 28enne di Roccabianca

1commento

feste

Prove di illuminazione dell'albero di Natale in piazza Gallery

tg parma

Pizzarotti: "Referendum, a Parma debole il movimento per il No" Video

9commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Ci sarebbe, magari, un "grazie" da dire

di Michele Brambilla

8commenti

IL DIRETTORE RISPONDE

La verità può nascondersi ma c'è

ITALIA/MONDO

Governo

Mattarella chiede a Renzi di congelare le dimissioni: "Bilancio da approvare"

cagliari

Uccise i genitori adottivi, 28enne si impicca in carcere

SOCIETA'

televisione

Belen e Cuccarini, il sexy tango infiamma la tv

musica

La canzone di Natale di Radio Dj. Torna Elio e...c'è Valentino Video

SPORT

16a giornata

Parma - Bassano 1-1 Gli highlights

secondo allenamento

D'Aversa, subito alle prese con le assenze in difesa Video

MOTORI

GRUGLIASCO

Prodotta la Maserati numero centomila

NOVITA'

Q2, l'Audi che farà strage di cuori (femminili)