16°

30°

Arte-Cultura

Attilio, dolce voce di padre

Attilio, dolce voce di padre
Ricevi gratis le news
0

Vanni Buttasi

Bertolucci da record. Il ricordo di Attilio, a cento anni dalla nascita, tratteggiato dai figli Bernardo e Giuseppe, ha riscaldato ieri mattina il numeroso pubblico che ha gremito il Cortile della Cavallerizza, a Mantova, nell'ambito della 15ª edizione del Festivaletteratura. Con i due fratelli registi anche Corrado Augias e l'attrice Lella Costa. Il pretesto per un intenso e affettuoso ricordo è stata la presentazione di «Inedita energia», le lezioni di storia dell'arte che il poeta parmigiano ha pubblicato, tra il 1955 e il 1964, su «Il Gatto Selvatico», rivista dell'Eni da lui diretta. Il rapporto tra i figli e il padre è stato il punto di partenza di una conversazione piacevole, che ha coinvolto e divertito il numeroso pubblico. «Se c'è un valore - ha sottolineato Giuseppe -, ripensando alla vita vissuta accanto a mio padre, è che egli non ha mai avuto un atteggiamento pedagogico nei nostri confronti.  Se c'è un valore che ci ha comunicato è quello della bellezza e in anni in cui le passioni ideologiche erano forti. Trascorso ormai molto tempo, mi accorgo che quel valore assoluto, la bellezza, resta un centro di gravità».
Bernardo ha ringraziato Attilio «per averci insegnato a riconoscere la poesia e tutto quello che ci circonda».
Significativo anche il riferimento dei due fratelli alle opere del padre, in cui loro sono «protagonisti».
«E' una grande gratificazione essere personaggi delle poesie di Attilio dedicate alla famiglia - ha puntualizzato Giuseppe -  ma c'è anche un po' di inquietudine perché essere personaggi vuol dire fare i conti con un'immaginaria terza persona. Così, per me, poi scrivere ha significato riconquistare un po' la prima persona». Anche Bernardo ha spiegato che, al tempo del suo esordio, la macchina da presa fu innanzitutto «per trovare una mia voce accanto a quella mite ma potente di mio padre». Per Giuseppe la poesia è «il ricordo delle palle di carta accartocciate e finite sopra un armadio» mentre il cinema «è la visione di “Biancaneve e i sette nani” all'arena estiva, a Forte dei Marmi. Ma soprattutto quel cappello di paglia, impregnato di sudore, con il quale mio padre mi copriva il volto quando appariva la strega. E' stata la prima esperienza di cinema olfattivo...». Poesia e cinema legati insieme anche per Bernardo: «Che bello quando con mio padre, critico della Gazzetta di Parma, dalla campagna andavamo al cinema in città».
E poi cita il suo primo e unico libro «In cerca del mistero», pubblicato a 21 anni, che vinse il Premio Viareggio Opera Prima, poi un mese dopo uscì «La commare secca». E la decisione di puntare al cinema. E' ancora Bernardo a narrare un aneddoto legato a «La camera da letto»: «Domandai a mio padre cosa stesse scrivendo e lui, pudicamente, mi rispose “The bedroom”. Io pensavo fosse indiano, successivamente l'ho scoperto...». Suggestiva la riflessione, sempre di Bernardo, legata alla poesia «La rosa bianca», letta da Lella Costa. «Da quando mi fanno interviste - ha sottolineato -, cioè da molto tempo, “La rosa bianca” è il mio modo di raccontare il rapporto con Attilio. Leggevo questi versi, correvo in giardino e “La rosa bianca” era lì. Non c'era più differenza tra poesia e realtà». Dai ricordi personali a «Il Gatto Selvatico», la rivista dell'Eni voluta da Enrico Mattei. «Era un segno dei tempi - hanno sottolineato Bernardo e Giuseppe - che egli chiamasse una persona come nostro padre, così marginale rispetto al potere, per fare il giornale della sua compagnia. Ha qualcosa di miracoloso l'unione tra quest'unione, che lottava con le sette sorelle, e il poeta così legato alla famiglia. Il raffinato cultore di letteratura inglese e francese, senza tessera di partito in tasca». E ancora Bernardo racconta di quella volta quando, a 16-17 anni, si mise a parlare di pesca con lo stesso Mattei, che lo invitò per un weekend in Scozia. Che non ci fu mai. «Ti sei salvato la vita» ha subito puntualizzato Giuseppe. Non sono mancati neppure i riferimenti a Pier Paolo Pasolini, amico di Attilio. «E' il primo degli altri padri che ho avuto - ha ricordato, con commozione, Bernardo - e che mi sono serviti a prendere le distanze da quello vero.  Un giorno Pasolini mi disse che voleva fare un film e che io sarei stato il suo aiuto regista. “Non l'ho mai fatto” risposi ma lui replicò “Neppure io ho mai fatto il regista”». Quel film era «Accattone». Per ricordare Attilio, nel centenario della nascita, lo stesso Giuseppe lancia un'idea: «Sarebbe bello far uscire il documentario con la lettura integrale de “La camera da letto”, fatta a fine anni '80 da mio padre a Casarola, passato una volta in Rai: magari con la Gazzetta di Parma».
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

L'estate pazza di social, vip, bufale e gaffe "razziste"

il caso

L'estate pazza di social, vip, bufale e gaffe "razziste"

Negli Usa è iniziata "l'eclissi del secolo" Gallery

astronomia

Negli Usa è iniziata "l'eclissi del secolo" Gallery

La domenica al Colle San Giuseppe Foto

estate

La domenica al Colle San Giuseppe Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Programmazione dal 21/08/2017 al 25/08/2017 delle postazioni di accertamenti strumentali di velocità e irregolarità alla circolazione

VIABILITA'

Autovelox, speedcheck e autodetector: la mappa della settimana

Lealtrenotizie

Stu Pasubio, indagine chiusa. Ecco le accuse della Procura

INCHIESTA

Stu Pasubio, indagine chiusa. Ecco le accuse della Procura

Furti

Due assalti in dieci giorni alla scuola Sanvitale

TRA FEDE E ARTE

Viaggio inedito nel Duomo «invisibile»

Fidenza

Basket, Azzoni: «Saremo la Fulgor per Fidenza»

Il racconto dagli Usa

I parmigiani cacciatori di eclissi

Impresa

Greta, un bronzo che vale come un oro

Felegara

E' morta Gianna, la regina dei tortelli

Tragedia

Cade in montagna, muore l'urologo Poletti

tragedia

Barca prende fuoco e affonda nel Po, 65enne muore annegato Video

La vittima, Marco Padovani, era di Trecasali

gazzareporter

Via Langhirano, la razzia "chirurgica" degli specchietti retrovisori Foto

7commenti

calcio

Il Parma supera i 7mila abbonamenti e "corteggia" Matri

1commento

Novità

Il caffè? Lo pago con la carta

12commenti

anteprima gazzetta

La "cattedrale segreta", alla scoperta del duomo

bellezze

Miss Italia: il popolo del web fa volare Anna Maria alle prefinali di Jesolo

IL CASO

Vaccini obbligatori e verifiche, la protesta dei presidi

incidente

Paurosa caduta in moto: 5 km di coda in A1 al bivio con l'A15 Traffico tempo reale

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I terroristi di ieri e quelli di oggi

di Michele Brambilla

EDITORIALE

Colpito il simbolo della gioia di vivere

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

terrorismo

Attentato di Barcellona, ucciso il killer in fuga

terrorismo

Sventato attentato con Barbie-bomba su un volo per Abu Dhabi

SPORT

ciclismo

Impresa di Nibali alla Vuelta. Ora Froome è in rosso

SERIE A

Partenza sprint per Inter e Milan, la Roma vince a Bergamo

SOCIETA'

TERRORISMO

Rischio terrorismo: inizia l'Italia delle barriere Gallery

cinema

E' morto Jerry Lewis, aveva 91 anni

MOTORI

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente

MERCATO

Bmw Italia, 2000 euro per la permuta di diesel Euro4 e precedenti