Arte-Cultura

Il racconto della domenica - Finalmente la pace

Ricevi gratis le news
0


di Marta Silvi Bergamaschi

L’estate muore soffocata da un caldo continuo, appiccicoso che sa di malattia. Esce da un orizzonte offuscato, da una foschia densa, pesante, carica di umori beffardi: umida e fastidiosa come la mano di una persona timida. E’ improvvisamente diventata un’estate cattiva, come una donna senza innamorati.
Così pensava Aurelia mentre camminava lenta verso il mercato della piccola città di provincia. Sola, con la solita sporta viola; la treccia bruna le ornava la testa come una corona; era in lei un qualcosa di fragile e di forte, di bizzarro e di consueto. Tolse da una tasca un fazzoletto e terse il sudore che le colava dal viso come acqua piovana. Sono le otto, pensò, e già si suda. La crisi, i prezzi esosi, il marito in cassa integrazione: e ora ci si mette anche questa fine estate. E’ un po’ troppo, direi, pensava Aurelia. Il mercato era squallido: molte bancarelle mancavano. Le solite cose. Alcune signore rovistavano tra gl’indumenti con ridicola furia. Capovolgevano maglie, sottane, discutevano, tastavano e valutavano la stoffa. Vendite di fine stagione. Compravano con un’avidità che fece sorridere Aurelia. Sotto la nuova struttura del mercato, trasparente, tanto che faceva pensare a un vetro speciale, il caldo aumentava, diventava insopportabile. Aurelia uscì con un lieve senso di nausea: respirò profondamente e tutto tornò normale. Si diresse in una strada vicino alla piazza dove esibivano la loro merce alcune bancarelle di frutta e verdura. Tutto è molto caro, pensò Aurelia. Possibile non esistano controlli? Ognuno può scegliere i prezzi che vuole? L’affascinava (e questo da sempre) il colore delle verdure: le sfumature dal rosso al rosa intenso dei pomodori, il viola particolare delle melanzane, il verde compatto delle zucchine. La natura, pensò Aurelia, ci dona alimenti preziosi, anche da godere esteticamente, e noi la maltrattiamo: con molte cose che il progresso ci ha dato, comode, in verità, ma orribilmente inquinanti. Le solite contraddizioni. Ho più di cinquant’anni, disse a se stessa, senza più un lavoro e una figlia sposata che ha bisogno di aiuto. Ci hanno fatto credere che la crisi non c’era, i mascalzoni! Per loro non esistono crisi di sorta. E a noi chi pensa? Non sanno nulla della vita tirata con i denti stretti. Qualcuno ha scritto (allora avevo voglia di leggere) «Ella era povera: solo la luna era più povera di lei, perché la luna è senza aria». Sì, signori che decidete, noi, piccole persone che viviamo modestamente, siamo senza aria. Ci avete rubato anche quella. Vergognatevi! Così Aurelia camminava e pensava, con il caldo che l’avvolgeva come una medusa, un paracadute molliccio, gelatinoso che la faceva soffrire. Pensò ancora alla figlia, a quando l’aspettava: aveva ascoltato con una dolcezza nuova, diversa da ogni altra dolcezza esistente, il moto della sua vita, come una rosa ascolta il richiamo della primavera. Le aveva dato la vita: e ora? Ora molto amore poteva darle, ma l’amore diceva il suo saggio padre «non fa bollire la pentola». Comprò alcune pesche e si concesse un caffè: chissà non le togliesse la stanchezza. Entrò nel piccolo bar senza pretese dove andava qualche rara volta. Di fronte a lei un uomo leggeva il giornale. Aurelia salutò le gentili ragazze che gestivano il bar. Le porsero il caffè. Aurelia sedette. Sorseggiò il liquido nero e amaro; poi chiuse gli occhi. La prese un sonno improvviso. Reclinò la testa e i pensieri atroci se ne andarono. Trascorse un po’ di tempo. Una signora le chiese: -Se ha bevuto il caffè, posso sedermi?- Era così in quel simpatico bar: tutti uguali, tutti amici. Aurelia non rispose. S’alzò un borbottio confuso, istintivamente sommesso. Un signore dalla lunga barba bianca disse, con voce che tentava essere ferma: -La signora penso proprio sia morta.- Le si era avvicinato e aveva osservato sul bel viso la tranquilla morte disegnata, muta e immobile come può essere, finalmente, la pace.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Orietta Berti "assolta" dall'AgCom

Orietta Berti in una foto d'archivio

Par condicio

Orietta Berti "assolta" dall'AgCom

La dj Jessie Diamond: «Vi presento CR 10, il mio nuovo singolo»

Intervista

La dj Jessie Diamond: «Vi presento CR 10, il mio nuovo singolo»

Festa al "Caseificio della musica": ecco chi c'era

PGN

Festa al "Caseificio della musica": ecco chi c'era Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Domani lo speciale "Amico dentista"

INSERTO

In edicola lo speciale "Amico dentista"

Lealtrenotizie

Sarcone, il nuovo re della cosca che tentava di intimidire i testimoni dell'affare Sorbolo

'NDRANGHETA

Sarcone, il nuovo re della cosca che tentava di intimidire i testimoni dell'affare Sorbolo

POSTALLUVIONE

Ponte della Navetta, appalto all'impresa Buia

Lutto

L'ultimo viaggio di Cavatorta

Colorno

Rubata l'auto a servizio di un malato di Sla

Avis

Izzi: «Pochi disposti a tenere gli stili di vita sani necessari per donare»

ODONTOIATRI

Falsi dentisti, c'è l'app per stanarli

NOCETO

Addio a Mario Reverberi, colonna del volontariato

Appello

Il sindaco di Collecchio: «Cerchiamo padroni per 15 cani»

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma! x

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

4commenti

san leonardo

Commerciante straniero permette di fermare il ladro d’auto italiano

2commenti

OSPEDALE

Day hospital oncologico al Cattani: lavori verso la conclusione. Ecco come sarà: foto

Intervento da 1,3 milioni di euro. Parcheggi riservati ai pazienti in cura

FATTO DEL GIORNO

Giovanni Reverberi, parmigiano prigioniero a Dachau: la sua storia in un libro toccante Video

La nipote di Reverberi, Natalia Conti, è fra coloro che tengono viva la memoria di quanto accadde in quegli anni

VOLANTI

Si arrampicano lungo tubi e grondaie e svaligiano le case: 6 furti in un giorno a Parma

14commenti

Palacassa

Concorso per un posto da infermiere: 3mila al Palacassa, candidati anche da Agrigento Foto

L'obiettivo di molti partecipanti è entrare in graduatoria, sperando in una chiamata entro i prossimi tre anni

7commenti

TG PARMA

Le elezioni 2018 costeranno 584mila euro al Comune di Parma Video

Allarme

Ore 7: attimi di paura in via Emilia Est

6commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

L'indispensabile ruolo di Silvio l'ineleggibile

di Vittorio Testa

1commento

L'ESPERTO

Un immobile in successione? Si può vendere. Ecco come

ITALIA/MONDO

PIACENZA

Tenta di gettarsi dal ponte, i carabinieri lo salvano

Salute

Le sigarette elettroniche pericolose per gli adolescenti

SPORT

Tuffi

Tania Cagnotto è diventata mamma

Tg Parma

Di Cesare: "Con il Novara sarà dura, vengono da una vittoria" Video

2commenti

SOCIETA'

GUSTO

Carbonara: ecco la vera ricetta romana  Video

hi tech

L'iPhone X vende poco, Apple potrebbe "pensionarlo"

2commenti

MOTORI

novita'

Honda Civic, finalmente il diesel. Il 1.6 spiegato in tre mosse

RESTYLING

La Mini rifà il trucco a 3porte, 5porte e cabrio Video