21°

Arte-Cultura

Un "Falstaff" da non perdere

Un "Falstaff" da non perdere
0

Gian Paolo Minardi

Il grande poeta Auden, che con la musica e con l’opera aveva un rapporto assai intenso, se appena si pensi a quel gioiello di libretto che è «La carriera di un libertino», ha affermato che l’unico mondo adatto al personaggio di Falstaff fosse l’opera di Verdi, non ritenendo che la dimensione storica su cui si regge l’«EnricoIV » di Shakespeare, una delle fonti del libretto di Boito, potesse accogliere in maniera coerente un personaggio così particolare.
L’osservazione, per quanto acuta e benché non condivisa dagli studiosi shakespeariani, impone il filtro necessario nel passaggio di un personaggio da un contesto ad un altro; vale a dire da quello drammatico-letterario a quello drammatico-musicale, due mondi che, dietro l’apparente affinità, sono in realtà lontanissimi, in quanto regolati da statuti diversi.
E' soprattutto la diversità della dinamica immaginativa ed emozionale tra dramma recitato e melodramma, come ha sintetizzato efficacemente G.B. Shaw confrontando l’«Hernani» di Hugo con l’«Ernani» di Verdi: «Nel dramma assistiamo a un Carlo di sublimi sentimenti ma espressivamente alquanto stucchevole; nell’opera gli stessi sentimenti sublimi di Carlo si uniscono invece ad un’espressione stringata, grandiosa e toccante; da ciò si deduce che il principale merito di Victor Hugo come drammaturgo fu di aver fornito libretti per Verdi».
Con« Falstaff» Verdi conclude quella sua frequentazione con Shakespeare durata tutta una vita; un rapporto con «il gran maestro del cuore umano» coltivato con una determinazione attestata, oltre che dai tre straordinari esiti operistici, dal rovello con cui continuerà ad inseguire il fantasma di «Re Lear»: fino agli ultimi giorni della sua lunga vita, anche se Giuseppina, al tempo di «Otello», esprimeva la convinzione che ormai Verdi si fosse messo il cuore in pace («dorme... da trent'anni sonni profondi e non turbati»).
Anche se è lecito pensare che la pur lunga gestazione di «Falstaff» avesse ragioni ancor più lontane, proprio perché c'era di mezzo Shakespeare, quella sua complessità che, pur attraverso la lente più leggera del comico, non poteva non agire quale movente riflessivo.
Tanto più che questo ritorno al comico, al di là della più affiorante sfida, si caricava inevitabilmente di una tensione retrospettiva e al tempo stesso riflessiva, quale sedimento di esperienze, di teatro come di vita.
La più grande reincarnazione del personaggio, dunque, l’abbiamo con Verdi, ultimo frutto della sua collaborazione con Boito, preziosa nel ridare attualità dalla lettura shakespeariana, tesa a cogliere nei suoi drammi un insieme di grottesco e di sublime: quindi commedia e tragedia convivere in uno stesso abbraccio.
Risposta adeguata quella di Boito all’istanza comica di Verdi, un comico che non fosse ricalco attardato di un genere ormai da decenni obsoleto ma riflettesse la più complessa e circolare nozione che lo stesso Verdi aveva già più volte fatta propria, da «Rigoletto» alla «Forza del destino».
Anche «Falstaff» non si sottrae a questa condizione di essere dramma: naturalmente vissuto attraverso i singolari parametri della comicità. Ma è pur sempre il Verdi che mette a frutto la sua straordinaria esperienza, artistica e umana, di scrutatore del cuore umano, il Verdi che ha creato formidabili personaggi.
Così che è anche il divertimento di mettere tutti nel sacco, alla fine.
Falstaff, umiliato nella propria eroicomica prosopopea, si trova, in fondo, alla pari di tutti gli altri personaggi, tutti coinvolti nel compromesso della vita, toccati dalla volgarità del quotidiano; unici a non esserne toccati sono i due giovani innamorati, che vivono ancora in una condizione illusoria che li isola dalla banalità del mondo: e Verdi riconosce questa loro purezza d’animo regalando loro le uniche melodie ariose che volano al di sopra del dominante declamato; a sua volta trama di ineffabile leggerezza entro la quale il passato - l’antica polifonia - riaffiora in una sollecitante prospettiva: davvero «torniamo all’antico e sarà un progresso». Tratti che l’edizione discografica proposta esalta in maniera oltremodo vivida grazie al prestigio direttoriale di Karajan.
Un’edizione celebre, nata da quella strepitosa «officina» attivata a Londra negli anni Cinquanta dall’intraprendenza di Walter Legge, con la sua capacità di saper cogliere al volo i migliori interpreti, da Lipatti alla Haskil, dalla Schwarzkopf (che diverrà sua moglie) a Karajan, appunto, che uscito dal periodo oscuro della guerra, troverà una nuova opportunità nella direzione della Philharmonia Orchestra, fondata da Legge proprio per aver uno strumento rispondente alla sua estrosa, vitalissima progettualità discografica.
Tra i gioielli usciti da questa collaborazione col grande direttore - tra cui «Le nozze di Figaro» e «Il flauto magico» - risplende assolutamente anche questo di «Falstaff», registrato in stretta contiguità con «Il cavaliere della rosa» di Strauss, quasi a volere racchiudere entro una impalpabile circolarità, due vicende, quella del vecchio John e quella del «baron»  Ochs, toccate da un ambivalente segno parodistico.
 Un «Falstaff» di straordinaria lucentezza, in cui si riflette indubbiamente la lezione toscaniniana, a cogliere ogni minimo suggerimento della geniale intuizione verdiana facendone levitare al tempo stesso il respiro arioso e le screziature malinconiche.
Un tessuto mirabile entro cui vivono con coerente pienezza i vari personaggi, dal protagonista riccamente sfumato di Gobbi, alla deliziosa Alice della Schwarzkopf, dal Ford fortemente disegnato da Panerai alla Quickly  «emblematica»  della Barbieri.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La tata dell'ex Spice Girl Mel B: "Relazione a tre con suo marito"

gossip

La tata dell'ex Spice Girl Mel B: "Relazione a tre con suo marito" Foto

Le 10 foto con più like nella storia di Instagram

social

Le 10 foto con più like nella storia di Instagram: dominio Beyoncé e Selena Gomez 

Scocca l'ora di nove bellissime 50enni:  Cindy Crawford

L'INDISCRETO

Riuscireste a dire di no a queste nove bellissime 50enni?

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«La Forchetta»: pesce, carne e un po' di tradizione

CHICHIBIO

«La Forchetta»: pesce, carne e un po' di tradizione

Lealtrenotizie

Pedone investito in via Spezia: è grave

incidente

Pedone investito in via Spezia: è grave

Lutto

Trovato morto in casa l'avvocato Alberto Quaini

36a giornata

Super Santarcangelo, Feralpi incredibile rimonta (sulla Reggiana). Foggia in B

Sprint secondo posto: domani Albinoleffe-Pordenone e Padova-Ancona (ore 20.30) e Parma-Sudtirol (ore 20.45)

eventi

Mostra del fumetto: il Wopa come...Wonderland Gallery

cibo on the road

Castle Street Food, continua l'assedio a Fontanellato Gallery

lega pro

D'Aversa: "Ora deve tornare a scattare la scintilla dell'entusiasmo" Video

1commento

FORNOVO

Pochi iscritti alle elementari, è polemica

LANGHIRANO

Il comandante dei vigili: «Massese pattugliata»

3commenti

gazzareporter

Un lettore: "Ma i vigili controlleranno anche le Harley Davidson?"

3commenti

SORBOLO

Quegli attori anti-truffa che educano i cittadini

Finto carabiniere

Truffati altri due anziani

l'agenda

Una domenica tra feste di primavera, aquiloni e treni storici

Lavori pubblici

Ecco il rinato «Lauro Grossi»

EMILIAMBIENTE

Massari: «Piena fiducia nel cda»

cadute

Incidenti in moto a Noceto e Berceto, grave una 46enne di Salso Video

Sanità

Visite «bucate», arrivano le prime multe

7commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

I vecchi partiti? Meglio di oggi

2commenti

EDITORIALE

Francia: l'Isis cerca di dirottare il voto

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

televisione

Addio a Erin Moran, "Sottiletta" Joanie di Happy Days Videoricordo

1commento

nairobi

Difende gli animali, spari contro la scrittrice Kuki Gallmann: ferita

WEEKEND

VIDEO

Il ghepardo attacca la turista e cerca di azzannarla

foto dei lettori

Aspettando la 1000 Miglia: lo sguardo di Paolo Gandolfi Foto

SPORT

tragico schianto

Incidente mortale: addio al rugbysta Andrea Balloni

calcio

Dramma per Vidal: cognato ucciso a colpi di pistola alla testa

MOTORI

TOP10

Auto: il lusso delle limited edition

ANTEPRIMA

Audi e-tron Sportback Concept, nel 2019 il Suv-coupé "digitale"