10°

20°

Arte-Cultura

La dimora di Otello e Falstaff

La dimora di Otello e Falstaff
0

Elena Formica

C'è un luogo che possa essere definito «il più intatto», «il  più evocativo», «il più commovente» fra quelli verdiani? Prima di rispondere, attenzione: la domanda prevede che tale luogo, se esiste, possieda tutte e tre le qualità insieme, non una soltanto, magari segretamente sussurrata dallo stormir di pioppi che, attorno a una casetta dal tetto sghembo, sembrano cantar la ninna nanna a un bambinello nato il 10 ottobre del 1813. Sì, questo luogo esiste. E’ Sant’Agata, a un tiro di schioppo da Busseto, nemmeno granché lungi dalle Roncole dove Verdi nacque, ma fertile zolla piacentina perché sita nel comune di Villanova d’Arda. «Al più intatto, al più evocativo, al più commovente luogo verdiano» - come scrive Corrado Mingardi, autorevole biografo di Verdi, umanista saggio e gentile - è dedicato il libro «Il Maestro in villa. Giuseppe Verdi a Sant’Agata», un centinaio di pagine che fluenti narrano - senza impettirsi in vanitosi capitoli - le opere e i giorni del Maestro nella sua casa al di là dell’Ongina. Stampato da Grafiche Step editrice, il volume sarà in vendita in tutte le edicole con la Gazzetta di Parma a partire da domani (euro 8,80 più il prezzo del quotidiano). Ricco e suggestivo l’apparato iconografico; all’interno del libro il coupon per visitare a prezzo ridotto Villa Verdi a Sant'Agata. «E’ impossibile – scriveva il Maestro a Clarina Maffei nel 1858 – che io trovi per me ove vivere con maggior libertà: poi questo silenzio che lascia tempo a pensare...». Eccola Sant’Agata: la libertà, il silenzio, la campagna. Lì Verdi lavorò alla «trilogia romantica di Rigoletto, Il trovatore e La traviata», agli «estremi solari frutti di Otello e Falstaff», dopo aver attraversato «le vette di Un ballo in maschera, La forza del destino, Don Carlo, Aida e Requiem». E’ un colto gentiluomo, il professor Mingardi, che della modestia conosce il potenziale esplosivo: «Questo libro – precisa – non è di Corrado Mingardi, bensì a cura di Corrado Mingardi. Non ho voluto apparire in copertina come autore di quello che ritengo un  “montaggio” di testimonianze di personaggi che hanno conosciuto Verdi, che hanno frequentato la Villa o che del Maestro hanno scritto a quei tempi. Ho inteso ricostruire la vita di Verdi nella pace di Sant’Agata, dove la sua presenza si avverte tuttora intensa, come palpitante; è questo il luogo più intatto fra quelli verdiani anche in virtù del testamento del Maestro, nel quale egli stabiliva che la casa e i prati attorno venissero lasciati nello stato in cui si trovavano. A ciò si aggiunge l’affetto della Famiglia Carrara Verdi nel rispettare e gestire la Villa, peraltro abitandola, cioè vivendola in una quotidianità sempre strettamente condivisa con la memoria del Maestro».
Il libro, non a caso, riporta una dedica: «A Gabriella Carrara Verdi per l’amorosa illuminata devozione di una vita alle sacre memorie verdiane di Sant’Agata». Le fonti a cui Mingardi ha attinto sono i ricordi della stessa Famiglia Carrara Verdi (si racconta dei bambini di Maria Filomena, erede universale di Verdi, che riuniti attorno al pianoforte ascoltavano il Maestro suonare i valzer di  Strauss) e le testimonianze di Giacosa, Ghislanzoni, Boito, Escudier; ma pure le lettere di Verdi e di Giuseppina Strepponi agli amici, fra cui la contessa Maffei, Giuseppe Piroli, Cesare Vigna, Opprandino Arrivabene. Si parla di tutto: di musica e di letteratura, di economia e di agricoltura, di politica e di disoccupazione. Di gastronomia persino. Di quel che è da dare a Cesare e di quel che è da dare a Dio, comunque. C’è anche una lettera a Mauro Corticelli, per un certo periodo amministratore di Sant’Agata, poi licenziato perché inaffidabile. Corticelli – spiega Mingardi - tentò il suicidio gettandosi nel Naviglio a Milano, ma si salvò. Verdi, per aiutarlo, gli riconobbe una pensione annua. «La carità nascosta» di Giuseppe Verdi, ampia e concreta nei fatti, concisa e schiva nel lasciar traccia di sé. Anche questo aspetto emerge dalle pagine del libro, il cui curatore – che senza dubbio è «autore»  per intelligenza e sentimento del narrare – ricorda che spesso Verdi e la moglie si rivolsero al canonico Giovanni Avanzi («l’unico prete ammesso a Sant’Agata») come mediatore delle loro frequenti opere di bene. Scovato da Mingardi in un almanacco milanese del 1864 – e pressoché sconosciuto – viene quindi riportato l’episodio di cui fu testimone il critico Filippo Filippi, non sempre amico della musica di Verdi, che del Maestro scrisse: «A Roma, al tempo del Ballo in maschera, l’abbiamo veduto occupatissimo nel palazzo Vaticano a conferire con camerieri apostolici per la benedizione che il papa dovea fare di un mazzo di medaglie destinate in regalo ai contadini del suo podere: ad uno scettico spregiudicato che gli diceva: a che tante noie per aver queste tue medaglie benedette dal papa? recale come sono a Busseto e ai tuoi paesani faranno lo stesso effetto!». «No - rispose il maestro - io non voglio ingannare nessuno, e quando vedrò il drappello dei miei contadini cadere bocconi innanzi alle medaglie che io trarrò dall’involto come fanno in piazza i cerretani, sarò contento che non siano mistificati… E valga quel che valga, l’abbiano davvero la papale benedizione».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Blu Trieste

Gazzareporter

Blu Trieste: le foto di Ruggero Maggi

Giovedì nozze per Alessia, prima trans a sposarsi

gossip

Giovedì nozze per Alessia, prima trans a sposarsi Gallery

Brigitte, la prof che sposò l'allievo e ora sogna l’Eliseo con Emmanuel

macron

Brigitte, la prof che sposò l'allievo e ora sogna l’Eliseo Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Fare, vedere, mangiare: ecco l'App Pgn

GIOVANI

L'App Pgn è più ricca: scaricala e scopri le novità

Lealtrenotizie

Bocconi killer, un nuovo caso

ALLARME

Bocconi killer, un nuovo caso

lutto

Fidenza piange il pittore Mario Alfieri

Stazione

Quei tombini instabili che tolgono il sonno

AL REGIO

De Andrè, Cristiano canta Fabrizio

SACERDOTE

Don Ubaldo, da Tabiano alla Siberia

LUTTO

Addio a Valenti, lo sportivo

Parma

«La Marina? Un'opportunità per i giovani»

Calcio

Parma, la parola ai tifosi

Parma

Auto ribaltata a San Ruffino: 4 feriti

Comune

Ultimo Consiglio: scintille sulla questione Fiera. Bilancio comunale: avanzo di 54 milioni

Dall'Olio: "Multe per 13 milioni, il massimo di sempre". Scontro Bosi-Nuzzo. Parcheggi sotterranei mai costruiti: il Comune pagherà 661mila euro anziché 192mila

6commenti

Anteprima Gazzetta

Bocconi killer: avvelenato un cane al Parco Ducale

droga

Spacciava cocaina a Colorno: arrestato

3commenti

CREMONA

Grande commozione all'addio a Alberto Quaini

INCHIESTA

Nessun soccorso per gli animali selvatici. I cittadini: "Telefonate a vuoto mentre muoiono"

L'assessore regionale Caselli spiega che nessuna associazione del Parmense ha risposto al bando 

6commenti

lettere al direttore

"Quei ragazzini che lanciano sassi a Traversetolo"

6commenti

Parma

Coppini, sì del Consiglio all'iter per l'ampliamento della sede di strada Vallazza

La minoranza si divide fra astenuti e favorevoli

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La storia ci insegna. Purtroppo

1commento

REPORTAGE

La guerra delle cipolle nella sfida per l'Eliseo

di Luca Pelagatti

ITALIA/MONDO

Primarie Pd

Renzi, Emiliano e Orlando: divisi su tutto nel dibattito tv

BOLOGNA

Killer ricercato: rubato nella zona un kit di pronto soccorso

SOCIETA'

medicina

Tre tazzine di caffè al giorno diminuiscono il rischio di cancro alla prostata

IL VINO

La Freisa compie cinquecento anni. Festa con Kyè di Vajra

SPORT

BASEBALL

Gilberto Gerali general manager della Nazionale

Moto

Tragedia nel motociclismo, morto Dario Cecconi

MOTORI

NOVITA'

Toyota Yaris: l'ora del restyling

OPEL

La Insignia tutta nuova è Grand Sport