-3°

Arte-Cultura

Indro, epitaffi al vetriolo

Indro, epitaffi al vetriolo
0

Giuseppe Marchetti


Comporre un epitaffio è tra le cose più difficili che si possano concepire: dev'essere breve, incisivo, fulminante nel giudizio, feroce e dolce allo stesso tempo, dire e lasciar intendere, blandire e trafiggere. Di se stesso, Leo Longanesi disse: «Sono un carciofino sotto'odio»  e la chiuse lì. Montanelli, che di Longanesi fu amico e seguace, lasciò scritto per sé: «Qui riposa Indro Montanelli, genio compreso, spiegava agli altri ciò che e gli stesso non capiva». Ma con gli altri, l'immensa pattuglia degli altri che gli furono vicini in vita e in morte, arrischiò molto di più. Ne possiamo ora vedere gli esiti nel singolare volume «Ricordi sotto'odio» che, a cura di Marcello Staglieno, raccoglie «ritratti taglienti per cadaveri eccellenti»: una serie di ritratti a contropelo nei quali il grande giornalista si divertì (ma poi non tanto, forse) a fissare vizi e virtù (più i primi che le seconde) di personaggi famosi non ancora scesi nella tomba (gli epitaffi risalgono agli anni '50). Il piacevolissimo e istruttivo volume edito da Rizzoli raduna gli originali dei taccuini sui quali Montanelli appuntava questi testi veloci. Autorizzando la trascrizione di tali pagine, il Fondo Manoscritti dell'Università di Pavia ha permesso di rendere nota al pubblico dei lettori questa parte della produzione montanelliana rimasta finora sconosciuta. Una parte godibilissima, senz'altro, che va ad aggiungersi alle centinaia di altri ritratti disseminati da Indro in tante pagine dei suoi libri, e specialmente in quelli che raccolgono voci, profili e giudizi sugli scrittori,  i politici, gli intellettuali, gli economisti e i più chiacchierati protagonisti del nostro Novecento. Però, tra quei libri e questo nuovo c'è una sostanziale differenza. In «Pantheon minore», in «Incontri italiani», in «Istantanee» i racconti si distendono per alcune pagine, mentre in «Ricordi sott'odio» devono bastare tre, quattro o cinque righe al massimo, e brevi. Un esempio: «Qui riposa / Eugenio Montale, / Baritono». La ferocia del testo è più che mai evidente. Come scanzonata, ma non meno maligna è la lapide scritta per Gazzoni, quello del Resoldor: «Qui giace / Nando Gazzoni. / Oh / Come respiro!». E ancora il testo riservato a Mattei: «Qui / Riposa / Enrico Mattei. / A nostre spese / Senza badare / a spese». Nel piacevolissimo scritto introduttivo, Marcello Staglieno osserva e si chiede: «Era poi consapevole, Indro, d'inaugurare con gli epitaffi una sorta di nuovo, sia pur minore (o minimo) genere letterario?». Noi pensiamo che lo fosse, anche se una lunga tradizione di aforismi e di «scritti brevi» percorre tutta la nostra letteratura da Cecco Angiolieri a Mino Maccari, a Ennio Flaiano. In una sua ottima scelta antologica riccamente commentata «Scrittori italiani di aforismi» (Meridiano Mondadori 2000) Gino Ruozzi ha abbondantemente illustrato questo genere prezioso e sfizioso che però non comprende gli epitaffi, una sezione che invece premeva molto a Montanelli poiché - come più volte abbiamo sentito ricordarlo da lui stesso - solo la morte evidenzia pregi e difetti dell'estinto senza che egli possa contraddirci. «Ricordi sott'odio» poi rivela anche una parte non minore del carattere del suo autore: quella parte amorosa e invidiosa che Montanelli non aveva nessun ritegno a dimostrare. I suoi «cadaveri eccellenti» erano stati in vita, infatti, assai spesso suoi amici, o amici dei suoi amici, persone note, anzi notissime, sulle quali si erano appuntati per anni gli occhi della pubblica opinione, dei giornali, della politica (memorabile l'epitaffio per Nenni: «Qui / Riposa / Pietro Nenni / Bonario / Rivoluzionario / Abitudinario / Sognò / Barricate / Su cui / Passeggiare / In / Pantofole») dell'arte, dello spettacolo e della letteratura: ecco l'epitaffio per Zavattini: «Non piangete / Per / Cesare Zavattini / Ha già pianto / Lui / Per tutti noi».  Era dunque necessario «smontarli», sezionarli, ridurli al loro semplice ruolo di essere umani, poveri peccatori come tutti noi. Ecco il compito di questi «ritratti» che, del resto, e a ben guardare, non sono poi veri e propri ritratti comunemente intesi, ma incisioni deformate (Goya insegna!) degne dei cadaveri eccellenti ai quali si riferiscono. D'altra parte, non bisogna dimenticare che Montanelli appartiene di diritto a quel genere di scrittori dal Berni in avanti che preferiscono caricare la realtà anziché semplicemente descriverla. La realtà, per loro, infatti, è soprattutto un coacervo di contraddizioni e può convincere solo se osservata ad una certa distanza dallo scrittore, come diceva Prezzolini, uno dei maestri di Montanelli, uno scettico che vedeva persino nel concetto di Dio «un rischio». Ma il toscano Indro (con alle spalle Machiavelli e Guicciardini) confidava anche e soprattutto nella propria abilità, nel suo senso del ridicolo sino al tragico, e nel suo senso del tragico sino al ridicolo: fra i due estremi si collocano gli epitaffi, che non sono solo un giudizio di feroce saggezza sui comportamenti altrui, bensì l'intima pretesa di chiedere, alla fine, anche pietà per sé con un sorriso e una segreta richiesta di complicità. L'epitaffio per Longanesi l'esprime molto bene: «Qui / Giace / Per la pace di tutti / Leo Longanesi / Uomo imparziale. / Odiò / Il prossimo suo / Come / Sé stesso».
Ricordi sott'odio
Rizzoli, pag. 218, 17,00

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Belen, un altro bacio (con Iannone) nella bufera

gossip

Belen, un altro bacio (con Iannone) nella bufera

1commento

concerti

musica

Caos biglietti U2: ira dei fan, seconda data e esposto Codacons

Isola dei Famosi: esclusa Wanna Marchi (e la figlia). C'è la pornostar

televisione

Isola dei Famosi: esclusa Wanna Marchi (e la figlia). C'è la pornostar

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Conchiglioni crescenza e mostarda

GUSTO

La ricetta della Peppa: Conchiglioni crescenza e mostarda

Lealtrenotizie

Auto travolge persone alla fermata dell'autobus fra Cascinapiano e Torrechiara

cascinapiano

Travolto mentre va alla fermata del bus: muore un 16enne

2commenti

Epidemia

Legionella: domani la svolta

polizia

Mostrava un coltello ai passanti in via Mazzini: denunciato Alongi

furto

Via Dalmazia, i ladri se ne vanno con i coltelli

Il caso

Parrocchie in campo contro le povertà

3commenti

Fra Salimbene

Chi ha rotto la porta dei bagni dei maschi?

Basilicagoiano

Allarme droga tra i minorenni

via emilia

Scontro auto-camion a Parola: muore il 60enne Giancarlo Morini Video

BORGOTARO

Addio al partigiano Ollio, commerciante pluridecorato

Lutto

Addio ad Angelo Ferri, il «fontaner»

Raid

Boschi di Carrega, auto forzate nel parcheggio

GIOVEDI' AL REGIO

Brunori Sas: «A casa tutto bene»

i nuovi acquisti

Munari e Edera: "Parma, un buon progetto" Video

ladri in azione

Secondo furto in pochi giorni alla fattoria di Vigheffio Video

1commento

Parma

Due milioni di euro per ristrutturare il ponte sul Taro

4commenti

CLASSIFICA 

I sindaci più amati in Italia: Pizzarotti al terzo posto, consenso in aumento

Forte discesa del gradimento fra i cittadini per Virginia Raggi a Roma

43commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Politicamente corretto: l'ipocrisia al potere

di Michele Brambilla

12commenti

EDITORIALE

L'orrore in diretta? E' la tv del Medioevo

di Francesco Monaco

ITALIA/MONDO

terrorirismo

Istanbul, preso il terrorista della strage di Capodanno: "Ha confessato"

salute

Influenza: oltre 3 milioni a letto, il picco la prossima settimana

SOCIETA'

roma

Colosseo nel mirino dei vandali: scritte con lo spray su un pilastro

Tendenza

Anche a Parma è vinilmania

SPORT

Calcio

I 10 giocatori piu' cari al mondo

auto

L'auto protagonista alla Dakar? La Panda 4x4

ANIMALI

sant'antonio

Benedizione degli animali a Bannone  Gallery Video

animali

Il cervo curioso entra in chiesa Video