19°

34°

Arte-Cultura

Ubaldo Bertoli, la gioia di rileggerlo

Ubaldo Bertoli, la gioia di rileggerlo
Ricevi gratis le news
0

 di Giuseppe Marchetti

E'sempre un piacere scrivere di Ubaldo Bertoli, come era un piacere ascoltarlo e parlargli. Ma soprattutto era ed è un piacere leggerlo, corrergli dietro nella fuga dell'immaginazione e rivederlo oggi in queste pagine squadernate tanti anni fa e rimaste miracolosamente intatte, fresche, vive, aggressive con il loro tono di scapestratezza e poesia. Pagine umane, insomma, che il trascorrere delle mode (la prosa d'arte e da giornale, allora!), dei miti e dei tempi non ha in alcun modo ingiallite e private di umori e sapori.
 Pagine di «Ubaldo Bertoli - eroe romantico della ribalderia parmense» che da sabato sarà venduto con la Gazzetta a 8,80 euro più il prezzo del quotidiano, pagine che recano in apertura gli affettuosi e memori ricordi personali di Giorgio Orlandini, di Gianni Cugini e dell'assessore alla Cultura del  Comune di Parma Mario Marini. 
Pagine trepidamente coraggiose che sono accompagnate dall'ampio saggio biografico, storico e critico di Bruno Rossi nella prima parte (1947-'51) e dall'altrettanto illuminante e partecipe ricordo scritto da Davide Barilli sul Bertoli degli ultimi articoli e degli anni ultimi.
Ma perché «ribaldo»? Proviamo a capirne il senso adesso a ridosso dell'anno centenario della sua nascita a Solignano (non a Parma come mi scappò scritto il mese scorso, e male me ne incolse perché fui aspramente corretto!). Ribaldo non perché ladro o soldato dedito alla rapina e al saccheggio, ma per il fatto che tutti i suoi scritti - e in questo libro ce n'è in abbondanza - rubano alla realtà un risvolto comico e uno tragico, una memoria del momento e una dell'epoca, la cronaca di un incontro è la storia di una gente. 
E così Ubaldo rientra, da eccentrico che potrebbe sembrare, in quella illustre categoria di giornalisti scrittori che a Parma, da Bruno Barilli in poi, conta moltissimi nomi di primo piano, da Guareschi a Torelli, da Goldoni a Chierici, da Valli a Bianchi, a Molossi e altri dediti al servizio della parola che darà magnifica prova per Bertoli, ne «La Quarantasettesima», nei racconti del «Vento del Nord» e ne «La nave dei sogni perduti».
 Creazione che continuamente s'avvera anche nel libro di oggi pur essendo esso con il suo titolo un po' salgariano, da tigrotti di Mompracem, più un testo di colore e di atmosfere che non una raccolta di «accoppiamenti giudiziosi» per dirla con un famoso titolo di Gadda tornato in questi giorni in libreria. Quale era  lo spirito di Ubaldo Bertoli quando da cronista del nostro giornale setacciava i fondi della città, e quando da scrittore ormai tranquillamente annoverato fra i narratori del Novecento (ma anche qui con molte e non marginali distinzioni) continuava a scrivere racconti fra gli Anni Novanta e il Duemila? Non era sempre il medesimo. Non era, il suo, sempre e soltanto giornalismo. 
Era semmai la dimostrazione di voler capire cosa c'era dietro quella «certa Parma» tra il '47  e il '51 e come sotterranee ma robuste modifiche andassero imponendosi in città, in una città che era stata prima una capitale, e poi una «petite capitale» secondo l'amorevole definizione di Attilio Bertolucci, altro cantore, ne «La camera da letto» del rito del romanzo borghese che ha bisogno della poesia per esser credibile e fresco e istintivamente efficace.
Così Bertoli «eroe romantico» e «ribaldo». 
Non prendiamo queste definizioni però nei loro significati più rigorosi. Bertoli non è un eroe, è invece un romantico; mentre striglia e deride piange anche di compassione, vuol bene ai suoi personaggi dell'Oltretorrente così carichi di «stranomi» da sembrare dei mostri, e celebra la sinistra inclinazione alla ribalderia, come scriveva Bruno Barilli, identificandosi con essa, vivendone le azioni, le parole, e i riti più beceri, ma vivaiddio, anche i più veri nelle sue pagine da lui stesso magnificamente illustrate.
Il suo giornalismo, infatti, essenzialmente visivo, palpita di suggestioni e connotazioni che raccolgono centinaia di nomi, un popolo di viventi osservati da un testimone accuratissimo che rovista tra i cenci e gli ori delle loro giornate, li indica ai suoi lettori, li fascia di luci e di ombre, li ama, li patisce con un sorriso e una lacrima, li sfotte e li compiange. Nella storia della città, Bertoli infila «ribaldo» il canto immaginoso della sua «Commedia» stesa di là e di qua dall'acqua nel grado supremo della simpatia e della dipintura che toglie ai caratteri l'amaro dei vizi e ne innalza le generose tribolazioni quasi in virtù, quasi santità laiche che hanno superato l'arco degli anni, delle povertà e delle ricchezze nel caldo abbraccio di un'avventura romantica che ancora ci seduce e ci incanta: un «Va pensiero», insomma, solenne e popolare.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Bloccata asta oggetti Madonna, tra cui slip usati

musica

Bloccata un'asta di oggetti di Madonna (tra cui slip usati)

Truffa allo chef Bruno Barbieri: arrestata 33enne

Torino

Truffa allo chef Bruno Barbieri: arrestata 33enne

2commenti

Sgarbi operato, sta bene

A CATTOLICA

Sgarbi operato, sta bene

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Ecco la Summer Promo: la Gazzatta a soli 45cent al giorno!

ABBONAMENTO DIGITALE

Ecco la Summer Promo: la Gazzetta a soli 45 cent al giorno!

Lealtrenotizie

Il papà: voglio riabbracciare Solomon

Delitto

Papà Fred si racconta: tra il dolore infinito e la forza dell'amore

3commenti

Tg Parma

Delitto di via San Leonardo: Solomon a Parma incontra il padre Video

Guardia di Finanza

Fa sparire 135mila euro destinati ai creditori: nei guai imprenditore parmense

PARMA CALCIO

Luca Siligardi, nuovo bomber: "Bel gruppo. La serie B? Imprevedibile" Video

Tg Parma

In arrivo il caldo record, fiume Po sempre più in basso Video

via fleming

Urta un veicolo in sosta e finisce con l'auto a ruote all'aria Foto

carabinieri

Rapina in banca con sequestro a Busseto: arrestati in tre

panocchia

Auto fuori strada: liberato il conducente incastrato tra le lamiere

Tribunale

Stalker violento condannato a tre anni

Inchiesta

Le casalinghe a Parma, pareri a confronto

4commenti

SORAGNA E BUSSETO

I sindaci dicono no ai profughi: "Non ci sono strutture adatte"

5commenti

CONFCONSUMATORI

Energia e gas: boom di reclami contro le maxi bollette

Dagli errori di fatturazione alle attivazioni mai richieste: scoppia la protesta

1commento

SPETTACOLI

La carica dei 5mila all'Arena Shakespeare

Storie

Ieri e oggi: i maestri gelatai della Valtaro e Valceno

PARMA

Famiglie fragili: bando della Fondazione Pizzarotti Insieme per aiutarle

Fidenza

Addio a Crovini, l'artista dei modelli

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL CASO

La lezione di papà Fred Video-editoriale

EDITORIALE

Borsellino e la giustizia che dobbiamo ai giovani

di Filiberto Molossi

ITALIA/MONDO

l'emendamento

Cellulare alla guida: ritiro immediato della patente fino a 6 mesi

9commenti

ROMA

"Mafia Capitale", esclusa l'aggravante mafiosa, 20 anni a Carminati

SPORT

RUGBY

Zebre, fumata "grigia." Il presidente della Fir dà le garanzie

I SEGNI DEL TOUR

Vene in rilievo e muscoli gonfi: le gambe di Poljanski sconcertano il web

SOCIETA'

telefono azzurro

Telefono e social, i bambini "inchiodano" gli adulti Video

Gazzareporter

Notte d'estate a Parma: Elena, modella sullo Stradone

4commenti

MOTORI

TOYOTA

Yaris GRMN, dal Nurburgring la Yaris più potente di sempre

DAIMLER

Mercedes, "richiamo" volontario per 3 milioni di motori diesel