15°

Arte-Cultura

Sull'ali della patria unita

Sull'ali della patria unita
0

Giuseppe Marchetti

Verdi è davvero  tra di noi. Verdi infiamma ancora i petti e i cuori come al tempo del Risorgimento. E domani  alle 17 nel Ridotto del Teatro Regio si terrà la presentazione del nuovo volume edito da Mup «Viva V.E.R.D.I. Il suono del Risorgimento» di Gustavo Marchesi, uno degli studiosi italiani più preparati e provveduti sul Maestro di Busseto e la sua musica. E non solo. Con una prefazione di Alberto Bevilacqua, «Viva V.E.R.D.I.» esce in occasione del centocinquantenario dell'Unità d'Italia in collaborazione con il Teatro Regio, i Comuni di Parma e di Busseto, e con il contributo di Cepim Interporto di Parma. Del volume, illustratissimo e prezioso parleranno l'autore e Vincenzo Raffaele Segreto. Diviso in otto capitoli molto articolati e in un'Appendice, l'opera di Marchesi attraversa di anno in anno, e di battaglia in battaglia (quelle per l'affermazione della musica e quelle per la realizzazione degli ideali risorgimentali e l'unità della Patria) tutta la vita del Maestro e l'affascinante avventura del suo genio, che, come disse in Senato Antonio Fogazzaro commemorandone la scomparsa il 27 gennaio 1901, fu davvero «sovrano per l'altissimo ingegno, fu sovrano pel magistero dell'arte che in lui, sino alla più tarda vecchiaia, rinnovellava come n una fonte di giovinezza immortale, e fu sovrano finalmente un un insigne primato dell'armonia suprema dell'intelletto e dell'animo...». Gustavo Marchesi, proprio partendo dall'armonia suprema dell'intelletto e dell'animo come disse Fogazzaro, ha raccontato da affabile e informatissimo studioso della personalità e della musica verdiane, lo svolgersi di un'esistenza che partita dal villaggio di Busseto ha invaso il mondo sollevando - a seconda del trascorrere dei tempi e delle mode musicali - ora entusiasmi persino fanatici, ora riserve e dubbi come è accaduto e accade per  tutti gli artisti di questo mondo, anche per i maggiori. Il fatto è - come è stato detto tante volte - che l'arte di Verdi, cioè il suo «far musica» e il suo spontaneo saperla applicare a quello che Marchesi definisce «il suono del Risorgimento», fa nascere «il messaggio di un cittadino della futura Italia», mentre prepara, dal momento del «Nabucco» in poi, la realizzazione di un clima musicale che è anche politico e di accenni politici che sono vere e proprie pagine di grande musica in uno scambio umanissimo di sentimenti e di poesia.  Ha ragione dunque Alberto Bevilacqua quando nella Prefazione scrive che nelle opere di Verdi «risvegli e impulsi di coscienza sbucano e verdeggiano come l'erba di primavera dai selciati della ''Resurrezione'' di Tolstoi». Osservazione quanto mai opportuna, crediamo, perché avvicina l'umanesimo del grande russo alla lirica introspezione del grande italiano, senza soluzione di continuità. Scorrono in quest'alveo che attraversa la parte più tumultuante e tumultuosa dell'Ottocento italiano, i titoli di Verdi, il suo cammino di uomo e di artista che nell'invenzione di musica e parole fonda non solo il tessuto della lirica ma il tema centrale della partecipazione umana alla quale la musica dona le ali del canto. E se Gabriele Baldini aveva intitolato con magnifica precisione il suo libro verdiano «Abitare la battaglia» (1970), oggi Marchesi ripassa l'impeto di essa sino al suo spegnersi non nella rassegnazione ma nella malinconia di un lungo tramonto che si fissa come un limite invalicabile nel rimpianto di Otello: «Oh gloria! Otello fu». Ancora una volta, dunque, il «Viva V.E.R.D.I.» di Marchesi racconta una storia solenne e popolare allo stesso tempo, nazionale e privata, di famiglia e di società; e racconta la storia del nostro tribolatissimo Risorgimento vista dall'angolo visuale del Maestro, dei suoi librettisti, dei suoi amici e dei suoi corrispondenti, e se è vero - come dice lui stesso «che non ho né età né braccio per andare alla guerra», è altrettanto vero che la ragione e la saggezza lo spingono a gridare «Pace, pace» e ancora «Pace, mio Dio!», mentre - osserva Marchesi - «il pessimismo cresce in lui e si riversa anche sulla creazione musicale». Dalla quale svetta «un Requiem di statura dantesca, nel quale risuonano in una travolgente raffigurazione drammatica le sofferenze degli italiani, individuali e collettive che nelle ''camere'' politiche non ottengono sufficiente udienza», scrive ancora Marchesi. E poi «Tutto nel mondo è burla» del «Falstaff», e l'assassinio di re Umberto I a Monza nel luglio del nuovo anno. Ed era già Novecento.
Viva V.E.R.D.I. - Mup, pag. 144,  34,00

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Nozze indiane, fascino e colori al castello di Tabiano Foto Il video

Salsomaggiore

Nozze indiane, fascino e colori al castello di Tabiano Foto Il video

3commenti

Sembra ieri 1/1: 1984 - In piazza della Pace l'ippopotamo Pippo

TV PARMA

Sembra ieri: 1985 - Il "nuovo" Ponte Italia

1commento

Le serate special al Cafè 47

Era qui la festa

Le serate special al Cafè 47

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni

musica

Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni

Lealtrenotizie

Cagnolina trova la marijuana al parco e la mangia: salva per miracolo

Falcone-Borsellino

Cagnolina trova la marijuana al parco e la mangia: salva per miracolo

Viale Barilla

Lite tra giovani, contuso un vigile

La storia

Madre e figlio si laureano lo stesso giorno

Spettacoli

Andrea Pucci: «La mia vita tutta da ridere»

Radioterapia

Novità in arrivo e testimonianze dei pazienti

Volontariato

Le cento donazioni di Cherubino

Langhirano

La torta delle paste rosse: la storia di un paese in una ricetta

Collecchio

Suona l'allarme, ladri messi in fuga dai vicini

LANGHIRANO

Frontale a Pilastro, nessun ferito grave

soccorso alpino

Pietra di Bismantova, il ferito è un 43enne di Carpi Il video del salvataggio

Cede un chiodo durante la ferrata: cade nel dirupo

musica

Inaugurato il Centro Toscanini: guarda chi c'era Fotogallery

1commento

CULTURA

Porte aperte all'Ospedale vecchio: tutti in coda con il FAI Fotogallery

Giornate di primavera: domenica si visita l'Università

Dopo l'assoluzione

Raffaele Sollecito: «La mia vita riparte da Parma»

"Vivo a Barriera Bixio, lavoro e ho buoni amici"

14commenti

Tg Parma

Tariffa rifiuti in aumento? Federconsumatori: "Una beffa" Video

1commento

allarme

Piazzale Lubiana, trovata polpetta con chiodi: chiusa l'area cani

4commenti

polizia

Emergenza furti: razzia di vestiti nella notte allo Spip Video

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Chi ha interesse a volere la realtà percepita

EDITORIALE

Truffe, anziani e soldi sotto il materasso

di Carlo Brugnoli

1commento

ITALIA/MONDO

stanotte

Torna l'ora legale: ricordarsi di mandare avanti le lancette

TREVISO

Si rovescia il pedalò: annega 18enne. Salva la fidanzata

WEEKEND

FOODBLOGGER

Video-ricetta: la tartare di tonno e stracciatella secondo Eleonora Rubaltelli

cinema

Weekend ricco al cinema: i due consigli del CineFilo Video

SPORT

Motogp

Qualifiche annullate, griglia basata sulle libere: Vinales in pole, Rossi lontano

Rugby

Il Munster passa al "Lanfranchi", Zebre battute

MOTORI

NOVITA'

Non solo Suv: ecco le nuove berline e wagon del 2017

restyling

Mercedes, ora la GLA è più alta e più connessa