Arte-Cultura

Mistero di musica e silenzio

Mistero di musica e silenzio
0

di Gian Paolo Minardi
Com'è noto ai cultori dell’arte morandiana l’unica trasgressione alla regola che per un sessantennio ha definito l’universo del pittore, scandito tra nature morte, nate dall’osservazione inesausta degli stessi oggetti, e paesaggi, anch’essi legati ai pochi luoghi «inameni», è costituita dalla natura morta, conservata nella collezione della Fondazione Magnani, in cui sono rappresentati tre strumenti musicali. Trasgressione tematica che discende dalla stessa motivazione: il solo quadro, infatti, che Morandi ha dipinto su commissione, aderendo alla richiesta di Gino Magnani il quale, nel consolidarsi di una rispettosa confidenza col pittore, osò proporre il tema. La discrezione, sapiente e oculata, con cui Morandi regolava il rapporto coi suoi collezionisti, ai quali non faceva scegliere ma «assegnava», parve cedere in questa occasione, forse di fronte al rispetto verso l’insigne studioso di musica; e tuttavia il cedimento fu solo apparente: con l’imbarazzo di Morandi, dapprima in difesa affermando di non possedere i modelli giusti, poi, non appena Magnani gli procurò, prestatigli da un amico, un antico liuto veneziano, due flauti indiani e altri strumenti rari, trasformatosi nell’apprensione per dover custodire tali cose preziose. Infine la resa: «Li lasci allora pur lì... vedrò poi come fare per accontentarla». Poco più, insomma, del consueto, difensivo «terrò presente».  Magnani si soffermava spesso su questa circostanza ricordando come il suggerimento non accelerò il processo di decantazione, come sempre lentissimo, acuendo l’attesa del singolare committente quanto temperando la discrezione; finalmente molto tempo dopo l’annuncio che il quadro era pronto e che Magnani poteva andarlo a ritirare; racconto corredato dal puntiglioso rituale della ricerca della cornice e dell’imballo, passaggi anche questi che appartenevano al rigore artigianale del pittore. Solo l’incanto di quella composizione, l’unicità di quella «tinta» - avrebbe detto Verdi - smorzò la sorpresa nel vedere come l’aulicità dei modelli proposti era stata declassata; tre presenze dimesse, quel liuto, un tempo strumento emblematico nell’illuminare il clima degli ambienti alti delle corti, spogliato di ogni sontuosità e surrogato da un più umile mandolino che poggiava capovolto sul tavolo e in equilibrio sottile una chitarrina incrociata ad una di quelle trombette di latta che si vendevano nelle fiere di paese; oggetti ancor oggi conservati nel museo bolognese, insieme ai ben più ricorrenti e stagionati compagni d’avventura. Confesserà l’artista che il mandolino era appartenuto ad un cugino mentre chitarra e trombetta le aveva acquistate alla fiera di Natale della Montagnola. Come ha commentato acutamente Brandi «così, fatti i voti di umiltà e di castità, gli oggetti estranei potevano varcare la soglia della pittura, e disporsi in modo araldico e paradigmatico, per cui si manifestano in una specie di controluce che li scarnisce nella loro materia, conservandosi nell’essenza». Entrata così dalla porta di servizio la musica si diramava silenziosa, presenza occulta quanto imprescindibile in tutta l’opera di Morandi, evocatrice di segrete «correspondances», ancor più sotterranee forse di quelle che Debussy , sdegnando ogni riferimento agli impressionisti, confessava con Turner o della naturale convergenza nata dall’incontro di Schoenberg con Kandinsky. Una presenza che penetra nelle fibre stesse della pittura, nella sensibilità dei rapporti tonali, nella sottigliezza delle modulazioni, trapassi a volte impalpabili, quel cielo che erode la linea di un tetto o quella luce che «mangia» i profili di un oggetto; non sono vere e proprie modulazioni enarmoniche dove nel cambio di tonalità le note rimangono le stesse, benché instradate lungo un altro binario? Tonalismo che è segno di una misura ma anche, come ha inteso Arcangeli, la voce critica più lungimirante nella lettura morandiana, tramite di un’inquietudine che si coglie nel rapporto ombra e luce, dove l’una contiene l’altra e viceversa, rendendo visibile quel rapporto tra modo maggiore e modo minore che da Mozart a Wagner opera come insottraibile pulsazione emozionale. Spia di questa inquietudine la pennellata, imprevedibile, sempre più tortuosa eppure sempre «giusta», come aveva significativamente colto anche Burri, legato a Morandi da una stima reciproca: «è la pittura che conta, la pennellata. Morandi fa un impasto che rende un’atmosfera, riesce a rendere la luce su una bottiglia, su un oggetto, senza che una pennellata sia fuori posto a dar fastidio perché non dovrebbe essere che lì». Testimonianza che prolunga la prospettiva della lettura morandiana, anche in senso musicale, come si può cogliere dalla forte impressione ricevuta da Luigi Nono, musicista per tanti aspetti all’opposto della visione poetica di Morandi, quando a Freiburg visitò una mostra di disegni nella cui essenzialità scorgeva una corrispondenza con quella strenua esplorazione sul suono che andava conducendo nello studio di fonologia della città svizzera. Suono e silenzio, il rapporto col tempo, come sospeso, termini musicali che ritroviamo nella pittura di Morandi, la cui lunga vicenda, malintesa anche da certa critica , ostinata nel rimproverare la monotonia («sempre le solite bottiglie!»), appare snodarsi con la tensione creativa di quella «variazione continua» che dall’ultimo Beethoven a Schoenberg e oltre rappresenta una chiave essenziale della modernità.  

 

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Bertolucci: "In Ultimo tango la Schneider non era consenziente"

Maria Schneider e Marlon Brando in "Ultimo tango a Parigi"

Cinema

Bertolucci: "In Ultimo tango la Schneider non era consenziente" Video

2commenti

Belen e Cuccarini, il sexy tango infiamma la tv

televisione

Belen e Cuccarini, il sexy tango infiamma la tv

Dal 2017 WhatsApp non funzionerà più sui vecchi telefonini

social

Dal 2017 WhatsApp non funzionerà più sui vecchi telefonini

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

autovelox

CONTROLLI

Autovelox e autodetector: la mappa della settimana

Lealtrenotizie

Strazio e pianto: Ilaria muore a 30 anni

Sorbolo

Strazio e pianto: Ilaria muore a 30 anni

Referendum

I dati definitivi: il No vince con il 59,11% in Italia, nel Parmense ottiene il 52,63%

1commento

referendum

Renzi si è dimesso. Oggi da Mattarella

Stravincono i No (leggi) a quasi il 60% - Euro prima giù poi recupera - Grillo: "Subito al voto con l'Italicum" - Shock nella Ue 

3commenti

Salsomaggiore

Squilli di tromba al funerale di Lorenzo, ucciso da una malattia a 15 anni

POLFER

Bimba smarrita, poliziotta le fa da mamma

Collecchio

Pedone investito nella notte a Lemignano: è in Rianimazione

Omicidio Della Pia

La madre di Alessia: «Mia figlia? E' stata dimenticata»

1commento

comune

Il parco ex Eridania sarà "Parco della Musica"

Lega Pro

Come sarà il primo Parma di D'Aversa

Pellegrino

E' morto Fortini, il presidente della corale

Lutto

Addio a Ronchini, al «pisonär»

LA STORIA

Suor Assunta, una vocazione nata sulla spiaggia

RICERCA

I terremoti si possono prevedere? Ecco a che punto siamo

Parla l'esperto. La nuova frontiera? Imparare a leggere i segnali prima delle scosse

Collecchio

Il parcheggio del cimitero è una discarica

referendum PARMA

In provincia vince (di poco) il No. In città il Sì Risultati comune per comune

463 sezioni su 470: 52.54 il No. In città Si al 50.33%. No, record a Albareto, il Si bene a Bore

5commenti

calcio

Parma, primo allenamento con D'Aversa e il nuovo staff Foto Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Ci sarebbe, magari, un "grazie" da dire

di Michele Brambilla

8commenti

IL DIRETTORE RISPONDE

La verità può nascondersi ma c'è

ITALIA/MONDO

Referendum

Anziano vota e muore al seggio a Marina di Carrara

referendum

Pelù denuncia: "Ho avuto la matita cancellabile". Ma ecco perché è valida

4commenti

SOCIETA'

tv

La "trollata epica" del rapper parmigiano Bello FiGo sui profughi Video

11commenti

IL DISCO

“L'indiano” di De Andrè, 35 anni dopo

SPORT

lega pro

La Reggiana (con Pordenone e Venezia) prende il largo. Parma a 7 punti dalla vetta

4commenti

rally

Monza, quinto successo di Rossi!

MOTORI

BOLOGNA

Esplora il Motor Show in meno di un minuto Video

NOVITA'

Q2, l'Audi che farà strage di cuori (femminili)