-2°

Arte-Cultura

Sotto il Vesuvio: quando l'incuria ferisce la bellezza

Sotto il Vesuvio: quando l'incuria ferisce la bellezza
Ricevi gratis le news
0

di Francesco Mannoni

Pompei crolla? Eva Cantarella, docente di diritto greco all’università di Milano, autrice con l’archeologa Luciana Jacobelli, docente di Metodologia della ricerca presso l’Università del Molise, di uno straordinario testo - che non è uno dei tanti libri patinati su Pompei, la città romana distrutta dall’eruzione del Vesuvio nel 79 d. C., ma una nuova e pregevole pubblicazione di alto livello scientifico ma di non difficile approccio -, è  sgomenta. «Abbiamo un patrimonio unico e inestimabile - dice - ma stanno succedendo cose terribili. A parte il crollo della Casa dei Gladiatori lo scorso anno - una perdita molto grave - e quello del muro di cinta di epoca romana, resta un piccolo mistero il crollo dei giorni scorsi prima annunciato e poi ritrattato di un cedimento strutturale alla Villa di Diomede, con la precisazione che si è trattato solo del distacco della muratura di una fontana. Non entro in merito alla questione degli annunci, ma la situazione mi sembra allarmante. Lo stesso dicasi per il teatro che è stato demolito e distrutto per sempre dal restauro fatto negli anni dell’ultimo commissariamento. L’hanno ricostruito per fare andare qualche grande maestro a suonare, ma hanno coperto le pietre antiche in modo tale che quando ho visto lo scempio mi sarei messa a piangere». 
Nel libro di grande formato, arricchito da un magnifico corredo iconografico  e diviso in tre parti, «Nascere, vivere e morire a Pompei» (Electa, pag. 231, euro 59), il lavoro delle due docenti risulta ancor più d’attualità pensando all’impellente necessità di tutelare il sito archeologico per il quale il ministro Galan ha già annunciato che «i soldi per i restauri ci sono e che si tratta di un programma che bisogna avviare il più presto possibile». Con la loro opera le autrici hanno inteso restituire all’antica città una fisionomia autentica basata sui suoi stessi resti. E l’hanno fatto andando a cercare tutte quelle testimonianze che potevano spiegare il flusso della vita di un pompeiano dalla nascita all’educazione scolastica, dal matrimonio al ruolo della donna, dall’attività dei mercati allo stile architettonico degli edifici, dagli spettacoli alla religiosità, dall’erotismo alla morte. Una vera e propria inchiesta nella quale abbondano i riferimenti storici e i reperti archeologici attraverso i quali le autrici hanno analizzato la Pompei del passato, le sue caratteristiche peculiari, sociali e economiche. Abbiamo incontrato la professoressa Cantarella.
Com'era nascere a Pompei prima dell’eruzione del Vesuvio?
A Pompei a quell'epoca nascere era molto difficile. Le donne morivano di parto numerose perché la medicina non curava ancora varie malattie. Anche la mortalità infantile era alta, e si dice che i genitori non si attaccassero tanto ai bambini nei primi anni di vita, tanto era il rischio che morissero. Però da Pompei ci vengono delle testimonianze di grande affetto per i bambini da parte di genitori e nutrici.
Quali erano i giochi dei piccoli pompeiani?
Ai bambini venivano dati giochi diversi in rapporto alle loro condizioni sociali. Come adesso, i bambini ricchi avevano la casa piena di giocattoli, ma gli altri si arrangiavano con giochi che sono gli stessi di oggi: testa e croce, rincorrersi, nascondino. C'era un gioco che amavano molto ed era una specie di costruzione fatta con le noci. Chi la colpiva da una certa distanza e la faceva cadere, se le prendeva tutte.
La vita quotidiana era difficile?
Il tenore di vita dipendeva dal fatto se si trattava di schiavi o uomini liberi: questo era il fattore discriminante. Se erano schiavi la vita era durissima, a meno che non fossero dei pedagoghi, schiavi greci colti che di solito divenivano tutori dei figli dei ricchi; gli altri lavoravano nei campi e facevano la dura vita dei contadini. I signori se la passavano abbastanza bene, perché Pompei era una città commerciale con un porto e una grande attività. I suoi resti oggi ci consentono di conoscere cose che altrimenti avremmo ignorato. 
Chi ci racconterebbe ad esempio come si faceva la propaganda elettorale? 
A Pompei abbiamo trovato i documenti che raccontano anche questi percorsi e come si eleggevano i magistrati cittadini.
Come si divertivano i pompeiani?
Grazie alle iscrizioni sappiamo che i gladiatori e i giochi del circo erano lo spettacolo di maggiore attrazione per il popolo. E poi c'erano le grandi case di piacere anche se Pompei non era certo una città a luci rosse come si diceva un tempo.
Traditi dalla natura, cosa ci dicono oggi i tanti morti di Pompei?
Pompei purtroppo è la città della morte, una morte terribile che li ha presi tutti in un colpo solo, ma i morti di Pompei sono fondamentali per la conoscenza storica della città. Lo studio delle necropoli pompeiane ci ha permesso la ricostruzione della cultura e della vita sociale di un’antica comunità pagana, riservandoci delle sorprese. 
Che tipo di sorprese?
Abbiamo una città intatta fotografata in un momento qualunque della sua vita, con tutte le attività in corso, le botteghe, le persone. Di colpo tutto si è fermato e la città è finita sottoterra. Non c'è nessun’altro documento archeologico che ci offra una documentazione sull'antichità come quella di Pompei, soprattutto per la vita minuta degli uomini. A Pompei non si teneva conto alcuno del Vesuvio. 
Un disinteresse colpevole?
Ignoravano quasi l’esistenza del vulcano. C'erano stati dei terremoti ma nessuno pensava assolutamente che quella bellissima montagna coperta di viti, diventasse una macchina di fuoco e di morte. I pompeiani non sapevano di vivere sotto un vulcano perché l’ultima eruzione era avvenuta nel VII secolo avanti Cristo, prima che Pompei fosse fondata. 

Nascere, vivere e morire a Pompei - Electa, pag. 231 euro 59,00

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Addio a Sergio Sergio Della Monica, fondò i Planet Funk: aveva 58 anni

lutto

Addio a  Sergio Della Monica, fondò i Planet Funk: aveva 58 anni Video, la celebre "Who Said"

1commento

Rebel Circle al Be Movie

FESTE PGN

Rebel Circle al Be Movie Foto

Olimpiadi, pattinatrice resta a seno nudo durante la gara

"incidente"

Olimpiadi, pattinatrice resta a seno nudo durante la gara

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Domani speciale su cani, gatti & Co.

INSERTO

Oggi speciale su cani, gatti & Co. con la Gazzetta di Parma

Lealtrenotizie

Piazzale della Pace, stanziati i fondi per il secondo stralcio di lavori

tg parma

Piazzale della Pace, stanziati i fondi per il secondo stralcio di lavori. Come sarà Video

noceto

Provano con due "copioni" a truffare una 76enne: lei li fa arrestare

Montanara

Spettatore diplomato in primo soccorso salva calciatore durante la partita

1commento

Parma

Carabiniere blocca un ladro: «In divisa o no, prima viene il dovere»

1commento

FIDENZA

Non arrivava alla sua festa di compleanno: era morto d'infarto

elezioni

Salvini a Parma: "La flat tax per rimettere soldi nelle tasche degli italiani"

BEDONIA

Furto all'agriturismo La Tempestosa

1commento

Lutto

Addio a padre Simoncini, ultimo gesuita di Parma

incidente

Pedone investito a Ramiola

60 anni di legge Merlin

Le ragazze salvate dalla tratta

Viabilità

Colorno, verifiche ai ponti dopo la piena

BORGOTARO

Addio ad Arnaldo Acquistapace

1commento

parma calcio

La società: "D'Aversa resta: ha tutto per poter uscire dalla crisi. Compreso il sostegno dei giocatori"

Malmesi a Bar Sport: "Abbiamo fatto la nostra offerta per il Centro sportivo di Collecchio".

3commenti

elezioni

Scuole seggio, chiuse dal 3 al 6 marzo. Per universitari fuorisede trasporti con tariffe agevolate

PARMA

Renzi: "Da noi proposte concrete, dagli altri invenzioni"

8commenti

Via MAMELI

Rubano alcolici per rivenderli ai ragazzi: arrestato 27enne marocchino, fuggito il complice Video

Il malvivente è stato fermato da un carabiniere libero dal servizio

6commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Tajani l'europeista incubo di Salvini

di Vittorio Testa

1commento

VADEMECUM

Elezioni del 4 marzo: come votare correttamente

ITALIA/MONDO

San Polo d’Enza

Il “Grande fratello” incastra la banda dei salumi: denunciati in sei

1commento

modena

Colpì una 15enne col manganello, chiesto processo per poliziotto

2commenti

SPORT

SPORT

Il ritorno del "Biscione" in Formula Uno: ecco l'Alfa Romeo C37 Foto

Altri sport

Il mondo della pallanuoto piange Roberto Gandolfi

SOCIETA'

musica

Dopo quasi 30 anni tornano i primi dischi in vinile della Sony

roma

Via vai di calvi in negozio: droga nascosta nei bigodini, arrestato parrucchiere

MOTORI

MOTORI

Mazda CX-5 subito amici: il Suv dal feeling immediato

MOTORI

Skoda Kodiaq, ancora più completa in allestimento Sportline Foto