-2°

10°

Arte-Cultura

Spirò tra le braccia di S. Filippo Neri

Spirò tra le braccia di S. Filippo Neri
0

Anna Ceruti Burgio
Quest’anno ricorre il 450º anniversario della morte del poeta parmigiano Jacopo Marmitta, seguace di San Fi-
lippo Neri, il religioso filantropo la cui opera fu incoraggiata dalla famiglia che governò Parma, dove gli è stata intitolata la Congregazione attiva fino alla seconda metà del secolo scorso.  Si accosta alla figura del santo, quella di Jacopo Marmitta, giudicato fra le voci migliori del suo tempo anche dal Carducci e dal Leopardi, il quale lo inserì nella sua Crestomazia della poesia italiana.
   Sul Marmitta ci sono giunte notizie biografiche non sempre precise; un punto fermo è comunque la circostanza della sua morte, avvenuta nel 1561 proprio tra le braccia di San Filippo Neri: «Nella romana metropoli - scrive lo storico Amadio Ronchini - ei conobbe quel gran Santo di Filippo Neri, a guida del quale ei si sciolse, per quanto gli fu dato, dalle cure terrene: lo fece suo direttor di spirito, ebbelo assistente nell’ultima infermità, e potè, per colmo di fortuna, rendere fra le sue braccia l’anima a Dio nel giorno 28 dicembre 1561» . 
Fonti antiche confermano che il nostro Jacopo «confitebatur saepius per hebdomadam peccata sua Philippo, atque communicabat in ecclesia S. Hieronymi».  L'approdo nel milieu del Neri è la conclusione, per il Marmitta, di una carriera ecclesiastico-letteraria di tutto rispetto: nato a Parma il 25 ottobre del 1504, fu al servizio, secondo il Ronchini, del cardinale Giovanni da Montepulciano (l'Affò riteneva, invece, fosse segretario del cardinale Marino Grimani), cameriere di Paolo III e faccendiere fidato della Curia Romana. Al seguito del Montepulciano fu nel 1538 a Venezia, dove già aveva dimorato, e dove intrecciò amicizie e relazioni, che poi mantenne per via epistolare, con letterati e artisti, quali il Bembo, l’Aretino, Bernardo Cappello, Ludovico Dolce. Dalla città lagunare si trasferì, sempre al seguito del cardinale, a Roma; qui venne a frequentare Alessandro Farnese, fratello di Ottavio, e gran mecenate; la carica di segretario del Montepulciano portò Jacopo in diverse località per missioni diplomatiche, tra cui una per comporre la vertenza di Castro; lungo e importante fu, poi, il viaggio in Portogallo, alla cui corte il Montepulciano era stato nominato nunzio pontificio. Così, dal 1544 al 1559 Jacopo dimorò in Lusitania, venendo a contatto con la cultura locale (la conoscenza della lirica gongorina affiora in alcune sue opere). Tornato a Roma, nel conclave del 1559 ebbe l’onore di essere tra coloro che concorsero all’elezione di Pio IV, che lo compensò creandolo cavaliere palatino e ornandolo di privilegi.  Ormai, tuttavia, Jacopo era stanco degli onori e degli oneri mondani: «il Marmitta gentil - scrisse Bernardo Tasso, padre del più celebre Torquato - a Dio rivolto / de le cure del mondo è tutto sciolto». Si rivolse così alle cure dell’anima, trovando rifugio e conforto nelle parole e nell’attività di San Filippo Neri.  Ne risentì la sua produzione poetica, che, da amorosa e pastorale, si trasformò in spirituale e religiosa: nell’edizione, uscita postuma nel 1564 per le cure del figlio adottivo Ludovico Spaggi Marmitta, le poesie sono appunto divise in due sezioni: la prima a contenuto mondano, la seconda con un’impronta fortemente devota . 
Per quanto riguarda l’aspetto stilistico, il poeta parmigiano, amico di monsignor Giovanni Della Casa, col quale intrattenne una fitta corrispondenza, si rivela attento elaboratore dei canoni bembeschi, da lui interpretati con sentita aderenza al dettato più intimo e genuino della lezione petrarchesca, e con un occhio di riguardo ai modelli classici, primo fra tutti Virgilio.Nascono così liriche in cui serpeggia quell'inquietudine spirituale, quel senso di caducità e pentimento che già avevano turbato il cantore di Laura: «Poi che 'l cieco desio preso ha per scorta un falso imaginar che lo conduce/ pur dietro al van piacer che seco adduce/ la morte mia esol doglia m'apporta// che fia di me, per sì fallace e torta/strada movendo il piè, dove non luce/ un raggio sol di quella eterna luce/ che l’alma a ben oprar move e conforta?».
Ma dove la vena lirica del Marmitta scorre più lieve e spontanea sono le scene campestri. Qualche reminiscenza si trova nel Leopardi, che lo aveva apprezzato, se, come già segnalato, lo ritenne degno di essere citato nella sua Crestomazia.  La pastorella, che s'orna il crine di rose e viole, è un’antesignana della fanciulla che compare nel Sabato del villaggio. La realtà urge, soprattutto attraverso la passione politica; numerosi sono i componimenti accesi di amore per la patria, intessuti di esortazioni a non soccombere ai dominatori esterni; il poeta esprime un dolore sincero nel vedere l’Italia percorsa da eserciti stranieri.
Nella seconda parte della produzione, invece, accantonate le passioni terrene, campeggia il senso trascendente della vita, il rifugio nella religione. Senza mediazioni letterarie l’autore si abbandona all’empito del suo cuore, ardente d’amore per Gesù.


 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

"Bello Figo Roma non ti vuole", ancora minacce al rapper

rapper

"Bello Figo Roma non ti vuole", ancora minacce al rapper

Gianfranco Rosi

Gianfranco Rosi

documentari

Oscar: il parmigiano Rosi agguanta la nomination con "Fuocoammare"

La solignanese Giulia De Napoli vince 85mila euro all'«eredità»

RAI UNO

Giulia De Napoli di Solignano vince 85mila euro all'«Eredità»

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Pasticcio di patate formaggi e verdure

LA PEPPA 

La ricetta - Pasticcio di patate formaggi e verdure

Lealtrenotizie

Sessanta cellulari in casa per contattare fornitori e clienti: arrestato spacciatore

carabineri

Sessanta cellulari per contattare fornitori e clienti: arrestato spacciatore

2commenti

DELITTO DI NATALE

Gli investigatori tornano nella casa dell'assassino

2commenti

radio parma

Pizzarotti: "Piazza della Pace, serve presidio fisso: ma non di militari" Video

22commenti

big match

Venezia-Parma: sold-out (per i tifosi crociati)

Per chi resta a casa: diretta su Tv Parma (domenica 14.30)

TERREMOTO

Le offerte dei lettori per il centro Italia: ecco cosa è stato consegnato

sorbolo

Tenta la truffa dello specchietto, ma la vittima lo beffa

1commento

incidente

San Polo di Torrile e Baganzola, due auto fuori strada: due feriti

privacy

L'Università di Parma tutela gli studenti che cambiano sesso: saranno "alias"

Campagna elettorale

Pizzarotti candidato. E i Cinque stelle?

6commenti

Blackout

Zibello senza luce, scoppia il caso

NOCETO

Tecnico cade da una scala e batte la testa: è grave Video

1commento

CALCIO

D'Aversa ha scelto Frattali

la bacheca

56 opportunità per chi cerca lavoro

ACCIAIO

S.Polo Lamiere acquisisce la Tecnopali

Progetto

Cento studenti mandano una sonda nello spazio

IL 29 AL REGIO

Niccolò Fabi: «Il disco della solitudine»

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Dedicato a Filippo e a chi gli vuol bene

di Michele Brambilla

IL DIRETTORE RISPONDE

La neve, le parole e gli Uomini

ITALIA/MONDO

ricerche in corso

Rigopiano, recuperati i corpi di tre donne e quattro uomini: le vittime salgono a 16

gran bretagna

Brexit, la Corte dà torto al governo May: "Voti il Parlamento"

SOCIETA'

salute

I pericoli delle patate «tossiche»

video

La videocandidatura del "Pizza" è social-ironica

SPORT

sci

Valanga rosa: Plan de Corones vince la Brignone, la Bassino 3/a

Formula 1

Ecclestone: "Mi hanno licenziato"

MOTORI

Prova su strada

Renault Scenic, adatta a tutto (e tutti)

ANTEPRIMA

Rivoluzione Micra: Nissan cambia tutto