19°

32°

Arte-Cultura

Resistenza e martirio

Resistenza e martirio
0

Il nuovo romanzo di Valerio Varesi «La sentenza» edito dal fedele Frassinelli, permette allo scrittore parmigiano di arricchire non solo quantitativamente il proprio già ricco carniere, ma soprattutto qualitativamente, poiché introduce una dimensione nuova di intendere la realtà e di rappresentarla. Il romanzo è idealmente dedicato a Ubaldo Bertoli e alla sua opera maggiore «La Quarantasettesima» che, come si sa costituisce, tra i libri dedicati alla storia della Resistenza e ai suoi uomini, un testo di primaria importanza. In più, «La sentenza» deve molto alle ricerche compiute da Mario Rinaldi col suo studio storico «Dal Ventasso al Fuso», ricerche che Varesi ha sapientemente usato per percorrere con animo e piede sicuri i sentieri, i boschi, le carraie e i villaggi dell'Appennino parmense senza smarrirsi. Singolare è la sensazione che coglie il lettore appena entra col cuore e la mente tra le pagine del romanzo. Si ha la sensazione, infatti, che Varesi - da ottimo inventore di gialli e e di noir quale è -  abbia concepito queste vicende come le ombre che si riflettono sull'affresco storico e ideale della «Quarantasettesima» bertoliana, e cioè che abbia costruito il rovescio della medaglia prendendo l'avventura dalla parte della cronaca, con un progetto rigoroso di racconto e una sapiente manovra percettiva dei sostrati morali e fisici dei suoi personaggi. Jim e Bengasi «partigiani per caso» lo sono e non lo sono. Bengasi forse sì, lo fa per salvarsi per tirarsi fuori dalla galera della vita che sino ad allora ha condotto. 

Jim, invece, è il commissario del popolo, è vittima consapevole della propria ideologia comunista, combatte per essa e si limita a difendersi, ha una concezione gerarchica della vita. Prima viene il partito, poi vengono gli ordini del partito, poi le storie dei combattenti e solo alla fine si fa posto ai desideri o alle speranze dei combattenti, facendo ben attenzione a non mescolare le idee di chi vince e di chi perde. I primi hanno ragione, gli altri no. «La sentenza» è un romanzo complesso, fino all'ambientazione che narra di luoghi lontani, internati  nel folto dei monti e ricchi di una segreta suggestione fisica e geografica. In questi luoghi vivono e combattono uomini che reagiscono alla violenza e ai soprusi usando loro stessi violenze  e soprusi, ma assistiti dalla certezza che i dolori, le morti, i ricatti e i tradimenti daranno alla fine frutti di bene e di pace. I personaggi che Varesi mette in  scena sin dall'inizio della narrazione posseggono caratteristiche tali da apparire più propriamente  dei simboli. Jim, che non sa nemmeno perché si chiama così (ma un giorno lo capirà) ha un passato cancellato.     Bengasi chiamato così perché è stato nella Legione Straniera, è uno sradicato, buono semmai a menar le mani, ma senza fiducia nel prossimo  e tantomeno  nelle istituzioni, dà e si toglie a seconda di come gli conviene. Il maggiore Holland ed Evelina si mostrano come i più veri straordinari protagonisti della narrazione. Holland sembra un personaggio inventato da un filosofo inglese del Seicento, Locke per esempio, col suo convinto empirismo che qui si veste di tratti drammatici, mentre Evelina, ragazza partigiana d'istinto e non priva di sentimenti e di pulsioni romantiche che nasconde sotto una certa ma ben individuabile rudezza, mostra con semplicità l'intento di Varesi di non cadere nella trappola della tragedia a tutti i costi, e di saper mostrare un trattenuto ma convincente stimolo erotico affettuosamente vivo e sincero. Le tragedie din questa lunga narrazione non mancano e «le cose del mondo» come le chiama Varesi dominano le situazioni generali e particolari senza che nessuna di essa prevalga  sulle altre. In sostanza, il romanzo presenta alla fine una densa e complessa memoria di un'epoca, ma anche uno spaccato sociale e umano che si presenta oggi non molto diverso da quello di allora, tolta la guerra s' intende e il peso delle lotte fratricide. 
Sicché si potrebbe anche dire che Varesi ha composto un romanzo storico d'intensa permeabilità umana, un romanzo posto di fronte alla menzogna e alla morte con il medesimo spirito con cui la vigliaccheria e l'eroismo combattono tra loro. E quando la sentenza verrà eseguita e Jim verrà fucilato, il lettore, anche il meno esperto, patirà la sensazione di aver accostato la paura e il fascino del destino che non perdona. 
La sentenza - Frassinelli, pag. 27818,50
 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

fori imperiali

degrado

Sesso ai Fori imperiali davanti ai turisti: è polemica

Elisabetta Gregoraci al Win City fa il pieno di selfie

gossip parmigiano

Elisabetta Gregoraci al Win City fa il pieno di selfie Gallery

Scarpa italiana inguaia Ivanka,dal giudice per plagio

GOSSIP

Scarpa italiana inguaia Ivanka, dal giudice per plagio

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Salisburgo la dolce: assolo barocco tra le Alpi

VIAGGI

Salisburgo la dolce: assolo barocco tra le Alpi

di Roberto Longoni

Lealtrenotizie

Pizzarotti

BALLOTTAGGIO

"Effetto Parma" festeggia in pizzeria. Pizzarotti: "Altri cinque anni entusiasmanti" Video

Ecco l'intervista di TvParma durante lo scrutinio

elezioni 2017

Ballottaggio, affluenza al 45,17%

Calo in tutti i Comuni dell'Emilia-Romagna che vanno al ballottaggio

5commenti

ELEZIONI 2017

Piacenza e Spezia, il centrodestra nettamente avanti

Le principali città al voto: solo a Padova e Taranto i dem in testa di misura

Felino

Tenta una strage in famiglia: la figlia è gravemente ustionata. Arrestato

Nella notte a Poggio di Sant'Ilario Baganza

sanità

Caso di chikungunya: disinfestazione in due vie Video - I consigli

degrado

Maxi raid vandalico in via Toscana con il catrame: vetrine e auto imbrattate, gomme tagliate anche alle bici

4commenti

polizia

Torna all'Esselunga per un altro furto (di supercalcolici): denunciato un 22enne

4commenti

VIOLENZA

Ancora risse davanti alla stazione

9commenti

gazzareporter

San Pancrazio, il degrado continua Gallery

CHIESA

Montecchio, cambia il parroco: arriva don Orlandini da Reggio

Don Romano Vescovi, originario di Neviano, lascia Bibbiano per l'eremo di Salvarano (Quattro Castella)

tg parma

Al Regio l'assemblea dell'Upi con il ministro Graziano Delrio Video

polizia

Furto al Bar Squisjto ad Alberi di Vigatto

Noceto

Addio a Petrini, titolare dell'Aquila Romana

MAMIANO

I padroni sono alla sagra di San Giovanni, e i ladri tentano il colpo

CRIMINALITA

Monticelli, automobilista insegue gli scippatori in viale Marconi

2commenti

Sant'Ilario d’Enza

Ladro aveva in auto del parmigiano rubato, sarà donato alla Caritas

Notato dai Cc vicino a supermarket, aveva precedente specifico

2commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il Parma è l'esempio per la rinascita della città

di Michele Brambilla

2commenti

EDITORIALE

Il partito dell'astensione e del disinteresse

di Filiberto Molossi

2commenti

ITALIA/MONDO

Boretto

La villetta va a fuoco, famiglia salvata dal gatto

MALTEMPO

Frane, smottamenti e vento forte: danni al Nord-Est Foto

SOCIETA'

elezioni 2017

Genova: elettore al seggio con cane al seguito Foto

Elezioni 2017

Votare turandosi il naso? A Piacenza qualcuno lo ha fatto davvero... Video

SPORT

formula 1

Gara pazza. Hamilton e Vettel fanno a botte. E Ricciardo brinda...

SERIE A

Donnarumma inneggia a Raiola, poi si scusa con i tifosi. Dopo l'Europeo incontro con il Milan

MOTORI

MINI SUV

Citroën: la C3 Aircross in tre mosse

anteprima

Volkswagen, la sesta Polo è diventata grande