-2°

Arte-Cultura

La città raccontata da Marcheselli

La città raccontata da Marcheselli
0

Stefania Provinciali

Sfogliando con la mente i dipinti realizzati nel tempo da Tiziano Marcheselli si fa strada una colorata, attenta, giocosa, storia della città, di tanti protagonisti più o meno celebri ma veri, di monumenti e di immagini che uniscono il passato con il presente, di «invenzioni» che rendono omaggio a brani di storia dell’arte ma non solo. Trait d’union uno stile inconfondibile, una Pop Art reinterpretata con quel gusto del gioco, del serio ma non tanto, che contraddistingue questi dipinti dove i colori paiono solo suoi, dell’artista, tanto che in un articolo apparso sulla Gazzetta di Parma si leggeva «rosa Marcheselli» per individuare in maniera inequivocabile uno dei colori dominanti nelle opere, acrilici che oltre a quel rosa mettevano in «rilievo» neri, azzurri più o meno intensi, a delineare le forme del racconto, per abbandonarsi poi, in caso di necessità, agli altri colori sempre decisi e uniformi.
Pop Art, dunque, e storia, presente e passata, ma non solo. La sua pittura ha «attraversato» luoghi e cose della vita passando tra chiese e santi, carte da gioco e pagine di libri, gallerie d’arte pubbliche e private, associazioni culturali e di volontariato con la consueta giocosità, senza retorica, producendo opere «diverse» quel tanto che basta per solleticare la fantasia e cercare di scoprire cosa ci fosse dietro il colore, dietro la facciata ovvero se quel gioco, un po’ sottile e un po’ ironico, fosse solo dell’autore o anche di chi rappresentava.
Alla storia, quella della città e dei suoi uomini, si sa Tiziano era legato. Le fotografie raccolte con religiosa passione, pubblicate sulle pagine della Gazzetta, riportavano ai tempi passati, con un po’ di nostalgia.
Non la pittura, quella era, sì, Pop anche se nella sua originalità usciva inevitabilmente dal primo riferimento merceologico che aveva caratterizzato il pensiero degli artisti d’oltreoceano, per addentrarsi in uno stile e coglierne la ripetitività, alla maniera di casa nostra, trasformandola in mezzo in raccontare, aggiungendo e togliendo fino a renderla unico, visivamente riconoscibile come il suo autore.
Non è un caso, dunque, che in mezzo ci si fosse infilato anche lui, in una mostra abbastanza recente, dove aveva «tirato fuori» dal cappello un autoritratto a misura d’uomo per mostralo al pubblico quasi a voler dire che il gioco e l’ironia li rivolgeva volentieri anche verso se stesso., in un bianco e nero fatto di sfumature e di gesti umani.E forse, proprio in questo susseguirsi di interpretazioni della vita sta il significato delle tante mostre collettive di cui si era fatto ideatore, mostre a tema che rievocavano attraverso la mano di artisti parmigiani la storia: Toscanini, Verdi, solo per parlar di musica e poi i Movimenti.
Allora val la pena ricordare quando Tiziano Marcheselli in una mostra che celebrava il Futurismo ha riprodotto con certosina pazienza la serie di disegni di Depero, realizzati a china, in bianco e nero, un vero e proprio omaggio a un grande artista, tralasciando il personale stile per una nota di universalità creativa. Ricordi tutti che si affollano sfogliando con la mente quel fare pittura e quella scelta stilistica destinata a rimanere nella memoria dei più, espressione nella ri-proposizione artistica di una parmigianità fatta di uomini, di luoghi e di cose, una parmigianità a cui si sentiva legato e che gli aveva fatto scegliere di non allontanarsi come altri hanno fatto dalla sua città, per approfindire, raccontare, tramandare, partecipare della sua cultura. Anche questa pagina d’arte rientra in quel percorso.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

pgn feste

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

"Natura tra le pagine": un mese di foto all'Eurotorri

MOSTRA

"Natura tra le pagine": un mese di foto all'Eurotorri

"Cold Chairs": un inno alla vita"!

musica

Bataclan, da Collecchio l'omaggio dei "The Lemon Flavour" Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"Officina alimentare dedicata"

CHICHIBIO

"Officina alimentare dedicata"

di Chichibio

Lealtrenotizie

Picchiata e scaraventata giù da un'auto

San Leonardo

Picchiata e scaraventata giù da un'auto in via Doberdò

3commenti

Intervista

Pizzarotti: «Noi liberi di pensare solo al bene di Parma»

6commenti

TERREMOTO

In elicottero salva 41 persone: "Ma non chiamatemi eroe"

Parla Gabriele Graiani, vigile del fuoco di Parma: merito di una squadra formidabile

1commento

Lutto

Addio ad Angela, la fisioterapista che aiutava tutti

Parma

Incendio di canna fumaria a Porporano

Sono intervenuti i vigili del fuoco

polizia municipale

Autovelox e autodetector: ecco dove saranno

FIDENZA

Memorial Concari: trionfano i padroni di casa La classifica

LUTTO

Germano Storci, il «signor Procomac» che fece diventare grande il Collecchio baseball

La storia

Nila e Giovanni, quando l'arte trova casa sui monti

INTERVISTA

Silvia Olari «londinese»

Intervista

Dossena: «Non ho mai creduto al suicidio di Tenco»

Lega Pro

Parma, con Evacuo si vola

Parma-Santarcangelo

Evacuo spera di rimanere al Parma Video

Anche Mazzocchi in sala stampa

gazzareporter

Muri imbrattati, a volte ritornano... Con provocazione al sindaco Foto

13commenti

La morte di Filippo

«Eri la mia vita». Lo strazio dei familiari

TESTIMONIANZA

Prima «attacco» con i biscotti, poi calci e pugni: parla la vittima della baby gang

7commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Dedicato a Filippo e a chi gli vuol bene

di Michele Brambilla

IL DIRETTORE RISPONDE

La neve, le parole e gli Uomini

ITALIA/MONDO

Rigopiano

"E' stato come una bomba. Ci siamo salvati mangiando la neve"

PADOVA

Orge in canonica, don Cavazzana ai fedeli: "Pregate per me"

SOCIETA'

Samsung

Incendi al Galaxy Note 7: erano il design e la manifattura delle batterie

polemica

Rigopiano: Charlie Hebdo, nuova (brutta) vignetta. Con risposta

10commenti

SPORT

modena

Calcio: genitore picchia ragazzi e dirigenti

Parma Calcio

Baraye "50 volte Crociato": targa con la foto dell'esultanza col passamontagna

MOTORI

ANTEPRIMA

Rivoluzione Micra: Nissan cambia tutto

IN PILLOLE

Dacia Sandero Stepway
model year 2017