20°

30°

Arte-Cultura

Mr. Gwyn? C'est moi

Mr. Gwyn? C'est moi
0

di Anna Folli 

Il suo talento nel raccontare era indubbio» scrive Alessandro Baricco nelle prime pagine del suo nuovo romanzo: «Mr. Gwyn» (Feltrinelli, pagg. 158). Parla ovviamente del suo protagonista ma è facile pensare che nel ritrarre Jasper Gwyn, scrittore «di moda nel suo Paese e discretamente conosciuto all'estero», ci sia più di un riferimento autobiografico. Interrogato a questo proposito, l'autore di «Oceano Mare» è elusivo: «In tutti i miei personaggi – sostiene – c'è una parte di me, ma in nessuno ci sono veramente io». Il punto, però, rimane e riguarda proprio il suo talento nel raccontare. Baricco ha pochi uguali nella capacità di incantare il suo pubblico con le parole. Ma la sua abilità nel sedurre raccontando storie, se da un lato è ovviamente un pregio, finisce con il diventare anche un limite. Leggendo i suoi romanzi è impossibile dimenticare l'autore: il Baricco che è anche regista, attore teatrale, musicologo, fondatore di una celebre scuola di scrittura. Lo vediamo mentre, con voce profonda e un uso sapiente delle pause, cattura l'attenzione di una platea parlando di musica o raccontando libri suoi o di altri (l'ineguagliato successo della trasmissione televisiva Pickwick sta a dimostrare il suo straordinario talento). Il meccanismo è identico anche per i suoi libri. Si resta incantati dalla sua «voce», dalla maestria con cui inanella le parole, ricorre a inusuali ossimori (la sua eternità minuscola) e crea piccole frasi che sembrano fragili e preziosi haiku giapponesi: «Si spense – scrive a proposito di una lampadina – senza esitazioni e silenziosa come un ricordo». Certamente suggestivo, ma è nella mancanza di profondità psicologica dei personaggi il suo limite. D'altronde è lo stesso Baricco a confessare il proprio disinteresse per storie in cui ci si possa immedesimare e sprofondare: «Cerco di fabbricare i miei romanzi come fossero macchine perfette con una struttura molto lavorata perché mi piace costruire un libro poco per volta, come fosse un edificio. “Macchine”, appunto, con ingranaggi perfettamente oliati perché possano essere letti con facilità. «Ho scritto “Mr. Gwyn” con piacere – racconta ancora lo scrittore torinese - divertendomi. Dopo “Emmaus”, che è stato una specie di pugno chiuso nello stomaco, avevo bisogno di leggerezza e “Mr. Gwyn” è un'opera di fantasia che avevo in mente da diversi anni. Non ha richiesto una particolare documentazione ma mi è piaciuto scrivere alcuni capitoli a Londra per carpire dalla città gli spazi, gli odori, la luce....».
E infatti «Mr. Gwyn» si svolge quasi tutto nella capitale inglese, ma ritrae una Londra crepuscolare e di periferia, lontana dalle mete turistiche più conosciute. La storia è quella di uno scrittore inglese che, dopo il successo dei suoi primi tre libri, tra loro così lontani da apparire concepiti da persone diverse, si rende conto di non volerne scrivere altri. Dopo dodici anni «di esposizione pubblica innaturale» è deciso a ritirarsi dalla scena letteraria e «sparire per potersi ritrovare». Senza avvisare nemmeno il suo agente, Tom, che è anche il suo migliore amico, Jasper Gwyn manda un articolo al «Guardian» in cui compila una sorta di lista in cinquantadue punti ed elenca le cose che ha deciso di non fare più. «La tredicesima – scrive Baricco – era incontrare scolaresche fingendosi sicuro di sé. La trentunesima, farsi fotografare con la mano sul mento, pensoso. La quarantasettesima, sforzarsi di essere cordiale con colleghi che in verità lo disprezzavano. L'ultima era: scrivere libri. In un certo modo chiudeva il vago spiraglio che poteva aver lasciato la penultima: pubblicare libri». A quel punto Jasper parte per la Spagna, sicuro di voler iniziare una nuova vita in cui non c'è più posto per la scrittura. In effetti si vedrà ben presto che le cose non funzionano come previsto, anche perché, dopo alcuni mesi, comincia a soffrire di improvvisi mancamenti da «astinenza dalla scrittura». Gli manca il gesto dello scrivere e la cura quotidiana in cui mettere in ordine i propri pensieri per formare una frase. All'improvviso viene colto da un'idea: eseguirà dei ritratti. Ma si tratterà di «ritratti scritti». Per «dipingerli» Jasper userà le parole invece dei pennelli e alla fine di un lavoro che dura più o meno un mese, il soggetto ritratto si vedrà consegnare alcuni fogli in cui gli viene rivelata la parte più autentica e nascosta di sé. Gwyn si procura quanto serve a un pittore: uno studio dove lavorare, la luce giusta, un modello. Anzi, per iniziare, sceglie una modella molto particolare che diventa in breve la coprotagonista del romanzo. Rebecca, dal viso bellissimo ma dal corpo grasso e sgraziato, sarà la sua musa, l'insostituibile assistente, la complice sensibile e devota. Attorno a Gwyn e Rebecca, Baricco delinea una galleria di personaggi un po' folli e strampalati: il vecchietto che costruisce lampadine a mano e le chiama con i nomi delle regine, la signora con il foulard impermeabile che frequenta l'ambulatorio del medico per una sosta dopo la spesa, il musicista che crea composizioni per clarinetto, ventilatore e tubi idraulici. La creazione di figure surreali, insieme al suo particolare modo di scrivere minimalista, è sempre stata una sorta di cifra stilistica di Baricco, presente in tutti i suoi romanzi. Ma a volte ci si scopre a desiderare che nei suoi personaggi, troppo spesso simili a eleganti ideogrammi disegnati su una pagina bianca, ci sia più carne e sangue. E più anima. 
 Mr. Gwyn - Feltrinelli, pag. 158, 14,00

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Serena Williams incinta e senza veli su Vanity Fair

Serena Williams sulla copertina di Vanity (Ed. Usa)

Il caso

Serena Williams incinta e senza veli su Vanity Fair

"Bidonata" alle nozze porta gli invitati al ristorante. Risarcimento in arrivo?

sassari

"Bidonata" alle nozze porta gli invitati al ristorante. Risarcimento in arrivo?

«Io, pastore di giorno e pole dancer di sera»

PERSONAGGI

«Io, pastore di giorno e pole dancer di sera» Foto

Notiziepiùlette

Nabila: «Io, al servizio di Parma»
Consigliera marocchina

Nabila: «Io, al servizio di Parma»

Ultime notizie

Autovelox e autodetector: la mappa dei controlli

Autovelox (foto d'archivio)

CONTROLLI

Autovelox e autodetector: la mappa della settimana 

Lealtrenotizie

Incidente alle porte di Basilicagoiano

Incidente

Ciclista investito alle porte di Basilicagoiano (Video)

E' ricoverato in Rianimazione

1commento

furto

Folle notte al Barino, video 1: i ladri se ne vanno con la cassa, video 2  il secondo "visitatore" con 2 bottigliette d'acqua

13commenti

EMERGENZA

Siccità: in pianura la falda ha autonomia solo per altri 70-90 giorni Video

2commenti

Il fatto del giorno

Le parole di Bonaccini riaprono le ferite del Pd parmigiano Video

Crisi pd?

Bonaccini: "Parma poteva essere laboratorio nazionale". Franceschini: "Nati per unire, non dividere"

9commenti

GIUSTIZIA

Via Burla, l'allarme del sindacato: "Il carcere scoppia" Video

Il Sappe dichiara lo stato d'agitazione

1commento

musica

Silvia Olari ci racconta "Fuori di Testa" Videointervista

Consigliera marocchina

Nabila: «Io, al servizio di Parma»

33commenti

Il personaggio

Spadi, il maturando che dirigerà il Consiglio

20commenti

l'attimo

Ballando sotto la pioggia La foto fa boom di clic

1commento

tg parma

Miss Italia a Salso, l'accordo è sul punto di sfumare Video

L'INTERVISTA

Pizzarotti: «Bocciata la politica che sa solo criticare»

14commenti

Lutto

Di Camillo, il sorriso sopra il camice

1commento

Via Venezia

Devastati gli orti sociali

4commenti

FIDENZA

Bagno notturno alla Guatelli: giovani multati

2commenti

IL CASO

Omicidio di Alessia, nessun accordo per l'estradizione: Jella processato in Tunisia

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il Parma è l'esempio per la rinascita della città

di Michele Brambilla

3commenti

EDITORIALE

Pd, quanti errori dietro l'ennesima batosta

di Stefano Pileri

4commenti

ITALIA/MONDO

follia

Marina di Massa, lite in famiglia: ferisce tre persone col machete

MANTOVA

Il "re dei ristoranti" finisce ai domiciliari per truffa

SOCIETA'

INFORMATICA

Maxi attacco hacker in Russia e Ucraina

Gallery sport

Lo spettacolo del beach volley Gallery

SPORT

SEMIFINALE

Gli azzurrini in dieci: la Spagna dilaga

vela

Coppa America, trionfo New Zealand. Primo sfidante Luna Rossa. Azzurra? Forse torna

MOTORI

LA PROVA

Nissan, 10 anni di Qashqai. Ecco come va il nuovo Foto Dati tecnici

ANTEPRIMA

Arona, ecco il Suv compatto secondo Seat