15°

Arte-Cultura

I colori di Montmartre

I colori di Montmartre
Ricevi gratis le news
1

Stefania Provinciali
Sono i maestri della nouvelle peinture. Sono Edgar Degas, Henri de Toulouse-Lautrec e Federico Zandomeneghi, Zandò per gli amici francesi, riuniti attorno al mito di Montmartre, centro pulsante della vita artistica, e non solo, parigina di fine Ottocento e d’inizio Novecento.
Fino al 18 dicembre 2011 le Scuderie del Castello Visconteo di Pavia ospitano la mostra «Degas, Lautrec, Zandò. Les folies de Montmartre», che raccoglie i lavori dei tre artisti che delinearono un’epoca: cento opere, tra dipinti e grafiche, provenienti da collezioni pubbliche e private italiane e straniere, con un apporto speciale di prestiti dalla città di Toulouse. Nel contesto dell’esposizione, carattere di eccezionalità assume il prestito di due opere, mai prima presentate in Italia, provenienti dalla National Gallery di Washington: «À la Bastille» di Lautrec e «The Loge» di Degas. Quelli «raccontati» erano gli anni in cui La Butte, la collina di Montmartre, attira gli esponenti di ogni classe sociale facendo convivere strilloni, prostitute, gestori di cabaret, attrici, pittori, aristocratici, clown e ballerine, borghesi e benpensanti e divenendo uno dei luoghi di culto della capitale francese. Fu Degas a guardare per primo alla vitalità del quartiere parigino e a rivoluzionare la pittura in seno al realismo, onorando il programma fissato da Baudelaire nel testo «Il pittore della vita moderna».
 Per primo, raccontò l’universo delle giovani e belle donne intente alla toeletta, le corse dei cavalli, il mondo equivoco dei cabaret e dei café-concert, quello del circo e delle case chiuse, e soprattutto quello del balletto. Un mondo non più a parte che apriva le porte ad una moda ed insieme ad un nuovo modo di percepire la vita dove «les guinguettes», i semplici bistrot con giardino, evolvono in sale da ballo in cui un’indiavolata Parigi vuole ballare solo l’incalzante «french cancan» su musiche di Offenbach, diventato la principale attrazione.In «La peintre de la vie moderne» pubblicato nel 1863, Baudelaire esprimeva, le proprie istanze sui concetti di bello, di arte e di modernità. In questo eccezionale testo critico la modernità è per Baudelaire la condizione alla resa artistica e deve essere perseguita dando dignità estetica a nuovi materiali, come la moda e il costume.
L’operazione è possibile attraverso la necessaria fusione dell’artista con la folla, unione che Baudelaire peraltro rifugge a titolo personale, ma che trova riscontro in una dimensione narrativa e nelle opere dei pittori, questi in particolare presentati nella mostra di Pavia dove Degas e Lautrec sono i più grandi esponenti dell’auspicato naturalismo artistico, che si impasta di impressionismo nel primo caso e anticipa nel secondo l’espressionismo.
Zandomeneghi, rappresenta la voce italiana, è l’anello della catena che sollecita le esperienze del secondo in rapporto a quelle del primo. E proprio dell’italiano, nei Musei civici di Pavia è conservato un consistente nucleo di opere. Celebrato attualmente in più mostre Henri de Toulouse-Lautrec, fu colui che identificò non solo la propria arte ma anche la propria vita nella cultura di Montmartre, quella che si respira osservando la «Tête de femme» della Fondation Bemberg di Toulouse e «Au café: le patron et la caissière chlorotique» del Kunsthaus di Zurigo I personaggi da lui ritratti sono divenuti icone, protagonisti e simboli del mito di Montmartre, che i manifesti creati dall’artista, hanno contribuito ad alimentare.
Quel microcosmo, quel mondo di depravazione e di malinconica poesia, popolato dalle ballerine della notte Yvette Guilbert, May Milton, May Belfort, La Goulue, Jane Avril, dal chansonnier Aristide Bruant e dal comico Caudieux, è rimasto grazie a lui nella memoria collettiva. La sua produzione di affiches portò l’arte in strada, sui giornali, nella «serialità» della grafica Curata da Lorenza Tonani che ne firma anche il catalogo, Silvana Editoriale, «les folies de Montmartre», dice la curatrice, «sono anche storie di incontri, passioni, scambi e drammi personali. I pittori della vita moderna sono in primo luogo uomini, e la mostra si propone di ritrarne, per parole e immagini, il loro affascinante ritratto intimo», in un mondo «nuovo» la cui memoria è rimasta mito.


 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Angelo Citterio

    04 Dicembre @ 18.32

    Mi sembra incredibile che non esista un sito da parte di una istituzione di Pavia che enfatizzi la manifestazione. In questo modo, Pavia verrà sempre e solo identificata per la Certosa e niente più!!!!!

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Musica e balli anni '50 a Sorbolo Levante: ecco chi c'era Foto

FESTE

Musica e balli anni '50 a Sorbolo Levante: ecco chi c'era Foto

Panini & dintorni: scegli il meglio di Parma

GAZZAFUN

Il panino più buono: domani termina la seconda semifinale

Colorno: continua la mostra di Monika Bulaj sull'Afghanistan

FOTOGRAFIA

Colorno: continua la mostra di Monika Bulaj sull'Afghanistan Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

La casa in classe energetica A o B? Va acquistata subito

L'ESPERTO

La casa in classe energetica A o B? Meglio acquistarla subito

di Arturo Dalla Tana*

1commento

Lealtrenotizie

Ragazza mette in fuga a schiaffi i suoi aggressori

La storia

Ragazza mette in fuga a schiaffi i suoi aggressori

FIDENZA

Non ha il biglietto del treno: aggredisce il controllore

LA MORTE DEL BOSS

Addio a Riina. E c'è chi gli rende omaggio

Adolescenti

Il bullo? Si combatte con l'ironia

A Lesignano

Nuovi lavori al centro dato alle fiamme

SISSA TRECASALI

Muore sulla pista da ballo

Cinema

Archibugi: «Ma i ragazzi non sono tutti sdraiati»

FORNOVO

Stazione in mano agli sbandati

ladri in azione

Furto alla mensa del Campus: niente pasti per studenti e dipendenti Video

protesta

Martedì anche a Parma sciopero dei taxisti (dalle 8 alle 22)

anteprima gazzetta

Il dopo terremoto a Fornovo: "Il peggio sarebbe passato"

dopo terremoto

Due torrini del Battistero danneggiati: area transennata Video

PARMA

Valigia abbandonata vicino al tribunale: arrivano i carabinieri

In seguito ai controlli sono stati trovati solo alcuni documenti

vigili del fuoco

Fiamme in un capannone industriale a Monticelli Foto

TERREMOTO

Continua lo sciame sismico: 19 scosse. Le più forti avvertite in tutta la provincia

A Fornovo la più forte (4.4). Non sono segnalati danni

6commenti

L'ESPERTO

Straser: «Ecco perché si è risvegliata la linea sismica del Taro»

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La sublime prova d'amore della mamma di Mattia

di Vittorio Testa

1commento

TRAFFICO

La mappa degli autovelox dal 20 al 24 novembre

ITALIA/MONDO

bologna

Giallo: donna morta accoltellata in casa nella zona di Igor. S'indaga a 360°

BRUXELLES

Ema ad Amsterdam, Milano beffata al sorteggio. Eba a Parigi (dopo sorteggio). Ema: cos'è (Video)

SPORT

CALCIO

Tavecchio si è dimesso con rabbia e con un "giallo": "Con un gol sarei stato un eroe". Lippi: "Scelse lui Ventura"

2commenti

Atlanta

Georgia Dome raso al suolo, in fumo 214 milioni di dollari Video

SOCIETA'

cecina

Giocatore lancia bottiglia d'acqua per stizza e colpisce una bimba. Tafferugli tra tifoserie

reali d'Inghilterra

Elisabetta e Filippo: 70 anni di matrimonio Video

MOTORI

IL NOSTRO TEST

Meglio ibrida o plug-in? La risposta è Hyundai Ioniq

MOTO

Energica Eva EsseEsse9, la special elettrica