22°

34°

Arte-Cultura

Specchio rotto dell'io

Specchio rotto dell'io
0

La mia vita di uomo», romanzo di Philip Roth del 1974, già pubblicato da Bompiani nel 1975 e oggi riedito da Einaudi in una nuova traduzione, è uno strano caso di strana operazione editoriale. Difficile infatti capire il perché di una nuova edizione proprio di questo particolare romanzo, vista la messe di opere rothiane più e meno datate a disposizione. Difficile capire cosa mai possa differenziare «La mia vita di uomo» da altri libri precedenti e successivi. Anche perché se è vero (come è vero) che un autore finisce con lo scrivere sempre lo stesso romanzo, questo per Roth è vero più che per ogni altro mai. Ma a prescindere dalle riflessioni di ordine meramente editoriale, è giusto passare alla sostanza: «La mia vita di uomo» a nostro avviso continua ad essere (come già lo era trentacinque anni fa) un romanzo di alta potenza letteraria. Non sarà forse il capolavoro dello scrittore americano d’origini ebraiche, ma è indubbiamente un ottimo esempio dei temi portanti nonché dei caratteri stilistici della sua prosa. L'opera è costruita sui puntelli strutturali di una «mise en abîme» autobiografica, e ci spieghiamo meglio: la prima parte, «Utili finzioni», narra, in due diversi racconti, segmenti della vita di Nathan Zuckerman, scritti da Peter Tarnopol, il quale è anche l’autore delle memorie auotobiografiche contenute nella seconda parte del volume. Ma chi conosce Roth sa bene che Nathan Zuckerman è personaggio seriale dei romanzi dello scrittore, che ha anzi a lui dedicato ben nove romanzi. In questi, non sempre Zuckerman compare come protagonista; spesso vi figura solo nei panni del narratore di storie altrui. In ogni caso, questo personaggio è evidente alter ego dello stesso Roth che in lui rilegge sé stesso e la sua vita, rielabora il vissuto che si è disteso nella memoria, che si è dilatato in altri fatti. D’altra parte, anche Peter Tarnopol, narratore di Zuckerman e auto-narratore di se stesso, è un secondo alter ego di Roth, che si rivede nei suoi drammi e nei suoi traumi. Ecco dunque il gioco di specchi (neppure troppo deformanti) che costruiscono il romanzo: Roth che narra se stesso in Tarnopol che a sua volta narra se stesso in Zuckerman. Se pensiamo che il romanzo è stato scritto negli anni Settanta, anni di nuove avanguardie e forti sperimentalismi narrativi, una struttura di questo tipo risultava allora decisamente interessante e fondamentalmente in linea con l’orizzonte d’attesa di certa parte della critica e del pubblico. D’altronde, ancora oggi questo specchio infranto di un ego disseminato in tanti frammenti narrativi che simmetricamente si corrispondono è operazione intrigante. Inoltre lo stesso diretto ed esplicito legame con la psicanalisi conduce sui binari di un autobiografismo nemmeno tanto mascherato che tende a ritornare su temi e motivi abituali: i momenti liminali della vita (la giovinezza nel suo contrasto bipolare con la vecchiaia), la figura fondante di un padre oppressivo, le origini ebraiche, il personaggio del professore non immune al fascino delle sue giovani studentesse, la catastrofe coniugale (vera e propria ossessione, questa, della vita come pure della letteratura rothiana), il sesso, i traumi in età infantil-giovanile (il senso di uno stupro fisico o psicologico) e poi, per usare le parole di Tarnopol/Roth «sofferenza e fallimento, temi di così tanti romanzi che lo "toccavano"», strettamente legati a tendenze e scelte di vita masochistiche e autopunitive. Sul piano più strettamente strutturale, accenniamo almeno al frequente ricorrere degli elementi metanarrativi, ossia di quei passaggi testuali in cui la scrittura racconta sé stessa e il suo dispiegarsi in opera compiuta con i correlati riferimenti ai lettori dell’opera stessa. Scrive, ad esempio, Zuckerman/Tarnopol/Roth: «al lettore che non solo avesse "capito la solfa", ma iniziasse a titubare di fronte all’ossessiva tetraggine della situazione che ho presentato, al lettore che non riuscisse a sospendere la propria incredulità di fronte a un protagonista che si ostina a portare avanti una relazione con una donna per lui priva d’attrattive sessuali e tanto perseguitata dalla sventura, dovrei dire che, col senno di poi, anch’io trovo quasi impossibile credere a me stesso». Questo passaggio è eccellente esempio della scaltrita arte letteraria di Roth, un’arte evidentemente ben nutrita anche dalle riflessioni della critica letteraria (evidenti gli apporti dell’estetica della ricezione che ancora si andava sviluppando in quegli anni). Insomma quest’opera di Roth è paradigmaticamente rothiana, se ci è concesso il gioco di parole. E lo è non solo nella catena dei succitati «luoghi narrativi», ma anche nello stile. E questo non è pregio di poco conto. In effetti, la prosa di Roth è letterariamente impeccabile (valida, al proposito, la nuova traduzione di Norman Gobetti). Levigata, lepida, tornita, la tecnica stilistica di Roth è forte di una metaforicità sempre efficace e potente, che mai scade nella banalità del luogo comune o della «iunctura» abusata o troppo nota. Da rileggere.

La mia vita di uomo
Einaudi, pag. 374, euro 17,00
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

fori imperiali

degrado

Sesso (degrado) ai Fori imperiali davanti ai turisti: è polemica

Elisabetta Gregoraci al Win City fa il pieno di selfie

gossip parmigiano

Elisabetta Gregoraci al Win City fa il pieno di selfie Gallery

La Rai propone a Fazio un contratto da 2,2 milioni l'anno

Fabio Fazio, in una foto d'archivio

Tv

La Rai propone a Fazio un contratto da 2,2 milioni l'anno

2commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Da ovest a est il meglio degli itinerari in montagna

La presentazione dei volumi in vendita in abbinamento con la Gazzetta di Parma

NOSTRE INIZIATIVE

Da ovest a est il meglio degli itinerari in montagna

Lealtrenotizie

logo ovs

arresto

Taccheggiatore picchia l'addetto alla sicurezza dell'Ovs per scappare

1commento

EMERGENZA

Crisi idrica mai così grave dal 1878 (La mappa della siccità)

Il ministro: "Dobbiamo aumentare i bacini" - Leggi

1commento

FURTI

Ladri in azione in un'azienda di via Borsari: rubati 400kg di barre d'acciaio

traffico intenso

Autocisa: coda di 9 km ad Aulla verso il mare

Al Campus

Ladri in azione a Biologia e Fisica

3commenti

L'AGENDA

Il primo sabato d'estate da vivere nel Parmense

DUE FOSCARI

Busseto piange il ristoratore Roberto Morsia

L'INTERVISTA

Cassano: «Parma vorrei riportati in A»

Langhirano

I 5 stelle contro il fuoriuscito: proteste in consiglio

Fidenza

Ballotta, un restyling da 200mila euro

Suore

Due vietnamite diventano Orsoline

Lutto

Colorno piange Cadmo Padovani

Tg Parma

Samboseto, 75enne esce di strada e muore Video

polizia

Minacciato con coltello, sequestrato e rapinato in stazione: in carcere due dei tre aggressori Video

8commenti

mercato

Cassano: "Vorrei riportare il Parma in A" Audio Faggiano: "Fantantonio qui? Non lo escludo" Video

5commenti

Protezione civile

Ondata di caldo: allerta "arancione" fino a domenica - I consigli - Video

3commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il Parma è l'esempio per la rinascita della città

di Michele Brambilla

2commenti

EDITORIALE

Maturità, temi lontani dalla realtà della scuola

di Stefano Pileri

ITALIA/MONDO

Pil

Cgia: cresce il divario Nord-Sud. Nel Meridione, uno su due a rischio povertà

2commenti

cina

Frana, 141 persone sepolte vive

SOCIETA'

il disco

“Amused to death”, ha 25 anni il disco di Roger Waters

ferrovie

Lavori sulla Bologna-Rimini, sabato 24 e domenica 25. Ripercussione sui collegamenti con la Riviera Romagnola.

SPORT

Moto

Ultime libere ad Assen, Rossi secondo

Calcio

Messi, convertita in multa (455 mila euro) la condanna per frode fiscale

MOTORI

anteprima

Volkswagen, la sesta Polo è diventata grande

SERIE SPECIALE

695 Rivale Abarth: lo scorpione sullo yacht...