19°

Arte-Cultura

L'uomo che rinnovò il mondo

L'uomo che rinnovò il mondo
0

 Rita Guidi

Diverso, diviso, dirompente, divo. Steve Jobs incarna il più contemporaneo esempio di genio e follia, e anche così si appropria dell’eterno algoritmo del mito. Umanesimo e scienza come radici di una sola mela, e un mondo come una sfida per vincere il verme della mediocrità. 
Ne parliamo al presente, perché è difficile non farlo, sfiorando con un touch tutto ciò che ci circonda (numeri e libri, voci, musica, «nuvole», fogli di lavoro). Ma ne parliamo al presente anche per quell’incontro senza sconti, quella biografia così schiettamente disarmante e inesorabilmente affascinante, che, su invito dello stesso ideatore della Apple, ha realizzato Walter Isaacson: «Steve Jobs» (Mondadori, 608 pagg., 20 euro). 
Storia di un ragazzo sporco a piedi nudi, di un visionario scomodo, di un eterno «suchende» (che prova le strade datate e perdute dell’India e dell’LSD), di un egocentrico sleale, di un uomo diverso, diviso: il dito puntato su un universo senza grigi, guidato da un sistema binario blindato dove persone (o cose) si dividono in divinità o imbecilli. Storia controllata (per una volta) a equilibrata distanza («Il libro è suo. Non lo leggerò nemmeno»), voluta da un Jobs alle prese col destino e accettata da Isaacson – dopo un’iniziale riluttanza – non solo per quell’urgenza, ma per l’indagine aperta su un orizzonte già apprezzato che gli era di nuovo possibile: «La creatività che nasce quando la duplice passione per il mondo umanistico e il mondo scientifico si combina in una forte personalità – insiste infatti Isaacson in introduzione - era l’argomento che più mi aveva interessato nelle mie biografie di Franklin e Einstein, e credo sarà un fattore chiave per generare economie innovative nel XXI secolo». Oltre cento interviste a familiari, colleghi, amici, «rivali», persone che, nel bene e nel male, aveva (avuto) intorno, quaranta incontri e un «discorso» finale dello stesso Jobs, bello quanto quello proferito a Stanford nel 2004, il ritratto che Isaacson (ri)compone ha proprio in quell’idea di creatività l’irrinuciabile costante, la dannazione e la catarsi. Figlio adottivo e hippy, insofferente alle regole e ai lavaggi frequenti, Jobs attraversa scalzo i suoi primi vent’anni, seguendo il sentiero tracciato da una mezza manciata di sicurezze. Sa esattamente cosa non gli piace, così come ama quell’imprinting che ha respirato dalle mani del padre e dalla casa d’infanzia: la semplicità – per lui, come per Leonardo, al quale è attribuito questo aforisma - è la massima raffinatezza. Se ne convince abitando il Bauhaus della case Eichler, nel quartiere americano dove corre la sua infanzia. 
Lo capisce osservando l’abilità esatta del padre nel costruire mobili o restaurare auto, che lo invita a curare la perfezione anche dei lati nascosti di un oggetto, ciò che non si vede. Semplicità e perfezione che uniscono filosofia ed estetica Zen, che pure conosce, sceglie, ama.  Eppure? Nulla di equilibrato in lui. Spirito duale, pronto a scatti d’ira, gesti impulsivi, decisioni disarmanti, uscite geniali. «Senza la Apple? Sarei un poeta a Parigi», diceva di sé. Invece la Apple c’era e c’è per dare concretezza a quel mondo semplice e perfetto che «vedeva». Per dimostrare che quella «distorsione della realtà» con la quale piegava gli altri ai suoi desiderià «Era una distorsione che riguardava la nostra personale capacità di realizzare le cose – ricorda qui l’amico «di garage» Wozniak – Facevamo l’impossibile perché non ci rendevamo conto che era impossibile». 
Think different. E’ il suo pensiero divergente, il sentiero impervio, tracciato su quel paio di certezze, che Jobs indica agli altri. Infischiandosene delle regole, della logica, persino del denaroà «Quando alle redini di un’azienda finiscono i venditori, le persone che si occupano del prodotto cessano di avere peso». Anche in questo è diverso. Come nell’aver immaginato un computer che potesse essere tenuto in grembo, destinato a chi non è (necessariamente) interessato all’informatica. Un oggetto esteticamente raffinato, facile da utilizzare, pronto per l’uso. Più una poltrona di Walter Gropius, che una sedia IKEA (da costruirsi) tanto per capirci. E dunque croce e delizia di informatici e hacker, smanettoni più o meno abili e complicati. Un’offerta end to end per dare il proprio contributo al mondo. Tra scienza e arte, in un equilibro diverso. Per dire ecco, c’è anche questa possibilità. A patto di essere tanto affamati e tanto folli da realizzarla. 
Steve Jobs - Mondadori, pag. 608, 20,00

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

E' morto Cino Tortorella, il Mago Zurlì dello Zecchino d'Oro

Milano

E' morto Cino Tortorella, il Mago Zurlì dello Zecchino d'Oro

Sembra ieri 1/1: 1984 - In piazza della Pace l'ippopotamo Pippo

TV PARMA

Sembra ieri: 1985 - La centrale del latte di via Torelli Video

La Perego contro i dirigenti di Rai1: "Sapevano tutto"

TV

La Perego contro i dirigenti di Rai1: "Sapevano tutto"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Il terrore e la città bloccata: il video di un parmigiano a Londra

LONDRA

Il terrore e la città bloccata: il video del nostro Matteo Scipioni

Lealtrenotizie

Cassiera si intasca 150mila euro del supermercato. A processo

BORGOTARO

Cassiera si intasca 150mila euro del supermercato. A processo

VIA VOLTURNO

Ospedale, rispunta un parcheggiatore abusivo. Fermato un nigeriano

Identificate e sanzionate altre sette persone

4commenti

Incidente

Auto sbanda a Fontanellato: un ferito, vettura distrutta

3commenti

CROCETTA

Via Emilia Ovest, cinese 25enne investita. Non è in pericolo

Incidente

Auto fuori strada fra San Secondo e Soragna: la vittima è un 50enne moldavo

Fiere di Parma

MecSpe, il cuore del salone è l'Industria 4.0

Droga

San Leonardo ostaggio dei pusher: ecco come funziona "il rito"

16commenti

Gazzareporter

Vetri in frantumi: auto prese di mira nel parcheggio di via Palermo Foto

2commenti

tg parma

Giornate del Fai: 3 tappe per celebrare la storia parmense Video

Via Imbriani

Vende 1.600 dosi in pochi mesi: condannato a 4 anni

Controlli

Hashish e marijuana: sequestri di droga a scuola e nel parcheggio fra viale dei Mille e viale Vittoria Foto

Stupefacenti anche nel parco Falcone e Borsellino

3commenti

Carcere

Pagliari interroga il Governo: "Serve un direttore a tempo pieno"

Il senatore replica alle accuse del sindaco

Viabilità

Il Comune: corsie per bus, traffico ridotto fra Lungoparma e ponte di Mezzo

Annunciati controlli della Municipale in via Farnese

1commento

I FUNERALI

L'addio a Fadda. «Giovanni adesso è insieme a Dio»

lettera aperta

Studentessa del Melloni ai coetanei: "Fate della vostra vita un capolavoro"

3commenti

Montechiarugolo

«Mio nipote sequestrato in Tunisia»

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Il pianeta delle scimmie e quello dei robot

1commento

IL CASO

I vitalizi e le pensioni d'oro che fanno indignare

di Stefano Pileri

14commenti

ITALIA/MONDO

MILANO

"Ho rotto il femore a un'anziana per allenarmi": primario accusato di lesioni

terrorismo

Londra, l'attentatore si chiamava Khalid Massood

SOCIETA'

CHICHIBIO

«Mastroianni's»: piatti moderni, curati e fantasiosi

GAZZAREPORTER

Che bell'arcobaleno a Langhirano

SPORT

Formula 1

Vettel: "Mai guidata una F1 più veloce"

lega pro

Parma, Lucarelli: "Crediamo nella B". Domani ritiro anticipato Video

MOTORI

anteprima

Nuova Ferrari GTC4Lusso, il test drive Fotogallery

prova su strada

Kia Niro, il «nativo ibrido»