-4°

Arte-Cultura

L'uomo che rinnovò il mondo

L'uomo che rinnovò il mondo
0

 Rita Guidi

Diverso, diviso, dirompente, divo. Steve Jobs incarna il più contemporaneo esempio di genio e follia, e anche così si appropria dell’eterno algoritmo del mito. Umanesimo e scienza come radici di una sola mela, e un mondo come una sfida per vincere il verme della mediocrità. 
Ne parliamo al presente, perché è difficile non farlo, sfiorando con un touch tutto ciò che ci circonda (numeri e libri, voci, musica, «nuvole», fogli di lavoro). Ma ne parliamo al presente anche per quell’incontro senza sconti, quella biografia così schiettamente disarmante e inesorabilmente affascinante, che, su invito dello stesso ideatore della Apple, ha realizzato Walter Isaacson: «Steve Jobs» (Mondadori, 608 pagg., 20 euro). 
Storia di un ragazzo sporco a piedi nudi, di un visionario scomodo, di un eterno «suchende» (che prova le strade datate e perdute dell’India e dell’LSD), di un egocentrico sleale, di un uomo diverso, diviso: il dito puntato su un universo senza grigi, guidato da un sistema binario blindato dove persone (o cose) si dividono in divinità o imbecilli. Storia controllata (per una volta) a equilibrata distanza («Il libro è suo. Non lo leggerò nemmeno»), voluta da un Jobs alle prese col destino e accettata da Isaacson – dopo un’iniziale riluttanza – non solo per quell’urgenza, ma per l’indagine aperta su un orizzonte già apprezzato che gli era di nuovo possibile: «La creatività che nasce quando la duplice passione per il mondo umanistico e il mondo scientifico si combina in una forte personalità – insiste infatti Isaacson in introduzione - era l’argomento che più mi aveva interessato nelle mie biografie di Franklin e Einstein, e credo sarà un fattore chiave per generare economie innovative nel XXI secolo». Oltre cento interviste a familiari, colleghi, amici, «rivali», persone che, nel bene e nel male, aveva (avuto) intorno, quaranta incontri e un «discorso» finale dello stesso Jobs, bello quanto quello proferito a Stanford nel 2004, il ritratto che Isaacson (ri)compone ha proprio in quell’idea di creatività l’irrinuciabile costante, la dannazione e la catarsi. Figlio adottivo e hippy, insofferente alle regole e ai lavaggi frequenti, Jobs attraversa scalzo i suoi primi vent’anni, seguendo il sentiero tracciato da una mezza manciata di sicurezze. Sa esattamente cosa non gli piace, così come ama quell’imprinting che ha respirato dalle mani del padre e dalla casa d’infanzia: la semplicità – per lui, come per Leonardo, al quale è attribuito questo aforisma - è la massima raffinatezza. Se ne convince abitando il Bauhaus della case Eichler, nel quartiere americano dove corre la sua infanzia. 
Lo capisce osservando l’abilità esatta del padre nel costruire mobili o restaurare auto, che lo invita a curare la perfezione anche dei lati nascosti di un oggetto, ciò che non si vede. Semplicità e perfezione che uniscono filosofia ed estetica Zen, che pure conosce, sceglie, ama.  Eppure? Nulla di equilibrato in lui. Spirito duale, pronto a scatti d’ira, gesti impulsivi, decisioni disarmanti, uscite geniali. «Senza la Apple? Sarei un poeta a Parigi», diceva di sé. Invece la Apple c’era e c’è per dare concretezza a quel mondo semplice e perfetto che «vedeva». Per dimostrare che quella «distorsione della realtà» con la quale piegava gli altri ai suoi desiderià «Era una distorsione che riguardava la nostra personale capacità di realizzare le cose – ricorda qui l’amico «di garage» Wozniak – Facevamo l’impossibile perché non ci rendevamo conto che era impossibile». 
Think different. E’ il suo pensiero divergente, il sentiero impervio, tracciato su quel paio di certezze, che Jobs indica agli altri. Infischiandosene delle regole, della logica, persino del denaroà «Quando alle redini di un’azienda finiscono i venditori, le persone che si occupano del prodotto cessano di avere peso». Anche in questo è diverso. Come nell’aver immaginato un computer che potesse essere tenuto in grembo, destinato a chi non è (necessariamente) interessato all’informatica. Un oggetto esteticamente raffinato, facile da utilizzare, pronto per l’uso. Più una poltrona di Walter Gropius, che una sedia IKEA (da costruirsi) tanto per capirci. E dunque croce e delizia di informatici e hacker, smanettoni più o meno abili e complicati. Un’offerta end to end per dare il proprio contributo al mondo. Tra scienza e arte, in un equilibro diverso. Per dire ecco, c’è anche questa possibilità. A patto di essere tanto affamati e tanto folli da realizzarla. 
Steve Jobs - Mondadori, pag. 608, 20,00

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Paul McCartney contro la Sony: "Rivoglio i diritti dei Beatles"

musica

Paul McCartney contro la Sony: "Rivoglio i diritti dei Beatles"

Festa d'addio di Obama, a sorpresa esibizione di Springsteen

Casa Bianca

Festa d'addio di Obama, a sorpresa esibizione di Springsteen

Addio a Loalwa Braz Vieira, regina della "lambada"

brasile

Morta carbonizzata Loalwa Braz Vieira, regina della "lambada"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO 

Prosa e Lirica, risate e emozioni a teatro: il meglio della settimana

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Terremoto, slavina travolge hotel, nuove richieste ai soccorsi da Parma

SISMA E GELO

Il Soccorso Alpino salva famiglie intrappolate sotto due metri di neve Video

I tecnici di Parma operano sull'Appennino di Ascoli Piceno per raggiungere le frazioni isolate

Incidente Cascinapiano

Filippo sarà vestito da calciatore: sabato il funerale a Langhirano Video

Polemica

Strisce e sicurezza: rimpallo di responsabilità

11commenti

Parma

Legionella: la causa del contagio resta incerta 

Esclusi l’acquedotto pubblico, la rete delle derivazioni dall’acquedotto stesso, l'irrigazione del campo sportivo e gli impianti della "Città di Parma"

polizia

Rapina in villa a Porporano: arrestata tutta la banda Video

tg parma

Via Marmolada: si fingono avvocato e maresciallo per truffare anziani Video

polizia

Raffica di furti in viale Fratti e viale Mentana: arrestato 26enne

2commenti

Dati Bankitalia

Le rimesse degli immigrati: 24,5 milioni inviati all'estero in 6 mesi  Video

Gli indiani superano i romeni 

14commenti

Tragedia

Morto in via Pintor: parenti rintracciati grazie a facebook

carabinieri

Borseggia anziano sul bus: arrestato un senegalese

4commenti

sabato

Per tenere viva la Curva Nord torna la riffa dei Boys

1commento

Mercato

Guazzo, niente Modena

Gazzareporter

Massimo Mari: "Parma, inverno"

VALMOZZOLA

Entra in casa, raggira e deruba due anziani

1commento

Wopa

I genitori omosessuali fra difficoltà e pregiudizi

Presentato libro a Parma in un dibattito moderato da Chiara Cacciani

Salsomaggiore

«Lasciavamo le porte aperte, ora siamo terrorizzati»

6commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Quei «no» che non sappiamo più dire ai figli

1commento

EDITORIALE

L’America di mio padre cinquant'anni dopo

di Filiberto Molossi

ITALIA/MONDO

TRAGEDIA

Le immagini terribili dell'hotel Rigopiano Gallery

FRANCIA

Bimba di 14 mesi sbranata dal rottweiler della sua famiglia

SOCIETA'

PGN

Tutti i concerti del 2017

AGENDA DELL'AUTO

Bollo auto, ecco cosa bisogna sapere

SPORT

RUGBY

Grande festa per la città di Parma: Zebre contro London Wasps Video

lega pro

Il portiere Frattali è del Parma

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, ci siamo. Il Suv è già ordinabile Fotogallery

PROVA SU STRADA

Peugeot 2008, per chi non si accontenta