-3°

Arte-Cultura

Petite capitale di ieri e di oggi

Petite capitale di ieri e di oggi
0

 Una mostra da non perdere quella che si inaugura sabato alle 17 nelle sale di Palazzo Bossi Bocchi, sede della Fondazione Cariparma, perché mette a confronto la Parma del nostro immaginario storico, la Parma del cuore e della nostalgia con quella odierna, trasformata nell’urbanistica e nell’aspetto dagli sfruttamenti intensivi dello spazio. Come era la città nella metà dell’Ottocento? Come si presentano oggi i medesimi luoghi documentati dalle sapienti immagini fotografiche di Carlo Gardini? La risposta si  trova nei centocinquanta pezzi esposti: dipinti, disegni, incisioni, fotografie d’epoca e contemporanee. «Un suggestivo confronto tra dipinti, iconografia storica e originali scatti fotografici» recita la scritta esplicativa del titolo «Parma: immagini della città dal Ducato all’Unità d’Italia», scelto dai curatori Gianfranco Fiaccadori, Alessandro Malinverni e Carlo Mambriani, che hanno dato vita ad una affascinante visita in parallelo della città di ieri e di oggi coi suoi borghi, la piazza grande, il mercato, le mura, gli edifici di Corte, le chiese: felice conclusione delle manifestazioni promosse dalla Fondazione per i 150 anni dell’unificazione nazionale. Molti artisti – forse consci che col passaggio da piccola capitale a capoluogo di provincia e con la avanzante rivoluzione industriale stava per finire un’epoca – hanno voluto immortalare vari aspetti cittadini in gara con la nascente fotografia alla quale si dedicavano con successo alcuni pittori quali Filippo Beghi e Giacomo Isola. E’ nato così, nel corso del secolo, un «vedutismo parmigiano» scaturito dagli insegnamenti impartiti all’Accademia da Giuseppe Boccaccio, maestro di paesaggio, che ha dato alle vedute un calore cromatico e umano, che diventerà caratteristica costante di molti artisti locali: Giulio e Guido Carmignani, Luigi e Salvatore Marchesi, Giuseppe Alinovi, Erminio Fanti, Enrico Sartori, Claudio Alessandrini, Adelchi Venturini, Giacomo e Giuseppe Giacopelli, Attilio Bianchi. Un vedutismo del sentimento, che guarda anche la quotidianità più povera, con vecchie case, mura scrostate, umili personaggi. Queste vedute (di cui diverse inedite) sono già per se stesse un motivo di straordinario interesse della rassegna che trova ulteriori stimoli  intriganti nel confronto fra pittura e fotografia d’epoca e fra le situazioni ottocentesche e quelle del terzo millennio. Ogni stanza quindi offre più di uno spunto di curiosità e di riflessione. Si entra in città dal viale della Villetta (Guido Carmignani) fiancheggiato da alti pioppi che allungano la mesta ombra autunnale sulle famiglie che hanno fatto visita ai defunti. Dall’arco di San Lazzaro (Enrico Wan Merager) giungono carrozze e cavalieri in nugoli di polvere mentre un rosseggiante tramonto infuoca torri e cupole;  fuori le mura, in parte già distrutte, campeggia pure la Cittadella. Dalla specola dell’Università e da un’altana di via San Nicolò Filippo Beghi e Pietro Dall’Olio fissano per la prima volta dall’alto l’immagine reale della città fotografandola ognuno nei quattro punti cardinali: un panorama ben diverso dall’attuale in quanto Parma si è alzata coi condomini, con gli alberi d’alto fusto, con le altane trasformate in camere che ostruiscono l’orizzonte. Percorrendo le strade, ad esempio, incontriamo via Padre Onorio «senza» (Attilio Bianchi) e «con» condomini (foto di Gardini), vicolo della Salnitrara con le mura (Arturo Bertolotti) e in borgo Tommasini la maestà che si trovava all’angolo di palazzo Zileri Dal Verme (Baldovino Bertè), oggi piazzale Borri. Suggestive le scene del canale Naviglio che scorre tra le case e nel quale le donne lavano i panni. Piazza Grande (Garibaldi) è racchiusa in una saletta: ogni parete un lato; si notano le trasformazioni e il variopinto e vivace mercato con la suddivisione segnata sulla pavimentazione degli spazi e le contadine sedute per terra davanti ai cesti. Giacomo Giacopelli ha lasciato un limpido ricordo del Palazzo Ducale dopo l’intervento del Bettoli e di un atrio della Pilotta da scenografia verdiana mentre Contini ha documentato impietosamente lo sfascio del polveroso Teatro Farnese, oggi tornato a vivere nella sua prestigiosa eleganza (foto Gardini). La solare aranciera del Giardino Ducale (capolavoro di Guido Carmignani) è solo un ricordo. L’unica parte esterna della città che non è cambiata è quella fra il Duomo, il Seminario Maggiore e San Giovanni percorsa da una reverente «processione col Viatico» di Giuseppe Giacopelli, figlio di Giacomo che ha fissato sulla tela l’eccezionale momento storico della benedizione in Cattedrale nel 1848 della bandiera della Guardia Nazionale. Enrico Sartori ha invece descritto la presa di possesso del vescovo Miotti (1883). Anche per l’interno del Duomo dipinti e foto combaciano. Numerose le opere che riproducono l’esterno e l’interno di chiese: Luigi Marchesi ha interpretato mirabilmente la magica atmosfera di un realismo senza tempo della storica sagrestia di San Giovanni vegliata dai mobili monumentali. Corona la rassegna una sorprendente scoperta attributiva fatta da Alessandro Malinverni: il piacevole dipinto con la chiesa del Quartiere, che si staglia solida in un cielo azzurrino mentre sul sagrato due donne si azzuffano, è stato realizzato da Giulio Carmignani, ventottenne, e costituisce la sua prima opera nota, documentata in un’esposizione del 1841. 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Raffaella Fico: "Sposerò Moggi"

Gossip Sportivo

Raffaella Fico: "Sposerò Moggi"

La viadanese Gaia in finale a X Factor

talento

La viadanese Gaia in finale a X Factor

Miriam Leone valletta a Sanremo

verso il festival

Miriam Leone valletta a Sanremo

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Libri e dischi, non si sbaglia mai: la cultura è sotto l’albero

REGALI DI NATALE 2016

Scopri il regalo giusto per il tuo lui

Lealtrenotizie

Ladri scatenati in città: un ponte di furti

allarme

Ladri scatenati in città: un ponte di furti

1commento

Torrile

Abusava della cuginetta di 9 anni e della nipote di 13: condannato

5commenti

Colorno

451 anolini mangiati: è record Ultimo piatto: il video

5commenti

terremoto

Trema l'Appennino reggiano: scossa 4.0 Video

roccabianca

Tamponamento e frontale sul ponte Verdi: due feriti, uno è grave Video

viabilità

Ecco dove saranno gli autovelox la prossima settimana

1commento

lega pro

Il Parma non si ferma: è già al lavoro per il Teramo Video

vigili del fuoco

Garage in fiamme a Sissa

Comune

Bilancio: tutti gli interventi previsti nel 2017 assessorato per assessorato

1commento

Paura

Spray al peperoncino in discoteca

3commenti

reggiana-parma

Il derby...indossa la maglietta granata

Langhirano

Trovato il ladro con il machete

2commenti

San Secondo

Addio a Gardelli, giocò nella Juve e nella Lazio

la storia

Don Stefano, un prete con l'armatura da football americano Video

VELLUTO ROSSO

Da Shakespeare a Peter Pan: gli spettacoli da non perdere a teatro

STRAJE'

"Costretta" a fare ricerca all'estero. Il sogno di Maria Chiara: tornare a Parma Video

Duri esami in inglese e tedesco e tecniche innovative in Svizzera: ecco l'esperienza di una 28enne di Roccabianca

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Il panino? Non famolo strano

2commenti

EDITORIALE

Draghi, nessun favore ma due messaggi

di Aldo Tagliaferro

ITALIA/MONDO

studentessa cinese

Investita e uccisa mentre inseguiva i ladri Video: gli ultimi istanti

1commento

Gran Bretagna

I gioielli di famiglia (reale): e Kate indossa la tiara di Diana

WEEKEND

WEEKEND

Presepi, street food, spongate:
gli appuntamenti

45 ANNI DOPO

Tarkus, il capolavoro di Emerson Lake & Palmer

SPORT

SERIE A

Roma, accolto il ricorso: tolta la qualifica a Strootman

TG PARMA

I Corrado acquistano il Pisa. Giuseppe: "Sogno sfida col Parma in A" Video

MOTORI

novità

Dal cilindro di Toyota esce C-HR, il Suv per tutti

in pillole

Ford Kuga:
il facelift