12°

Arte-Cultura

Un testimone, un protagonista

Un testimone, un protagonista
0

di Giuseppe Marchetti

George Bernanos citato da Sergio Zavoli nel suo parimenti trepido e intrepido libro di ricordi «Il ragazzo che io fui» (Mondadori editore), disse: «Ho visto tanti morti nella mia vita, ma più morto di tutti è il ragazzo che io fui». Il titolo scelto da Zavoli s'attaglia perfettamente alla misura umana e letteraria di quest'opera che viene ad aggiungersi ora alla ricca bibliografia del nostro scrittore romagnolo.  

E dico «nostro» con tutta la forza che l'aggettivo possiede perché ancora una volta Zavoli si rivela emiliano e romagnolo insieme, della tempra dei Marino Moretti, dei Manara Valgimigli, dei Giuseppe Raimondi, dei Riccardo Bacchelli, degli Antonio Delfini, dei Cavani e dei D'Arzo, con una semplicità e una limpidità di emozioni e di scrittura che non son facili da rinvenire oggi nel panorama della nostra narrativa. Una narrativa, poi, la sua, di testimonianza, un'autobiografia narrata al nipotino Andrea in questa lunga lettera testamento che attraversa quasi tutto il secolo scorso, Zavoli è del '23 ma non sembra proprio, come una scia di luci e di ombre abilmente calcolate sia sul tempo che inesorabilmente passa, sia sulle emozioni e i ricordi che lascia per via.

«Il ragazzo che i fui» è un po' «E la nave va» di Fellini gran maestro di ridenti rimpianti e di malinconici divertimenti tutti rappresi sul limitare dei suoi e  dei nostri anni, tanto che l'arte sottile e magica della memoria s'impregna di storia, di volti, di viaggi, di paesaggi, di voci, di libri, di uomini e donne, d'incanti e di patimenti disseminati in questa simbolica offerta a un bambino che capirà, che capirà chissà quando, ma che capirà non v'è dubbio. E proprio per la fiducia nell'intelligenza delle cose e del loro possente «amarcord» mai archiviato che Zavoli ci offre ancora, dopo gli indimenticabili volumi di poesie «Un cauto guardare» ('95) e «In parole strette» (2000), la sorpresa di una liricità convintamente compensata in quei versi: «Tornato nel tuo seme forse ti sarà chiara la sola storia che potevi avere». Bertolucci insegna, e alla lezione di questa radice tutta la narrazione di Zavoli s'affianca recuperando in tal modo la carica appassionata del giornalista radiofonico e televisivo e l'eccezionale capacità di far parlare (e vedere) personaggi e idee, rimpianti e ragioni, idoli infranti o trionfanti. E' dal tempo di «Romanza» (Mondadori, '87) che non leggevamo un libro come questo. Allora, ci colpì e ci persuase la «dolce eresia» della gioventù, l'incanto di cui spesso ci parla Tonino Guerra; adesso invece, come diceva Egisto Corradi qui ricordato per i coraggiosi bambini di Saigon, la memoria s'infittisce e «l'infanzia negata» si traduce in una consapevolezza nuova, saggia e paziente.

Paziente, è ovvio, verso la storia, la cronaca  e la memoria. Tutti e tre questi veicoli umani e letterari permettono al «Ragazzo che io fui» di porsi davanti al lettore di oggi come uno squarcio narrativo che riprende ad uno ad uno i termini centrali della vicenda umana dello scrittore Zavoli gran raccontatore del Novecento - si pensi a «Nascita di una dittatura», «La notte della Repubblica», «Viaggio nel Sud» - ma anche storico eccellente dei fatti vissuti che nei suoi documentari televisivi (o radiofonici di prima, quelli dedicati al ciclismo in particolare) ci raggiungono come romanzi del presente e interminabile corteo di immagini e suggestioni. Con i loro nomi veri, da quelli lontani dell'adolescenza e dalla gioventù (Desideria Di Senno, ad esempio) ai più noti, famosi e popolari della maturità (Pietro Nenni, Vito Taccone, Fausto Coppi, Federico Fellini, ad esempio) e ai più recenti (il nipotino Andrea) che riassumono timori e speranze nell'estrema possibilità di quel lucido delirio che ogni tanto afferra gli uomini e li travolge (le Brigate rosse, ad esempio). E qui il ragazzo che fu si volta indietro: non sono tutte macerie quei gesti e quelle parole del suo passato, sono invece poesie, racconti, documenti scritti e parlati che la vita assomma in sé, anzi su di sè, per la ricerca della verità, anche la più minuta e la più incerta che «lo scriventista» fugherà dentro e attorno sino alla fine. Perché, scrive Zavoli: «Dopo tanti anni, Andrea, devo confessarlo ancora non so se il problema di Dio è già stare con lui, o aggirarsi dalle sue parti; non so, per dir così, se vivo un bisogno dello spirito o mi rifugio in una seduta psicoanalitica. Stento per esempio a passare, e quindi a credere, che queste parole possano giungere a chi ha un dominio su tutto, anche su di me, nel sospetto che il mio destino sia di rimanere qui,  nel mio prendere parte al mondo in una solitudine che soltanto la solidarietà con i miei simili riesce a mitigare». 

Da bambino, Sergio sognava a colori, ma il suo libro ora ha i colori che si confondono e si sovrappongono. Ci tornano in mente «I vitelloni» felliniani: partire o non partire? E, se si resta, perché restare? 

Il ragazzo che io fui  - Mondadori ed., pag. 261, Euro 18,50

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Arriva il Tapiro d'oro, Renzi: "Un Tapiro cumulativo lo merito..."

Roma

Arriva il Tapiro d'oro, Renzi: "Un Tapiro cumulativo lo merito..." Foto

Jessica allena i glutei

GOSSIP

Sexy allenamento di Jessica Immobile: boom di clic 

Aurora Ramazzotti canta la canzone di papà Eros e lo imita: «Mi ucciderà»

radio

Aurora Ramazzotti imita papà Eros: «Mi ucciderà» Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

I dieci errori da evitare in palestra

FITNESS

I dieci errori da evitare in palestra

Lealtrenotizie

Aggiudicazione provvisoria⁩

Parma

Trasporto pubblico, gara a Busitalia. Tep all'attacco: "Verificheremo se l'assegnazione è legittima"

Offerte eccessivamente al ribasso - dice la Tep - possono poi avere pesantissime ripercussioni sul servizio, sugli utenti e sui lavoratori

2commenti

Sant'Ilario d'Enza

Rissa a colpi di sedie e tavolini: quattro stranieri in manette

Due indiani e due pakistani si sono affrontati fuori da un kebab di via Roma, nel paese della Val d'Enza

Parma

Mattinata di incidenti: diversi feriti in città e in provincia Foto

Via Mazzini

I commercianti: «Minacciati dalle baby gang»

4commenti

La storia

Silvia, convertita all'ebraismo: mollo tutto e mi trasferisco in Israele

Cocaina

Preso il pusher dei ragazzini

BASSA

I truffatori arrestati risarciscono i negozianti raggirati

1commento

Salsomaggiore

Addio a Iolanda Campanini, una vita fra libri e giornali

Il fenomeno dilaga

Bocconi al veleno, allarme anche a San Leonardo

2commenti

Polizia municipale

Autovelox e autodetector: ecco la mappa dei controlli a Parma

Fidenza

Malore in piazza, l'esercitazione diventa soccorso reale

Lega Pro

Parma: splendida rimonta, Samb ko

Guastalla

Vendevano materassi con minacce: denunciati tre truffatori, in azione anche a Parma

Il personaggio

Il bussetano Laurini debutterà in F3 al volante di una Dallara: «Che emozione»

Parma-Samb

D'Aversa: "Nel primo tempo non eravamo aggressivi. Importante l'atteggiamento" Video

2commenti

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma!

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La risposta che occorre per placare la rabbia

di Michele Brambilla

1commento

IL DIRETTORE RISPONDE

Le deprimenti liti dei politici

1commento

ITALIA/MONDO

vercelli

Voleva salvare il cane: travolto dal trattore di papà

auto

Addio al libretto di circolazione: il documento sarà unico

1commento

COSTUME

L'INDISCRETO

I belli delle donne

1commento

il disco

45 ANNI FA - Mu, il mito secondo Cocciante

SPORT

Stadio Tardini

Parma-Samb 4-2: ecco il gol di Munari

lega pro

La Reggiana vince 2-0 con il Lumezzane

MOTORI

SUPERCAR

Ferrari 812 Superfast,
la nuova berlinetta da 800 Cv

300 CV

Leon Cupra, la Seat più potente di sempre Gallery