-2°

Arte-Cultura

La Sindone resta affascinante e misteriosa: potrebbe essere un falso ma la scienza continua a cercare risposte

La Sindone resta affascinante e misteriosa: potrebbe essere un falso ma la scienza continua a cercare risposte
Ricevi gratis le news
4

“Il reperto archeologico più sfuggente ed enigmatico della storia, divenuto punto di riferimento essenziale per la vita, il comportamento e la morale di tantissime persone”. E’ iniziata con queste parole la complessa analisi storica del professor Valerio Massimo Manfredi sulla Sindone, custodita a Torino, nel corso di una conferenza nell’Aula Magna dell’Università di Reggio. L'aula era gremita, con diverse persone in piedi o sedute in terra, venute per ascoltare, per circa due ore, le spiegazioni di Manfredi.

Al suo secondo appuntamento con la Delegazione di Reggio Emilia dell’Ordine Equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme che, in collaborazione con la sezione reggiana della Deputazione di Storia Patria, ha presentato alla città un ciclo di conferenze di approfondimento prima sulla storia dell’Ordine quindi sulla vita di Gesù, il professor Manfredi ieri si attenuto al rigore della più corretta ricerca storica, offrendo al pubblico una lettura completa del “Sacro Lino”, a partire dall’illustrazione e dall’analisi delle fonti e delle testimonianze fino ai risultati delle più recenti indagini scientifiche accolte sempre con grande attenzione dalla Chiesa stessa.
 
Lo storico e scrittore ha affrontato l'argomento dal punto di vista scientifico. E' autentica o è un falso? "L'unica prova oggettiva che abbiamo dice che è un falso", spiega Manfredi, citando gli studi al carbonio14 effettuati anni fa. Secondo quelle analisi, la Sindone risale al XIV secolo e sarebbe uno "svarione" troppo grosso, per un esame di solito attendibile come quello del carbonio14, aver sbagliato di oltre mille anni. Nonostante questo, gli storici hanno continuato ad arrovellarsi e a tentare di scoprire se risalga veramente al primo secolo e soprattutto in quale modo si sia formata l'immagine.
Lo studioso ha illustrato le diverse ipotesi formulate in tal senso; sono stati fatti esperimenti, ma nessuno è stato soddisfacente.
 
“Moltissime le ipotesi, affascinanti, tecnologiche, suggestive, artistiche, talvolta stravaganti, formulate dal Medioevo, quando per la prima volta si ebbe notizia della sua comparsa in Europa, ad oggi che hanno tentato di fornire una spiegazione al mistero - secondo Manfredi - che avvolge questo lenzuolo di colore giallo ocra, tessuto a mano con trama a spina di pesce lungo più di quattro metri, che riporta impressa l’immagine intera di un uomo flagellato, crocefisso, incoronato di spine e ferito al costato, la cui immagine presenta le caratteristiche di un negativo fotografico ed è visibile solo mantenendo una distanza di almeno due metri”.
La tradizione, infatti, identifica l’uomo con Gesù e il lenzuolo con quello usato per avvolgerne il corpo nel sepolcro, ma la sua autenticità è oggetto di fortissime controversie alle quali gli esami dei frammenti eseguiti con la tecnica del “Carbonio 14” hanno escluso che il sudario potesse risalire al I secolo dopo Cristo, datando la stoffa in un intervallo di tempo compreso tra il 1260 e il 1390 d.C.
Quando fu scattata la prima fotografia alla Sindone, nel 1898, il fotografo Secondo Pia si inginocchiò, scoprendo che sulla lastra in negativo vedeva l'immagine che sembrava di Cristo deposto... come in positivo. Significa che sulla Sindone c'è un'immagine "in negativo".
Ci sono macchie di sangue, arrivate sul "Sacro Lino" prima che l'immagine si formasse. L'uomo raffigurato, poi, ha segni di fori nei polsi (i romani piantavano i chiodi ai crocefissi in un punto circondato da ossa, non nella mano come si vede nell'iconografia religiosa) e una corona di spine all'orientale (un copricapo simile alla tiara papale, che quindi ha ferito la sommità del cranio e non la fronte).
 
Nonostante il responso del carbonio14, “i sindonologi non si sono mai arresi e la scienza continua a esaminare ed esplorare questa reliquia di cui la Chiesa non ha comunque ulteriore bisogno per provare la rivelazione di Dio, che già risiede nel canone delle Scritture sacre. La tipologia delle tracce rinvenute sul lenzuolo - ha aggiunto Manfredi - sottendono che il corpo stesso sia stato sorgente di luce e di energia tale da impressionare la tela, mentre l’unica prova certa oggettiva che abbiamo riguardo all’attribuzione della Sindone sostiene che il lino non può risalire all’epoca di Gesù”. Enigmatiche e misteriose tanto quanto l’attribuzione della Sindone le conclusioni di Manfredi, che ha detto “per il momento io non posso e nemmeno voglio dire di più”, lasciando al pubblico in sala, raccolto in un silenzio riflessivo, la libertà di andare oltre, nel campo della fede.
 
L’avv. Franco Mazza, presidente della Delegazione di Reggio Emilia dell’Ordine Equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme, e mons. Gianfranco Gazzotti, priore della Delegazione, hanno quindi chiuso la serata ricordando il nuovo appuntamento con l’Ordine per il 18 dicembre alle 16 presso la Chiesa di san Pietro Martire a Reggio con un concerto natalizio di musica sacra.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Francesco

    20 Novembre @ 10.55

    LA RELIGIONE NON HA, NON DEVE AVERE , BISOGNO DI SUPERSTIZIONI.

    Rispondi

  • Binnu

    20 Novembre @ 09.29

    Ma basta spendere dei soldi per dare risposte a domande che nessuno pone. La fede è certezza.

    Rispondi

  • marco

    20 Novembre @ 09.03

    Francamente, di questo argomento non se ne può più.

    Rispondi

  • Gianfranco

    19 Novembre @ 22.42

    Ma che titolo è "potrebbe essere un falso" ? E' un falso conclamato e accertato senza più dubbi, ma come spesso accade distinguere tra ciò che è vero da ciò che è falso (quando lo si può fare come in questa situazione) sembra non importare a nulla, mentre invece resta l'unica chiave di comprensione del mondo che abbiamo

    Rispondi

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Addio a Sergio Sergio Della Monica, fondò i Planet Funk: aveva 58 anni

lutto

Addio a  Sergio Della Monica, fondò i Planet Funk: aveva 58 anni Video, la celebre "Who Said"

1commento

Chef Gino

LO STRAJE'

Chef Gino: "Così invoglio le famiglie a stare insieme in cucina" Video

2commenti

Luca Tommassini nuovo direttore artistico di Amici

tv

Luca Tommassini nuovo direttore artistico di "Amici"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Domani speciale su cani, gatti & Co.

INSERTO

Domani speciale su cani, gatti & Co.

Lealtrenotizie

Rubano alcune lanterne dai tavolini di un ristorante di via Mameli

Via MAMELI

Rubano alcolici per rivenderli ai ragazzi in centro: arrestato 27enne marocchino, fuggito il complice

Il malvivente è stato fermato da un carabiniere fuori servizio

1commento

PARMA

In stazione con un motorino rubato: denunciati un 20enne e un 17enne

I ragazzi abitano a Solignano

CULTURA

Parma capitale 2020: «Evviva! E ora tutti al lavoro senza perdere tempo»

I giudizi del comitato scientifico

1commento

Indagine

Caro cimiteri: stessi servizi, prezzi (molto) diversi

Cambio vita

Andrea, da Bogolese al giro del mondo

Calcio

Quanti problemi dietro la disfatta

PARMA

Eramo, Lavagetto e Pezzuto: "Niente sala civica per Forza Nuova, bastava modificare il Regolamento"

FIDENZA

Addio a Graziella, per 40 anni impiegata all'Aci

Tuttaparma

La tradizione del brodo fatto in casa

Scuola

Diritto alla disconnessione per i docenti: opinioni a confronto

2commenti

Addio

Leo Landolfi, il medico napoletano che amava Parma

VIABILITA'

Autovelox e autodetector: ecco dove saranno

PARMA

L’anteprima di “Benvenuti a casa mia”: al cinema gratis con la Gazzetta

Il nostro giornale mette a disposizione 25 inviti per due persone

politica

Agenda elettorale: oggi Renzi a Parma, domani Salvini a Busseto e Traversetolo

INTERVISTA

Da Parma alla Norvegia: "Alle isole Lofoten, alci a passeggio fra le case..." Video Foto

Giovanni Garani spiega le emozioni del suo viaggio in Norvegia assieme a Fabio Fornasari

BABY GANG

Poliziotti e vigili: ragazzi sotto stretta sorveglianza in via Cavour

20commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Riuscire a lamentarsi anche quando si vince

di Michele Brambilla

7commenti

LA PEPPA

La ricetta - Ciambelline ricotta e arance

ITALIA/MONDO

scienza

Creato negli Stati Uniti un embrione ibrido pecora-uomo

PALERMO

Facevano prostituire la figlia di 9 anni: arrestati i genitori e due clienti

1commento

SPORT

olimpiadi

L'atleta russo di curling Krushelnitckii è positivo al doping: aperta una procedura

BASKET

Coppa Italia, storica prima volta di Torino

SOCIETA'

youtube

Otto ore di volo col bimbo che urla «indemoniato»

1commento

social

Tenta di speronarlo in autostrada (come nei film) ma... Video

MOTORI

MOTORI

Skoda Kodiaq, ancora più completa in allestimento Sportline Foto

PROVA SU STRADA

Giulia, al volante di una vera Alfa