Arte-Cultura

"Il tesoro dell'impero bizantino? Vicino al Petitot"

"Il tesoro dell'impero bizantino? Vicino al Petitot"
0

di Luca Pelagatti
I l Codice da Vinci in confronto è una barzelletta di Pavlè. Che volete mettere i Templari col tesoro dell'imperatore bizantino? Ma soprattutto volete paragonare il Louvre col Tardini? O Parigi con barriera Farini? Ecco perchè Dan Brown si morde le dita. E si maledice per non avere preso casa con vista sul Petitot.
A insegnargli il mestiere un fantomatico Francis C. Pelagatti (nessun legame con l'autore di questo articolo) che negli ultimi giorni ha inondato la città di lettere. Indirizzate a perfetti sconosciuti  che, però, confidenzialmente chiama «cari amici». Questo Pelagatti nella sua missiva si presenta come un parmigiano «strajè» a New York che in uno dei suoi periodici ritorni «patriottici» ha  notato strani personaggi «forse di origine araba» che «esplorano gli spazi verdi della città con apparecchi rivelatori di metalli». «In alcuni casi sono andati oltre scavando buche profonde, poi ricoperte», prosegue l'autore della lettera. Che non si nega nulla, e in pieno tripudio da thriller, racconta di avere visitato personalmente queste voragini e di avere fatto una indagine. Grazie anche un evanescente amico. E così questi Holmes e Watson con sapore di  anolini hanno scoperto cosa stanno cercando a Parma gli arabi coi metal detector: l'immenso tesoro dell'Esarca, ovvero il cassiere dell'imperatore bizantino. Che nell'anno 567 in fuga dai Longobardi avrebbe scavato una buca nascondendo una fortuna.
A questo punto chiunque scuoterebbe la testa. E archivierebbe la lettera nella differenziata. Ma l'autore consapevole di questo gioca  un nuovo asso di briscola. Che rende il tutto non meno improbabile: ma ancora più suggestivo. Questa caccia al tesoro dei silenziosi arabi sarebbe nata infatti da quando è  stato pubblicato il libro di uno scrittore mediorientale, «I fiori del giardino di Allah», che svela appunto la vicenda del tesoro nascosto. Spiegando anche dove si troverebbe. O meglio: dove si trovava nell'anno del Signore 567 quando a Parma si scontravano eserciti. Mentre ora si sfidano calciatori. «Il punto dove sta il tesoro è nelle aree comprese tra via Zarotto e via Torelli. E ci vuol poco ad accorgersi che in quella zona c'è anche  lo stadio Tardini. Ed è proprio qui intorno che gli arabi andranno a scavare in massa nelle prossime notti», svela quindi lo strajè che aggiunge di essere anche andato a portare la preoccupante novella in Comune. Dove però, guarda caso,   non l'hanno preso sul serio. Le farneticazioni di un mitomane? Può darsi. Ma una cosa è certa. Il libro citato esiste per davvero: e da pagina 332 in poi, con una inquietante serie di citazioni e riferimenti, il ponderoso tomo parla proprio di Parma, del tesoro e di una buca. Scavata a 2200 passi da «porta Pidocchiosa». E questo è il nome che nel Medioevo si dava alla porta che corrisponde oggi a  barriera Farini. Non solo: l'autore del libro, che usa uno pseudonimo per proteggersi dalle vendette degli integralisti islamici, prosegue spiegando che negli anni '50 sulle tracce del tesoro gli arabi sono arrivati  fino alla villetta di un certo dottor  M.. Che nell'orto coltivava zucche sopra il tesoro. «La casa, una piccola villetta di color rossastro con un cancello verde, aveva sul retro un garage e un orto di due o trecento metri quadrati ed è stata in seguito acquistata da una nuova proprietaria,  una certa signora C., di mestiere insegnante: suo marito viaggiava per lavoro e in casa ospitavano il padre di lui e la madre di lei, vedovi».
Tutto chiaro insomma: il tesoro di Bisanzio è sepolto a due passi dal Tardini, ombre silenziose con baffoni e occhi di brace  si aggirano per Parma col buio fiutando sotto terra, il Comune sa ma non si attiva per trovare l'oro. E un parmigiano trapiantato nella «Grande Mela» insieme a uno scrittore mediorientale erano gli unici che sapevano tutto. Adesso   anche voi sapete. E converrete che in confronto il «Codice da Vinci» è una bazzecola. Il sedicente «Pelagatti da New York» conclude suggerendo al Comune e al Parma di iniziare a scavare («Il tesoro bizantino potrebbe equivalere a 6 o 7 Finanziarie»). Resta da vedere se accetteranno il suggerimento. Intanto sembra che, da quando le lettere hanno cominciato ad arrivare, in città i negozi che vendono pale abbiamo iniziato a fare affari d'oro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

L'eredità

televisione

Gabriele arriva in finale a L'eredità

Aniston rifila un "due di picche" a Pitt

invito a cena

Aniston rifila un "due di picche" a Pitt

Marito e moglie si incontrano per caso in villa di scambisti: scoppia rissa

ARICCIA

Marito e moglie si incontrano per caso in villa di scambisti: scoppia rissa

Notiziepiùlette

Ultime notizie

autovelox

CONTROLLI

Autovelox e autodetector: la mappa della settimana

Lealtrenotizie

Rianimato dall'amico dopo essere stato investito: è gravissimo

Dramma

Rianimato dall'amico dopo essere stato investito: è gravissimo

parma calcio

Nuovo ds, tramonta Vagnati e rispunta Faggiano

PARTITI

La resa dei conti nel Pd e le elezioni

1commento

Cassazione

Omicidio Guarino, le motivazioni dell'ergastolo

Psicologia

Bebè, il buon sonno incomincia dal lettone

Io parlo parmigiano

Un calendario tutto da ridere

q.re Pablo

Multa a una 78enne invalida, per i rifiuti si affidava ad un vicino

La denuncia della Cgil: “Serve più attenzione per le fasce deboli della popolazione”

15commenti

ACCADEMIA

Maria Luigia e la fucina delle arti

Lutto

Borgotaro piange il maresciallo Bernardi

collecchio-noceto

Truffa-furto del finto soccorso stradale: nuove segnalazioni

1commento

parma calcio

Vagnati Ds: lo "accoglie" D'Aversa: "Felice di averlo al mio fianco"

BASSA

Lutto a Sorbolo per la morte di Ilaria, uccisa da una malattia a 30 anni

AL REGIO

Virginia Raffaele «ladra di facce»

Galà e premiazioni

Cus: parata di campioni e di sorrisi Fotogallery

traversetolo

Ucciso da forma di Parmigiano: condannato il produttore della "spazzolatrice"

il fatto del giorno

Referendum e dimissioni: "Non è la fine politica di Renzi"

2commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Il panino? Non famolo strano

LA BACHECA

44 opportunità per trovare un lavoro

ITALIA/MONDO

Governo

Mattarella chiede a Renzi di congelare le dimissioni: "Bilancio da approvare"

cagliari

Uccise i genitori adottivi, 28enne si impicca in carcere

1commento

SOCIETA'

Strajè

"Costretta" a fare ricerca all'estero. Il sogno di Maria Chiara: tornare a Parma Video

1commento

televisione

Belen e Cuccarini, il sexy tango infiamma la tv

SPORT

Calciomercato

Vagnati, la Spal spaventa il Parma

16a giornata

Parma - Bassano 1-1 Gli highlights

MOTORI

GRUGLIASCO

Prodotta la Maserati numero centomila

NOVITA'

Q2, l'Audi che farà strage di cuori (femminili)