Arte-Cultura

Dive ed eroi di celluloide

Dive ed eroi di celluloide
Ricevi gratis le news
0

 di Lisa Oppici

In copertina Greta Garbo guarda come solo lei sa fare. Schiena scoperta, viso girato sulla spalla, occhi nell’obiettivo. E con quel volto divino, con quel «viso di neve e solitudine» che è stato e resterà sempre solo suo, ci guarda. Guarda noi. Infondendoci una sensazione insieme di purezza e sensualità, e - naturalmente, immancabile - malinconia. Non è un caso che per la copertina dell’ultimo libro di Roberto Campari, «Un Olimpo di luce», pubblicato da Marsilio, sia stata scelta proprio la Garbo, la divina per eccellenza. Perché in un volume che riflette sulla «bellezza del corpo nel cinema» (così il sottotitolo) non si poteva non «partire» da un’immagine dell’attrice che forse più di altre, forse per prima, ha rappresentato l’esempio più palese dell’inestricabilità del legame tra bellezza, corpo e divismo: mattone essenziale, questo legame, per la costruzione di quell'«Olimpo di luce e colori» che è stato buona parte del cinema del Novecento, soprattutto americano. Non è la sola, la Garbo. Con lei nel saggio di Campari (docente di Storia e critica del cinema all’Università di Parma) ci sono tanti altri volti, tante altre star: altri «divi», termine scelto tutt'altro che a caso. Già, perché sono proprio i divi a popolare l’Olimpo, sono quei volti e quei corpi che sostanziano di sé una dimensione assai vicina al mito, e al mito greco in particolare; lo sostengono con forza Béla Balázs e Edgar Morin, che l’autore riprende in una prima parte dedicata appunto alla bellezza trattata dai teorici del cinema e al ruolo che essa ha nello «status» divistico. Parte proprio da qui, Campari: dalle riflessioni di Balázs sulla «evoluzione in forma essenzialmente visiva della cultura novecentesca» (una civiltà dell’immagine in cui la figura umana assurge a nuova visibilità) e dai parallelismi di Morin fra Olimpo di celluloide e miti antichi, con la star del cinema che partecipa nello stesso tempo alla natura umana e a quella divina ed è «fatta di una stoffa mista tra vita e sogno». Parte da qui e poi allarga l’orizzonte: passa alla bellezza come tema narrativo centrale, come vero e proprio volano, attraversa un autore così attratto dai risvolti e dagli effetti della bellezza da farne elemento essenziale nella propria tessitura filmica (Visconti), ma si sofferma anche su altri maestri, a cominciare dal Fellini della «Dolce vita». Poi arriva alla galleria dei divi, tracciata tenendo la bellezza come lente, come chiave di lettura, e puntando l’attenzione su aspetti fondamentali nell’ottica del divismo, primo fra tutti l’entrata in scena. In questa galleria li troviamo tutti, i divi: da Rodolfo Valentino («il primo personaggio divistico maschile la cui immagine viene organizzata, nel cinema, come se si trattasse di un personaggio femminile, dunque puntando in primo luogo sulla bellezza fisica, potenziata dalle invenzioni di costume e fotografia») appunto alla Garbo, dalla Dietrich a Cary Grant, a Rita Hayworth, a Marlon Brando, a Marilyn Monroe, a Audrey Hepburn (Avedon: «ha inventato l’eleganza»; Wilder: «aveva quel qualcosa di speciale [...] sullo schermo sapeva creare qualcosa di nuovo, qualcosa che ha a che vedere con lo charme e l’eleganza»), al bellissimo e tormentato James Dean (per Morin «Dio, eroe, modello per milioni di adolescenti in tutto il mondo») e a molti altri, dei ed eroi di un mondo antico che si è piano piano spento (la carrellata del volume arriva fino agli anni Ottanta) e che oggi, nonostante i red capet sfavillanti che ci assalgono attraverso la Tv (e nonostante la Tv e i nuovi media) non c'è più. Perché sono cambiati i tempi, perché è cambiata la società, perché è cambiata la cultura e i mezzi stessi che la veicolano sono diversi (le star belle e bellissime ci sono state anche dopo gli anni Ottanta, ma «il punto è che nessuno di questi personaggi ha potuto raggiungere il carisma dell’epoca classica, proprio perché non lo hanno consentito i tempi e la cultura»). Di quel mondo antico Campari sa rendere tutto il fascino e l’atmosfera, in un saggio prezioso e piacevolmente «prendibile», accessibile, molto chiaro, nel quale lo spettatore, anche il non «addetto ai lavori», è preso per mano e accompagnato in un viaggio fantastico. Tutto da assaporare. 

 Un Olimpo di luceMarsilio, pag. 175,  12,00 

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Orietta Berti "assolta" dall'AgCom

Orietta Berti in una foto d'archivio

Par condicio

Orietta Berti "assolta" dall'AgCom

La dj Jessie Diamond: «Vi presento CR 10, il mio nuovo singolo»

Intervista

La dj Jessie Diamond: «Vi presento CR 10, il mio nuovo singolo»

Festa al "Caseificio della musica": ecco chi c'era

PGN

Festa al "Caseificio della musica": ecco chi c'era Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Domani lo speciale "Amico dentista"

INSERTO

In edicola lo speciale "Amico dentista"

Lealtrenotizie

Sarcone, il nuovo re della cosca che tentava di intimidire i testimoni dell'affare Sorbolo

'NDRANGHETA

Sarcone, il nuovo re della cosca che tentava di intimidire i testimoni dell'affare Sorbolo

POSTALLUVIONE

Ponte della Navetta, appalto all'impresa Buia

Lutto

L'ultimo viaggio di Cavatorta

Appello

Il sindaco di Collecchio: «Cerchiamo padroni per 15 cani»

NOCETO

Addio a Mario Reverberi, colonna del volontariato

Colorno

Rubata l'auto a servizio di un malato di Sla

Avis

Izzi: «Troppo pochi disposti a donare»

ODONTOIATRI

Falsi dentisti, c'è l'app per stanarli

san leonardo

Commerciante straniero permette di fermare il ladro d’auto italiano

2commenti

OSPEDALE

Day hospital oncologico al Cattani: lavori verso la conclusione. Ecco come sarà: foto

Intervento da 1,3 milioni di euro. Parcheggi riservati ai pazienti in cura

FATTO DEL GIORNO

Giovanni Reverberi, parmigiano prigioniero a Dachau: la sua storia in un libro toccante Video

La nipote di Reverberi, Natalia Conti, è fra coloro che tengono viva la memoria di quanto accadde in quegli anni

VOLANTI

Si arrampicano lungo tubi e grondaie e svaligiano le case: 6 furti in un giorno a Parma

14commenti

Palacassa

Concorso per un posto da infermiere: 3mila al Palacassa, candidati anche da Agrigento Foto

L'obiettivo di molti partecipanti è entrare in graduatoria, sperando in una chiamata entro i prossimi tre anni

7commenti

TG PARMA

Le elezioni 2018 costeranno 584mila euro al Comune di Parma Video

Allarme

Ore 7: attimi di paura in via Emilia Est

6commenti

PARMA

Momenti di paura e tensione in via Duca Alessandro Video

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

L'indispensabile ruolo di Silvio l'ineleggibile

di Vittorio Testa

1commento

L'ESPERTO

Un immobile in successione? Si può vendere. Ecco come

ITALIA/MONDO

Salute

Le sigarette elettroniche pericolose per gli adolescenti

ALTO ADIGE

Slavine in Vallelunga: travolta una casa, evacuato anche un albergo Foto

SPORT

Tuffi

Tania Cagnotto è diventata mamma

Tg Parma

Di Cesare: "Con il Novara sarà dura, vengono da una vittoria" Video

2commenti

SOCIETA'

GUSTO

Carbonara: ecco la vera ricetta romana  Video

hi tech

L'iPhone X vende poco, Apple potrebbe "pensionarlo"

2commenti

MOTORI

novita'

Honda Civic, finalmente il diesel. Il 1.6 spiegato in tre mosse

RESTYLING

La Mini rifà il trucco a 3porte, 5porte e cabrio Video