Arte-Cultura

Salmi e elzeviri dalla Romagna

Salmi e elzeviri dalla Romagna
Ricevi gratis le news
0

Giovanni Lugaresi

Incominciamo dalla «dedicatoria» che molto opportunamente l’autore riferisce a Walter Della Monica, perché è stato lui a stimolarlo sulla via della conoscenza (e quindi per la biografia) del prete scrittore tanto amato dai romagnoli. Ma anche perché dobbiamo (sempre) a Della Monica la raccolta e la pubblicazione degli scritti fuschiniani, prima con un editore locale quale Mario Lapucci del Girasole, poi con case di livello nazionale: da Rusconi a Marsilio. E proprio da Marsilio, ecco questo «Un prete e un cane in Paradiso» – sottotitolo ‘La vita di don Fuschini lo scrittore più amato di Romagna’ di Franco Gabici, appunto, che ripercorre passo passo la vita e l’opera di questo pretino (il diminutivo è di Marino Moretti che chiamava «i miei pretini» gli amici don Francesco e don Giovanni Zanella), il quale, dopo la vocazione al sacerdozio, coltivò quella per la letteratura.  E se è vero, come è vero, che lo spirito soffia dove vuole, ugualmente può fare la letteratura. Gabici lo evidenzia, scrivendo innanzitutto, e ovviamente, della infanzia di don Francesco (1914-2006), trascorsa in una povera famiglia di un povero territorio quale poteva essere quello di San Biagio d’Argenta (provincia di Ferrara, diocesi di Ravenna), in  gronda al Reno e alla valli. Era un ambiente di semplici, di umili, di povera gente dedita alla pesca (quella di frodo compresa) e alla caccia, fiocinini e cacciatori: pesce (anguille soprattutto), e doppiette, cani allevati da Giovanni, padre di Franceschino, mentre la mamma, Teresa, faceva la sarta - donna di poche parole, di occhi profondi, di sguardi severi che spesso però si aprivano a uno sconfinato, dolce sorriso. E quel mondo, quelle presenze, don Francesco avrebbe reso famosi nei suoi scritti, gli elzeviri di Terza Pagina del vecchio Resto del Carlino, quando su quella Terza Pagina medesima (oh, quanto rimpianta!) era dato leggere le firme di Prezzolini e Silone, Mauriac e Berto, Serantini e Maldini, Valgimigli e Angelini, Matteucci e Raimondi, Emery e Dessì, Zanelli e Goldoni, Comisso e Marabini, Comini e Romano, Maranini e Tosi, Vinciguera e Troisi. Una Terza Pagina che aveva avuto peraltro in passato firme come quelle di Carducci e Pascoli, Oriani e Missiroli,  Croce e Olindo Guerrini, Einaudi e Alvaro, Longo e Spallicci. Ma questa, come avrebbe detto Kipling, è un’altra storia. Torniamo al libro, per dire che il racconto della vita e dell’opera di questo straordinario prete si dipana con una felicità di immagini e una puntualità di resoconti degni del biografato. E’ un andamento quasi musicale, a volte, quello delle pagine di Gabici, fra valli, campagne, l’antica chiesa di Santa Maria in Porto Fuori, figure di preti e di uomini, di politici e di letterati, di ammiratori lontani e di amici. L’esistenza di don Fuschini, come l’autore ben documenta, non ebbe un momento di tregua, sino agli ultimi anni: quelli della vecchiaia e del silenzio, dei malanni e dell’assenza dal proscenio. Il prete e il letterato procedono sempre di pari passo, in questa avventura terrena ricca di fascino, ancorché svoltasi in estrema semplicità e con le caratteristiche insite nei tempi e nei luoghi: la lotta per la fede, che fu anche lotta politica, l’abbandono al richiamo della natura, di un ambiente prima vallivo, poi campestre, ricco di umori e colori, con, nell’ultima fase, il fedele cane Pirro, eredità paterna, ultimo della famiglia Fuschini a lasciare il pretino. Sacerdozio, cioè cura d’anime, «in partibus infidelium», cioè in un paese come Porto Fuori nel quale chi andava in chiesa si poteva contare sulle dita delle due mani; ma anche lotta sulle pagine dell’Argine, il settimanale diocesano, contro i nemici della fede, contro i persecutori della Chiesa, conservando peraltro sempre ben distinto l’errore dall’errante. Poi, letteratura, che prendeva le mosse dalla vita; gli elzeviri che profumavano come fiori di campo; le noterelle poetiche di ispirazione religiosa (primavera, Pasqua); infine, la critica, compresa quella del costume. Ma prima di tutto e di tutti, nella vicenda personale dell’uomo, del prete, del letterato, ecco emergere un elemento indiscutibile: la fedeltà alla Chiesa. Franco Gabici cita una pagina molto significative, nella sua bellezza formale, di Giuseppe Longo. Il «Paolo Tarso» delle Note sull’Osservatore Politico Letterario rievocava un tardo pomeriggio piovoso nella canonica di Porto Fuori, seduti alla semplice tavola del parroco. Noi c’eravamo, e sentimmo, nei vari conversari, quella frase «esplosiva», una sorta di deflagrazione, mentre fuori la pioggia batteva sempre più insistente e il cielo veniva percorso dai fulmini: «Io sono, prima di tutto, uomo della Chiesa»! E’ su questo aspetto, poi, alla fin fine, che Gabici pone l’accento. Il lavoro di don Fuschini, i sacrifici compiuti, i dolori patiti, le battaglie combattute, soprattutto le amarezza masticate nel periodo conciliare e postconciliare soprattutto, e ad opera non dei nemici tradizionali, i comunisti dell’obbedienza cieca pronta assoluta al verbo marxista e moscovita, ma di altri cattolici, i neomodernisti che dominavano in quei tempi di confusione, di caos, di incertezze, di dubbi. Don Fuschini non disertò il campo. «Semper idem»; lui che detestava i voltagabbana, non cambiò gabbana con il mutar delle stagioni. Non era stato clericofascista, si guardò bene dall’essere cattocomunista. Nell’ultima stagione della vita, peraltro, raccolse le soddisfazioni della sua opera scritta, ancorché il morso della solitudine (persi i genitori e, dopo, l’ultimo di famiglia, il pointer Pirro) lo avesse addentato. L’amico vero, l’amico fedele e fidato, Walter Della Monica, raccolse tanta parte dei suoi scritti in volume, da «L’ultimo anarchico» a «Parole poverette», da «Concertino romagnolo» a «Vita da cani e da preti», a «Mea culpa», elogiati, elogiatissimi da fior di critici, in primis Prezzolini. Ma la sua condizione, dopo un ricovero in ospedale e il trasferimento all’Opera Santa Teresa, non era più quella di un tempo. Si chiuse in un mutismo a molti incomprensibile. In fin dei conti, era amorevolmente accudito, nel reparto riservato ai sacerdoti, da suor Virginia da un lato, da Fulvio e moglie dall’altro.  Eppure, eppure… Avvertiva forse che il suo tempo stava per concludersi? O erano i ricordi di una lunga e a volte tribolata esistenza a tenerlo lontano dal presente? Gabici ci racconta l’epilogo della sua avventura terrena con accenti nostalgici e profondità di riflessione. Le ultime pagine sono struggenti e commoventi.  Ci sono i «rimbalzi» della fontana di Palazzeschi, le immagini di cieli aperti nel respiro delle valli e quello dei campi, con voli di rondini, e c’è il «ritorno alla base», in quel cimiterino di San Biagio d’Argenta, accanto alle tombe di mamma Teresa e di babbo Giovanni… San Biagio d’Argenta, già, oggi senza più i fiocinini e i cacciatori di frodo! Al cattolico lettore, come l’avrebbe chiamato don Francesco, viene un magone così, senza più parole.  Agli altri lettori, il senso di una vita e di un’opera che oggi più che mai risplendono in un mondo di poca o nessuna fede, di vili, di opportunisti, di vanesi, di egoisti. Tante cose del tempo di don Fuschini sono passate («sic transit gloria mundi»!), il suo esempio e la sua pagina, no.
Un prete e un cane in Paradiso - Marsilio, pag. 213, 15,00 euro

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Cracco si è sposato (Lapo Elkann testimone) Gallery

milano

Cracco si è sposato (Lapo Elkann testimone) Gallery

Addio ad Anna Campori, Giovanna nel 'Corsaro Nero'

TELEVISIONE

Addio ad Anna Campori, Giovanna nel "Corsaro Nero" Video

1commento

Colin Firth e Woody Allen

Colin Firth e Woody Allen

NEW YORK

Molestie: Woody Allen, anche Colin Firth si sfila. Carriera finita?

Notiziepiùlette

Ultime notizie

“Pat Garrett & Billy the Kid”, il mito secondo Dylan

IL DISCO

“Pat Garrett & Billy the Kid”, il mito western secondo Dylan

di Michele Ceparano

Lealtrenotizie

Episodio di omo-transfobia in via Cavour, 37enne insultato

il caso

Episodio di omo-transfobia in via Cavour: insultato un 37enne Video

sabato

Cremona, quasi 2.000 tifosi crociati per una trasferta (e rivalità) d'altri tempi

Allo Zini riaprono i distinti, incasso in beneficenza

1commento

IL FATTO DEL GIORNO

Lupi e polemiche: dite la vostra, ma con garbo e correttezza Video

3commenti

polizia locale

Unione Pedemontana, camionisti sempre più indisciplinati: 213 sanzioni su 263 mezzi controllati I dati

23 gennaio

Oltre 5.000 candidati per un posto da infermiere: affittato il Palacassa Tutte le info

Comitato di vigilanza con 160 operatori aziendali, bus navetta dalla stazione ferroviaria

3commenti

p.le della pace

La città che cambia: ecco la (ex) sede della Provincia vuota Video

PARMA CALCIO

I nuovi numeri di maglia. I convocati per Cremona (ci sono Calaiò e Ceravolo)

Cremonese-Parma

D'Aversa: "Ceravolo e Calaiò in recupero. Ma non sono al 100%" Video

POLIZIA

Parma, mancano agenti: Pizzarotti chiede un incontro al ministro dell'Interno

Nella lettera, il sindaco sottolinea che Parma è penalizzata rispetto ad altre città dell'Emilia-Romagna

9commenti

elezioni

Da "Mamme del mondo" a "W la fisica" (oltre a Lega e M5S), ecco i primi simboli presentati Foto

FURTO

Collecchio, va a fare la spesa e le svaligiano la villa

Casa a soqquadro. La proprietaria: «Conoscevano le nostre abitudini»

1commento

Traversetolo

In fiamme autocarro che trasportava fieno a Vignale Foto

Sono intervenuti i vigili del fuoco

1commento

Traversetolo

Un cartello alla porta: «I vostri colleghi ladri sono già passati»

1commento

PARMA

Luigine, proseguono le trattative: ne parla anche "Striscia la notizia" Video

Mistero

Busseto, chiuse due strade nella notte: è giallo

Tar di Bologna

Velo in tribunale: il giudice è un parmigiano

2commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Smartphone al volante? L'auto progredisce. L'uomo regredisce

di Aldo Tagliaferro

CHICHIBIO

«Timocenko», soprattutto pizza per tutti i gusti

di Chichibio

1commento

ITALIA/MONDO

Francia

La Vedova nera delle Costa azzurra condannata a 22 anni

AUTO

Da febbraio notifica delle multe con la mail certificata

1commento

SPORT

STORIE DI EX

Prandelli ancora un flop, via anche dall'Al Nasr

tennis

Griglia di partenza rovente: al via i regionali a squadre indoor

SOCIETA'

televisione

Armando Gandolfi (e il pomodoro) protagonisti sabato su Rai1 Video

BASSA REGGIANA

Due "super siluri" pescati a Boretto

MOTORI

LA NOVITA'

Nuova Dacia Duster: il low cost diventa un eroe borghese

NOVITA'

Gamma Fiat 500 Mirror, infotainment "allo specchio"