Arte-Cultura

Da Parma a Costantinopoli

Da Parma a Costantinopoli
0

Giuseppe Albertoni

Si conclude con il saggio di Giuseppe Albertoni, dal titolo «Sigefredo I, un vescovo tra Parma e Costantinopoli», estratto dal più complesso «Il Potere del Vescovo. Parma in Età Ottoniana» contenuto nel primo dei due volumi dell’opera editoriale «Storia di Parma» dedicati al Medioevo, il viaggio nella prima metà del Medioevo, quella che tratta i poteri e le istituzioni cittadine, quel complesso di dinamiche che hanno portato Parma a svilupparsi fino ai giorni nostri. La seconda, e ultima, tappa del percorso medievale, in uscita a dicembre per i tipi di Monte Università Parma Editore, è dedicata a «Economia, società, memoria», con i contributi di docenti e studiosi che analizzeranno le altre caratteristiche della società del tempo. Due volumi che raccontano un unico periodo storico lungo e complesso, troppo spesso considerato buio e poco civilizzato, ma che tanto ha contribuito allo sviluppo della società moderna. Chiesa, ordini religiosi, sistemi ospedalieri e assistenziali, aspetti della società più in generale, sono solo alcuni elementi fondamentali che hanno avuto un forte impulso nel periodo medievale e hanno gettato le basi per l’affermazione della società moderna. Di seguito l’estratto di Giuseppe Albertoni dal volume «Parma Medievale. Poteri e Istituzioni».
Tra le figure più significative della storia di Parma del X secolo possiamo annoverare sicuramente il vescovo Sigefredo I, uno dei più stretti collaboratori di Ugo di Provenza, re d’Italia dal 926 al 945. A dimostrazione del rapporto di fiducia e fedeltà che lo legava al sovrano possiamo ricordare un episodio narrato da Liutprando da Cremona, uno dei maggiori storici dell’epoca. Attento a tutti i retroscena dei principali eventi, Liutprando ricorda come re Ugo avesse scelto proprio Sigefredo per una missione diplomatica assai complessa, che aveva come teatro Costantinopoli. Nel settembre del 944, infatti, il vescovo di Parma accompagnò nella capitale dell’Impero bizantino Berta, la figlia del re, destinata a sposare il giovane Romano II, figlio dell’imperatore Costantino VII Porfirogenito. Si trattava di un matrimonio progettato per stabilire un’alleanza tra i due sovrani in un momento politico assai difficile per entrambi. Dotto bibliofilo appassionato di storia, Costantino VII era succeduto al padre nel 912 quand’era ancora bambino, ma ben presto aveva dovuto cedere il potere effettivo a Romano I Lecapeno, suo tutore, che dapprima gli aveva dato in sposa la figlia Elena, poi si era fatto nominare "co-imperatore". Il vescovo di Parma Sigefredo giunse a Costantinopoli in un frangente molto delicato, nel mentre i due figli di Romano I - Costantino e Stefano - temendo un "ritorno" di Costantino VII e una loro conseguente emarginazione, avevano deciso di detronizzare l’ormai indebolito padre, che rapirono e imprigionarono sull'isola di Prote, nel Mar di Marmara. Ma i due cospiratori avevano sottovalutato la rete di alleanze che gravitava attorno a Costantino VII, il quale riuscì a farli arrestare e a esercitare finalmente in prima persona la propria carica. In questo contesto, stando sempre a Liutprando da Cremona, il vescovo Sigefredo si sarebbe trovato ancora a Costantinopoli, dove avrebbe giocato un ruolo centrale nell’ascesa di Costantino VII, garantendogli l’appoggio dell’importante comunità «italiana» presente sul Bosforo. Infatti quando, nel racconto di Liutprando, i due fratelli sconfitti si interrogano sui motivi del loro fallimento, riconoscono la centralità di Sigefredo affermando che il vescovo di Parma «messo di re Ugo, prendendo con sé le genti della sua lingua, cioè gli Amalfitani, i Romani, i Gaetani, è stato per noi di rovina». Al di là dell’importante riferimento alla comunanza di lingua - reale o almeno percepita - tra le nationes degli Almalfitani, dei Romani, dei Gaetani e il vescovo di Parma, sulle cui origini familiari purtroppo poco o nulla sappiamo, la missione costantinopolitana di Sigefredo mette bene in risalto il ruolo tutt'altro che circoscrivibile all’ambito locale di questo e di altri vescovi parmensi del secolo X. Si tratta di una funzione eminente, testimoniata dal frequente esercizio della carica di cancelliere o arcicancelliere regio, una funzione che testimonia indirettamente anche il parallelo ruolo eminente della città di Parma come centro scrittorio, provvisto di una propria «cancelleria» in grado di redigere completamente o almeno in parte i diplomi regi emanati per la Chiesa parmense.
In questo, naturalmente, Parma non fu un caso isolato, dal momento che condizioni parzialmente analoghe le possiamo riscontrare anche per altre importanti sedi vescovili della via Emilia, come quelle di Piacenza, Reggio Emilia o Modena. Sicuramente, però, le scelte politiche e le iniziative di alcuni vescovi di Parma contribuirono a porne in risalto alcune peculiarità, come, per esempio, il rapporto col mondo bizantino, testimoniato non solo dall’ambasceria di Sigefredo I, ma anche, successivamente, dalla partecipazione del vescovo Uberto alla stesura del documento relativo al matrimonio tra l’imperatore Ottone II e la principessa bizantina Teofano.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

L'eredità

televisione

Gabriele arriva in finale a L'eredità

Aniston rifila un "due di picche" a Pitt

invito a cena

Aniston rifila un "due di picche" a Pitt

Marito e moglie si incontrano per caso in villa di scambisti: scoppia rissa

ARICCIA

Marito e moglie si incontrano per caso in villa di scambisti: scoppia rissa

Notiziepiùlette

Ultime notizie

autovelox

CONTROLLI

Autovelox e autodetector: la mappa della settimana

Lealtrenotizie

Rianimato dall'amico dopo essere stato investito: è gravissimo

Dramma

Rianimato dall'amico dopo essere stato investito: è gravissimo

parma calcio

Nuovo ds, tramonta Vagnati e rispunta Faggiano

PARTITI

La resa dei conti nel Pd e le elezioni

1commento

Cassazione

Omicidio Guarino, le motivazioni dell'ergastolo

Psicologia

Bebè, il buon sonno incomincia dal lettone

Io parlo parmigiano

Un calendario tutto da ridere

q.re Pablo

Multa a una 78enne invalida, per i rifiuti si affidava ad un vicino

La denuncia della Cgil: “Serve più attenzione per le fasce deboli della popolazione”

15commenti

ACCADEMIA

Maria Luigia e la fucina delle arti

Lutto

Borgotaro piange il maresciallo Bernardi

collecchio-noceto

Truffa-furto del finto soccorso stradale: nuove segnalazioni

1commento

parma calcio

Vagnati Ds: lo "accoglie" D'Aversa: "Felice di averlo al mio fianco"

BASSA

Lutto a Sorbolo per la morte di Ilaria, uccisa da una malattia a 30 anni

AL REGIO

Virginia Raffaele «ladra di facce»

Galà e premiazioni

Cus: parata di campioni e di sorrisi Fotogallery

traversetolo

Ucciso da forma di Parmigiano: condannato il produttore della "spazzolatrice"

il fatto del giorno

Referendum e dimissioni: "Non è la fine politica di Renzi"

2commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Il panino? Non famolo strano

LA BACHECA

44 opportunità per trovare un lavoro

ITALIA/MONDO

Governo

Mattarella chiede a Renzi di congelare le dimissioni: "Bilancio da approvare"

cagliari

Uccise i genitori adottivi, 28enne si impicca in carcere

1commento

SOCIETA'

Strajè

"Costretta" a fare ricerca all'estero. Il sogno di Maria Chiara: tornare a Parma Video

1commento

televisione

Belen e Cuccarini, il sexy tango infiamma la tv

SPORT

Calciomercato

Vagnati, la Spal spaventa il Parma

16a giornata

Parma - Bassano 1-1 Gli highlights

MOTORI

GRUGLIASCO

Prodotta la Maserati numero centomila

NOVITA'

Q2, l'Audi che farà strage di cuori (femminili)