-5°

Arte-Cultura

Urss, quando l'arte era propaganda

Urss, quando l'arte era propaganda
0

 Edda Lavezzini Stagno

 

Le iniziative culturali 2011 per testimoniare le relazioni tra Russia e Italia stanno finendo. Il programma ricco di eventi, si conclude al Palazzo delle Esposizioni di Roma con due mostre, «Realismi Socialisti. Grande Pittura Sovietica 1920 – 1970» e «Aleksander Rodcenko», fino all’8 gennaio.    La rassegna sulla pittura sovietica dal 1920 al 1970 è un’ occasione per conoscere l’avanguardia russa del Novecento. Per la prima volta le opere più importanti, realizzate nel periodo di egemonia della dottrina socialista, escono dalla Russia.                        La mostra segue la pittura del Realismo socialista dalle ultime fasi della Guerra civile all’avvio della stagione brezhneviana, fermandosi all’apertura degli anni settanta. Le tele, quasi tutte di dimensioni gigantesche, esprimono una grande energia creativa, e sono tra le più significative di artisti ufficialmente riconosciuti, sia d’epoca stalinista che degli anni del «disgelo» chrusceviano e del successivo periodo di stagnazione. La guerra fredda impedisce di farli conoscere in Occidente, ma come per il Deineka, grande maestro sovietico della modernità, proveremo curiosità e attrazione per loro; di fronte ad alcune opere, diciamolo pure, anche un po’ di turbamento. «L’ordine di attacco» di Peter Suchmin, «Morte del commissario» di Petrov- Vodkin, «Invalidi di guerra» di Jurij Pimenov e «La difesa di Pitrogrado» di Deineka sono capolavori nei quali si alternano divise grigio-verde, sfilate di militari che imbracciano i fucili e feriti col terrore sul volto. E’ il periodo della guerra civile 1918-1921. Nel «Bolscevico» di Boris Kustodiev, un enorme sbandieratore sovrasta una folla di tanti piccoli manifestanti, immagine simbolica che riduce in termini fiabeschi i processi rivoluzionari. 

L’allestimento, in ordine cronologico, propone tele celebrative dei vari congressi di partito, ritratti sostenitori di Stalin come «Guida, maestro e amico» di Grigoij Segal, immenso olio nel quale Stalin presiede il II Congresso dei Contadini nel febbraio 1935. Nel dipinto, «Formula del proletariato di Pietrogrado» Pavel Filonov dimostra l’audace e inimitabile tentativo di rappresentare l’eroe proletario nella sua trasparente purezza. Kazimir Malevic si distingue per la maestosità dei personaggi che spesso ricordano i volti degli apostoli; nelle due «Teste di contadino», le reminiscenze cristiane sono evidenti. Per completare il panorama della stagione creativa e intellettuale, conosciuta come «avanguardia russa», bisogna passare alla seconda mostra del Palaexpo, alla retrospettiva dedicata a Aleksandr Rodcenko, nato a San Pietroburgo nel 1891 e morto nel 1956 in una Russia diventata Unione Sovietica.      Nella rassegna romana, più di trecento opere tra fotografie, fotomontaggi e stampe ripercorrono l’attività dell’artista. Pittura, design, teatro, cinema, grafica sono i campi in cui si cimenta Rodcenko prima di approdare definitivamente alla fotografia nella quale introduce i principi del costruttivismo, corrente artistica che rifiuta l’arte borghese per la ricerca di un linguaggio aperto alla tecnologia, alla meccanica industriale, all’architettura. Come fotografo Rodcenko è noto per gli scatti sulla Mosca degli anni venti, per le immagini legate al mondo dello sport e del circo. Trasforma la fotografia documentaria in arte. In modo semplice e diretto fotografa la madre, la moglie, conoscenti e amici tra i quali Vladimir Majakoskij. Spesso vediamo nei ritratti il volto di Lilja Brik, compagna di Majakovskij, in fotomontaggi per illustrare poemi del suo compagno o mentre fa pubblicità a una casa editrice. «La ragazza con la Leika», del 1934, che rappresenta una giovane vestita di bianco, la Leika sul grembo, vista attraverso una grata di luci e di ombre è un capolavoro. Nel catalogo Skira è riportato un ricordo di Varvara Rodcenko, che descrive il padre nei momenti di lavoro, in situazioni politicamente difficili, o mentre prende il sole da un balcone della loro casa nella quale il maestro prepara il tè per la famiglia o tutti insieme giocano a mahjong. Nel catalogo Alexsandr Lavrent’ev scrive che «Rodecenko cercò di essere onesto nelle immagini di reportage, evitando in generale l’artificio della messa n scena». 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

pgn feste

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

Rigopiano: Charlie Hebdo, nuova (brutta) vignetta. Con risposta

polemica

Rigopiano: Charlie Hebdo, nuova (brutta) vignetta. Con risposta

1commento

"Cold Chairs": un inno alla vita"!

musica

Bataclan, da Collecchio l'omaggio dei "The Lemon Flavour" Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO 

Prosa e Lirica, risate e emozioni a teatro: il meglio della settimana

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

«Eri la mia vita». Lo strazio dei familiari

La morte di Filippo

«Eri la mia vita». Lo strazio dei familiari

TESTIMONIANZA

«Preso a calci e pugni per divertimento»

3commenti

LEGA PRO

Parma-Santarcangelo: i crociati provano a riprendere il volo Diretta

Weekend

Una domenica tra musica e fuoristrada: l'agenda

Protezione civile

I volontari parmigiani al lavoro nelle Marche

La storia

Rocco e Giulia, salumieri a Innsbruck

1commento

elezioni

Pizzarotti, è ufficiale: "Mi ricandido" Video . Dall'Olio si ritira: "Sostengo Scarpa"

21commenti

graffiti

Il sottopasso dello Stradone? Galleria di street art Foto

GRANDE FIUME

Il Po in secca? Attrazione per i turisti

PEDEMONTANA

Polizia municipale, multe in aumento

2commenti

bedonia

Violenze sul padre per anni, arrestato un 40enne Video

IL CASO

Vigili, la Fabbri si scusa con Bonsu e lo risarcisce

Lettera al giovane ghanese, che riceverà 20mila euro

Langhirano

Filippo, le lacrime e il colore dei ricordi sulla bara bianca

2commenti

commozione

Langhiranese: un minuto di silenzio per Filippo Video

commemorazione

Il liceo Bertolucci si prende per mano: "Ciao Filippo"

Polemica

«Sulla legionella ci hanno preso in giro»

4commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Dedicato a Filippo e a chi gli vuol bene

di Michele Brambilla

IL DIRETTORE RISPONDE

La neve, le parole e gli Uomini

ITALIA/MONDO

incidente

Bus ungherese, il console: "I due figli del prof 'eroe' sono morti"

Rigopiano

Francesca che dall'ospedale aspetta il suo Stefano

WEEKEND

LA PEPPA CONSIGLIA

La ricetta - Pasticcio di patate formaggi e verdure

CINEMA

Da "Arrival" a "Qua la zampa": i film della settimana Video

SPORT

sport

Il Coni premia i suoi campioni parmigiani: le foto

Sport Invernali

Il cielo è azzurro a Kitzbühel: Paris fa l'impresa

MOTORI

IN PILLOLE

Dacia Sandero Stepway
model year 2017

ANTEPRIMA

Rivoluzione Micra: Nissan cambia tutto